Erotici Racconti

Sono la moglie di un cornuto - 3 - La confessione

Scritto da , il 2018-01-12, genere tradimenti

-Tesoro...dobbiamo parlare.-

Avevo detto una domenica mattina a mio marito quando baciandomi sulla fronte mi aveva svegliata con una fumante e profumata tazza di caffè.

-Certo amore...cosa vuoi dirmi...-

-Siediti qui sul letto accanto a me e ascoltami.-

Avevo continuato con tono suadente tirandomi su e portando fuori dalle lenzuola i miei seni nudi resi particolarmente gonfi dalla mia intensa attività sessuale di quel periodo.

-Tesoro...anche stanotte quando mi hai leccata al mio rientro,hai sentito il solito gusto di gelato....non è vero?-

-Certo...il solito...quello che mi fai gustare ultimamente.-

-E tu sei sicuro che si tratti di gelato?-

-Siiii....certo....cos'altro sennò....-

Aveva risposto con una certa imbarazzante esitazione.

-Ed è gelato anche quello che lecchi dai miei perizoma che vai a spulciare nella cesta dei panni sporchi?

Ed era gelato anche quello che hai succhiato da quei due preservativi pieni che hai trovato nella mia borsetta?-

A quel punto,la scena era divenuta surreale in quanto io sapevo che lui sapesse e lui sapeva che anch'io sapessi e tuttavia,la mia improvvisa rivelazione lo aveva fatto avvampare in viso come un bambino sorpreso a rubare la marmellata.

Mentre lo guardavo fisso negli occhi vedendo crescere il suo disagio,gli avevo stretto le mani ed avevo anche percepito un certo incontrollabile tremore che lo scuoteva tutto.

-Calma tesoro...calma.....non è niente....è solo il fatto che tra noi si chiariscano alcune cose che entrambi conosciamo fingendo di non sapere.

Ho capito sai che tra noi vi è amore e rispetto reciproco ma vi è un diverso modo di intendere i nostri rapporti sessuali.

Da quanto tempo io e te non facciamo l'amore?

Scommetto che neanche te lo ricordi in quanto hai trovato in me un diverso modo di vivere la tua vera natura sessuale.

L'ultima volta è stato sei mesi fa,quando insoddisfatta dalla serata che avevo passato,ti avevo letteralmente violentato....ricordi ora?!-

-Si!-

Mi aveva risposto laconicamente con tono mesto.

-Tesoro,io ti voglio molto bene e condivido con te molte cose belle,l'amore per l'arte,il cinema,i viaggi.....-

Lui,sempre tramante mi ascoltava con una visibile ansia in volto mentre io continuavo a parlargli con tono suadente:

-Però sessualmente siamo diversi e forse è proprio questa diversità che,anche se inconsciamente,ci ha tenuti così legati sino ad oggi.

Voglio essere chiara sino in fondo con te.

Tu sei un marito meraviglioso che mi ama davvero e farebbe qualunque cosa pur di vedermi felice.

Sei talmente compenetrato in questo ruolo,che l'idea che io vada a letto con un altro ti rende felice e ti eccita al punto da risvegliare le pulsioni sessuali che altrimenti resterebbero sopite nel tuo cervello e nel tuo fisico.

Tu sei cornuto dentro!

La tua natura...la tua indole,sono quelle di un maschio votato esclusivamente al piacere della propria femmina e che,conscio del fatto che non potrebbe mai soddisfarla,desidera che altri la posseggano e la facciano godere ben sapendo che spiritualmente ti appartiene e nessuno potrà mai portartela via.

Io diversamente da te,ho esigenze fisiche ed erotiche completamente diverse...chissà,forse sono ninfomane e sento un incontollabile bisogno di cazzo...la mia fica ha bisogno di tanto cazzo la mia bocca ha bisogno di cazzo e tanta sborra!-

Alle parole cazzo,fica e sborra,mio marito aveva avuto un sussulto mai infatti in tutta la nostra vita,aveva udito quei termini uscire dalla mia bocca:

-Amore...non ti inquietare se uso questi termini ma sono gli unici che possono davvero definire la mia natura sessuale e l'incontenibile bisogno di essere posseduta da uno o più maschi.

