La storia continua - Parte 2

Scritto da , il 2019-08-20, genere sentimentali

Mi ha fatto piacere che lo scorso episodio sia stato apprezzato, non sono una scrittrice professionista ma mi è sempre piaciuto scrivere infatti per lunghi periodi della mia vita ho tenuto dei diari personali, gli stessi che mi aiutano a ricostruire certi episodi e anche certi dialoghi che altrimenti di certo non potrei ricordare dopo tanti anni.



Dopo quell'ultimo week end io e Piero non riuscimmo a rivederci per alcune settimane, era ormai metà ottobre ed io dovevo tenere ancora nascosta alla mia famiglia la storia d'amore con lui, un uomo di 19 anni più vecchio di me, se la cosa fosse finita nessuno avrebbe saputo nulla, in caso contrario la stessa sarebbe diventata più stabile, più sicura e più forte, a quel punto chiunque avrebbe avuto difficoltà ad interferire seriamente.
Né io né Piero ovviamente potevamo sapere se e per quanto avremmo potuto resistere, tanti erano i dubbi e le paure, da parte mia sicuramente ma anche da parte sua, era normale tutto questo, sopratutto la distanza che ci separava rendeva complesso mandare avanti il nostro rapporto e questo non vedersi spesso, rendeva tutto più fragile.
Quando ci sentivamo per telefono non potevo usare il telefono di casa, una telefonata interurbana costava un botto ai tempi e i miei si sarebbero chiesti come mai quello strano aumento delle spese telefoniche. I cellulari ancora non esistevano, si usavano le cabine telefoniche e invece della email si usavano le normali lettere, non ricevibili proprio nell'immediato da parte del destinatario. Piero poi non poteva certo chiamare a casa mia, rischiando che la telefonata la ricevessero i miei, un giorno arrivò a telefonare alla mia scuola facendosi passare per un mio zio che chiamava per un'urgenza, quando l'urgenza era quella di dirmi che mi amava tantissimo e che gli dispiaceva di avermi detto che era meglio se cercavo qualcuno più giovane di lui. I momenti difficili furono tanti ma ci furono anche tanti momenti belli, divertenti, romantici e persino erotici anche se eravamo al telefono. Sapevo di poterlo chiamare non prima delle 21 perché andava alla scuola serale, per quell'ora cercavo sempre di aver finito di studiare, non era necessario poi inventare scuse con i miei per uscire a fare un giro, il cane dei miei, un pastore tedesco femmina di nome Laika, rappresentava uno dei miei incarichi domestici e dovevo occuparmi io di lei, non che fosse un gran peso, quando la adottammo mi ci affezionai da subito; ad ogni modo a quell'ora uscivo ufficialmente per far fare una mezz'oretta di passeggiata a quella cucciolotta, era proprio brava visto quante volte se ne stava chiusa con me nella cabina telefonica senza lamentarsi; quella sera però Laika non sarebbe stata cosi tranquilla...
" Ciao Amore, sono io, tutto bene ? Hai già cenato ?", "Bea ! Ciao bellissima, si sto bene, e tu ? Ho mangiato qualcosa al volo non avevo molta fame " quella telefonata ricordo che fu particolarmente eccitante, avevo deciso di fare qualcosa per lui, c'era Laika che non stava ferma nella cabina, non capivo come mai ma agitandosi tendeva a fare di me un salsicciotto girandomi intorno con il guinzaglio, Piero : “ Bea volevo darti una bella notizia, sai.. “, lo interruppi : “no no no ti prego, prima lascia che ti racconti una cosa io...”, adottando una voce calma...tranquilla...sensuale, iniziai a raccontare a Piero quanto mi mancasse sentirlo dentro di me, gli dissi che volevo che si masturbasse per me, mentre di li a poco gli avrei raccontato come mi ero masturbata poco prima io in camera mia pensando a lui.
Ridendo Piero : " Bea ma cosi mi torturi però! Adesso prendo e arrivo a Milano, piuttosto anche a piedi !".
