La storia continua

Scritto da , il 2019-08-17, genere sentimentali

La mia precedente storia, peraltro vera ed inserita nella raccolta "prime esperienze", con il titolo "quando la carne chiama" (in sei puntate); inizia parlando della sottoscritta quando aveva 18 anni e si conclude di fatto arrivando alla mia vita nei giorni attuali. Tuttavia dato che l'inizio e la fine della storia abbracciano un arco temporale di circa trent'anni, nel mezzo accaddero ovviamente tante altre cose, cercherò nei prossimi racconti di riportarle anche grazie ai ricordi ripresi dai miei diari...

Fine estate 1988, tornata a Milano dopo le vacanze, riprese la mia solita vita: la scuola, i professori, i miei compagni di classe, tutto ritornava come prima cioè prima delle vacanze, prima di essere stata in toscana dai miei nonni e...prima di aver conosciuto Piero e di aver vissuto con lui le mie prime esperienze. Piero era un uomo di 37 anni ed io ai tempi, circa trentanni fa, una ragazza di soli 18 anni; tra noi era nata una bellissima storia di sesso che al mio rientro a Milano si chiuse cosi come era iniziata. O almeno cosi credevo.
"Beatriceeeeee" mi chiamò mia madre, "vieni al telefono, è per te, non starci un'ora però perché è quasi ora di cena".
Al telefono era Jessica, la mia carissima amica di Torino, di un anno più grande di me, che avevo conosciuto insieme a sua sorella Chiara in Toscana quando ancora eravamo bambine e che tutti gli anni rivedevo nel Grossetano insieme a sua sorella durante le vacanze estive.
"Uhe allora milanese, come stai ?" Chiese ridendo Jessica,
"da schifo " risposi, Jessica : " e si ti capisco, anche io non ho voglia di fare un cazzo, la ripresa della scuola è sempre devastante, io poi ho appena iniziato l'università e sono ancora un po' spaesata"; "mah no non è tanto quello è che...boh non so " risposi,
Jessica: "stai pensando a Piero...vero ?",
"si, penso spesso a lui e a quanto c'è stato tra noi quando eravamo in Toscana ", Jessica : " dai Bea, è normale, eri ancora vergine quando sei partita da Milano per andare giù in toscana, sei tornata che sei donna, è chiaro che questa cosa ..."
La interruppi : "no, non è solo quello, non è solo una questione di sesso è che mi manca lui, mi manca Piero "
Jessica : " ma si ti dico, è normale! Poi devo dire che per farti le tue prime esperienze ti è anche capitato un gran bell'uomo ed è anche una bella persona, ti credo se mi dici che...oh senti sai che facciamo ? Il prossimo w.e. torniamo giù in treno, io e te, ci stai ? ", "che cosa vuoi fare ?!?!?!?! " chiesi io scoppiando a ridere, e Jessica : " Ma si dai, cosi tu rivedi Piero e io mi faccio qualche giro di letto con suo fratello Carlo, tu cerca solo di trovare qualche scusa con i tuoi, anzi guarda ce l'ho già io, il prossimo w.e. ho letto che in un comune li vicino c'è una sagra, diremo ai nostri vecchi che i nostri amici giù ci hanno invitate per festeggiare la fine dell'estate"
E cosi fu, il Venerdì pomeriggio, appena finita la scuola, mio padre mi accompagnò alla stazione centrale di Milano e presi il treno per Grosseto, ci volevano circa 6 ore di viaggio cosi per prendere il primo treno dopo la scuola saltai il pranzo a casa portandomi dei panini.

Io e Jessica ci incontrammo sul mio treno ad una delle stazioni di cambio dove lei sali dopo una prima tratta con un treno proveniente da Torino.
