Erotici Racconti

Secondo intermezzo

Scritto da , il 2018-02-13, genere trio

- Trova il modo di passare la notte fuori... -
Solo a sentire queste parole il mio cuore ha accelerato i suoi battiti, fino quasi ad arrivarmi in gola. Sapevo che quell'impegno di lavoro sarebbe stato il mio lasciapassare per il paradiso.

Una camera dove entreremo solo noi, solo il nostro mondo. Tutto il resto starà fuori dalla porta, almeno per una notte.
Sospiri, carezze, baci, penetrazioni, orgasmi. I nostri corpi che si abbandonano agli istinti e che godono di quelle attenzioni per giorni solo bramate. Tutto fra queste quattro mura racconta la nostra notte, tutto è complice del nostro piacere. Il mio odore si confonde con il tuo, i miei umori impregnano la tua pelle e il tuo seme mi bagna dentro quanto fuori.

È ormai notte fonda, quando stanchi ci facciamo una doccia e crolliamo addormentati una sull'altro.
Il risveglio mi trova nuda, tra le tue braccia, in un letto che non è il mio. Sono le nove del mattino e siamo ancora stanchi dalla nostra notte. Sentiamo bussare lievemente alla porta e ci giunge una voce femminile:
- Colazione, signori... -
Io resto pigramente sdraiata sul letto, mentre tu cerchi di corsa un asciugamano per coprirti i fianchi. Purtroppo ogni brandello di stoffa da bagno è impregnata dei nostri umori, così esclami: - Ma chissenefrega... E’ una donna, un pene l’avrà già visto... -
Socchiudi la porta e ti pieghi lateralmente con la testa per salutarla.
- Buongiorno signore, la sua colazione. -
- Entri... - le dici, aprendo la porta per consentirle di entrare con il tavolo a carrello apparecchiato. Ti vede nudo e guarda avanti imbarazzata. Una volta in camera vede nuda anche me, sul letto a pancia in giù e con la testa piegata sul fianco che la guardo.
Gonnellina nera sopra il ginocchio, camicetta bianca, scarpe basse e una specie di cuffietta con un nastro sulla testa: la classica divisa delle cameriere ai piani dei grandi alberghi. Magra, forse troppo per i nostri gusti, ma un bel seno... Giovane, trent'anni o poco più. Vai a richiudere la porta e raggiungi il tavolo, la cameriera saluta e fa per tornare verso la porta.
- Un attimo - le dici, poi sollevi le due campane che coprono le nostre colazioni: c'è tutto... Ci basta uno sguardo per capirci in un istante. Mi alzo dal letto e vado verso di lei prendendole la mano, la porto a bordo letto e mi siedo, con lei in piedi davanti a me. Il suo imbarazzo è palpabile, ma la sua curiosità pure, infatti notiamo i capezzoli farsi di marmo sotto la camicetta. Se ne accorge ed arrossisce sperando che non sia troppo evidente. Sposti la poltrona e la inclini nella nostra direzione, poi ti ci siedi sopra e ci guardi. Comodo più che se fossi al cinema. Senza una parola inizio a sbottonarle la camicetta. Lei non sa più dove guardare, ma sta vivendo la situazione più eccitante della sua vita. Le mie mani dentro la sua camicetta, sulle spalle per sfilargliela all’indietro. Cade per terra. Il suo bacino è all’altezza della mia bocca. Le sfilo di dosso anche la gonna, che cade anch'essa ai suoi piedi. Indossa un completino tutt'altro che sexy, del resto é una donna normale, non una vamp da telefilm. Esattamente ciò che piace a noi. Si accorge che il suo intimo non è adatto a quella situazione, ma tanto, più imbarazzata di così non potrebbe comunque essere... Le sfilo gli slip e le tolgo il reggiseno. Ora é nuda davanti a me, solo con la cuffietta in testa.
- Passa - ti dico.
Ti alzi e da sopra il tavolo prendi la confezione mono porzione del burro, fai tre passi verso di me, la apri e me la passi.
- Sul letto… - sussurro. Lei non capisce a chi mi rivolgo.
- Sdraiati a pancia in su... - Capisce allora che parlo con lei.
- Sì, signora - risponde con un filo di voce, e mi obbedisce. Mi avvicino a lei sul letto, a quattro zampe, come una pantera. Lei è paralizzata dall’eccitazione. Comincio a passarle il panetto di burro sulla pelle. Prima il seno, i suoi capezzoli sono due punteruoli, nella stanza si sente solo il respiro affannoso di lei. Ha il cuore che le palpita in gola. I nostri sguardi compiaciuti si incrociano appena possono, mentre la massaggio con il burro facendo lenti movimenti circolari. Scendo sulla pancia, sui fianchi, sulle cosce, fino a qualche centimetro sopra il pube. Il panetto passando sul suo corpo si assottiglia sempre di più. L’ultima parte è per il monte di venere: glielo massaggio con movimenti che partono da sotto l’ombelico per terminare fra le gambe, sulla figa leggermente coperta di