" e dai amore fai il bravo e ascolta, sono sicura che ti piacerà. Dunque, avevo gli occhi chiusi perché cosi era più facile immaginare che stavi sopra di me, tenendomi le gambe spalancate possedendomi con forza, prima di iniziare però mi sono depilata la topina, mi sono laccata le unghie delle mani e dei piedi con quel colore rosso scuro che mi hai regalato, mi sono messa la mia collana preferita e gli orecchini, e qualche goccia di quel profumo, Biblos, che secondo me è da sciura ma che tu gradisci tanto, insomma tutto esattamente come piace a te, ancora prima di iniziare mi è bastato cercare di ricordare l'odore del tuo corpo e mi ero già bagnata, come sono bagnata anche ora del resto, mi spiace moltissimo che non puoi essere qui ad asciugarmela e dire che per tenerla asciutta ho deciso di farle prendere aria non mettendo le mutandine sotto questo vestito autunnale; oh amore scusa sto divagando, dunque ti dicevo, ho assaggiato i miei stessi liquidi, come sto facendo anche ora ", mi fermai un momento e gli feci sentire lo schiocco di un paio di dita che uscivano dalla mia bocca dopo esser state succhiate, quindi proseguii: " mmmmh mi sarebbe piaciuto farteli assaggiare, anche se li conosci molto bene, so che li avresti graditi quanto una coppa di vino d'annata. Ecco, poi ho iniziato a penetrami la patatina con le mie dita, certo non sono come le tue grosse dita ma mi sono dovuta accontentare, come quando, per non trascurarlo, ho iniziato ad occuparmi pure del mio buchetto posteriore, eh si, un dito anche di dietro, certo mi piace di più quando sei tu a farlo; sopratutto quando togli le dita e ci infili la tua verga ma ahimè, come ti dicevo, mi dovevo accontentare di quello che avevo...e ciò che avevo in quel momento era anche un vibratore artigianale; oh amore non ingelosirti ti prego, è solo un pezzo di legno, non potrebbe mai rimpiazzarti nel mio cuore, tuttavia, temporaneamente nei desiderosi orifizi del mio corpo si ! Ho trovato giorni fa nel box di mio padre la parte terminale del manico in legno di una scopa, quel pezzo di legno fortunatamente è arrotondato da una parte e con una lunghezza di circa 30 cm è anche facile da nascondere, ho comprato una scatola di preservativi che per questioni di igiene uso sempre con il mio nuovo giocattolo, quindi per soddisfarmi, come ho fatto prima, mi posso penetrare prima davanti e poi dietro, non è proprio come avere dentro di me il tuo guerriero di carne che spinge furioso ma..."
"ehm ...Bea..."
"si dimmi patato"
" sono venuto "
scoppiammo a ridere tutti e due : " che diamine dai, non avevo ancora finito, però ti prometto che ti racconterò il seguito anche perché l'orgasmo che ho raggiunto in camera mia è stato davvero...wow !"
Parlammo ancora per qualche minuto, Piero mi stava dando una notizia fantastica, lui e i miei nonni sarebbero venuti insieme a Milano per il prossimo w.e.! Mio nonno voleva andare ad una fiera e Piero si era offerto di accompagnare lui e mia nonna, sarebbero partiti Venerdì subito dopo l'orario di lavoro. Mi sentivo al settimo cielo perché ovviamente i nonni non avrebbero perso l'occasione di trovarsi con i miei, un modo per sgattaiolare via e stare da soli in santa pace io e Piero lo avremmo trovato. Mia mamma al rientro mi avrebbe informata di questa novità ma io l'avevo avuta in anteprima dal mio maschietto.

" Amore devo lasciarti, non so che cos'ha Laika ma questa sera è incontenibile " gli dissi ridendo. Ci salutammo con il solito augurio per una buona notte, misi giù il telefono e uscii dalla cabina. A quel punto Laika iniziò a ringhiare abbaiare mostrava i denti non capivo cosa avesse, non l'avevo mai vista cosi furiosa, sembrava posseduta, per trattenerla con il guinzaglio dovetti usare entrambe le mani e il peso del mio corpo, avevo paura che mi scappasse via. Fu a quel punto che la vidi, non mi ero nemmeno resa conto fino a quel momento, a pochi metri da me una figura mezza nascosta nel buio, un uomo, a vederlo cosi doveva essere un barbone : " Ciao puttanella, come sei carina, adesso facciamo un bel gioco, tu leghi quel cane del cazzo al paraurti di quella macchina parcheggiata, poi andiamo nella cabina telefonica e mi fai un bel pompino.