"beaaaaaa", ci abbracciammo, felici entrambe di rivederci; " vieni, abbiamo lo scomparto di questa carrozza tutto per noi, cosi possiamo parlare in pace, hai avuto una grande idea " le dissi, "ah ma io sto già lavorando per trovare un pretesto per tornare giù in Toscana la prossima volta " disse lei ridendo. Il viaggio proseguì tranquillamente, parlammo un po', inizialmente della scuola, quell'anno io mi sarei preparata per la maturità e Jessica aveva appena iniziato a frequentare l'università. Mi disse che aveva anche iniziato, come me, a fare qualche lavoretto nel tempo libero; io facevo la baby sitter ai figli di un paio di vicini di casa, lei invece dava ripetizioni a qualche ragazzino delle medie in difficoltà. Non eravamo ricche ma aggiungendo anche qualche mancia dei nostri genitori potevamo permetterci qualcosa, come ad esempio il giro in Toscana che stavamo facendo. Una volta arrivate, non sarei andata a dormire dai miei nonni, sarei rimasta a casa dei genitori di Jessica, sarebbe stato tutto più semplice...per vari ed ovvi motivi.
"Bea, ti ricordi quella volta che tornando da quel pub con Carlo e Piero ci fermammo per scopare ? Credimi penso spesso a quella situazione cosi eccitante: prima noi due che facciamo lavorare le nostre bocche sul cazzo dei nostri uomini, poi tu dentro il furgoncino con Piero mentre lo cavalchi ed io fuori con Carlo appoggiata a pancia in giù sul cofano; Piero che mentre scopava te guardava suo fratello che sbatteva me come un tappeto, accidenti se ci penso rischio di lasciare qualche macchia su questo sedile !"
Jessica era cosi, simpatica, spigliata, di certo un po' sboccata ma sicuramente spontanea; aveva un paio di fantasie erotiche di cui non mi aveva mai fatto segreto, una di queste era quella di fare sesso mentre qualcuno la guardava; per conto mio, durante l'estate mi ero resa conto che anche io avevo qualche piccola mania...mi piaceva guardare ! Avevo provato a vedere qualche film porno con una specie di ex fidanzato, ma non mi aveva fatto effetto; vedere invece dal vivo un uomo ed una donna intenti nel donarsi piacere a vicenda era veramente eccitante e Jessica sapeva di questa mia...passione.
"sai Bea, credo che dovremmo trovare il modo di fare una cosa simile un'altra volta, dato che dormirai da me invece che dai tuoi nonni la situazione ideale potrebbe tranquillamente verificarsi, avremmo modo di dare sfogo alle reciproche fantasie no ?" disse Jessica sorridendo maliziosamente.
Carlo, il fratello di Piero, ci sarebbe venuto a prendere alla stazione di Grosseto, in circa 1 ora di macchina saremmo arrivate a casa di Jessica ed io avrei potuto poi fare una sorpresa a Piero, al quale non avevo detto nulla del mio arrivo. Arrivammo a Casa di Jessica intorno alle 20.00, Carlo : " Bea, non preoccuparti, vai pure a salutare Piero, porto su io la tua roba insieme a quella di Jessica, ci vediamo dopo, magari mangiamo qualcosa tutti insieme, dillo anche a Piero ".
Mi incamminai, la casa dove abitava Piero distava circa 500 metri, ero nervosa ma felice, eccitata ma preoccupata, per tutto il viaggio non ci avevo pensato ma ora mi venivano un sacco di dubbi, pensavo :" ma che reazione avrebbe avuto esattamente Piero nel rivedermi dopo quasi un mese ?"
La nostra storia era stata impostata come un'avventura estiva bella e buona, sesso e basta, senza doveri e senza promesse. "Caspita e adesso che faccio ? " pensai, io ero andata molto oltre, Piero mi mancava terribilmente, ero solo una ragazzina non sapevo nemmeno cosa fosse esattamente il vero amore, con il mio ex non si poteva certo dire che ci fosse stata una storia, neanche di sesso! Adesso però ero li, davanti ad una porta che nel momento in cui si fosse aperta, mi avrebbe potuto permettere di ricevere già qualche risposta, mi feci coraggio, un bel respiro profondo e suonai il campanello.
" Bea ?!?!?!?!?! ", il sorriso di Piero scacciò via a calci tutte le mie paure, non sapevo cosa provava esattamente per me Piero, ma se non altro era felice di vedermi.
"Bea ma come hai fatto ad arrivare ? Sei qui con i tuoi ? " risposi : " treno e macchina con tuo fratello al quale abbiamo chiesto di non dirti nulla, volevo farti una sorpresa"
"abbiamo? " chiese Piero, "si, sono qua con Jessica e starò a casa sua per il fine settimana, c'è Carlo con lei, se li raggiungiamo possiamo cenare tutti insieme".
