Erotici Racconti

Paola - Mamma e donna - 2

Scritto da , il 2018-01-12, genere incesti

Sabato mattina, dopo la cena con mia madre (vedi racconto precedente) e tutto quello che ne era conseguito, mi sveglio di buon’ora, non ho dormito molto.
La giornata scorre in modo strano, con un tourbillon di sensazioni, ricordi, flash di istanti, l’eccitazione che riaffiora costantemente, la domanda che ogni tanto affiora sul fatto che sia accaduto davvero o mi sia sognato tutto.
Avrei la tentazione di chiamarla, ma ho come timore di rompere un incanto e lascio che sia lei a farlo, come peraltro fa sempre, quasi quotidianamente. Ma oggi non accade.
Domenica mattina, dopo essere uscito con due amici e rientrato abbastanza tardi, nel dormiveglia, sento la porta principale che si apre, penso ad un blitz di Alessia, la mia compagna con cui siamo in crisi, da Verona per chissà quale motivo, sento la porta della camera schiudersi e nella semioscurità vedo una figura femminile, ma non è Alessia, è mia madre Paola che mi dice “sei sveglio? Tuo padre è andato a pescare e noi dobbiamo parlare, ti aspetto in cucina”. Era entrata con la chiave che tiene lei per qualsiasi necessità e che usa talvolta per venire a darmi una rassettata, specialmente da quando Alessia è a casa dei suoi.
Mi alzo, dormendo con i soli boxer, infilo una maglia a maniche corte ed un pantalone di una tuta. Lei è in cucina, sta preparando il caffè. Indossa un vestitino di maglia elasticizzato beige chiaro, che mette in risalto le sue curve femminili, sempre abbastanza snelle, ma un po’ ammorbidite dall’età e dalla menopausa. Stivali scamosciati marrone chiaro e calze nature. Capelli sempre curati, probabilmente ieri è tornata a darsi una risistemata, dopo che la sera erano stati un po’ strapazzati. Il viso tirato, non accenna un sorriso, ma è bellissima comunque.
io – "ciao mamma…'
lei – "ciao Marco, aspetta che ti passo il caffè…"
Mi siedo al tavolo, lei me lo porge, ha uno sguardo serio, tirato. Lo bevo restando seduto, mentre lei fa altrettanto restando in piedi, appoggiata al piano della cucina. Finito entrambi, un attimo di silenzio, che lei con voce seria, impostata forzatamente rompe dicendomi “venerdì abbiamo fatto una grande cazzata, un errore che non doveva succedere… ci siamo fatti trascinare dall’euforia della serata e soprattutto dal vino, ma quello che abbiamo fatto è palesemente sbagliato, non dovrà mai trapelare e, soprattutto, non dovrà più accadere…”
Non replico subito, restando seduto, la guardo tutta, dapprima in volto cercando di cogliere le sue espressioni, poi senza dissimulare guardo il suo corpo, gusto i particolari messi in risalto da quel suo look. Lei se ne accorge, arrossisce e distoglie lo sguardo imbarazzata.
Mi alzo, vado davanti a lei, con le mani poggiate sulla cucina vicino ai suoi fianchi e le dico “Mamma, per me non abbiamo fatto niente di sbagliato, in quei momenti eravamo un uomo ed una donna che si desideravano, magari il vino può aver aiutato a rompere gli indugi, ma io ero consapevole di quello che stavo facendo, lo volevo, anche perché quella donna io la desideravo da anni…”
Lei – “smettila!! Non dire queste cose, sono assurdità!!!”
Io – “sarebbe stata un’assurdità non lasciarsi andare a soddisfare i nostri desideri…” e mentre lo dico mi avvicino ancora di più a lei, appoggiando il mio pube dove l’erezione è già palese sul suo ventre…
Lei poggia le mani sul mio petto e prova a spingermi via “smettila Marco, sto parlando seriamente, allontanati per favore”. Non può neanche scostarsi lei, perché chiusa dal mio corpo davanti a lei e dalle mie mani ai suoi lati. Mani che le stanno carezzando i fianchi. Con il volto mi avvicino e cerco di baciarla, ma lei volta il viso, allora la bacio sul collo, sulle guance, insinuandomi con le gambe in mezzo alle sue, facendole allargare, le sussurro “e sai una cosa? Ti desidero da morire ancora, anche adesso...”