Se fai come ti dico, finisce tutto bene altrimenti ..." dai pantaloni estrasse due cose, il suo fallo ed un coltello di quelli a scatto. " ...altrimenti dicevo, oltre alla tua bocca mi scoperò anche il tuo buco del culo, naturalmente dopo averti aperto in due il cane. E' tutto chiaro o vuoi che te lo rispieghi troietta ? ". Ero terrorizzata, non potevo cercare di scappare, la cabina telefonica da dove ero uscita normalmente era in mezzo ad un passaggio su un marciapiede, però a causa di alcuni lavori di manutenzione della strada risultava in quel momento come il fondo di un vicolo cieco perché lo spazio del marciapiede dietro la cabina era stato usato per posizionarci il materiale; avevo soltanto una carta da giocare, Laika, poteva salvarmi solo lei, non ero certo una “guerriera” ma ero costretta a combattere in qualche modo. Potevo scatenare Laika anche subito, ma al tempo stesso ero preoccupata per lei, quello stronzo aveva un coltello e se Laika avesse avuto la peggio ? Non potevo lasciarla attaccare per poi scappare e abbandonarla pensando solo a me stessa, tempo dopo pensando a questa brutta situazione mi sarebbe venuta in mente una frase di Sylvester Stallone nel film "Rambo" che il mio ex mi fece vedere, era una frase che più o meno diceva: "in battaglia c'è un codice d'onore tra noi che siamo compagni, mentre io copro te so che tu coprirai me "; era quello che provavo in quel preciso momento : Laika non si sarebbe tirata indietro dal cercare di proteggermi ad ogni costo ed io avrei fatto la stessa cosa per lei. Avevo adocchiato un sampietrino a circa un paio di metri da me, se avessi scatenato la furia di Laika avrei fatto in tempo a prendere quella pietra e cercare di aiutarla ad affrontare quel bastardo in qualche modo. Però, la paura era enorme, che cosa fare ? Cosa cavolo dovevo fare, maledizione !!?? Laika tirava il guinzaglio sempre più, per un attimo avevo pensato di accontentare quel bastardo ma chi mi assicurava che dopo averlo soddisfatto mi avrebbe lasciata andare senza fare del male a me o a Laika ? Davvero se avessi avuto tali garanzie lo avrei fatto. Non so cosa state pensando voi che state leggendo ma che nessuno di voi perda tempo a scrivermi per chiedermi dove trovai il coraggio perché ancora oggi dopo tanti anni non saprei trovare la risposta, molto umilmente posso solo ipotizzare che probabilmente fu con la forza della disperazione.
"allora fighetta ? Sei tanto bella quanto idiota e non hai capito cosa ti ho detto ? Muoviti, ho voglia di sborrarti in bocca, fa a finta che sia il tuo ragazzo ", decisi di giocarmela e risposi a quello stronzo:

" Lo hai visto bene questo cane ? Te lo presento, si chiama Laika ed ha quasi due anni, è una femmina di pastore tedesco, mi adora perché mi prendo cura di lei sin da quando era piccola, se non lo hai capito si è accorta che rappresenti un pericolo per me ed è pronta ad attaccarti pur di proteggermi, non so per quanto tempo riuscirò a trattenerla ne per quanto tempo avrò ancora voglia di farlo. Decidi tu, vattene e lasciami in pace, altrimenti te la vedrai con tutte e due, sopratutto con lei.

