La Luna di Fiele: La Strega con Hans e Greta

Scritto da , il 2019-04-14, genere trio

Il mattino dopo stiamo facendo colazione al ristorante, quando ci raggiunge Greta, accompagnata da una ragazzina di tredici-quattordici anni.
- Ciao ragazze – ci dice – Questa è mia figlia Giorgia. Tesoro: queste sono Patrizia e Giulia.
OK, il gene della statura è il mio: l’altra figlia di Fulvio è piccolina. Una graziosa brunetta con i capelli lunghi e mossi che le cadono sulla schiena, le efelidi sul nasino e sulle gote, e dei bellissimi occhioni verdi.
Le sorrido, ma lei non mi vede nemmeno: ha gli occhioni fissi in quelli - identici - di Giulia.
Mia figlia sembra ipnotizzata: sembra aver completamente dimenticato il bel Johann, concentrata com’è sulla nuova venuta.
È la ragazzina a parlare per prima: - Ciao. Tu... Sei mia sorella?
La Giulia non era preparata a questo: è voluta venire fin quassù per conoscere suo padre, e invece si trova davanti una sorella che mai aveva pensato di avere.
È Greta a rispondere a sua figlia: - Sembra proprio di sì, tesoro. Vedi come ti assomiglia?
In effetti sono uno strano connubio: per certi aspetti sono diversissime, per altri sono due gocce d’acqua.
La Giorgia allunga una mano a sfiorare quella della Giulia... E questa ha uno scatto improvviso: abbranca la sorellina e la stringe a sé in un abbraccio colmo di affetto, che mai mi sarei aspettata di vedere.
Beh, io non ho fratelli o sorelle: non ho idea di cosa si provi ad averne... Fino a oggi avevo anche quella che credevo fosse una figlia unica, quindi non ho molti elementi per capire cosa stiano provando adesso quelle due.
Certo che sembra molto bello.
Non ci posso credere: la Giulia sta singhiozzando per l’emozione. Roba mai vista da quando aveva sei anni.

La Giorgia ha quattordici anni: va tutti i giorni al liceo a Bressanone con lo scuolabus, ed è piuttosto brava. Sciatrice provetta, campionessa provinciale di Super G nella sua categoria (che essendo la provincia Bolzano, equivale a dire campionessa italiana), sembra avere le stesse doti atletiche della Giulia, solo indirizzate più alle discipline alpine che a quelle aquatiche... Quindi non è solo merito mio se Giulia se la cava così bene negli sport.
Greta dice che è un po’ scontrosa, perché si sente un’italiana circondata da tedeschi, e per questo ha la mia simpatia.
- Ma non sei crucca anche tu? – faccio io, con il mio proverbiale tatto.
Greta si fa una bella risata: - Certo, ma suo padre è di Bassano, e quindi non potrebbe essere più italiano di così. Qui in Pusteria siamo tutti di lingua tedesca, quindi per lei non è facile, anche se il suo tedesco è perfetto...
Mi rivolgo a mia figlia, impegnatissima a chiacchierare con la nuova sorellastra: - Giulia! Abbiamo capito da dove arriva il tuo brutto carattere: non è colpa mia, ma di tuo padre...
Lei si gira giusto il tempo per mostrarmi la lingua, poi torna a concentrarsi sulla Giorgia, che la fissa adorante.
Io detesto le scene troppo mielose, ma Greta è estasiata: pare che non abbia mai visto sua figlia così contenta, neanche quando l’ha portata la prima volta a Gardaland.
Mi rassegno: La Giulia sembra aver dimenticato non solo il bel Johann, ma anche la sua fretta di andare a Cortina a conoscere suo padre.
Le sue priorità sembrano essere completamente cambiate, e quindi mi concentro sulle mie.
- Hans è tornato?
- Come no: eccolo!
Mi volto e lo vedo entrare.
Ammettiamolo: un po’ di delusione c’è. Il bel biondone tirolese dei tempi del mio primo sandwich ha perso buona parte dei capelli, e in compenso ha messo su un po’ di pancetta; non dovrebbe avere ancora cinquant’anni, ma ne dimostra qualcuno di più.
In compenso sembra davvero contento di vedermi: mi abbraccia da orso e mi stringe un po’ troppo mettendo a rischio qualcuna delle mie costole. Beh, almeno in quanto a muscoli sembra messo ancora bene.
Chissà se gioca ancora a tennis?

