Erotici Racconti

La lettera

Scritto da , il 2018-02-08, genere masturbazione

Ho deciso di raccontare la mia storia, una storia come credo tante altre, ma che ovviamente quando é vissuta sulla propria pelle sembra sempre avere qualcosa di speciale.

Ero una ragazza tranquillissima, con una bella casa, un compagno, tanti amici e un buon lavoro. La mia esistenza scorreva placida, ed ero sostanzialmente felice. Con il senno di poi avrei dovuto immaginare che non poteva essere tutto lì e che quella vocina che ogni tanto sentivo dentro, insieme quel senso di vuoto che a volte mi serrava lo stomaco, prima o poi avrebbero richiesto una seria attenzione. Andai avanti ignorando questi segnali, fino a che il mio mondo interiore andò in pezzi quando ricevetti "la lettera". Anche il mio mondo esteriore mostrò le prime crepe, perché ero io che impercettibilmente stavo già cambiando.
La lettera arrivò alla mia posta elettronica da un indirizzo mail chiaramente fittizio e diceva così:

Cara Puttana,
voglio che tu sia mia, non tanto per possedere la tua carne, ma per possedere la tua volontà. Una Puttana è colei che per esigenza o utilità vende la sua persona ad un'altra, che per proprio piacere ne dispone in cambio di un prezzo. E cosa c'è di più personale da vendere se non la propria volontà di autodeterminarsi?
Quello che ti offro io è la gioia di poter abdicare alla tua immagine esteriore, per soddisfare sempre più la tua identità interiore e celata.
Come una Puttana tu rinunci alla tua dignità, che in questo caso non è sociale, ma intima, perché denuda e smaschera non la tua apparenza di signorina per bene, ma la tua volontà di conformarti a questa apparenza. Dovrai quindi rinunciare a opporre barriere, renderti passiva e pronta a esaudire le mie voglie, che sono le tue, perché il mio vincere è il tuo gioire. Se cederai a me, ti riavvicinerai a te stessa, questo è il grande vantaggio, la pecunia che guadagni nel venderti a me.

Inizialmente non diedi importanza alla cosa e pensai che il mittente avesse sbagliato indirizzo. Però era come un tarlo che non mi dava tregua. Iniziai a guardarmi intorno con occhi diversi, chiedendomi se fosse opera di qualche collega d'ufficio, o di qualche uomo che incontravo abitualmente durante il giorno. Arrossivo imbarazzata quando incrociavo lo sguardo di qualche uomo che mi fissava per un attimo in più del necessario, ma allo stesso tempo mi sentivo sempre eccitata e gratificata, persa in un turbine di emozioni che non mi capitava di provare da molto tempo. Sentivo il desiderio colarmi liquido tra le cosce, soprattutto durante le ore di lavoro, visto che i miei colleghi erano praticamente tutti uomini. Mi vergognavo di me stessa, ma la mia eccitazione cresceva a dismisura, pensando che il "colpevole" fosse tra loro. Un giorno in cui ero particolarmente turbata per aver riletto per la millesima volta la lettera, mi rifugiai in bagno, mossa stupida, perché se il mittente era veramente in ufficio mi avrebbe vista e avrebbe goduto del mio turbamento. Ormai era come avere due occhi incollati addosso, che non mi abbandonavano mai. Nemmeno mentre mi guardavo allo specchio, col volto arrossato e le pupille dilatate dal desiderio. Presa dalla frenesia, mi slacciai la camicetta, il seno palpitava sotto la stoffa del reggiseno, mi accarezzai i capezzoli, sentendoli turgidi e sensibili. Abbassai il pizzo che ancora mi divideva da essi e presi a torturarli con frenesia, senza mai staccare lo sguardo dallo specchio, che ora mi trasmetteva l'immagine di una giovane donna vogliosa e lussuriosa. Ma volevo ancora di più...
Mi alzai la gonna fino ai fianchi, accarezzai il tessuto ormai ebbro di umori degli slip e fui scossa da un brivido. Abbassai il triangolo di stoffa sulle cosce e iniziai ad accarezzarmi fra le gambe. Mi appoggiai al muro con il busto, mi piaceva la sensazione del granito freddo contro i capezzoli, immaginai di essere presa da dietro dall'uomo misterioso, mentre la mia mano continuava ad aumentare il ritmo delle carezze, fino ad arrivare a scoparmi con tre dita, sempre continuando a sfregare il clitoride con il pollice. Sentii l'orgasmo arrivare impetuoso, prepotente e dovetti farmi violenza per non urlare.
Rimasi senza fiato, ma il lavoro mi aspettava, solo qualche attimo per mettermi in ordine e via. Mi leccai furtivamente le dita e tornai impassibile alla mia scrivania, sulle labbra il sorriso di chi ha appena trasgredito le regole.
Ora non mi restava che decidere se rispondere alla mail e dare il via al gioco o ritornare nei ranghi.

Questo racconto di è stato letto 1 9 3 2 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.