Erotici Racconti

Segni particolari: irresistibile e infedele

Scritto da , il 2018-02-14, genere tradimenti

Ho sempre pensato che alcuni uomini avessero una vera e propria calamita per attirare le donne, qualcosa di misterioso nello sguardo e di magnetico nell'atteggiamento tale da renderli assolutamente irresistibili. Ne ho avuta la conferma quando Giacomo é arrivato nello sperduto borgo di campagna in cui vivo, scombussolando gli ormoni di tutto il genere femminile e quindi anche i miei.
Off limits per tutte poiché sposato da poco, per me lo era doppiamente, in quanto cugina e testimone di nozze di sua moglie. Questo mi dava dei vantaggi rispetto alle altre fanciulle, visto che potevo passarci molto tempo insieme e godere della sua piacevolissima compagnia; inoltre potevo "studiarlo" e accorgermi di come infrangeva cuori insieme al sacro vincolo della fedeltà coniugale. Insomma, non era uno stinco di santo, ma questo e il pensiero che il matrimonio di mia cugina fosse iniziato sotto i peggiori auspici, non ci impedì di diventare amici. Era un'amicizia strana, lui sapeva di avere su di me un certo ascendente e lo esercitava in ogni occasione. Il suo sguardo mi turbava e ogni volta che i suoi occhi si fissavano nei miei, ci restavano per un tempo interminabile, tanto che ero sempre io a cedere e abbassarli per prima arrossendo, con il timore che potesse leggerci più del consentito. Mi eccitava con il suo gergo colorito, così diverso dal mio e lui si divertiva a eccitarmi e imbarazzarmi.
Nonostante questo mi sentivo abbastanza al sicuro, sapevo di non essere una ragazza irresistibile e pensavo che tenesse di più al bel rapporto di scherzosa amicizia, che alla sua fama di sciupafemmine. Ho sempre peccato d’ingenuità con lui, e sottovalutarlo é stato il mio errore più grande, un errore che con il senno di poi ripeterei altre cento volte.
Qualche sera fa, mentre ero intenta a lavare i piatti, sento la porta d'ingresso aprirsi e quando mi giro lui é già in cucina. Non lo aspettavo naturalmente e l'effetto sorpresa mi gioca un brutto scherzo: i miei capezzoli s’inturgidiscono all'istante alla sua vista, diventando ben visibili sotto il sottile vestitino che indosso in libertà, senza nemmeno l'intimo addosso. Lui se ne accorge ovviamente, io arrossisco, ma lui continua a indugiare con lo sguardo sul mio seno, e poi più giù sulle mie cosce troppo grosse, che ho sempre odiato. Penso che dopo aver visto il mio fisico tutt'altro che perfetto gli passi la voglia, se di voglia si tratta. Lui, abituato ad avere le donne più belle, non può davvero guardarmi così perché mi desidera. Sicuramente ho frainteso. Questo pensiero mi fa riacquistare un po' di padronanza di me, tanto da chiedergli se vuole bere un aperitivo. Lui mi risponde che se non si può avere altro si accontenterà di quello. Mentre gli giro le spalle per prendere i bicchieri sento che si toglie la felpa, dicendomi che fa caldo e che capisce perché sto mezza nuda in casa. Mi metto a ridere per sdrammatizzare, stappando la bottiglia di vino, ma mi esce un suono gutturale e nervoso, niente a che vedere con una risata. In realtà penso a quanto gli dona quella t-shirt bianca. Lo invito a sedersi e gli passo il bicchiere, poi gli do di nuovo le spalle per prendere qualcosa da sgranocchiare con il vino. É in quel momento che sento il suo profumo vicino, troppo vicino. Prima di poter fare qualsiasi cosa sento il suo corpo contro al mio, la sua bocca sulla mia nuca mentre gli sussurro di smettere, le sue mani sul mio seno mentre gli dico che non possiamo, la sua erezione contro il mio sedere mentre gli dico che non voglio. Giacomo a queste parole resta immobile per qualche istante, poi si stacca da me. Mi sembra di precipitare nel vuoto senza il calore del suo corpo addosso. Mi gira e mi dice:
- Sei sicura che non vuoi? I tuoi occhi e il tuo corpo mi dicono altro... ma devi dirmi di sì, voglio che lo dica che mi vuoi anche tu. -
Ecco il momento più temuto: la presa di coscienza, la consapevolezza. E' facile tradire i propri principi sotto l'effetto di alcool o di droghe, è facile usare il risentimento o la sete di vendetta per un torto subìto. Ma così è difficile. Mi sta chiedendo di sbagliare con lui, sapendo di sbagliare, ma di farlo consapevolmente. Niente recriminazioni, niente pentimenti, niente illusioni. Qualcosa dentro di me si ribella, una vocina lontana mi sussurra che sto facendo una cazzata, ma una volta tanto ignoro quel grillo parlante mandato dalla mia coscienza e gli dico arrossendo:
- Sì Giacomo, ti voglio come non ho mai voluto nessuno. -