Ci incamminammo per tornare verso casa di Jessica tenendoci per mano, quando arrivammo però c'era accesa solo una luce nel retro della casa, provai comunque a spingere la porta d'ingresso ma era chiusa, conoscevo bene la casa di Jessica e sapevo che nella parte posteriore c'erano un paio di finestre...da una di queste usciva appunto la luce, era la camera da letto dei genitori di Jessica; io e Piero avevamo già intuito e ci guardammo sorridendo, Piero voleva andarsene ma conosceva anche lui la mia passione per il voyeurismo, mi avvicinai alla finestra e...spettacolo! Jessica e Carlo avevano approfittato per darsi subito da fare! Jessica completamente nuda, con la patatina completamente depilata, a differenza mia che lasciavo sempre un ciuffetto sopra il clitoride, rivolta verso la finestra e quindi verso di me, piegata in avanti si appoggiava al letto matrimoniale con le mani, stringendo con esse il copriletto, Carlo dietro di lei inizialmente la tempestò di colpi, poi prosegui con ritmo più lento ma con fare possente, si vedeva che spingeva con forza, tanto che Jessica dovette impegnarsi per non cadere in avanti sul letto. Lei aprii gli occhi e mi vide, mi fece l'occhiolino mandandomi un bacio, quasi come a ringraziarmi che fossi li a guardarla. Restituii il gesto del bacio, poi mi girai verso Piero e ne diedi a lui uno vero.
Piero mi strinse forte, l'odore del suo corpo, che in passato aveva scatenato i miei sensi rendendo incontrollate le mie azioni, mi stava stordendo, desideravo Piero con tutta me stessa, mi sentivo come una giumenta in calore, allungai la mano verso la cerniera dei suoi pantaloni e liberai il suo uccello da quella stupida gabbia di cotone per offrirgli un nido ben più caldo ed invitante quale voleva essere la mia bocca, le mie labbra si appoggiarono al suo glande, lucido di passione e mentre Piero si appoggiò al muro in fianco alla finestra accolsi il suo passerotto fino in gola. Piero a causa dell'eccitazione stringeva forte le mie mani appoggiate sulle sue gambe, tanto che inginocchiata di fronte a lui potevo soddisfarlo solo con la mia bocca. Dopo non molto Piero mi fece alzare, voleva prendermi, così mi mise con la schiena al muro e mi sollevò di peso le gambe, io scostai le mutandine quanto bastava per lasciare entrare il suo volatile in un altro nido ancora più desideroso di accoglierlo. Ero cosi bagnata che Piero mi penetrò in un colpo solo, ci misi solo un paio di minuti per raggiungere l'orgasmo, fortuna che la parete della casa era piuttosto liscia, altrimenti mi sarei ritrovata la schiena grattugiata per i colpi che stavo ricevendo !
Non prendevo ancora la pillola e Piero non aveva con sé i preservativi, cosi saggiamente uscì dal mio corpo, fece per masturbarsi baciandomi ma gli dissi : "lascia che mi prenda cura io di lui", mi inginocchiai e ripresi a soddisfare Piero con la bocca, sentivo il suo respiro sempre più affannoso, sapevo che ormai era al traguardo, finalmente iniziò a spruzzare il suo seme nella mia bocca cosi subito feci che prendere il suo pene più in profondità fino alla gola.
Di nuovo in piedi abbracciai Piero, rivolta verso la finestra mi accorsi che da osservatrice però mi ero trasformata in osservata, Jessica infatti dalla finestra della camera aveva contemplato a sua volta la passione mia e di Piero, quando mi accorsi di lei mi sorrise mostrandomi il pollice verso l'alto in segno d'intesa; poi lessi il suo labiale dove mi fece intendere di aspettare 5 minuti poi ci avrebbe aperto la porta per entrare in casa.
Ovviamente lei e Carlo dovevano ricomporsi, poi probabilmente avremmo mangiato qualcosa, mi venne da ridere perché pensai : "Beh, io l'aperitivo l'ho già bevuto !".