Non lo insegna più, ma lo gioca ancora.
Chiacchieriamo un po’ tutti insieme rivangando il passato e ricordando insieme quell’estate fatidica di quasi vent’anni prima e aggiornandoci sugli avvenimenti più recenti, come il mio divorzio e il trasferimento sulla Serenissima, oppure la ristrutturazione dell’albergo.
Io racconto della Giulia, loro mi dicono di Hans, Hermann e Giorgia.
Poi Greta deve andare a ricevere una nuova carovana di ospiti asiatici e Hans mi fa fare il giro dell’albergo. È chiaramente orgoglioso del lavoro fatto, e io mi sforzo di mostrarmi interessata, anche se in verità la gestione di un albergo non rientra esattamente nei miei interessi principali. Anzi, tanto per dare pane al pane e vino al vino, non me ne fotte un cazzo.
Poi mi porta fuori a vedere i miglioramenti apportati alle strutture ricreative: adesso hanno una piscina scoperta per l’estate, un campetto di minigolf, e hanno raddoppiato il campo da tennis, che ora ha anche un pallone per l’uso invernale.
Il campo nel pallone è occupato, ma il vecchio campo da tennis all’aperto di quando eravamo giovani è ancora lì, ovviamente non utilizzato durante l’inverno.
Il solo guardarlo mi fa illanguidire.

Lo sapete che ci vuole molto poco per farmi venire voglia: come dice quel tale in Agenzia che mi conosce un po’ troppo bene, sono quella “con più ormoni che neuroni”, e perdo facilmente il controllo.
Ora che guardo il campetto in terra rossa che è stato teatro del mio primo sandwich, mi sembra quasi di vedere nel terriccio i segni delle mie ginocchia mentre venivo trapanata in entrambi i buchi da due stalloni di montagna... Più in là, dietro gli alberi, c’è il sentiero che porta al lago, lungo il quale in Mauri si recava a pescare mentre io gli piazzavo un set doppio di corna sulla fronte in pieno viaggio di nozze. Uno degli alberi in particolare, è quello contro cui Fulvio mi ha ingravidata della Giulia, strappandomi uno degli orgasmi più potenti della mia vita...
Cazzo che voglia che ho addosso!
Mi giro verso Hans e gli piazzo direttamente una mano sul pacco per saggiarne la consistenza.
- Hmmm... – sospiro, infoiata – Mi par di sentire che alcune cose non sono cambiate...
Il sesso maschile che sento sotto i pantaloni di velluto mi appare bello consistente come lo ricordavo. Lui mi guarda un po’ sorpreso, ma chiaramente non troppo imbarazzato.
Controlla la tabella fuori dall’ingresso nel pallone e si gira verso di me: - Abbiamo al massimo quindici minuti prima che questi finiscano la loro ora di gioco, e non c’è nessuno prenotato dopo di loro...
- Dieci minuti basteranno – gli dico, con la voce arrochita dalla foia.
Mi guardo rapidamente intorno per accertarmi che in giro non ci sia nessuno, poi mi inginocchio davanti a lui e gli apro velocemente la patta dei pantaloni, sfoderando l’uccellone dei miei verdi anni...
Hans non è esattamente un superdotato, ma il suo attrezzo è un po’ più grosso del normale e con una cappella piacevolmente larga che sembra fatta apposta per soddisfare una fica usata come la mia. La osservo con nostalgia mentre sego velocemente la canna, poi la prendo in bocca e comincio a succhiare di gusto.
- Oohhh! – ansima Hans accarezzandomi i capelli – Vedo che non sei cambiata affatto, Pat...
Certo che sono cambiata: adesso sono una troia esperta e consapevole, non più una ragazzotta spudorata e avventata. Quindi so succhiare molto meglio di allora...
Lo sgolino per un paio di minuti, quanto basta a farglielo tirare al massimo. Poi mi sollevo in piedi e mi appoggio al supporto metallico della rete e mi abbasso i jeans a mezza coscia, offrendomi da dietro.
Hans si lecca i baffi guardandomi il culo, che so bene non aver ancora ceduto per niente rispetto a com’era quando avevo ventiquattro anni, e mi penetra lentamente tenendomi per i fianchi.
Piego le ginocchia per portarmi all’altezza giusta e consentirgli di infilzarmi fino alla radice del cazzo, e lascio sfuggire un rantolo di piacere: - Aahhh! Sì, così: fino in fondo...
Mi faccio scopare così: all’inpiedi sul campo da tennis, con i jeans abbassati e aggrappata al paletto della rete, gustandomi gli affondi del toro da monta tirolese che vent’anni prima mi aveva soddisfatta durante la luna di miele.
Una sveltina bruciante, rapida, cerebralmente appagante.
Hans mi sborra dentro dopo una dozzina di minuti, facendomi fremere di piacere.
Faccio in tempo a tirarmi su i jeans e a richiuderli, che la porta del pallone si apre e i due tizi che stavano giocando vengono fuori chiacchierando; ci ignorano completamente e proseguono verso l’albergo. Io e Hans ci guardiamo con una smorfia divertita, e finalmente gli getto le braccia al collo per baciarlo in bocca.
Lui mi stringe forte, e io finisco di godermi la rimpatriata, strofinandomi contenta contro il mio vecchio amante.

