Storie di uno stupratore professionista – Paola 6

Scritto da , il 2019-05-28, genere pulp

Storie di uno stupratore professionista – Paola 6

ATTENZIONE : QUESTO RACCONTO CONTIENE SCENE, DESCRIZIONI E RIFERIMENTI VIOLENTI. GLI EVENTI RAPPRESENTATI SONO RIGOROSAMENTE DI FANTASIA E NON RIFERITI AD EPISODI REALMENTE AVVENUTI PER CUI QUALUNQUE SOMIGLIANZA A PERSONE OD A FATTI VERIFICATISI NELLA REALTA' E' NON VOLUTA E PURAMENTE CASUALE. CHI SCRIVE NON INTENDE TURBARE NESSUNO E, PERTANTO, INVITA CHIUNQUE POSSA ESSERE IMPRESSIONABILE O SIA CONTRARIO A RACCONTI VIOLENTI DI NON PROSEGUIRE NELLA LETTURA. IL SADISMO ESPRESSO DA ALCUNI PERSONAGGI DELLA STORIA COSI' COME I LORO COMPORTAMENTI ABERRANTI NON SONO CONDONATI DA CHI SCRIVE E NON CORRISPONDONO AI SUOI GUSTI OD ALLE SUE TENDENZE.

Appoggiai lentamente il mio cazzo ormai durissimo sulla sua fica devastata dall’orgasmo, assaporando la sensazione della sua carne morbida e molto bagnata contro la mia, il mio glande le divaricò lentamente le labbra della figa e, dopo una breve attesa in modo che lei percepisse ogni dettaglio, la penetrai con un solo lungo colpo infilandole il mio cazzo nella vagina sino alla radice. Sentii la resistenza del suo imene contro la punta del mio membro, ma la superai di slancio, Paola emise un gemito soffocato mentre la defloravo, ma la sua figa già bagnatissima si allagò totalmente quando, dopo la completa penetrazione, iniziai un movimento di va e vieni gentile ma deciso; estraevo quasi completamente il cazzo dalla sua vagina e poi lo re-infilavo sino in fondo con un unico movimento, potevo sentire la sua figa tendersi nell’affondo, Paola gemeva forte ogni volta che il mio glande le toccava il collo dell’utero...ma non erano più gemiti di dolore ma di piacere, la sua figa era come un fiume in piena e durante l'affondo Paola cominciava, involontariamente, a spingere in avanti il bacino per farsi penetrare meglio, era, oramai, fuori controllo o meglio in preda alla eccitazione sessuale. Siccome per mia caratteristica sono dotato di grande resistenza ed autocontrollo ci misi venti minuti buoni prima di venire, la scopai a lungo ed a fondo e poi con un ultimo poderoso affondo le scaricai nella vagina un grosso carico di sperma…il primo della sua vita ed in quel mentre, sentendo la sua figa inondata dal mio seme, Paola venne anche lei ululando, sì la sentii venire e scuotersi negli spasimi di un secondo orgasmo.

Dopo essere venuto, mentre Paola, svuotata di energie dai due orgasmi ravvicinati, giaceva sul letto, silenziosamente mi sporsi e tirai fuori un altro oggetto dalla mia borsa. Inginocchiandomi tra le sue cosce aperte, così sode, così flessuose, così lisce, guardai il suo corpo, la sua figa rossa e gonfia, bagnata e semiaperta dalla quale fluiva una miscela del mio sperma e di sangue, il suo stomaco piatto e sexy, il modo in cui tremava mentre piangeva, la sua vita stretta, i capezzoli duri e rosa in cima ai tumuli lisci e sodi dei suoi seni, il suo bel viso girato di lato, i suoi occhi rossi dal pianto, le labbra piene e imbronciate.  Il lenzuolo sotto il suo pube non solo raccoglieva lo sperma che le fuoriusciva dalla figa ma era bagnato fradicio, Paola al colmo del secondo orgasmo aveva squirtato inzuppandolo. Sorrisi. Era un boccone delizioso, così fresca e innocente : adesso capivo perché il suo patrigno la desiderasse così tanto. 

Mentre era distesa lì, la sua mente senza dubbio sperava che il suo tormento fosse finito, le infilai delicatamente nella figa un vibratore ad “U”, ne appoggiai un estremo delicatamente sul suo clitoride, poi, spingendo da parte le sue labbra bagnate e gonfie, dalle quali colava sul lenzuolo un misto di sangue e sperma, le infilai l’altra parte finché non si annidò profondamente nella sua figa. Il vibratore ad “U” le avrebbe stimolato sia il clitoride che il punto G e per evitare che, per la lubrificazione della vagina di Paola data dal mio seme e dal suo orgasmo, potesse sfilarsi lo fissai con due strisce di cerotto medico, formando una X direttamente sopra il suo clitoride. 
 
I suoi fianchi sobbalzarono e lei gemette di piacere quando lo accesi, le sue cosce si tendevano contro i suoi legami mentre sollevava i fianchi prima di crollare con un altro gemito, le sue cosce si stringevano e si aprivano mentre il vibratore tormentava il suo clitoride ipersensibile. Fui tentato di far scivolare di nuovo le mie dita od il mio cazzo in quel buco bagnato e portare subito la ragazza ad un altro orgasmo (il vibratore a “U” è meraviglioso perché permette la penetrazione senza problemi), ma avevo in mente qualcosa di ancora più raffinato.

Questo racconto di è stato letto 1 0 3 6 6 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.