Erotici Racconti

Intermezzo

Scritto da , il 2018-02-11, genere etero

La maggior parte delle persone pensano che il buio appiattisca tutto, offuschi; ma non se lo si sa usare. Se lo si sa usare il buio diventa complice. La privazione di un senso amplifica gli altri, il cuore batte, il corpo freme.

Il letto dove sono coricata è lo stesso che mi ha sentita godere altre mille volte. Ma oggi no, stanotte non posso gemere.
Chi mi dorme accanto neppure lo sa che non porto biancheria. Non lo sa perché questo dono non è per lui. Il Padrone delle mie voglie ormai è un altro uomo. Il freddo della notte non è sufficiente a placare il calore che mi sento bruciare addosso. Ora di letto vorrei il tuo: lenzuola di lino, luce tenue, tu seduto ad aspettarmi. Entrando intravedo la tua figura sul letto. Non una parola, non servirebbe. Il silenzio dei nostri gesti nella penombra dice già tutto. Mi siedo accanto a te. Il tuo odore, il mio, la prima volta che ci inebria.

Forte, fortissimo.
Erotico.
I gesti lenti.
Gli sguardi.
Il desiderio di noi.

Il mio viso lento sul tuo collo a sfiorare la tua guancia. Seguo le tue linee. Ti sto entrando dentro, posso quasi sentire il sangue che ti pompa nelle vene.
Ho voglia, le labbra si cercano per la prima volta.
Hai voglia, due sconosciuti che sanno una dell'altro più di quanto sanno di noi persone che ci conoscono da sempre.
É ancora presto per le mani, é un gioco di labbra, umide, di lingue che si cercano, che ci esplorano dentro.

Intensità.

Questo voglio adesso, voglio te.

Ti alzi, mi prendi per mano, facciamo alcuni passi lenti fino ad arrivare al centro della stanza e poi scivoli via. Io resto in piedi dove mi hai lasciata. Sei alle mie spalle, sento i tuoi passi che lenti mi girano attorno; mi sento i tuoi occhi ovunque. Sono scalza, con solo la camicia da notte addosso. Sento le tue mani su di me per la per la prima volta, si posano sulle mie spalle, per poi scivolare lente lungo le braccia. Brividi per il primo contatto. Da dietro sposti i miei capelli da un lato, scoprendomi il collo e l'orecchio, il tuo viso si china, senti il mio odore e io il tuo. Il tuo fiato mi solletica il collo.
Ancora nessuna una parola.
Sento la seta che mi scivola sul viso, sono le tue mani a passarmela sugli occhi. Ascolti il mio respiro affannoso, eccitato. Ora sono bendata...
Il tatto, l'olfatto, l'udito... Ogni cosa, ogni dettaglio, ha un sapore nuovo, ed é incredibilmente eccitante. Sono bendata, bendata e alla mercé di un uomo mai visto, ma che conosce i miei istinti e i miei desideri come nessuno. Sono momenti carichi di erotismo.
Le tue mani proseguono, sono sulla mia camicia da notte, me la sfili e cade ai miei piedi. Adesso sono completamente nuda. Niente slip, come mi avevi chiesto, come faccio da giorni, ogni volta che posso. Sento che resti qualche istante a guardare le mie forme, ad esplorare il mio corpo, ma sono incredibilmente a mio agio, nonostante il momento così intimo.
Un attimo dopo perdo nuovamente il contatto con te. Stavolta non sento passi, nessun rumore alle mie spalle; dopo solo un fruscio, come se stessi scartando qualcosa e poi della carta cadere a terra. Mi prendi una gamba e me la fai sollevare, mi infili qualcosa, subito dopo l'altra gamba e qualcosa anche per essa: sono slip. Non volevi che indossassi i miei per mettermi quelli presi da te? Non mi chiedo che senso abbia, trovo solo che essere vestita sia eccitante almeno quanto essere spogliata. Mi prendi nuovamente per mano e facciamo altri due passi per raggiungere nuovamente il letto, mi ci fai adagiare sopra e ti chini su di me.
Ad ogni tuo gesto corrisponde un mio sospiro... La tua lingua sul mio capezzolo, sento la tua saliva bagnarmelo. È turgido, i denti delicatamente si alternano alla lingua.
Provo un piacere unico nel concedermi a te, é un piacere che faticherei a descrivere da tanto che é pieno ed appagante.
Una scia di saliva raggiunge l'altro capezzolo, la tua bocca lo mordicchia, ci gioca, lo lecca, lo succhia. La scia prosegue sul mio ventre, disegna i contorni dell'ombelico e la lingua che ci si perde dentro. La mia carne freme di desiderio. Il mio istinto vuole il tuo sesso dentro di me, vuole sentirlo riempirmi il ventre, tutto, fino a provare dolore dal piacere. Ma ora è presto, é ancora il tuo gioco. La tua lingua scende fino sul pube, sento la tua testa fra le mie gambe, il tuo fiato sugli slip. Sono completamente abbandonata a te, concedendomi ciecamente. Ogni contatto con la tua pelle, con la tua lingua, è un'esplosione di sensi. Senti l'odore della mia figa, sono fradicia di umori e ho già inondato gli slip che mi hai appena messo. Le tue dita seguono lo spacco bagnato, con la mano sinistra scosti lo slip, poi anche la tua mano destra arriva sugli slip e all'improvviso me li strappi di dosso con un gesto deciso. Istintivamente adagio la testa all'indietro sul cuscino e chiudo le cosce sulla tua testa per sentirti lì in mezzo. Ho un orgasmo fortissimo, le contrazioni mi fanno muovere a scatti e i gemiti di prima ora sono urla incontrollate di piacere intenso...

La notte é ancora lunga, il mio sapore ora non ti basta più, ora vuoi scoparmi, entrarmi dentro con tanta irruenza da togliermi il fiato...

Prendimi...

La mia é una richiesta muta, fatta di baci famelici e di carezze bramose. Il mio bacino ondeggia sotto di te, invitante, con una foga che é difficile da domare. É un delirio dei sensi, situazioni che abbiamo già vissuto migliaia di volte, ma che stanotte hanno tutto un altro sapore.
Un richiamo atavico... Voglio essere tua...
Un'unica e forte spinta e sei dentro di me, prepotentemente. É un piacere così grande e così a lungo atteso, che toglie il fiato. Dicono che nella vita non conta il numero dei respiri, ma i momenti che il respiro te lo tolgono, e questo e uno di quei momenti.
Ti muovi deciso sopra di me, come solo tu sai fare, come solo tu sai che mi piace. Il tuo cazzo mi riempie ed é una sensazione di completezza unica. Stringo le mie gambe attorno ai tuoi fianchi e le mie mani sulla tua schiena, finalmente siamo fusi in una cosa sola.
Movimenti frenetici, convulsi, incontrollati, ma che hanno una loro armonia: il ritmo della nostra passione. Sempre di più, sempre più forte, come quasi a volerci morire in questo abbraccio, come la "Petite Morte" di cui parlano i poeti francesi... Ed é così che anche noi veniamo travolti da quest'onda di piacere. Grida, gemiti, mani strette, unghie nella carne. Corpi sudati e stanchi, il tuo seme che sgorga caldo dentro di me. Sempre più indelebile in me, come un tatuaggio sulla pelle.

Questo racconto di è stato letto 1 2 3 3 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.