Quando rientriamo è quasi ora di pranzo.
Johann sta finendo di apparecchiare e scambia due parole con suo padre in tedesco mentre io mi guardo intorno: Greta è sempre al banco della reception, alle prese con gli ultimi clienti appena arrivati, mentre Giulia e Giorgia sono sempre sedute vicino al caminetto a chiacchierare fitto come se stessero cercando di recuperare tutto il tempo perduto...
Quando mi siedo a tavola sono più o meno rassegnata a pranzare da sola, ma le ragazze mi raggiungono quasi subito, ansiose di continuare la loro conversazione ma anche di placare i morsi della fame.
Hans ci raggiunge poco dopo, con Johann al seguito che ci serve i piatti fondi con la zuppa bollente, e infine arriva anche Greta.
Chiacchierando, chiedo di Fulvio: cosa sta facendo a Cortina, visto che a quanto ho capito adesso lui è comproprietario dell’albergo?
Lui è il responsabile del bilancio, e a Cortina c’è la banca con cui lavorano. Poi c’è anche la moglie del direttore della banca, che lui si scopa regolarmente: una milanese sulla trentina, insoddisfatta del marito e bisognosa di attenzioni particolari...
Mi ricorda qualcosa... O meglio: qualcuna.
Sentendoci parlare di Fulvio, le ragazze interrompono un momento le loro chiacchiere e prestano improvvisamente attenzione: in fondo, la Giulia e io siamo lì per incontrare lui...
Potremmo andare a Cortina il giorno dopo: basta dare un colpo di telefono a Fulvio e avvertirlo, così si libera per tempo sia della sua sciùra che degli affari in banca...
- Mamma, io voglio andare con la Giulia!
La Giorgia non avrà ancora quindici anni, ma sa perfettamente quello che vuole. Greta cerca di convincerla a lasciare perdere, ma la piccola è irremovibile.
La Giulia, poi, sembra felicissima dell’idea: - Pat: sarebbe bellissimo se la Giorgia venisse anche lei! Voglio che sia con me, la prima volta che incontro mio padre...
Ma noi siamo in moto...
C’è l’autobus fino a Cortina. Poi Giorgia potrà tornare a casa con il padre, e noi proseguiremo per Venezia con la moto.
Guardo Greta scrollando le spalle: per me va bene.
La biondona sembra esitare: in fondo, non è che ci conosca così bene... Ma d’altra parte Giulia e Giorgia sembra che si conoscano da sempre.
Va bene: io andrò in moto, e le ragazze mi seguiranno in autobus, purché Fulvio sia d’accordo.
Greta tira fuori il telefono e lo chiama.
Poche parole: ciao, indovina chi abbiamo a tavola? Non ci crederesti: la Patrizia! Ti ricordi? Sì, la bionda milanese in viaggio di nozze, quella con il cornuto che non si accorgeva di niente... Ma non è tutto: non è venuta da sola. Sai chi c’è con lei? La figlia diciassettenne... È la copia più grande di Giorgia! Ma sì: è tua figlia, cretino! Sono qui per vedere te... E Giorgia non sente ragioni, vuole venire con loro. Lei e Giulia – si chiama così – hanno legato subito... Riesci a liberarti? Splendido. Bene, allora saranno da te domani mattina... Vuoi che ti passo Patrizia?
Mi ritrovo in mano un telefonino, con dall’altra parte il padre di mia figlia, della cui faccia mi ricordo appena. Lo ammetto: mi ricordo molto meglio del suo cazzo.
- Pronto?
- Patrizia? Sei proprio tu?
Già: sono proprio io. A volte ritornano... Sì, è vero. Giulia, diciassette anni, alta quasi quanto me. Ha chiesto lei di conoscerti... Per la verità non ero sicura che fosse tua: ma dopo che ho visto la Giorgia direi che non ci sono dubbi. Senti, non voglio disturbarti; se non puoi... Sicuro? Va bene, mi fa piacere. D’accordo. Io sono in moto; la Giulia era con me, ma adesso non riesco a staccarla dalla Giorgia, quindi loro verranno in autobus... Okay, va bene. Ci vediamo lì... Grazie Fulvio: fa piacere anche a me... A domani.