Credo che il nostro incontro sia stato provvidenziale così come il nostro matrimonio ha suggellato una unione che era già scritta nelle cose:"Io sono una troia libertina,vogliosa e insaziabile e tu sei il mio cornuto naturale!

Non c'è nessuna offesa o tentativo denigratorio in questa constatazione.

Quale migliore combinazione sarebbe possibile in una coppia?

E' una legge di natura che nessuno può cambiare"Gli uguali si respingono e gli opposti si attraggono" E' così nel mondo vegetale,in quello animale ed anche nelle leggi della fisica.

Alle mie parole,il volto di mio marito si era disteso,la sua espressione pareva felice,il suo tremore era sparito sostituito da una accelerazione dei battiti del suo cuore e da una evidente erezione sotto il suo pigiama:

-Lo vedi tesoro.....il fatto di esserci finalmente svelati ti ha fatto rilassare e persino il tuo amichetto da segni di approvazione.

Tiralo fuori amore e masturbati mentre io ti guardo e reggo il piattino di caffè sul quale mi piacerebbe che tu facessi colare il tuo seme.

Avevo volutamente usato il termine "colare" giacché l'eiaculazione di mio marito si limitava a poche gocce e non era mai stato potente al punto di schizzate.

Alla mia richiesta,mi si era inginocchiato davanti e mentre tenevo la tazzina appoggiata sul seno,aveva cominciato a segarsi.

Il suo membro era già gocciolante prim'ancora di iniziare a toccarsi e sono bastati pochi movimenti sulla cappella che aveva cominciato a lacrimare i suoi lunghi e fluidi filamenti.

Dopo averlo fatto anche strizzare per aumentare la piccola quantità colata sul piattino gli avevo detto:

-Tesoro adesso fai godere anche me.-

Mentre scostava il copriletto per lasciare scoperto il mio corpo avevo allargato le cosce ed avevo aggiunto:

-Adesso versa il tuo semino sulla mia fica e poi leccami così potrai sentire anche il tuo sapore insieme a quello dei miei umori.-

Come sempre mi aveva leccata con una passione resa ancora più eccitante dal fatto che stesse gustando il sapore del suo stesso sperma.

Anch'io,coinvolta dalla reciproca confessione ero già bagnata e l'orgasmo che mi aveva procurato con la lingua che scivolava sul mio sesso inumidito anche dalla sua sborra,era stato improvviso e devastante come poche altre volte prima.

-Amore,adesso che ci siamo chiariti,vorrei invitare a cena da noi quello che mi regala quella cremina-gelato che tanto ti piace e,se vorrai,potrai assistere anche tu mentre la produce e me lo spruzza direttamente dentro e potrai finalmente leccarla ancora calda mentre cola dalla mia fica.....vuoi?-

Gli avevo sussurrato nell'orecchio mentre eravamo languidamente abbracciati e soddisfatti dai nostri orgasmi.

-Chi è?-

Mi aveva chiesto lui titubante:

-Ricordi amore quella sera che al ristorante eri venuto nel bagno delle signore per aiutarmi a ripulirmi da quel liquido che tu avevi scambiato per gelato?

Ebbene,quella era la sborra di quel signore che sedeva al tavolo accanto al nostro e del quale non conoscevo neanche il nome mentre gli facevo un pompino i cui risultati avevi visto tu stesso sulla mia camicetta e sulla gonna.

Da allora ci vediamo molto spesso e sono suoi i regalini che ti facevo trovare dentro le mie mutandine.

Anche uno dei due preservativi era suo mentre l'altro era di un suo amico.

Avrai notato anche tu la differenza di sapore tra l'uno e l'altro!

-Si!-

Mi aveva risposto laconicamente.

Quella sera stessa e per la prima volta,io e mio marito aspettavamo in casa l'arrivo del mio amante.

Calandosi nel ruolo di cornuto conclamato,aveva preparato lui stesso la cena e gli aperitivi per una adeguata accoglienza.

Segue





Questo racconto di è stato letto 4 9 4 3 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.