" ooooooh ma che braaaaaava, ma tu lo sai che una sera potresti incontrarmi senza quel cane di merda vero ? "
Quel bastardo maledetto non disse altro e se ne andò, ripresi a respirare, fu come riprendere a farlo dopo un'apnea di ore invece che di secondi, mi rinchiusi con Laika di nuovo nella cabina telefonica, ma continuavo a guardare fuori, le cabine telefoniche non hanno una porta con la serratura; chiamai casa piangendo disperata, non ero molto distante e mio padre arrivò di corsa con un bastone in mano mentre mia mamma stava chiamando una pattuglia dei carabinieri dai quali saremmo andati il giorno dopo per la denuncia, purtroppo quel delinquente non lo trovarono, nel dubbio probabilmente cambiò aria, e quindi per lo meno ebbi la fortuna di non incontrarlo mai più; tuttavia, ho sempre sperato che quanto rischiai io quella sera, non fosse poi capitato a qualche altra donna; pia illusione visto le statistiche relative alle violenze sulle donne che già allora si leggevano.
Tornata a casa, corsi in bagno e detti di stomaco, la tensione, la paura, il pensiero di quello che avevo appena rischiato mi mise a ko. Poi mi calmai un po' ma ero ancora molto scossa, quando respiravo mi faceva male sotto lo sterno, guardai Laika che...aveva un’espressione stranamente severa, era un po' come se in quel momento stesse pensando : “alla fine è scappato quello ! Tzé ! “, non avevo ancora ringraziato la mia cagnolona, le afferrai il muso tra le mani e l’abbracciai, poi le diedi un bacione sulla fronte : " sei davvero una grande amica " , ancora adesso, dopo tanti anni, mi piace credere che quella bravissima amica a quattro zampe, che purtroppo oggi non c'è più, in qualche modo avesse capito perché mi rispose con uno dei modi più affettuosi che i cani hanno per trasmettere affetto: con la sua lingua mi lavò completamente la faccia, guardandomi poi come se volesse dirmi :“ ma dai Bea per cosi poco ? Ma figurati, oh dico...quando hai bisogno...”.

Decisi di non dire nulla a Piero almeno per telefono, cambiai cabina telefonica, non potevo più inventarmi chissà quali racconti perché il telefono pubblico che scelsi fu quello della metropolitana, un pochetto più lontana ma li qualche passante c'è sempre anche alla sera, solo che i telefoni non erano dentro una cabina, in quella stazione erano appesi al muro e non c'era molta privacy; se non altro potevo continuare a sentire il mio amato.
Il w.e. arrivò, con me che contavo non le ore ma i secondi per rivedere Piero, tra l’altro i miei avevano organizzato la casa in modo che lui ed miei i nonni non avessero bisogno di andare in un albergo, i nonni avrebbero dormito sul divano letto in taverna, Piero sul divano del soggiorno...tutto ciò mi faceva nascere nella zucca una serie di prime ipotesi per saltargli addosso al momento giusto !

Intanto, in presenza delle persone della mia famiglia avremmo cercato di tenere un atteggiamento tra noi che sarebbe stato ovviamente tranquillo, normale e distaccato; quel venerdì sera, una volta arrivati i tre ospiti per rimanere soli io e Piero il giorno dopo la scusa fu banale : " Piero ti piacerebbe vedere un po’ Milano domani dopo la fiera ? ".
Mia madre : “Bea ma ai nonni non lo chiedi ?“, ricordo pensai una roba del tipo : “bella cogliona che sei Bea ! “, risposi a mia madre : “ no no, ma era scontato scusate, mi sono espressa male [sorridendo come una povera idiota], ci mancherebbe ! “, inaspettatamente mia Nonna sorridendo e rivolgendosi a mia madre: “ma no dai lascia che i giovani stiano con i giovani, tra l’altro dopo la fiera io e tuo padre ne avremo abbastanza di camminare e stare in piedi, va beh che siamo abituati perché siamo contadini, ma non siamo più ragazzini !”.
“ Ma dai ??? caspita che culo ! “ pensai, io e il mio amato avevamo tutto il pomeriggio di sabato per andare in giro ! Strano comunque, mia nonna era giovane, allora aveva 55 anni e mio nonno 62, perché si tirò indietro ?