peluria. La sua pelle è liscia e perfettamente spalmata. I suoi sospiri ai miei massaggi sono sempre più forti. Gioco con la sua pelle, poi mi pulisco la mano leccandomi le dita ed il palmo. Ti guardo per cercare il tuo compiacimento e capisco di avercelo in pieno. Il tuo sguardo mi ordina di prendere dell'altro burro. Mi alzo da letto, lo prendo dal tavolo e vengo da te. Lo apro e te lo do in mano. La cameriera non si perde un istante della scena. Da seduto sulla poltrona apri le gambe per consentirmi di avvicinarmi di più. Mi accosto senza parlare. Vedi la cameriera che guardandoci comincia a toccarsi, strofinando le cosce socchiuse fra loro e massaggiandosi il clitoride. L’eccitazione di tutti è palpabile. Inizi a spalmarmi il burro partendo dal ventre, mentre lo fai le mie mani si accarezzano i capezzoli. Piego lentamente la testa all’indietro… Dopo il ventre, i fianchi, poi la figa. Movimenti dolci che mi fanno accapponare la pelle. Ora sui capezzoli ci sono le tue di mani. Le mie si posano sulle tue spalle mentre finisci di spalmarmi il burro sul seno. Tutta imburrata mi siedo a cavalcioni su di te. Il mio corpo scivola volutamente sul tuo, quasi a voler spalmare anche te. Lo scivolamento è eccitante. La cameriera guarda e si tocca. Mi stringi forte e le mie tette si schiacciano sul tuo petto. Ci uniamo in un bacio umido, intenso. La saliva ci cola dalle labbra. Le tue mani scivolano dalla mia schiena fin sotto il sedere. Mi apri i glutei e me li sollevi adagiandomi sopra di te. Lentamente sprofondi dentro di me. Un sospiro di piacere. Due con il tuo...
Campasse cent anni un’altra scena così alla cameriera non capiterà mai più. Sta impazzendo di piacere anche lei. L’imbarazzo neppure lo ricorda più. Si alza e mentre noi continuiamo a scopare viene a fianco della nostra poltrona. Continua a toccarsi, in piedi di fianco a noi, sperando di essere coinvolta in qualcosa d’altro. Io continuo a cavalcarti.
Ci sciogliamo un attimo dal nostro abbraccio, consentendole di unirsi a noi. Ora l’abbraccio è a tre. Lei continua a masturbarsi mentre la abbracciamo. La mia mano sinistra le accarezza la schiena, la tua destra scivola fin sotto al suo sedere e comincia a stuzzicarle i buchi. Appena le tocchi la figa ti accorgi che sta grondando, i suoi umori filano bagnandoti le dita. Mugola sotto voce dicendo forse anche qualcosa che non capiamo… Il tuo dito le entra in culo e lei allarga le gambe per agevolarti. Io continuo a muovermi sul tuo cazzo. I miei seni prorompenti ti scivolano addosso. Lei continua a mugolare, chiedendo senza più nessuna remora di essere scopata pure lei.
- Sto già scopando - le dici. - Sto scopando la mia femmina... - Vuoi che capisca che il suo compito è solo di contorno. Tuttavia insiste: vuole il tuo cazzo anche lei, del resto non se lo perdonerebbe mai di ricordarsi di una giornata di lavoro come questa, senza neppure aver sentito quel cazzo dentro di sé. Allora mi alzo e la sposto faccia al muro, getto per terra una sedia e libero la scrivania. La piego a novanta gradi e con lo sguardo ti invito a prenderla. Ora le parti si sono invertite: io in piedi a masturbarmi e lei padrona della scena in attesa del tuo cazzo, cazzo che subito arriva. La penetri da dietro e mentre ti spingi in lei mi guardi. Io continuo a masturbarmi, intanto che la ascolto gridare di piacere. Siamo tutti eccitati, siamo complici io e te… e mentre la stantuffi i tuoi occhi mi gratificano. È come se scopando lei, stessi prendendo me. Veniamo tutti quasi assieme. Lei si lascia cadere per terra, sfinita. Io e te andiamo in bagno per una doccia. Poi togliamo il lenzuolo e torniamo a letto.
Dopo l’orgasmo la cameriera torna a sentirsi fuori luogo e a disagio. Siamo sul letto abbracciati che la guardiamo come niente fosse. Lei è ancora a terra, tutta imbrattata. Ho la testa sul tuo petto e mi accarezzi i capelli. Lei è sconvolta dalla normalità con la quale viviamo la situazione. Si alza e va in bagno, sentiamo che fa la doccia. Quando riappare viene verso il letto e si riveste. Nessuno dice nulla, tranne lei: - Allora vado… Se non serve altro… - Io e te ci guardiamo in silenzio. Si avvia verso la porta.
- Anna… -
- Prego? -
- Il mio nome è Anna. Se avete bisogno di altro chiedete di me. -
Ti alzi, frughi nelle tasche dei tuoi pantaloni, ti avvicini a lei e dandole la mano le passi dieci euro di mancia.
- Grazie, Anna, chiederemo senz'altro di lei per le prossime volte... -

Questo racconto di è stato letto 1 6 0 1 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.