Decidemmo di mangiare una Pizza li a casa, cosi i due maschietti uscirono per andarle a prendere, io e Jessica avremmo intanto preparato la tavola e anche la camera dove avrei dormito io : "grazie Bea, sapere che mi stavi guardando mentre io e Carlo scopavamo mi ha eccitata da morire ! Ci sono però altre cose che vorrei provare con il sesso " disse Jessica, " Ad esempio ? " le chiesi,
" beh sono due fondamentalmente, una sicuramente è il sesso di gruppo, potremmo provare noi quattro, dopotutto quella volta mentre tornavamo dal pub..."
Le risposi : " No Jessica, scusami ma non mi va molto questo tipo di esperienza, vorrebbe dire fare sesso anche con Carlo, per carità, un bel ragazzo pure lui, però io in questo momento ho in testa solo Piero, che come sai mi piace tantissimo e scusami se te lo dico ma non mi piacerebbe vedere mentre a tua volta fai sesso con lui ".
Jessica mi rispose : "tranquilla, dai lo capisco, comunque visto la confidenza che c'è tra noi potremmo semplicemente scopare tutti e quattro nella stessa stanza, senza mischiare le coppie, fidati, te lo giuro, Piero non lo toccherei nemmeno con un dito, hai la mia parola !".
Le risposi : " non lo so, le cose che sono capitate...insomma è stato un caso ogni volta, da li ad organizzarla apposta mi mette parecchia soggezione " poi per cercare di cambiare argomento le chiesi : " ...e l'altra fantasia di cui parlavi quale sarebbe ? ";
Jessica : " beh vorrei che Carlo mi sverginasse anche dietro, ho visto quando lo facevi con Piero, sembravi impazzire dal piacere, perché non mi dai qualche consiglio su come fare ? Ho una paura maledetta di sentire troppo male !", Le spiegai che era importante restare rilassate e lubrificare bene l'ingresso per il piacere, inoltre il montone non avrebbe dovuto avere fretta per nessun motivo.
Jessica riprese : "non so, da un lato vorrei provare ma al tempo stesso mi prende male, forse se ti vedessi all'opera con Piero...mi sentirei più tranquilla ".
A quel punto scoppiai in una risata : " e dai ! Ma allora insisti ! Te l'ho detto, il sesso in compagnia non mi prende come idea ", Jessica ridendo : " e daiiiiiii ".
Porta d'ingresso che si apre, i nostri uomini sono tornati con le quattro pizze, birra e coca cola, per quel venerdì sera non saremmo usciti, noi femmine eravamo anche un po' cotte per il viaggio, avremmo visto una videocassetta.
Il giorno dopo io mi alzai di buon ora, Jessica gradiva dormire fino a mezza mattina quando poteva, cosi presi la bicicletta di Chiara, sorella di Jessica, ed andai a casa di Piero, anche lui già in piedi, gli proposi una piccola gita, cosi recuperò la sua bicicletta, puntammo il muso dei nostri "cavalli d'acciaio" verso le colline ed iniziammo a pedalare per raggiungere un posto a me molto caro; una collinetta con uno spiazzo ed un castagno che sopratutto nelle giornate calde diventava un prezioso alleato poiché sempre molto generoso nel regalare la sua ombra.
Passammo li qualche ora, era bello, parlammo un po', mi disse che aveva ripreso i contatti con quella scuola professionale per diventare meccanico di auto, voleva riabbracciare quel vecchio progetto di aprire un'officina, idea che era naufragata quando sua moglie morì 4 anni prima.
"In un paese qui vicino conosco il meccanico locale, come tuo nonno era anche lui amico di mio padre, sarebbe disposto a prendermi come apprendista in attesa della pensione, chissà magari un giorno potrei rilevale proprio la sua di officina, la scuola comunque è serale quindi potrei farcela a lavorare ed andare a scuola; che buffo ritornare sui banchi a 37 anni"
Gli dissi : " Piero secondo me fai bene, è un bel progetto e proprio perché hai 37 anni...ecco...insomma..." mi morsi la lingua, mi resi conto che stavo girando il coltello nella piaga andando a sottolineare che altre occasioni Piero forse non avrebbe più potuto averne.