Mio nonno : “ piccola, ma ti sei ripresa dallo spavento di qualche sera fa ? I carabinieri hanno detto qualcosa ? “
Piero mi lanciò un’occhiata interrogativa, risposi : “ tutto a posto nonno, è stato solo un brutto spavento, i carabinieri non conoscono il barbone ma pensano che abbia cambiato zona, comunque hanno detto che diramavano la segnalazione “

Dopo cena, si parlò un po’ in famiglia, poi ad una certa ora a turno, andammo in bagno per prepararci alla notte, il ciclo mestruale lo avevo terminato una settimana prima, perfetto, adesso si trattava di aspettare con la mia passera che se avesse potuto parlare avrebbe invece urlato : “ Oh ...ma e allora ???? “.
Circa l’una e trenta di notte, l’oggetto del mio desiderio era sul divano del soggiorno di casa mia, lo osservai per qualche minuto mentre dormiva, poi decisi di svegliarlo, un leggerissimo bacio per fargli aprire gli occhi, un bacio più profondo per ricordargli quanto lo amavo.
“ Caspita, pensavo non arrivassi più “, risposi : “ scusami ma sai mio padre a letto legge fino a tardi solitamente e non volevo correre rischi “. Mi abbracciò forte : “ No Piero, non qui, vieni con me “.
Andammo in camera mia, chiusi la porta facendo girare la chiave nel modo più silenzioso possibile, mi girai e Piero: “Che cosa è successo l’altra sera Bea ? A cosa alludeva tuo nonno ? “ gli raccontai l’episodio, spiegandogli che non volevo nasconderglielo, il suo volto preoccupato per quanto avevo rischiato si rasserenò solamente quando in piedi, davanti a lui, lasciai cadere la mia camicia da notte, sotto ero completamente nuda, “ Bea, tu per me sei la donna più bella del mondo “, ci mettemmo seduti sul mio letto, uno di fianco all’altra, dopo che Piero a sua volta si denudò : “ adesso ti mostro cosa voleva esattamente da me quell’uomo in strada “, ripresi a baciarlo, mentre con la mano iniziai a risvegliare il suo membro, beh, anche lui era molto contento che io fossi li quindi si risvegliò in fretta! Quel fallo orgoglioso e svettante desiderava essere accolto dalla mia bocca che a sua volta non vedeva l’ora di occuparsi teneramente di lui. Cambiai posizione e mentre Piero era seduto sul bordo del letto io mi inginocchiai davanti a lui, Piero sapeva che non mi piaceva che mi si tenesse la testa mentre io mi impegnavo sulla sua asta, non mi piaceva sentirmi un oggetto, anche se ciò che stavo facendo lo facevo al mio fidanzato, sapeva bene come usare le mani alternativamente, quindi, mentre ritmicamente iniziavo a succhiare la sua virilità iniziò a massaggiarmi il seno, ero talmente eccitata che mi faceva male, mi sembrava di avere una quinta misura invece di una più modesta ma orgogliosa terza, i miei capezzoli dovevano essere duri come il muro in quel momento.
Piero mi fece rialzare per poi farmi sedere sul suo pene, tale era la saliva che gli avevo spalmato con la mia bocca e tale era il lago che avevo tra le gambe che praticamente ci unimmo con un solo unico movimento. Tanta fu poi la forza di Piero che con le sue spinte riusciva non solo a dare il ritmo ma anche ad alzarmi con la forza del bacino, poi mentre ci baciammo si sdraiò con la schiena ed io continuai a cavalcarlo con impeto. Mi fece sdraiare su di lui per potermi baciare quei seni che sentivo scoppiare, no, non era più solo sesso, ne per lui ne per me, forse per qualcuno sarebbe stato scontato a quel punto, ma qualcosa era cambiato anche quando ci univamo per donarci piacere. La mia cavalcata ad un certo punto fu interrotta da Piero, interpretai la cosa come un voler cambiare posizione e mi misi a quattro zampe, sorridevo, ero pronta come una dolce ma felice puledrina in calore, non sapevo cosa voleva fare, se penetrarmi di nuovo la vagina, oppure godersi il mio orifizio posteriore, cosa che, come a me, sapevo che gli piaceva tantissimo; la posizione in se fu gradita allo stallone ma in realtà mi aveva fermata solo per tirar fuori il preservativo.
