Erotici Racconti

Il gioco della verità.

Scritto da , il 2018-07-06, genere interviste


Il gioco della verità…

Fare il gioco della verità con una donna?
Attenti… barate. Ma con furbizia altrimenti se ne accorge.
Se non siete sicuri di voi… glissate, trovate mille scuse ma non giocateci. Se cedete alle sue richieste… preparatevi alla domanda clou, alla fine è sicuro che ve la farà…

Io ci gioco solo se costretto a forza, il fatto è che io non capirò mai le donne, non so quando essere sincero e quando no, mentre rimane il guaio che loro capiscono fin troppo bene me.

E’ una serata fiacca… avevamo a cena un mio amico, C. lo scultore, l’uomo dai ferrei principi, l’uomo senza debolezze e solo certezze. Non mangia e non scopa più, ha una vecchia macchina piena di bolle di ruggine, veste da figlio dei fiori e dice che è felice.

Felice?
Cazzo che culo!

Non ha legato affatto con la donna con la quale vivo. Non la conosceva. Mi disapprova… pensa che io non sappia vincere le tentazioni, mi rimprovera tutto. La macchina sportiva e il mio piacere per la velocità, per il rischio e per le donne, per come vivo, la mia debolezza e via discorrendo…
E’ sicuro che la mia infelicità dipenda da questo.
Lei aveva preparato… vediamo... melone con prosciutto, risotto con i fiori di zucca, sofficini di formaggio, fagiolini al pomodoro e crostata. Lui? Una porzione da uccellino di risotto e basta. Acqua del rubinetto, neanche minerale…
Cazzo!
Le avevo chiesto di fargli qualche moina da femmina… per gioco, perché no? Insomma di fare un po’ la puttana. Strusciare il seno sulle sue spalle quando lo serviva… insomma cose così.
Ah…!
Pur di farlo cedere gli avrei consentito di scoparla?
Vederlo ricadere nel vortice dei sensi? Diventare o ridiventare umano? Tornare nella bolgia infernale? Tarpargli quelle ali da angelo che ostentava e che mi davano immensamente fastidio!
Nulla!
Alle nove e mezza… dice che è stanco e che va a dormire. Ma questo va dormire con le galline! Certo che si! Si alza alle 4 del mattino!
E che paternale mi farà da solo a solo, quando sarà. Sarà anche un amico, ma mica mi becca di nuovo tanto presto. Mi deprime. Mi causa un senso di colpa che non riesco a superare a breve.
Comunque sono stanco anch’io, lui mi fa questo effetto e mi distendo sul letto a finire un libro.
No… non va bene, chi vive con me ha idee diverse.
E’ caldo e sono nudo, lei nuda pure mi si accosta e mi si mette a cavalcioni sulla coscia. Sento il caldo e l’umido, sento che inizia a strofinarsi.
Mi dice che ho amici strani… mi chiede di lui.
Io le dico poco. Che è nato ricco, fortunato lui, che ha studiato a Trento, laureato con il massimo dei voti e che era nel gruppo anarchico da studente, poi funzionario di alto livello di un grande gruppo bancario. Poi più tardi la conversione alla vita para-monastica. Lavora il legno, fa delle sculture orribili che vende nelle fiere, abita in una vecchia casa in montagna ereditata da… boh.
Ah… e che a pasto mangia manciate di uva secca.

Lei mentre si struscia… mi dice…
-Facciamo il gioco della verità?

Cazzo… NO!
Pigramente sta giocando con il mio cazzo mollo, lo sta alzando per poi lasciarlo ricadere… ora cade a destra ora a sinistra o in alto e in basso. Lo guarda… lo tiene per la pelle del prepuzio… ogni tanto lo scappella.
Ora sento che l’umidore della sua figa sulla mia coscia è diventato proprio un bagnato.
Ha voglia…

E so che vuoi sapere… ma so anche che non saprai mai le cose che non voglio dirti, quindi per me il gioco non è della verità ma forse, se non delle bugie, quantomeno delle omissioni.