***

A questo punto, ho in testa solo Fulvio.
È lui il padre di mia figlia: il maschio che – fra tutti quelli che mi hanno avuta – è riuscito a mettermi incinta. L’uomo che giustamente la Giulia vuole conoscere, e anche quello con cui ho voglia di scopare di nuovo dopo tanti anni...
Però ora sono al lago, non a Cortina: e a portata di mano non ho Fulvio, ma Hans; che fra l’altro ha un gran bel cazzo pure lui, e in più viene con il bonus di Greta.
Insomma: non sarei la Visentin se mi perdessi l’opportunità, non vi pare?

La Giulia è fuori gioco: è troppo presa in cose più importanti, come conoscere sua sorella.
Così mi concentro su quelli che sono disposti a darmi un po’ di attenzione.
Hans è un po’ imbolsito da quando mi cavalcava sul suo campetto da tennis sotto il naso del Mauri, ma tutto sommato non è affatto malaccio: è vero che ha perso buona parte dei capelli e ha messo su uno stomaco da patito della birra, ma è ancora alto e ben piantato, con la schiena dritta, un sorriso simpatico e soprattutto un bel cazzo duro. La sveltina all’aperto me lo ha dimostrato chiaramente...
Greta non è più la ragazzina tutto pepe che ricordavo, e anche lei ha decisamente messo su un po’ di carne, ma in fondo ha fatto tre figli e va per i quaranta anche lei: è ancora una bella donna, maliziosa quanto basta e sicuramente senza troppe inibizioni a giudicare dal suo stile di vita. Ha una splendida quarta di seno e due cosciotte tornite e un po’ abbondanti, ma non la definirei sovrappeso: sono io che sono troppo magra e muscolosa, mentre lei è voluttuosamente femmina...
Il problema è se ci sta; so che è abituata a giocare in tre con Hans e Fulvio, ma non è affatto detto che una donna che ha due uomini sia anche aperta alle altre donne. Per quanto ne so, io sono stata l’unica, e non sono sicura che lei abbia considerato quell’esperienza in modo positivo.
Quando le ho toccato il ginocchio la sera prima, l’ho sentita irrigidirsi un po’...
Però io ci terrei davvero a riscoprire i sapori dei miei vent’anni... TUTTI i sapori.
La soluzione è semplice: in fondo, Greta è una crucca. Basta farla bere.

