Erotici Racconti

Fiaba estiva immorale. Il principe parte e la Regina torna...

Scritto da , il 2018-06-25, genere orge

Loro partono e nel frattempo la regina torna.
Ah... quanto è capriccioso l’animo femminile! Un giorno appare tutto positivo e tendente al roseo e appena poche ore dopo? Un disastro... un clima temporalesco. Eppure la ancora procace nobildonna non ha più il fastidio e la lunaticità dovute alle mestruazioni, è scopabile a tempo pieno... 24 ore su 24... e 365 giorni all'anno, non che il mestruo fosse un problema anche prima, dato che scopava ancora meglio durante quei giorni!
No, il fatto è che le è venuto a noia fare la prostituta, ecco la realtà! Bella l’ambientazione... un lurido giaciglio in un buio tugurio, la fila di contadini che hanno dissotterrato i risparmi di anni per poterla scopare. Gradevole la sensazione di sentirsi dissoluta... libidinosa... ninfomane... mai sazia e tanto tanto troia. Ma dopo il... 800 o 900esimo cazzo? Dopo il fiume di sborra che l’ha riempita?
Dice basta... perché ora tutto è noia.

Torna a casa... al castello.
Il grosso cazzo del saltimbanco?
Pazienza... ha sempre da usare quello dello stallone bianco nella stalla.

Al suo arrivo chiede del Principe... dove è? Cosa fa?
L’avvisano che è partito... il suo dolce pargolo vuole sposarsi, le dicono della principessa.
Sposarsi?
Non le basta la sua mamma sempre disponibile? Pronta ad ogni capriccio?
Non vuole una altra troia in casa fino a che ci resta lei!
Lei ha figa per tutti... basta farsi avanti e chiedere, per il Principe... Dago... i funzionari (pochi), i servitori (pochi), i soldati (pochi... purtroppo!) e anche per lo stallone... e per i visitatori...(pochi anche loro!).
Neanche si riposa, ordina che venga allestita una piccola scorta e parte sulle tracce del Principe Azzurro e si porta dietro lo stallone bianco, non si sa mai...!
Solo che non sa il percorso... ah... le donne gelose! Sempre fuori dal razionale, guardate questa... neanche sa dove andare!

Il narratore ha dimenticato di dirvi il nome della principessa... Eruannie, un bel nome vero? Significa “anna dono di dio”, ma per il volgare mondo di allora era solo “la principessa con la figa storta”, eh si! Aveva anche un grosso problema pratico Eruannie, il problema di orinare. Studiatevi un pochino voi femminucce... dove avete l’uretra? Immaginatevi a pisciare con lo spacco per traverso! Già a volte dovete aprire le labbra esterne no? Per non sprizzarvi addosso... e lei poverina? Come fa?

Intanto si fa sera e il Principe e compagnia trovano alloggio presso l’abitazione di un signorotto del luogo. Dopo i convenevoli vanno a tavola... il Principe, il suo ospitante e sua moglie. La moglie ha un grosso culo che attira l’attenzione, grosso e ben fatto e sembra sodo. Appena può il Principe si lancia con una carezza audace, porta la mano su quelle natiche e le strizza. La donna non si scosta ma guarda il marito, il quale fa un cenno di assenso. Sembra che il vecchio porco dia una specie di consenso, la donna allora gli si siede vicino e lui porta la mano sotto l’ampia gonna, fa scorrere le dita su quella carne liscia delle sue gambe e raggiunge l’inguine, trova tanto pelo, una foresta di pelo bagnato fradicio e odoroso. Cerca e trova un varco e le mette dentro le dita, la masturba. Ora sono due le dita che lui usa con forza... lei chiude gli occhi, il marito guarda. Approva.
Guarda anche Dago appoggiato alla parete.
Il marito lascia la stanza senza una parola e il Principe si scatena. Rovescia la donna sul tavolo e le alza la gonna. Le allarga le gambe e lo tira fuori, una spada di carne... duro come sempre e la penetra.
Comincia a sbatterla selvaggiamente, forti colpi. Le alza la blusa e le scopre due grosse tette. Grosse e con dei capezzoli scuri, eretti, grossi come ditali. La morde, glieli tormenta.
E dice... mentre continua a montarla.

-Uhmm... Dago che figa ha la nostra signora qui! Dentro... uhmm... sentissi come è prensile... te lo stringe sai? E’ una che sa usare la figa questa, fa presto a farti godere... senti come stringe! Sembra che abbia una manina... superba questa figa...!-

Dago si avvicina, guarda. Porta la bocca vicino all’orecchio del Principe.