Lei – “no dai, fermati, quel che è successo ormai è andato, ma fermiamoci qui e scordiamo tutto…”
Io – “mamma non potrò mai scordare un solo istante di quello che è successo”
Con le mani scendo carezzandola sui suoi fianchi sopra il vestito, sento che oggi, a differenza di venerdì non indossa le autoreggenti, ma dei collant. Lei cerca di fermarle, ma non vi riesce, scendo fino al bordo del vestito e poi sotto di esso. Con la mano sinistra salgo carezzando la sua coscia destra sull’esterno e sopra di essa, con la destra carezzo dapprima la sua coscia sinistra e poi in mezzo ad esse, con lei che sta ancora cercando di allontanarmi “Smettila ti prego, non sono più una ragazzina, non posso fare certe cose”.
“Si, non sei più una ragazzina, sei una donna matura di 58 anni, ma con una carica di sensualità che tante ragazzine si sognano e con un desiderio che è tutt’altro che sopito, non hai certo raggiunto la pace dei sensi”.
Adesso la carezzo sopra la sua intimità, anche attraverso i collant posso sentire le sue mutandine bagnate e le sussurro “le tue mutandine parlano per te, dicono cosa vuoi veramente”. Ma lei non si lascia andare, alternando toni di implorazione ad altri seri e duri, continua a dirmi di smettere, di lasciarla.
Il mio membro duro preme sulla sua coscia, abbasso i pantaloni ed i boxer e tenendo sollevato il vestito, lo faccio strusciare sulle sue cosce coperte dalle calze, mentre non smetto di palpare la sua figa, che nonostante quello che dice, si bagna sempre di più. Cerco nuovamente di baciarla e quasi ce la faccio, ma dopo averle appena lambito le labbra, gira nuovamente la testa. Con la mano destra poggio il membro sopra la sua figa, separata solo da collant e mutandine e lo strofino, mentre con l’altra le tengo ferma la testa e cerco ancora di baciarla, con le labbra sulle sue, con la lingua che cerca di farsi strada, sento che sta per cedere, sento la sua bocca schiudersi ed unirsi alla mia, con le nostre lingue che si intrecciano. Mi dice sempre meno convinta “fermiamoci, dai…”
Ma con entrambe le mani libere, tiro i collant e li strappo proprio all’altezza delle mutandine, che scosto di lato e con le dita entro dentro di lei, in quel lago che adesso è diventata la sua figa e le muovo. Lei ansima, trema, emette dei vagiti. Strofino nuovamente il membro facendone entrare la punta dentro di lei.
Poi scendo lentamente, senza smettere di baciarla, fino ad inginocchiarmi. Tenendo sollevato il vestito, scosto di lato le mutandine, indossa dellr brasiliane bianche di pizzo (ha sempre avuto un gran gusto).La mia bocca si poggia sopra la sua figa e la lingua si intrufola dentro di lei, tra le labbra e si muove frenetica, sento il suo succo che cola copioso, le sue mani adesso non mi respingono più, ma tengono la mia testa incollata al suo ventre, le titillo il clitoride tenendolo serrato tra le mie labbra e lei esplode in un orgasmo intenso, riversando tutto il suo succo, che bevo avidamente.