Finito di cenare, le ragazze sono tornate a chiacchierare nel loro angolino vicino al fuoco scoppiettante, eccitate all’idea del viaggetto che le aspetta l’indomani quando andranno da sole fino a Cortina per incontrare Fulvio.
Johann sta finendo di pulire i tavoli, e io sono ancora seduta con Hans e Greta con la terza birra davanti. La prima l’ho scolata di gusto, la seconda è inavvertitamente finita nella pianta accanto a me mentre loro non guardavano, e la terza è perfettamente intonsa nel mio bel boccale tirolese; le loro sono già tutte nei rispettivi stomaci...
Ormai siamo abbastanza in intimità, così racconto loro qualcosina della mia vita scandalosa a Milano con il poveraccio che loro hanno conosciuto come mio marito. Ammetto la mia bisessualità e le frequenti relazioni lesbiche che lui accettava senza problemi, ma anche quelle assolutamente etero di cui lui non aveva la minima idea. Racconto della mia storia con una escort di professione, che mi ha riportata decisamente sulla “brutta strada” e in definitiva rovinando il mio matrimonio che fino a quel momento aveva retto basandosi sulle convenzioni sociali di città e sulla pura convenienza economica.
Evito accuratamente i particolari più truculenti, e salto al mio incontro con Eva e al trasloco della mia vita sulla barca attraccata al Lido di Venezia.
- Quindi tu adesso stai con una donna? – fa Hans, un po’ sorpreso.
- ...E che per di più ha solo tre anni più di tua figlia? – aggiunge Greta, un po’ acida.
Ho evitato di raccontare delle mie frequentazioni con le mie allieve quando insegnavo al liceo: intuisco che non approverebbero... Però non accetto che la mia relazione con Eva sia criticata.
- È così. Sono sempre stata sessualmente attratta da uomini e donne nella stessa misura, però il coinvolgimento emotivo mi prende solo con le ragazze: sono fatta così. Quanto alla mia compagna, è vero che è molto più giovane di me, ma è anche economicamente indipendente, e potrebbe avere tutti gli uomini che vuole: immagino che se sta con me, è perché lo desidera.
Greta abbassa il capo, un po’ contrita: - Non intendevo giudicarti: non vedo come potrei, visto il mio stile di vita. Sono solo un po’ sorpresa.
- Beh, ci vuole coraggio – sorrido – Sia a convivere con una ragazza molto giovane, sia a farlo con due uomini. L’importante è essere fedeli a sé stesse, non credi?
Lei sorride e annuisce con convinzione.
Hans sogghigna anche lui: in fondo si gode il meglio sia della vita familiare che di quella da scapolo, senza pagare il prezzo di nessuna delle due.
Per questo manda giù il resto della birra e picchia allegramente il pugno sul tavolo come piace tanto fare ai tirolesi.
Io mi rilasso sulla mia sedia. Non sono in abbigliamento sexy: non ne ho con me quando giro in moto. Ho una camicetta bianca con le maniche rimboccate e un po’ scollacciata, infilata nei jeans stinti cacciati a loro volta negli stivali da motociclista.
Greta invece si è messa un po’ in tiro: abito tradizionale tirolese, come usa negli alberghetti, con scollatura vertiginosa e tanti pizzi, una gonna ampia e non troppo lunga con sotto le calze, che spero siano autoreggenti o meglio ancora con il reggicalze... Porta i capelli biondissimi raccolti in due belle trecce dorate, ed è molto carina.
Hans è in abito tradizionale anche lui, con i pantaloni corti di pelle, le bretelle e la camicia aperta sul petto chiaramente per impressionarmi con i suoi pettorali che, per un quasi cinquantenne, in effetti non sono niente male.
Guardo i miei vecchi amici e decido che è ora di farsi sotto: - Allora ragazzi: avete intenzione di farmi vedere la famosa suite dove vi incontrate per giocare in tre, o volete mandarmi in camera a dormire da sola?
Hans s’illumina tutto: non credo che lui abbia mai avuto dubbi sull’idea di ammucchiarci tutti insieme, se non probabilmente sull’atteggiamento di Greta.
La voluttuosa tirolese ha un lampo nello sguardo e mi fissa intenta: sicuramente anche lei ci ha pensato, e se la conosco almeno un po’, non è mai giunta ad una conclusione al riguardo.
- Greta?
Lei è imbarazzata: è evidente vuole fare l’amore, ma non è affatto sicura di volerlo fare anche con me. Si mordicchia un labbro, e non sa cosa dire, anche se Hans le mette una mano sulla spalla per incoraggiarla.
- Patrizia, io...
Le metto una mano sulla sua, e avverto come una debole scarica elettrica al contatto fra le nostre dita: - Pat. I miei amici mi chiamano Pat...
Lei sospira: - Pat. Lo sai che non sono una santa; però a me le donne non interessano. Quindi...
- Davvero? – sorrido – Io veramente mi ricordo un paio di episodi, durante i quali tu e io...
- Ero giovane... – fa lei, imbarazzata al ricordo – Adesso è diverso.
Non ritrae la mano. È combattuta...
Le accarezzo le dita morbide, e la sento fremere di nuovo al contatto.
- Non devi fare niente che tu non ti senta di fare, Greta – la rassicura con voce soffice – Hans piace a tutte e due, e non c’è motivo per cui non possiamo dividercelo per stanotte, non ti pare? In fondo lui ti divide spesso con Fulvio, non è vero? ...E questo non fa di lui un gay, o mi sbaglio?
- No, certo! – fa lei, quasi per rassicurarmi sulla mascolinità dei suoi amanti – Loro non si toccano nemmeno quando sono con me...
Ne dubito: per farsela a sandwich non possono non toccarsi... Ma naturalmente questo non fa certo di loro due bisessuali.
- Quindi la stessa cosa dovrebbe valere per noi due, non credi?
Sono una vera strega, lo so. Ho tutta l’intenzione di scoparmela, ma voglio che sia lei stessa a cadermi fra le braccia, assieme al suo Hans.
Hans e Greta: finora non ci avevo pensato. Quest’associazione di nomi fa di me la strega dei fratelli Grimm? Spero di no, visto che finisce bollita viva nel suo stesso pentolone...
- Non so... – Greta è combattuta; posso vedere che i suoi capezzoli si sono induriti da quando le ho preso la mano, e anche le sue narici si sono dilatate leggermente... Muove la testa come per stirare il collo, e così facendo rilascia milioni di feromoni che stanno chiaramente facendo impazzire il povero Hans. Soprattutto, continua ad accavallare e scavallare le gambe, indizio sicuro di un crescente prurito in mezzo alle cosce...
Lui le mette le mani sulle spalle e le sussurra qualcosa in tedesco che – per una volta – riesco a comprendere: - Coraggio Greta: vi desidero tutte e due...
Lei non sa più che pesci prendere. È evidente che sta per cedere...
- Andiamo: ci divertiremo, tutti insieme come ai vecchi tempi!
La ragazzona sospira come fosse rassegnata, ma in realtà è solo eccitata all’idea di quanto stiamo per fare: - Scheisse! E va bene, andiamo!
Vittoria...