Gli dissi : “ Non serve, la sorpresa di questa notte per te è che ho iniziato a prendere la pillola “. Mi sorrise, ma poi non mi prese in quella posizione, mi volle nella classica posizione supina, mi penetrò e questa volta arrivammo insieme fino al traguardo con uno degli orgasmi più belli che avevo provato fino ad allora. Dopo i nostri precedenti rapporti il seme lo aveva depositato sempre nel mio ingresso posteriore piuttosto che nella mia vagina ma col preservativo, era la prima volta che lui veniva in essa in tutta libertà. Disse : “ Come cavolo faccio adesso a tornare in Toscana ? “, scherzandoci sopra risposi : “ beh ma è semplice, non vai e resti qui “.
Non potemmo proseguire la notte insieme ovviamente, con prudenza andammo a turno in bagno, poi un ultimo bacio vicino alla mia camera e andammo a dormire, ci aspettava una giornata faticosa con delle belle camminate.

Il giorno dopo andammo dunque in fiera io, Piero e i miei nonni, per me che avevo iniziato a considerare di iscrivermi alla facoltà di Agraria dopo il liceo quello era un modo per avvicinarmi a quel mondo...si trattava di una fiera relativa alle macchine agricole.
Visti 3 o 4 padiglioni, mia nonna ed io decidemmo di aspettare Piero ed il nonno sedute su una panchina.
La nonna sorridendo : “ allora Bea, come va con Piero ? “
sbiancai, poi arrossii poi mi misi a sudare, “ nonna ma...tu...come fai a...”
“ Sono una donna anche io ! E sono tua nonna, mi sono accorta di qualcosa quando quest’estate eri giù in toscana da noi, a voi due bastava guardarvi. Stai tranquilla non dirò nulla ai tuoi, ma tua madre non si è ancora accorta perché non vi ha visti insieme più di tanto, almeno fino ad ora ! Non preoccuparti, non sono qua per giudicarti, volevo solo sapere...se stavi bene, tutto qua, tra la distanza e la differenza di età non è certo una storia semplice la vostra“.
Ecco perché la nonna aveva rifiutato di girare per Milano dopo la fiera, sapeva tutto e voleva regalare a me e a Piero qualche momento in più da soli, sapeva che anche un solo minuto insieme per due persone che vivono un rapporto a distanza valeva oro.
Parlammo un altro po', sopratutto dei miei dubbi, dei miei timori, nonna ascoltava, ma sembrava che per lei io fossi un libro aperto, sapeva già tutto di quanto provavo, era chiaro, lei lo sapeva da molto tempo prima di me cosa fosse l’amore e anche cosa fosse l’attrazione fisica visto che lei, una donna di 55 anni ancora molto affascinante, aveva avuto una relazione proprio con Piero; ma questa è un’altra storia…
Mio nonno e Piero uscirono dall’ultimo padiglione della fiera, ciò che interessava era stato visto quindi tornammo a casa.
Quanto mi disse nonna modificò il mio modo di fare, durante le ore seguenti, in presenza dei miei, trattai Piero quasi come uno sconosciuto, ancora più fredda e distaccata.
Ma la notte si avvicinava, sarebbe stata la seconda ed ultima notte poi il mattino dopo i tre ospiti sarebbero ripartiti per la Toscana, non potevo perdere l’occasione per stare ancora con il mio amato, anche per spiegargli quel mio cambio di atteggiamento.
Con le giuste cautele ci trovammo di nuovo in camera mia : “ tranquilla, avevo intuito qualcosa del genere, comunque non mi meraviglia che tua nonna se ne sia accorta ed è stata carina ad avvertirti e poi ad ascoltarti, sapeva che avevi bisogno di parlare con qualcuno che per il momento non potevano essere i tuoi e si è comportata da tenera e fedele complice. E’ proprio una gran persona “.