E' quello che si aspetta, lo so dal suo sguardo trionfante, mentre ricomincia a baciarmi, proprio un attimo prima che io chiuda gli occhi e smetta di pensare al fatto che lui fa così con tutte ed io sarò solo l'ennesima tacca sulla sua cintura. Gli tolgo la maglietta, voglio sentire la sua pelle contro la mia. Mi ubriaco del suo profumo, del suo sapore, baciandogli il collo, le spalle, il torace. Gli devo sembrare una bambina con un grosso lecca lecca, perché mi guarda con un'espressione stupita e a tratti divertita. Li sento i suoi occhi penetranti su di me, anche se i miei restano spesso chiusi. Non ho bisogno di vedere, mi basta sentire. Sentire questa eccitazione che brucia. Lo prendo per mano e lo porto verso la mia stanza da letto. Mi sfila il vestitino e mi fa sedere. Io gli slaccio i jeans, glieli sfilo insieme agli slip. Il suo membro svetta davanti al mio viso, lo accarezzo e Giacomo è attraversato da un brivido. Mi fa coricare sul letto e si dedica completamente a me, schiavo del mio piacere. Mi bacia il seno, succhiandomi i capezzoli, dice che se le sogna anche di notte le mie "tette". Gli accarezzo i capelli, la schiena; le mani non sanno dove vagare su tanta bellezza. Lui continua il suo cammino, mordicchiandomi la pancia, insinuando la lingua nell'ombelico, passando poi all'interno coscia. Sto impazzendo, desidero i suoi baci al centro della mia femminilità, ma lui gioca con me e quando sente che non sto più nella pelle vuole che gli dica dove desidero essere baciata. Lo prenderei a schiaffi, mi mordo le labbra dicendogli che lo sa benissimo, anche se ovviamente non gli basta. Continua a torturarmi leccandomi l'inguine e le cosce, so che potrebbe continuare all'infinito o almeno fino a quando non si sentirà dire ciò che desidera:
- Ti prego, succhiami fra le gambe... -
accenno.
Scuote la testa posando la bocca sul monte di venere.
- Sei troppo pudica, ti voglio più sfrontata, insomma più "troia". -
I suoi occhi implorano almeno quanto i miei, ma per un motivo diametralmente opposto. Come sempre con lui, sono io a cedere, in fondo sa che il gioco mi piace:
- Succhiami la figa, fammi godere. -
Mi sorride e non mi fa aspettare oltre. Sa perfettamente come fare impazzire una donna, ma su questo non ho mai avuto dubbi. Alzo la testa per guardarlo e imprimermi nella mente la scena del suo capo affondato fra le mie gambe, sarà un'immagine che mi farà compagnia nelle notti solitarie per molti mesi a venire. L'erotismo di ciò che vedo unito al piacere che provo mi portano inarrestabilmente all'orgasmo, lo grido, stringendogli la testa fra le mani. Risale verso di me, sento il sapore del mio piacere quando ricomincia a baciarmi, la sua lingua penetra la mia bocca con voluttà, quasi a indicarmi il passo successivo. Ho abbastanza sfrontatezza ora da anticipare la sua domanda:
- Voglio scoparti adesso, voglio sentirti dentro di me -
gli dico, scivolando sopra di lui.
Veramente vorrei essere ancor più troia e dirgli che voglio farlo godere anch'io con la bocca, ma mi giocherò questa carta la prossima volta. In un attimo di lucidità capisco che mi sto già illudendo. Rimando le disamine a quando lui se ne sarà andato e ritorno con la mente al presente, ovvero al suo membro che mi penetra, riempiendomi a meraviglia. Lo guardo negli occhi ora e inizio a muovermi lentamente su di lui. Le sue mani percorrono il mio corpo, mi stringono il sedere troppo abbondante. Giacomo, in un rigurgito di dolcezza, mi confessa che le mie forme gli piacciono davvero. Riesce a farmi arrossire ancora, ma è solo un attimo:
- Dai, scopami forte - Dice
e i miei movimenti si fanno più decisi. Mi prende un capezzolo tra i denti, é vorace ora. Sono eccitata oltre ogni limite, sta diventando una battaglia tra di noi e ognuno cerca di trarre il massimo piacere dall'altro. Ormai ci muoviamo frenetici, incontrollati. Vorrei che questo momento durasse di più, ma sento che volge all'apice e di conseguenza si avvicina alla fine. É lui che esplode per primo, piantandomi le unghie nella schiena e con un'ultima forte spinta fa godere anche me. Gridiamo insieme, mentre il suo seme sgorga dentro me.
Dopo arriva la resa, mi lascia riposare qualche minuto sul suo petto, abbracciandomi e prendendomi un po' in giro; non così tanto da creare un'intimità, ma è davvero piacevole, troppo piacevole. M’impongo di non dire nulla che suonerebbe ridicolo, anche se dentro le mie emozioni stanno gridando. Lo guardo rivestirsi, mi metto l'accappatoio e lo accompagno fuori. Prende la chiave della porta dal mio portachiavi chiedendomi se ne ho una di scorta, gli rispondo di sì e mentre mi sorride beffardo mi dice:
- Questa la tengo io, sento che mi darai grandi soddisfazioni... E ricordati di chiudere sempre a chiave, non come stasera. -
Facendomi l'occhiolino se ne va.

Questo racconto di è stato letto 3 3 4 7 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.