Le ragazze non si accorgono nemmeno che noi grandi ce la svignamo su per le scale.
Sono di nuovo infoiata come una cagna in calore: in realtà non sono particolarmente attratta da nessuno dei miei partner, ma è la situazione a eccitarmi da pazzi. L’idea di farlo di nuovo con i miei amanti di un tempo è un po’ come cornificare di nuovo il Mauri; costringere un’etero come Greta a soggiacere alle mie voglie... Godermi Hans alle spalle di Fulvio e costringere Greta a cedermi il suo uomo... E poi, il gusto sempre unico di una partita a tre!
Il sesso non è solo accoppiare il proprio corpo a un altro: è soprattutto una questione di testa.
La suite è nell’attico che Hans ha ricavato nel sottotetto, e il letto è effettivamente un super-king size dove i miei tre amici hanno tutto lo spazio per condurre i loro giochi da sporcaccioni: questa volta tocca a me gustarmelo!
Strizzo l’occhio a Greta per rassicurarla, e ci buttiamo insieme sulla patta di Hans per tirargli fuori l’arnese. La mia non è solo generosità: ho bisogno della sua esperienza per aprirgli le braghe tirolesi.
Sfoderiamo il bel cazzone, e io lo porgo alla padrona di casa perché inauguri lei la serata.
Prontamente Greta imbocca la cappella turgida e comincia a succhiare di gusto, dando prova di consolidata familiarità specifica ed esperienza in generale...
Io accetto inizialmente un ruolo subalterno, dedicandomi alle palle pelose del maschio, leccandole delicatamente e risalendo poi lungo l’asta fin quasi a sfiorare la lingua di Greta. Poi la abbraccio in odo discreto e rivendico la mia porzione di cazzo: Greta me la porge e io mi sgolino un po’ senza smettere di accarezzare la schiena della tirolese, ancora protetta dall’abito tradizionale.
Cedo nuovamente lo scettro e mi alzo in piedi per spogliare il nostro comune amante: sgancio le bretelle di pelle e gli tolgo la camicia lasciandolo a torso nudo e con le braghe a mezz’asta.
Torno sulle ginocchia abbracciando le spalle di Greta e tornando a spompinare un po’ l’asta ormai dura come il ferro; quando restituisco l’uccello alle fauci fameliche di Greta mi dedico ad aiutarla a togliersi l’abito senza dover interrompere la fellatio: lo sfilo da sopra la testa, e lei si lascia spogliare senza opporre resistenza, anche perché è troppo occupata a sbocchinare Hans.
A quel punto mi sento in diritto di protestare: - Non c’è nessuno che aiuta me a spogliarmi? Dov’è finita l’ospitalità sud-tirolese?
Punti sul vivo, Hans e Greta interrompono la loro pratica orale e si dedicano finalmente alla sottoscritta: lui con un certo entusiasmo, lei con maggior cautela. Fatto sta che fra tutti e due mi abbassano i jeans, sfilano gli stivali e gettano in terra le mutandine. È Greta a sbottonarmi la camicetta e a sfilarmela, lasciandomi nuda alle prese con il cazzo durissimo di Hans.
A quel punto, il maschio si stende sul lettone, chiaramente curioso di assistere passivamente alle nostre iniziative.
L’ultima a ciucciare sono stata io, quindi lascio l’uccello alle cure di Greta e vado a baciare Hans sulla bocca; ci scopiamo bocca a bocca mentre Greta torna a lavorare di gola sul cazzo, poi io decido di cambiare gioco. Mi sollevo sulle braccia e mi tiro sulle ginocchia, poi vado a sedermi sulla faccia del padrone di casa per farmi leccare la patata e nel contempo godermi lo spettacolo di Greta che si spacca la gola sul cazzone ormai al massimo del tiraggio.
- Hmmm... – ansimo, sentendo la lingua di Hans che mi apre le grandi labbra per invadermi la sorca bagnata – Sì, leccami tutta...
Greta succhia, Hans lecca, e io me la godo.