Abbracciai Piero, le ore che ci restavano per stare insieme ancora un po' erano davvero poche, che tortura tutto ciò, cercai di scacciare quei pensieri malinconici per vivere al meglio il sorriso di Piero, i suoi baci ed il calore del suo corpo. Come la sera prima in un attimo i nostri corpi erano nudi e si preparavano al piacere, un bacio tenero e lunghissimo del mio uomo fece accendere il mio interruttore, mi sdraiai sul letto in posizione supina, Lui mi alzo le gambe tenendole semichiuse e portandomi le ginocchia all’altezza del mio seno, poi Piero sembrò tuffarsi in quel lago che nel frattempo si era formato tra le mie gambe, leccando con passione la mia vagina che in quel momento aveva bisogno di essere calmata tanto era agitata; mi fece raggiungere in poco tempo un primo orgasmo, quindi era ora di passare la lingua sul buco nero, altra estasi per me, era bello quanto lui mi stava donando...ma io volevo il suo fallo a quel punto, ero stanca di aspettare : “non potresti sostituire la lingua con il tuo arnese la sotto ? La mia vagina reclama carne, non posso più trattenerla “, ...come dire, bastava chiedere insomma, Piero puntò il fallo e mi penetrò con decisione, tenendomi le gambe in alto reggendole per le caviglie. I colpi poderosi che ricevevo mi fecero ringraziare il cielo per il piacere che provavo e...per non avere un letto rumoroso. Di li a breve raggiunsi il secondo orgasmo, credetti stesse venendo anche Piero perché uscì, si era scordato che avevo iniziato a prendere la pillola ? No in realtà puntava ad entrare da un’altra parte, mi girò sul fianco per leccarmi di nuovo dietro, leccate lunghe e insistenti sul mio buchetto, sento qualcosa però entrare nella mia vagina, ma...non è un dito, d’istinto guardo e….un vibratore ! Piero mi aveva portato un vibratore, non so dove se lo fosse procurato ma non era il momento per chiedere spiegazioni perché mi bagnai di nuovo, lui prese la crema per lubrificare e mi preparò per bene dietro, mise le mie gambe sopra le sue spalle e puntò il glande, entrò con calma ma al tempo stesso in modo inesorabile. Dopo i primi istanti di assestamento del mio sfintere inizio a pomparmi, qualche minuto di classica monta e si fermò, restando dentro di me allontanò il busto da me per fare spazio, riprese il vibratore e mi penetrò la vagina con quello, una volta dentro armeggiò l’arnese per farlo vibrare. Non capivo davvero più nulla, mentre quel coso mi vibrava nella passera Piero riprese a muoversi dietro. Non ho un’idea precisa di come e quando arrivai all’orgasmo per la terza volta ma fu dura fare le cose in silenzio, fortunatamente tra la mia camera e quella dei miei c’era il bagno ed i muri delle nostre camere, grazie al cielo, non erano confinanti.
Piero arrivò al traguardo riempiendomi con il suo seme. Andai in bagno a svuotarmi e in un attimo tornai in camera, lo sa il cielo i rischi che corremmo di farci scoprire.
Ci calmammo finalmente: “e questa novità da dove arriva ? “ indicai il vibratore, Piero rispose : “ me lo sono fatto portare da un amico che è stato ad Amsterdam, gli ho detto che mi serviva per un’amica, comunque sono due, vedi quest’altro non vibra ma è più grosso ed ha una ventosa alla base, puoi cosi attaccarlo ad una superficie liscia e..”, lo interruppi ridendo silenziosamente :“ amore, mi hai iniziata al sesso credo davvero di avere chiaro nella testa come si usa anche un pisello finto, comunque non serviva, te l’avevo detto mi ero procurata un giocattolino artigianale “, questi sono fatti apposta, i manici di scopa servono ad altro. Poi, pericolosamente rischiammo di addormentarci; Piero non poteva dormire li quindi a malincuore dovetti costringerlo con la forza (si fa per dire) a tornare sul divano in soggiorno.
La mattina dopo dovetti riprendere la recita davanti ai miei nei confronti di Piero, recita intitolata : “ti conosco ma non più di tanto”; un bacione sulla guancia a mio nonno, un abbraccio alla nonna che aggiunse un sorriso dai mille significati e una stretta di mano a Piero : “ Ciao ! Mi ha fatto piacere rivederti e grazie per aver accompagnato i miei nonni, sei stato davvero gentile ! “.

Questo racconto di è stato letto 1 3 8 5 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.