" si Bea, è cosi, rischio di rimanere tagliato fuori, capisco cosa stavi per dire, è il momento di giocare il tutto per tutto. Sei giovane ragazza ma hai sale in zucca! ", poi Piero inaspettatamente mi abbracciò, che bello quel momento, mi lasciai andare completamente tra le possenti braccia di quello che per me era l'uomo più bello del mondo.
"Bea, io devo dirti una cosa, so che è tutto cosi strano e non so bene come la prenderai, ma non posso più vivere questa cosa tra noi cosi come lo stiamo facendo "; credetti di svenire, vuole chiudere questa che di fatto era nata come storia di sesso e basta, mi sentivo male, Piero non era entrato solo nel mio corpo, era sempre nel mio cuore e nei miei pensieri, feci un respiro molto lungo e profondo, mi preparavo a ricevere la botta tremenda, mi auguravo solo che Piero, come aveva sempre fatto, si sarebbe comportato ancora una volta da gentiluomo consolandomi.
"Bea, io ti voglio un mondo di bene...anzi... no cazzo, Piero tira fuori i coglioni per una volta porca miseria! Bea, io ti amo tanto, tantissimo, quando sei partita per tornare a Milano i giorni seguenti ero molto a terra, non sai quanto mi hai reso felice ieri sera quando aprendo la porta ti ho trovata li, sembravi il classico angelo caduto dal cielo! Ecco te l'ho detto, scusami, lo so a quello che stai pensando, la distanza tra noi, sia come chilometri sia come differenza di età, se ricordi la prima volta che abbiamo fatto sesso fui io a pormi per primo il problema della tua giovane età ! Mi dispiace ma non riuscivo a tenermi dentro tutto, forse sono un po' stronzo perché sotto sotto sto sperando che tu faccia comunque la pazzia di metterti seriamente con me, nonostante le difficoltà che sono il primo a riconoscere, ma ti voglio non solo per stare bene sessualmente, quello è stato fantastico, solo che io voglio di più, voglio quella Beatrice che ha saputo affrontarmi e prendermi pure a sberle perché stava combattendo per quello in cui credeva, voglio quella Beatrice che sa essere dolce e generosa di cuore come poche donne che ho conosciuto in vita mia, voglio quella Beatrice che mi ha dimostrato di avere i miei stessi valori, voglio te Beatrice ! Se ho sbagliato a dirti queste cose, ti supplico davvero di scusarmi, davvero l'ultima cosa che volevo era metterti in difficoltà o peggio farti del male, io..."
Non lo feci nemmeno proseguire lo baciai con una gioia infinita e con le lacrime agli occhi, lo abbracciai stringendolo con tutta la forza che ci potevo mettere, nei limiti che poteva avere una micina di 1,70 mt di poco più di 50 kg mentre cercava di stringere una specie di leone di 1,95 mt per un peso di circa 100 kg.
Risposi : " anche per me valgono le stesse cose che hai detto a me, ti considero un uomo meraviglioso, sono andata molto oltre al sesso, credo di averti amato da subito ma...non mi rendevo conto, sono proprio una ragazzina, dovrai portare pazienza con me, tante sono le cose che non conosco, nemmeno di me stessa. Per quanto riguarda il resto, non ho paura, sarà difficile perché saremo lontani, ma ho dei progetti, finite le scuole superiori mi piacerebbe andare all'università , mi piacerebbe studiare agraria mi ero informata per l'università a Milano ma so che c'è una facoltà a Pisa, non è proprio qui dietro ma se la nostra storia dovesse funzionare, sarò sempre molto più vicino che a Milano".
Non so per quanto tempo rimanemmo abbracciati, ricordo una signora anziana passò di li e ci vide, si allontanò sorridendo forse pensando a quando da giovane toccò a lei essere abbracciata in quel modo meraviglioso.