Mi alzo e la bacio, con il suo sapore sulle labbra, appoggio nuovamente il membro sulla sua intimità, le sollevo una gamba e chinandomi leggermente, spingo, entrando dentro di lei fino in cima e mi muovo, facendola sobbalzare ad ogni spinta. Lei attaccata al mio collo solleva entrambe le gambe e le serra intorno ai miei fianchi rimanendo appoggiata con il culo sul bordo del piano della cucina. Spinte poderose, come animali, in preda al demone della lussuria. Mi sussurra “sei un bastardo” ed io “si, mi hai fatto tu”…
Senza staccarci, la sollevo e la faccio poggiare con la schiena sul tavolo, tenendo le sue gambe con ancora indosso i collant e gli stivali, poggiate sulle mie spalle e spingo, spingo, spingo, facendola sobbalzare ed ansimare di piacere. Poi lei mi fa “prendimi da dietro”… Esco, lei si solleva e rimane in piedi appoggiata con i gomiti sul tavolo, con il vestito che è ridisceso. Mi chino e le sfilo le mutandine, lo sollevo e mi allontano per guardarla. Così appoggiata con le cosce tese, piegata a 90°, il suo culo in vista e sotto di esso il ciuffetto di peli della sua figa, è un autentico spettacolo. Lei gira la testa e mi dice “che stai facendo?” ed io “mi godo uno spettacolo sublime”… Sorride soddisfatta e poi mi dice “smettila, sono solo una vecchietta”…
Mi avvicino, appoggio il membro sulla sua figa ed entro nuovamente dentro di lei e mi muovo, dapprima lentamente, poi sempre più velocemente, con spinte decise, poderose, con un dito stuzzico il buco del suo culo, ma lei mi intima di smettere e di non sognarlo nemmeno… Lo dice con un tono deciso, diverso, da quello che è il contesto e quindi non insisto. Sento l’orgasmo che monta e le dico “mamma sto per godere” e lei “anch’io, veniamo insieme tesoro, riempimi tutta”… Quelle parole hanno l’effetto di una scarica di adrenalina, smetto di trattenermi e mi lascio andare in un orgasmo intenso, pazzesco, che mi prende la testa… e lei con me, all’unisono. Mi accascio sulla sua schiena e respiro forte, come fa lei che ancora ansima. Poi mi scosto e lei rimane ancora lì, con il mio seme che le fuoriesce dalla figa e cola sul pavimento. Si solleva, tampona con un fazzoletto e mi guarda. Sono seduto su una sedia lì vicino, il suo è uno sguardo serio, mi si avvicina, si siede a cavalcioni sopra di me e dandomi piccoli baci su tutto il viso, sulla bocca, mi dice “si sei un bastardo… ed anche un po’ matto… ma io sono come te, folle, matta, ti rifiuto, ma ti desidero al tempo stesso, perché sei capace di farmi sentire donna, desiderata, corteggiata, come non provo da un sacco di tempo… Mi porti su vette di eccitazione che credevo non avrei mai più provato”.
Io – “mamma, Paola, sono le stesse sensazioni che ho io, picchi di piacere assurdo, ti desidero un casino,sarà il gusto del proibito, sarà che ti desidero da una vita, ma mi ecciti come mai nessuna donna prima… e non voglio rinunciare a questo…”
Lei – “adesso non possiamo parlarne in modo obiettivo, abbiamo ancora gli ormoni in circolo, gustiamoci questo momento e riparliamone con più serenità, ma ho una gran paura di…” si ferma troncando il discorso e mi guarda sgranando gli occhi, sente il mio membro nuovamente duro sotto di se “ma sei eccitato nuovamente????!!!”
Io – “si, te l’ho detto che effetto mi fai, non ti stavo mentendo… ma cosa stavi dicendo, di cosa hai paura?”
Lei – “stavo dicendo che ho una gran paura di infilarci in un gran casino, ma sembra che il tuo lui voglia infilarsi da un’altra parte… e ritengo giusto che non sia il caso di sprecare questa bella erezione…”
Si solleva appena, allarga il vestito, vi introduce una mano sotto, afferra il mio membro e lo carezza per un po’, poi scende lentamente indirizzandolo e facendomi entrare dentro di se ed inizia a muoversi, cavalcandomi dapprima lentamente, poi sempre più freneticamente, confidando che dopo il precedente orgasmo, questa cavalcata sia di ancor più lunga durata…
Segue (forse…)

Questo racconto di è stato letto 6 2 9 0 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.