La formazione di Lorenza (4/4)

Scritto da , il 2019-10-13, genere fisting

... continua da 3/4

I suoi due buchi erano ora completamente rilassati attorno ai cetrioli che avevo inserito. Che spettacolo! I suoi buchi accoglievano questa verdura senza apparente difficoltà.

Trattenni con una mano i quattro cetrioli e iniziai a massaggiare la sua figa facendole penetrare due dita all’interno, accanto ai due cetrioli. Intanto pompavo man mano con le due dita avanti ed indietro, accorgendomi che il suo buco accoglieva anche le mie dita senza sforzo.

La guardai in faccia vedendo che i suoi occhi ruotavano all’indietro ad ogni spinta. Era in estasi.

Poi, senza preavviso, ho estratto ogni cosa dai suoi buchi. Lei alzò lo sguardo per lamentarsi. Ho poi il mango l'ho messo all’entrata della sua figa.
Lorenza sorrise facendo brevi respiri mentre io lo premevo facendolo affondare nella sua tana bagnatissima.

Le sue labbra della sua figa erano tesissime e avvolgevano il mango risucchiandolo all’interno, sempre più in profondità. Un gemito profondo e gutturale uscì dalla gola di Lorenza mentre ruotavo il mango e mi rendevo conto quanto fosse estensibile la sua figa. Del mango ora si vedeva solo la punta, il resto del frutto era sprofondato nella sua figa.

Presi quindi i cetrioli e incominciai ad inerirsi nel culo. Prima uno, poi due e poi con un po’ di resistenza riuscii anche ad inserirne un terzo.

Tolsi i cetrioli e le sussurrai nell'orecchio che i tre ortaggi erano quasi troppo piccoli per il suo buco e che sarebbe stato il caso di iniziare a giocare con la zucca.

Ormai era sull'orlo dell'orgasmo da qualche tempo, ma volevo mantenere la frustrazione fino a quando non fosse diventata insopportabile.

Mentre io tentavo di estrarre il mango dalla sua figa allargata, il suo buco sembrava aggrapparsi a questo oggetto per non lasciarlo uscire. Poi con uno schiocco il frutto matido di umori saltò fuori dalla sua figa e lei urlò: "Non toglierlo, lo voglio dentro!"

Sostituii poi il mango con la bottiglia da un litro, che è scivolata facilmente nella sua figa aperta mentre alzava i fianchi per andarle incontro.

Ho spinto l'estremità larga della bottiglia nella sua figa, cosa che ha fatto schizzare dai ai lati della bottiglia lati un bel po’ di umori vaginali. Decisi poi di tentare l’inserimento di questa bottiglia nel suo culo. Anche se con maggiore difficoltà, riuscii comunque ad inserirla per 2/3, facendola entrare dal lato stretto.

Iniziai a pompare la bottiglia avanti e indietro ammirando la sua rosetta tesa all’inverosimile che lottava per accogliere questo oggetto di notevoli dimensioni.

Estrassi lentamente la bottiglia e quando la tolsi completamene vidi il suo buco del culo talmente aperto da vederne i rossi intestini luccicare.

Ho versato più lubrificante sulle sue aperture e ho iniziato ad inserire le mie mani nei due buchi. Prima nella figa e poi nel culo, ma per ora non contemporaneamente.

Le sua cavità sembravano degli abissi. Le mie mani si muovevano facilmente all’interno dei suoi accoglienti buchi facendomi provare ad inserirle contemporaneamente.

Quando lo feci Lorenza ebbe come un rantolo e smise di respirare. Mi allarmai, ma notai poi che era il sintomo di un orgasmo smisurato che la stava prendendo dall’interno.

Lasciai le mie mani nei suoi buchi, sfregando e accarezzando le pareti interne.

Poi strinsi la mano in un pugno nella sua figa e mi meravigliai della quantità di liquido che mi passava tra le dita, emettendo un rumore simile all’acqua che sbatte in una caraffa. Potevo vedere chiaramente la pancia di Lorenza contrarsi mentre sotto l’azione delle mie mani che l’avevano portata a questo estremo stato di godimento.

Dopo quell’orgasmo distruttivo sentii i muscoli interni rilassarsi. Questo era per me il mio segnale che avrei potuto osare ad inserire l’estremità della bottiglia da due litri nella sua figa.

Questa azione ha appena aumentato il livello del suo godimento. Iniziò a tremare quando l’enorme bottiglia si faceva strada nella sua intimità.

Notai che l’estrema dilatazione della sua figa faceva in pari tempo allargare il suo buco del culo che era momentaneamente vuoto. Sembrava che il suo culo facesse delle facciacce a bocca aperta da talmente era dilatato, dovendo adattarsi alla dilatazione della sua figa.

La bottiglia da due litri era stata interamente infilzata nella sua figa, mentre la raggiungeva una volta ancora un terribile orgasmo che la fece urlare come se fosse stata accoltellata.

Non osai tentare ad inserire la bottiglia da due litri nel suo culo ma presi quella da un litro che adagio adagio fu accolta a fondo nel suo orifizio anale.

Estrassi tutti gli oggetti dai suoi buchi e mi alzai sul letto prendendo delicatamente tra le mani la testa di Lorenza. La baciai affettuosamente mentre l'ammiravo in estasi, godendomi la spossatezza dovuta ai ripetuti orgasmi ai quali l’avevo sottoposta.

Quando la sentii ben rilassata presi la grande zucca e la incuneai nella sua figa che la accolse trasmettendo un forte tremore che la scuoteva da capo a piedi, mentre si strofinava il clitoride con la mano.

Mi sono poi spostata e rimosso la grande zucca dalla sua figa, ammirando le sue labbra pulsare nell’amplio spazio aperto dovuto al vuoto lasciato dalla bottiglia.

Inserii al suo interno ambedue le mie mani, che si muovevano dentro e fuori con estrema facilità. Sentivo la sua apertura estremamente sdrucciolevole mentre la penetravo pompando con le due mani.

La bella figa di Lorenza ora era solo una cavità, che mi inghiottiva le mani.
Estrassi una mano dalla sua figa e la inserii a pugno nel culo che la inghiottì con un sordo rumore.

Vidi che lei adorava questo trattamento.

Lorenza sembrò toccare il cielo dallo stato di estasi che la pervadeva.
Poi man mano si calmò e con delicatezza estrassi le mie mani dai suoi buchi.

Ora lei era sdraiata di fronte a me con i suoi buchi spalancati in bella vista e le gambe tremanti, per il momento incontrollabili.

Vidi poi che Lorenza iniziò a contrarre i muscoli e i due buchi lentamente ritornavano ad uno stato più vicino alla normalità.


Lorenza si rannicchiò accanto a me ringraziandomi con le lacrime agli occhi e il corpo matido di sudore.

L'ho tenuta tra le braccia coccolandola. Poi ci addormentammo in un abbraccio liberatorio.

FINE

Questo racconto di è stato letto 7 5 8 8 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.