-Vostra Grazia... ci stanno facendo fessi! Hanno due figlie... le hanno nascoste.-

Il Principe sta godendo ora... sono gli ultimi colpi, spinge dentro come un forsennato.

-Davvero? Troia di donna... per quello che sei così compiacente! E dove le nascondi questi tesori? Sono ancora vergini vero?-

Con un urlo... si svuota! La lascia... fa uscire il cazzo ancora grondante sborra.

-Scopala Dago.. scopala! Falle male... rompi il culo a questa puttana!-
-Vostra Grazia... preferirei carne giovane.. quella delle due figlie...-
-Hai ragione... portami qui quel traditore del marito e Dago... dagli una bella ripassata di calci a qual cornuto!-

Non era molto distante l’uomo dato che un istante dopo Dago lo trascina nella sala!

-Dove sono...?-

Urla il Principe Azzurro.

-Vi prego Vostra grazia... risparmiatele... sono vergini... illibate. Non sanno nulla di queste cose... prendete ancora mia moglie, prendetela nel culo... vi soddisferà!-

La donna allettata dalla cosa... annuisce fervidamente.

-Prendila tu... miserabile! Fai venire subito qui le due fanciulle o ti faccio impiccare al primo albero che trovo nel tuo giardino!-

L’uomo cede e poco dopo fa l’ingresso con le due vergini. Si stringono fra loro le due, timorose di quanto possa accadere loro?
Sono due delizie le fanciulle... bionde e rotondette.
Occhi spaventati?
Noooo... occhi curiosi.
Il Principe manda fuori i genitori e chiude la porta.

-Che tesori che vostro padre teneva nascosti e che belle tettine avete, e questo culo così sodo?-

Mentre con le mani accarezza quanto loda a voce.

-Belle belle... e siete vergini.. –
-Vostra Grazia... solo davanti per dire la verità... dietro no...-
-Senti senti... e chi ha l’accesso al vostro paradiso fra le belle chiappe che avete?-
-Nostro padre... Vostra Grazia. Dice che lo fa per alleviare i nostri tormenti e i suoi e così preserva la nostra vaginale verginità che doneremo al nostro promesso, ma stiamo soffrendo molto di questo sacrificio, abbiamo il fuoco dentro... sapete? Un fuoco senza possibilità di spegnimento...-
-Ho io il rimedio giusto per voi due... ecco guardate... ecco il rimedio...!-

Così dicendo mostra il grosso cazzo nuovamente duro. Scappellato e rivolto in su... potente.

-Su... già conoscete quello del vostro padre... avvicinatevi che non morde e toccate... menatelo...-

Senza più indugio le due gli si inginocchiano davanti e toccano... palpano... accarezzano... e...

-Vostra Grazia.. possiamo prenderlo in bocca? Leccarlo... ciucciarlo?-
-Non solo potete... ma dovete farlo...-

Mentre le due belle sono in ginocchio il principe denuda il loro seno. Che magnifiche mammelle! Giovani e sode! I capezzolini rivolti all’insù!
Dago fa per avvicinarsi, vuole toccare anche lui.

-Non ti permettere... miserabile plebeo! Stai al tuo posto... forse dopo potrai prenderti qualcosa...-

Dago si ritira contro la parete... si masturba piano brontolando sottovoce evitando di essere sentito.

-Si si... se non era per me... non le avresti queste bellezze! Ti auguro di non riuscire a sverginarle e di dover chiamare me... a farlo!-

Le due giocano con il nobile cazzo del Principe. Le loro bocche ingoiano a turno tutta la verga di carne. Le lingue saettano sull'asta... seguendo con la punta le grosse vene che sono in evidenza.

-Spogliatevi tutte... splendide puttanelle! Tutte e continuate... fatemelo diventare duro come ferro... così dopo possa avere in dono la vostra prima volta...!-

Le due eseguono.
Sono nude ora.
Che bello il corpo femminile! Quelle curve, quelle rotondità! Le forme aggraziate, come apprezza il Principe!

-Toccatevi... toccatevi con le vostre manine e fatemi assaggiare il vostro nettare... mettetemi poi le dita in bocca...-

Le due in ginocchio mentre continuano a ingoiare lo scettro di carne del Principe portano la mano fra le cosce... toccano... strofinano e poi mettono le dita nella bocca di lui.

-Uhmm... delizioso... ora mettetevi a terra e aprite le belle cosce... voglio ammirarvi come meritate!-

Mentre il Principe avvicina il viso alle cosce della prima fanciulla... lo lasciamo momentaneamente, sicuri che lo ritroveremo lì al nostro ritorno e andiamo a cercare la Regina...

Questo racconto di è stato letto 2 1 8 4 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.