Inizia da lontano…
-Dimmi… quante donne hai avuto…-
Eccoci.
Racconto qualcosa… figure lontane nel tempo.
Di molte so che sono esistite ma non ricordo niente. Di qualcuna non dico nulla. Non parlo neanche degli uomini, non me lo ha chiesto.
Naturalmente il gioco pretende che chieda anch’io…
-E tu? Uomini?
Una ventina risponde… importanti nessuno.
-E donne?
Mi dice che la so già la sua storia e io rispondo che voglio risentirla.
Ha iniziato lei il gioco, no?
E lei… inizia a raccontare mentre si strofina lentamente, mi dice della morte di suo padre e che la madre la mette in collegio di suore svizzere, sadiche come poche persone al mondo, di come la notte la suora, giovane e bella, che sorvegliava la camerata sceglieva una ragazza come compagna di letto. Racconta delle gelosie che questo provocava e i pianti di chi non veniva scelta. Racconta dei molti orgasmi che provava quando era la preferita. Le mani curate che la toccavano dappertutto e la bocca avida della suora. E… raramente… ma accadeva, che le suore erano due che si avvicendavano nel far godere e che lì in quell’ambiente malato era nata la sua storia con H., sua cara, carissima amica ancora ora.
Ora non sono tanto disinteressato… il cazzo svetta in su. Duro. E lei lo sta scappellando e ricoprendo con forza… senza fretta. Con forza. Tira la pelle del prepuzio tanto a fondo da far temere che il filetto sotto il glande salti.
Lei…
-Racconta della tua prima volta…-
Mentre parlo… ricordo.
Non ricordo neanche il viso della donna. Il corpo? Aveva la stessa età di mia madre, sua conoscente quasi amica. Mi dava lezioni di tedesco in quell’estate caldissima. Il corpo era forse sfatto leggermente, se mi sforzo rivedo un grosso culo e grosse tette e un odore di sudore particolare, sapeva da mandorle amare, un odore che ancora oggi mi eccita da morire. E ricordo la nausea che provai quando mi costrinse a leccarle la figa… si, un odore forte… penetrante. Poco mancò che vomitassi. Ripresi a leccare la figa solo dopo i vent’anni, tanto era la nausea che provai.
Ora alle sue mani ha aggiunto la bocca. Lecca lentamente, parte dai coglioni per risalire lungo la nervatura… sputa sulla cappella e lecca, lo mette in bocca…
-Tocca a te…-
Smette di leccare e lo tiene forte in mano… seguita a masturbarmi.
Sapevo la sua storia… ma volevo risentirla.
Conosce un uomo molto più grande di lei e succede… un pomeriggio, è caldissimo e la stanza è fresca, lei che ci va con solo addosso una t-shirt lunga fino alle cosce. Le si vede il culo e il pelo. L’uomo ha solo i calzoncini, il suo cazzo si vede duro sotto il tessuto. Lo fa uscire, prende la sua mano e la mette sul cazzo. Le guida la mano per un po’ poi la lascia e lei seguita da sola.
La interrompo…
-Dimmi del cazzo…
Largo… risponde. Largo… tozzo.
Non lungo ma largo. Tutto eguale dalla cappella al tronco. Grosse vene. Grossi coglioni. Lui molto peloso.
Grosso e duro.
Lei era pronta e lui la prese sul letto. Fece una fatica incredibile ad entrare. Tanto da essere fradicio di sudore. Lei teneva aperte le gambe più che poteva e lo aiutava. Sopportava il dolore e voleva essere presa. Quando entrò e si mise a scoparla forte si sentiva aperta, allargata al massimo, piena. La figa che le doleva. Si sentiva come posseduta da un cazzo di toro. Lui le sborrò dentro… senza molti riguardi. Cercò poi i segni visibili dello sverginamento e non li trovò. Le diede della puttana e non volle credere al fatto che nessuno l’aveva posseduta prima di lui. Da allora il suo atteggiamento fu ancora più bestiale se era possibile. Lei non si sa spiegare il mancato sanguinamento, forse l’imene molto elastico e largo? Forse i giochi con le suore? Queste a volte le mettevano davvero dentro le loro dita…
Chiedo… ma alla domanda avevo già la risposta…
-E il culo? Anche lui?-
Certo che sapevo!
Il suo culo lo immaginavo sfondato da quel cazzo enorme.
E lei mi dice dei numerosi tentativi. Lui che insisteva per avere almeno questa verginità dato che era convinto che in figa lei avesse avuto qualcuno prima di lui. Il dolore… e la libidine di farsi inculare. E alla fine il cedere del suo muscolo anale. E il sentirsi sfasciare…

-E tu? Chi hai inculato per prima? La ricordi?-
Se sotto tortura ti dovessi dire la verità… ti dovrei dire che fu un uomo.
Ma perché aprire questa pagina? Comporterebbe domande a cascata. No… è il momento di mentire.

Chi fu? So che per molto tempo non ritenevo molto gratificante avere il culo di una donna. Prendevo la donna e la segnavo sulla lista delle conquiste e finiva lì.
Stupido vero?
Era l’età… conseguenza dell’età.
Bisogna nascere esperti per non caderci.

Racconto qualcosa… una donna sposata. A Roma... lei bruna e formosa. Moglie di un sottufficiale di marina. Lui assente e lei con la carne giovane che desiderava carezze. Fu lei a farmi conoscere il piacere che può darti un culo di femmina. Il suo era largo e polposo. Ricordo l’alone molto scuro e la mucosa del buco altrettanto scura. Non nera ma quasi.

Che facciamo?
Stiamo rimandando al massimo il momento di scoparci, lo sai? Tu con il tuo strofinarti sulla coscia e il masturbarmi piano…
Stai godendo ora… ti inarchi e incrementi i movimenti. Lunghe strisciate pesanti… si, stai godendo. E io ti aiuto nei tuoi movimenti. Voglio farti godere, voglio che il tuo orgasmo sia dirompente.
Fai fatica a riprendere lucidità… io ti aspetto.
E tu hai in mente qualcosa di preciso… un piano.
Sei donna, no?
Voglio evitare l’ultima parte. Le ultime domande. Non voglio parlare di lei. Non farmi mentire ancora.

-Dai montami… così… dal davanti… scopami tu…-
Lei si leva e si mette a cavalcioni, lo tiene con la mano e si impala.
E’ rovente… e la sento tutta, prende ad alzarsi ed a lasciarsi ricadere con forza sul mio ventre… lentamente, come sa che mi piace. E’ tanto bagnata che bagna anche il mio pelo che luccica delle perle del suo miele.

E poi la sua ultima domanda…
-Ma mi ami? Dimmelo… tu mi ami veramente? -
E l’ultima risposta.
-Si… ti amo… come mai ho amato…-

Non so se ci crede… forse no, ma voleva sentirselo dire.

T.

Questo racconto di è stato letto 2 1 7 6 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.