La campana del campanile del paese ci avvertì che erano le 12, riprendemmo le biciclette e tornammo a casa di Jessica, "speriamo che stiano facendo una tregua quei due ! " disse Piero alludendo agli incontri di lotta libera da letto tra suo fratello e Jessica, entrammo in casa e Jessica stava cucinando per tutti e quattro, "scusami Jessica, adesso ti aiuto anche io, sai siamo andati alla collina del castagno e...",
"seeeee vabbbeh ! Se gli alberi di quelle colline potessero parlare eh ? Dai dai che è quasi pronto, Carlo sta arrivando " rispose Jessica ridendo; Jessica era brava a scuola ed era una ragazza intelligente...ma in cucina era un vero disastro, tuttavia ci aveva messo impegno quindi mangiammo senza farci tanti problemi per rispetto di quanto aveva cercato di fare in cucina. il resto della giornata lo passammo in giro e la sera rientrammo per la cena, mi proposi di cucinare, mia madre e mia nonna modestamente avevano trovato in me una brava discepola dell'arte culinaria, una volta a tavola infatti : " Accidenti Bea, forse in futuro è meglio se cucini sempre tu " disse Jessica sconsolata, poi proseguì : " Piero, io e Carlo dormiremo nella camera dei miei, beh...dormiremo, si fa per dire, comunque, Bea dorme nella cameretta mia e di mia sorella, ora, se togliamo il comodino posto in mezzo ai due letti questi potremmo unirli, potreste cosi passare la notte insieme in tutta comodità ". Era una bella idea, ancora non avevo detto a Jessica della novità, su quanto ci eravamo detti io e Piero sulla collina.
Quella sera andando a dormire ero particolarmente serena, in pace e felice; ma le emozioni non tardarono ad arrivare, nel dare il bacio della buonanotte a Piero la passione di entrambi esplose, per quanto mi riguarda molto lo si doveva come spesso accadeva all'odore del suo corpo; mi baciò come non aveva fatto mai, ci spogliammo completamente e mentre eravamo in ginocchio sul letto, una di fronte all'altro, iniziò a baciarmi i seni, il collo; chiusi gli occhi e con la mano andai a controllare che la sua verga fosse pronta a far si che Piero potesse fare il suo dovere, decisi però di provare qualcosa di nuovo ed improvvisai, ero innamorata ma mi piaceva cercare di sorprendere il mio stallone, cosi cercai di scivolare sotto di lui e di portarmi con la testa sotto il suo sesso, lui capì la manovra e allargò le gambe per lasciarmi sdraiare sotto di lui ma restando in ginocchio. Con la testa appoggiata al cuscino quindi iniziai a prendermi cura dei suoi gioielli leccandoli e succhiandoli delicatamente, con una mano orientavo la sua asta verso la mia bocca affinché non si sentisse trascurata. Dal basso riuscivo comunque a vedere il viso del mio amato, poi ...una sensazione strana, no, non sconosciuta ma strana...era strano infatti sentirmi leccare la mia micina là sotto e ovviamente non poteva certo essere Piero, abbassai gli occhi e...Jessica ?!?!?!?
Ero incredula, questa davvero non me l'aspettavo, mi stava leccando tranquillamente la passera, con gli occhi aperti quella sciagurata mi guardava e mentre leccava si vedeva che le veniva da ridere, mi fece il solito occhiolino e io scossi la testa indicando con un dito la mia tempia come a dirle : "tu sei tutta matta".
Jessica staccò la lingua dal mio sesso giusto il tempo necessario per dirmi sottovoce : "non lo toccherò nemmeno con un dito hai la mia parola" alludendo a Piero, subito dopo riprese il suo lavoro con la sua lingua e naturalmente spuntò anche Carlo che già arzillo e pronto con il suo arnese penetrò Jessica mentre era china su di me a quattro zampe.
Anche se Piero era di spalle ovviamente aveva capito che non eravamo più soli, non poté che lasciar fare. Jessica però voleva guidare il gioco quindi mentre con la bocca si dissetava dalla fontana in mezzo alle mie cosce iniziò a tamburellarmi con un dito sul mio buchetto posteriore; riabbassai lo sguardo con espressione interrogativa e sempre sottovoce lei mi disse : " dai, insegnami, aiutami, voglio vedere come fai ".