La biondona è seminuda: voluttuosa, morbida e bianchissima, con calze, reggicalze e giarrettiere color carne e gli stivaletti tradizionali ancora ai piedi, fa davvero una porca figura.
Decido di andare a disturbarla e mi distendo in avanti a sessantanove, raggiungendo con la bocca il sesso del maschio per leccarne la radice mentre Greta succhia la punta.
La tirolese è generosa, e mi concede a tratti la cappella da succhiare, senza però mai mollare l’asta che impugna saldamente con la destra mentre una di noi a turno ci dà dentro con la bocca.
Di nuovo le nostre bocche si sfiorano senza toccarsi.
- Mettitelo dentro – le sussurro eccitata – Voglio guardare mentre ti entra...
Lei mi guarda con lo sguardo intriso di libidine, e si solleva per impalarsi: è la mia occasione per ghermire il cazzo. Lo succhio e lo insalivo per bene, poi lo punto fra le grandi labbra cosparse di peluzzi biondi di Greta e lo guido dentro.
Lei emette un lungo gemito e s’impala lentamente, prendendolo tutto dentro la pancia.
Ora ho i loro genitali entrambi a portata di lingua, e l’occasione è troppo ghiotta per lasciarmela sfuggire: allungo la lingua al punto di congiunzione dei loro corpi per leccare la radice del pene e poi proseguo verso l’alto mentre Greta va su... Assaporo con la lingua l’asta intrisa degli umori vaginali, poi quando lei viene giù la mia lingua è lì ad aspettarla.
Nel momento di massimo riempimento il cazzo scompare completamente dentro la donna, e la mia lingua trova naturalmente il bel clito gonfio di voglia che protrude appena fra i peluzzi diafani del pube di Greta.
-Aahhh! – grida lei, stordita dal piacere e non del tutto consapevole di quel primo approccio sessuale da parte mia.
La slinguo di gusto, dedicandomi da perfetta bi un po’ a lei e un po’ al cazzo che la sta fottendo dal basso, e ho qualche problema a decidere quale dei due mi piace di più... Il fatto è che Greta non è affatto il mio tipo, però mi intriga la sua reticenza che la rende una preda più ambita.
Quando la bionda si accorge che in buona sostanza la sto già lesbicando, ha un moto di esitazione, poi decide di accarezzarmi i capelli e io prendo il gesto come un esplicito “via libera”.
Hans intanto, come la maggior parte degli uomini, non è un gran linguista (si sa che con le lingue noi donne ce la caviamo meglio), però mi sta facendo divertire.

Fra me e Hans, trasciniamo Greta all’orgasmo: lei strepita e si torce tutta dal piacere, poi si affloscia come un palloncino bucato lasciando libera l’asta ancora durissima del nostro maschio.
- Adesso tocca a me: prendimi da dietro!
Mi piazzo lascivamente a quattro zampe e scodinzolo invitante, aspettando di prendermelo dentro anch’io.
Lui mi prende da dietro e inforna con sicurezza, facendomi fremere di porca lussuria.
La pecorina promette davvero bene: in breve il mio montone prende un buon ritmo e mi svanga la fica con la giusta inclinazione. Io mi predispongo ad una scopata di serie A, e nel frattempo mi guardo intorno per vedere cosa combina Greta.
La padrona di casa sta rifiatando appoggiata alla sponda del letto, con le gambe oscenamente aperte e la mano paffuta che si muove lentamente sulla patata ancora fumante per il recente orgasmo.
Come mi eccitano quelle dita rosee che scorrono nella peluria bionda per sollecitare il bottoncino scarlatto che sembra gridare, mangiami, mangiami!
Si può fare: la sua posizione non è troppo angolata rispetto alla mia. Gattono un po’ sui gomiti e sulle ginocchia obbligando anche Hans a spostarsi un po’, e prima che Greta possa rendersene conto riesco a infilare la testa fra le sue ginocchia sollevate.
Il profumo è inebriante: ora che la sua vagina non è otturata dal cazzo, posso gustare appieno gli effluvi della vagina scopata di fresco, e quasi mi scordo del cazzo che mi sta chiavando da dietro.
Greta è bloccata fra me e la spalliera, e immagino che le sue membra siano svuotate di ogni energia: infatti si limita a protestare debolmente quando spingo la faccia fra le sue coscione inguainate di nylon e le passo repentinamente la lingua sulla spacca bagnata.
- Aahhh! No, ti prego... Così non vale! Aahhh... Aahhh...
Che troia: si fa leccare senza opporre resistenza, ma intanto protesta come una verginella. Vediamo se continua a protestare quando si sente montare dentro l’orgasmo...
No: ha smesso. Come volevasi dimostrare.
Greta è una sbrodolona: la sua fica sembra una sorgente di montagna per quanto mi lascia abbeverare. È anche molto saporita...
Quanto mi piace leccare una fica mentre un maschio mi suda in mezzo alle chiappe!