" speriamo bene " pensai, era un po' che Piero non mi prendeva da dietro; mentre lui era ancora in ginocchio, con me con la testa sotto il suo sesso presi la sua mano e la guidai verso il mio buchetto, chiaro segnale per lui a preparare la strada per quanto sarebbe successo di li a poco. Jessica si spostò con la testa e si mise ad osservare, Piero lubrificò il dito usando la sorgente che sgorgava dalla mia disperata passera poi iniziò a masturbarmi dietro.
Cambiammo posizione, mi misi nella posizione di rito per la sodomizzazione e quindi in ginocchio ma con la testa e le spalle appoggiate al cuscino, pensai : " più in vista di cosi...a Jessica adesso manca solo di prendere appunti "
Piero iniziò i consueti preparativi, come sempre inizio con la sua generosa lingua, quando me la passava sul buchetto contribuiva tantissimo non tanto a lubrificarmi, per questo avevo una crema, ma sopratutto a rilassarmi, Jessica e Carlo si godevano lo spettacolo ma non senza fare nulla, la bocca di Jessica faceva sparire ritmicamente il membro di Carlo anch'esso in preda all'estasi.
Finalmente il momento era giunto, ero pronta, dilatata, lubrificata e naturalmente eccitata; Piero si mise non in ginocchio ma quasi in piedi, come per cavalcarmi, punto la punta del suo pene sul mio buchetto ed iniziò a spingere, chiusi gli occhi, lentamente e delicatamente lo sentii scivolare dentro, qualche istante per farmi abituare al suo grosso arnese ospitato dal mio pancino, poi Piero iniziò la danza, delicato ma deciso iniziò a pomparmi ed io a masturbarmi allungando una mano da sotto verso la mia patatina.
Jessica staccò la sua bocca dal sesso di Carlo si sdraiò infilando la testa lateralmente rispetto a me ed iniziò a leccarmi il seno, mentre con le cosce aperte si metteva a disposizione di Carlo, che non si fece certo pregare nel riprendere a penetrarla, Jessica disse una cosa che nonostante la situazione mi fece scoppiare a ridere : " eh ma cazzo, ce l'avessi io questa 3° di seno porca troia ". Povera amica mia, era una bella ragazza ma anche a causa della sua magrezza non aveva praticamente seno e questa cosa un po' l'aveva sempre complessata.
Io raggiunsi il traguardo con un orgasmo molto intenso, di li a poco toccò a Piero che a differenza del solito non mi riempì con il suo seme, decise di estrarre il suo sesso ed eiaculare sulla mia schiena, qualche goccia del suo seme arrivò anche sulla coda dei miei capelli che ai tempi portavo piuttosto lunghi.
Ci alzammo per andare in bagno a pulirci e mentre uscivo dalla camera strizzai l'occhio a Jessica : " ora tocca a te " le dissi.
Sentii Jessica rivolta a Carlo : "dai cazzo, voglio provare, devi sverginarmi il culo, ho una voglia matta di provare, hai visto Bea come godeva ? Sembrava una gatta in calore !".
Piero ed io ci facemmo una doccia velocissima, lui mi sorrideva in modo quasi severo : " ma te la sei inventata tu questa cosa stasera ? Io volevo stare solo con te, ammetto che vedere due belle donne che si scatenano tra loro è stato davvero eccitante, non mi era mai capitato, però a me non piace il sesso di gruppo, tra l'altro quello di là come ben sai...è mio fratello !".
Gli risposi : "no aspetta, guarda che non c'entro, ha fatto tutto Jessica, le avevo detto che non mi interessava, quella sacripante ha cercato di convincerti a dormire qua, sapeva che ne avremmo approfittato per sparare qualche colpo cosi poi lei ne ha approfittato a sua volta arrivando quando eravamo già eccitati ".
"va beh dai, direi che possiamo perdonarla no ? " rispose Piero sorridendo, " ah beh, credimi, non sono assolutamente arrabbiata ! Adesso torniamo di là, sai che mi piace guardare !"
Al nostro rientro in camera Jessica si era già messa a pecorina, mettendo a disposizione il suo buchetto alla lubrificazione ed alla preparazione del delicato quanto eccitante nuovo evento. Carlo fece tutto con calma ma quando si mise a puntare l'ano di Jessica con la sua verga lei si ritraeva, era troppo nervosa, doveva rilassarsi, cosi mi avvicinai a Piero e gli sussurrai : "amore mio, adesso voglio che ti rilassi e che ti godi questa scena consideralo un regalo per te! ", Piero sgranò gli occhi come a chiedermi " cos'altro deve succedere ancora ?!"
Mi avvicinai a Jessica con un mano sotto il suo mento le alzai delicatamente il viso che accarezzai con l'altra mano e la baciai sulla bocca, un lungo e sensuale bacio, stavo improvvisando, non sono mai stata lesbica ma li si trattava di sesso e passione, valeva tutto; Carlo continuava a lavorare per preparare Jessica, io mi staccai dalla sua bocca e scivolanto sotto di lei mi sdraiai in modo da essere entrambe comode per un lesbicissimo sessantanove ! Già dopo poche coccole alla sua micina la mia amica era completamente rilassata e Carlo finalmente le entrò dentro con tutta la sua virilità, fortunatamente per Jessica fu bravo come Piero lo fu con me la prima volta, dando il tempo alla femmina che stava montando di far adattare l'ano a quel arnese che non aveva nulla da invidiare a quello di suo fratello !
Jessica sembrava impazzita : "oh cazzo, mi sento la più grossa delle puttane! Fottimi Carlo, fottimi fottimi" incitando Carlo; e in quel momento mi sentii tirare fuori da sotto Jessica, ovviamente era Piero che mi aveva presa per i piedi e tirandomi a se, nuovamente eccitato, questa volta mi voleva prendere da davanti, dato che le bocche mia e di Jessica erano ancora vicine lei cercò di baciarmi mentre si godeva quel momento completamente nuovo ma Piero la batté sul tempo, stavolta mi voleva completamente per se.
" cazzo cazzo cazzo ! devo andare in bagno ! oddio aiuto !" Jessica saltò giù dal letto e corse su wc per far uscire il seme che Carlo le aveva riversato dentro e che le aveva procurato "l'effetto clistere"; io avevo già avuto il mio secondo orgasmo quando sentii che anche Piero stava per venire, però era ancora dentro di me !
" Piero ! Cosa fai ?!?!?! Esci !" lui mi sorrise subito dopo essere venuto : " stai tranquilla, figurati se ti metto nei guai ", estrasse la verga dal mio corpo e notai il preservativo, nemmeno mi ero accorta che l'aveva messo.
Finalmente ogni coppia tornò nei rispettivi letti, questa volta per dormire, il giorno dopo, domenica, io e Jessica saremmo dovute ripartire da Grosseto in treno per tornare alle nostre case e quindi verso Milano e Torino, cercavo di non pensarci per godermi al massimo quel momento tra le braccia di Piero. Ci addormentammo.
Sul treno io e Jessica fantasticavamo su come organizzare il successivo incontro con i nostri maschietti, fu così che le raccontai di quanto io e Piero ci eravamo detti sulla collina del castagno; " davvero Bea ??? Piero si è pronunciato ??? Ma dai ma che carino, sei contenta eh ? Ti vedevo un po' diversa dal solito, sono felicissima per te, davvero ! Oltre al fatto che ti devo ringraziare per i consigli, è buffo non avrei mai pensato di ringraziare qualcuno per avermi insegnato a prenderlo nel culo ! oh certo certo, ti ringrazio anche per i consigli in cucina "; ridemmo proprio come due sceme, fortunatamente ci era capitato uno scompartimento vuoto esattamente come nel viaggio di andata quindi potemmo parlare liberamente. Poi arrivò il momento in cui ci dovemmo salutare, io proseguivo per la stazione di Milano Centrale, dove mio padre sarebbe venuto a prendermi, Jessica doveva prendere la coincidenza verso Torino. Sapevo che mi sarebbe mancata tantissimo anche lei e probabilmente me lo si leggeva in faccia : "Dai Bea, Torino e Milano non sono poi cosi lontane, un'oretta di treno e ci possiamo vedere qualche volta, tu mi mostrerai la tua città ed io la mia, tra l'altro magari usciamo anche insieme a Chiara, anche lei vorrebbe rivederti". Un abbraccio, come tra due sorelle e poi la solenne promessa di rivederci appena possibile.

Questo racconto di è stato letto 1 7 4 8 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.