Vediamo un po’ chi gode per primo? Hmmm... Mi sa che vinco io!
Nel senso che sono io a far venire Greta per prima...
- Aahhh... Aahhh... AAHHH!!!
Cazzo che sborrata: quasi mi affoga... Mi serra la testa fra le cosce fin quasi a soffocarmi, e intanto mi lava la faccia: bevo avidamente i suoi succhi dolci e sottili, e intanto sento che Hans mi sta trapanando con entusiasmo crescente...
- Oohhh! Ja, ja, ich komme... Oohhh...
Il biondone mi viene dentro con forza: sento lo schizzo contro le pareti della vagina, e il calore dello sperma dentro la fica mi fa venire a mia volta: - Godo... Godo... Hmmm!
Ci sbraghiamo tutti e tre sul lettone, stanchi ma soddisfatti.

La sensazione della sborra di Hans dentro di me è eccitantissima: mi rimanda a quei giorni di tanti anni fa, quando mi hanno ingravidata... Adesso so che a impregnarmi in realtà è stato Fulvio, ma nei miei ricordi quei due hanno fatto tutto insieme.
Quante volte in seguito, durante il mio grigio matrimonio, mi sono masturbata ripensando alle partite a tre con Hans e Fulvio, al termine delle quali finivo piena di sborra come lo sono ora?
E poi c’era la giovanissima Greta...
Già, Greta: in fondo Hans adesso è roba sua, quindi non è giusto che io mi tenga dentro tutta la sua sborra.
Mi alzo in piedi sul letto e mi appoggio con le braccia e con le spalle alla parete, allargando le gambe con la biondona sotto di me...
- Apri la bocca, Greta!
Lei alza la testa, fa appena in tempo ad accorgersi di essere sotto la mia fica, e io mi allargo le valve lasciandole colare in faccia l’abbondante venuta di Hans.
Lo sperma le cade dritta sul viso senza che lei abbia la forza di spostarsi: per un istante un lungo filamento biancastro unisce la mia falla alla punta del suo naso, poi lei spalanca la bocca e raccoglie il resto con la lingua riconoscendo il sapore del suo uomo.
A questo punto non mi resta che spingerla all’ultimo passo: mi accoscio fino a solleticarle il naso con il mio pelo bagnato e le schiaffo la fica direttamente in faccia.
Di nuovo, lei non cerca di sottrarsi: sento le sue labbra sulle valve sgocciolanti, poi sul clito... Alla fine avverto una sensazione calda dentro la fica, e capisco che la sua lingua sta finalmente facendo conoscenza con il sesso di una donna, e che la fortunata in questione sono proprio io.
- Aah! Hmmm... Bravissima, Greta! – ansimo, gustandomi quella timida leccatina da principiante in fregola – Continua così, leccami...
Greta continua a leccare, incoraggiata dal sapore di sborra che sente leccandomi dentro, e io mi gusto il suo primo connilinguo.
Davanti a me, Hans ci osserva arrapatissimo: chiaramente la scenetta che gli stiamo offrendo gli piace parecchio, perché anche se mi ha appena sborrato dentro è ancora bello tosto.
Mi accosta il cazzo alle labbra, e io sono veloce ad accogliere la cappella in bocca per succhiarne fuori le ultime gocce di sperma...

Finiamo sotto le coperte, tutti e tre esausti e appagati da quell’esperienza a tre, e ci abbracciamo confusamente fra noi in un groviglio di membra frementi e di corpi palpitanti e soddisfatti.
Greta si asciuga alla meglio la faccia sul lenzuolo, e io non posso fare a meno di chiedermi cosa penserà Johann di sua madre, quando dovrà rifare la camera...

Questo racconto di è stato letto 2 0 3 4 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.