Erotici Racconti

Le masturbazioni di mio figlio

Scritto da , il 2017-11-18, genere incesti

Premessa: Questo racconto è il risultato di una storia raccontatami da una lettrice e frequentatrice del sito. Se sia vera o solo frutto della sua fantasia non ve lo so dire, alla mia domanda a tal proposito mi ha risposto: “Chissà..”. Siccome la sua avventura mi è piaciuta, io ho voluto proporvela cercando renderla gradevole ed eccitante alla lettura, magari aggiungendo qualcosa di mio. il tutto per il vostro piacere e godimento.

Ciao a tutti, mi chiamo Nadia e volevo raccontarvi un fatto che mi è successo qualche tempo fa, fatto che ha cambiato la mia vita. Una mattina, come al solito, uscii di corsa da casa per andare al lavoro, lasciando quel pigrone di mio figlio ancora in pigiama a girovagare per casa. Giunta in garage mi accorsi di aver dimenticato le chiavi dell’auto sul tavolo. Rientrai velocemente in casa presi le chiavi e, mentre Matteo, mio figlio, stava facendo la doccia, pensai di dargli un ultimo saluto. Appena aperta la porta del bagno lo vidi sotto l’abbondante getto d’acqua, con il cazzo in mano, mentre si stava masturbando. Causa lo scorrere dell’acqua lui non si era accorto di me. La situazione fu per me molto imbarazzante. Si, lo sapevo che prima o poi, la madre di un ragazzo della sua età, avrebbe corso il rischio di vederlo impegnato in queste attività particolari, è una cosa del tutto normale, allora, purtroppo era successo anche a me. Approfittando del fatto che lui non mi avesse sentita, pensai di lasciarlo tranquillo ed eclissarmi in silenzio. Improvvisamente, guardandolo bene cambiai idea. Matteo è davvero un bel ragazzo, alto, muscoloso, con un culetto ben tornito e soprattutto con un sesso di dimensioni notevoli. Era davvero eccitante vederlo mentre maneggiava il suo giocattolo in quel modo, non riuscivo a distogliere lo sguardo. Mi ha sempre eccitata vedere un uomo mentre si masturba, spesso obbligavo il mio ex marito, il padre di Matteo, a farlo davanti a me ora, inperatamente avevo lì davanti a me un uomo che, nel pieno della sua gioventù, mentre lo faceva con vigore, la tentazione era forte, non resistetti e rimasi a spiarlo. Lo spettacolo durò pochi secondi, Matteo, forse percependo la mia presenza, si voltò di scatto e vedendomi sobbalzò. “Mamma, cosa fai qua?” In una frazione di secondo mille pensieri mi girarono per la testa, non sapevo che dire, allora cercai allora di minimizzare la cosa, tutto sommato lo spettacolo era molto piacevole. “No.. No.. Niente, continua..” Furono le uniche parole che seppi dire. “Cosa?” “Si, continua, vai fino alla fine, non preoccuparti di me..” Mio figlio strabuzzò gli occhi. Una mamma che chiede al figlio di masturbarsi davanti a lei non è decisamente normale. Ormai incartatami in questa strana situazione cercai di ostentare “nonchalance”, e mi sedetti sul coperchio del water ad aspettare che finisse. “Ma sei sicura mamma? Sei seria o stai scherzando?” Mi rispose sempre più sorpreso. “Assolutamente.. continua per favore.” Matteo, stupito dalla mia proposta, forse pensò che fossi impazzita, però nonostante tutto prima timidamente, poi più energicamente ricominciò a masturbarsi. Ormai, inopinatamente, ero presa dallo spettacolo. Mio figlio in piena eccitazione sessuale con il pene duro e gonfio era un piacere guardarlo. Mi piaceva guardarlo mentre si accarezzava le palle, come faceva scorrere bene la mano su tutta la lunghezza del cazzo dalla base fino alla cappella. I suoi movimenti divennero sempre più frenetici, il suo respiro sempre più accelerato, allora lo vidi prima sussultare poi irrigidirsi mentre, emettendo un grido soffocato, un potente getto di sperma finalmente schizzò nella mia direzione, per mia grande soddisfazione. Matteo esausto e stanco per il gesto ed il godimento, abbassò gli occhi. Io quasi meccanicamente, presi della carta igienica e gli pulii le gocce di liquido che ancora gli uscivano dalla cappella, quindi uscii dal bagno e, con le chiavi della macchina questa volta ben strette in mano, mi diressi al lavoro. I giorni che seguirono furono piuttosto strani. Matteo non sapeva come comportarsi nei miei confronti a seguito di quel fatto. Lo sentivo molto imbarazzato, allora una sera, per rassicurarlo andai nella sua stanza e gli parlai. “Sai, non devi sentirti imbarazzato per l’altro giorno, è normale per la tua età masturbarsi. Voglio che tu non ti senta in vergogna nei miei confronti per quello che è successo, forse tu lo troverai strano ma non mi da fastidio sapere che lo fai, magari anche di fronte a me, anzi mi piacerebbe che tu lo facessi di nuovo.” “Quando? Ora?” “Se ti fa piacere..” Matteo mi guardò con uno sguardo stranito. Alla fine però si era capito che era stato eccitante anche per lui masturbarsi mentre la mamma lo guardava. Allora alzò il lenzuolo e dopo aver abbassato gli slip fino a metà coscia cominciò ad accarezzarsi il cazzo. Dopo qualche secondo l’erezione era già molto evidente. Continuò per qualche minuto cercando di evitare il mio sguardo, difficile da farsi in quando non volevo perdermi un solo istante della sua performance, fino a quando non arrivò all’orgasmo sborrandosi sul ventre. Presi dei kleenex dal cassetto, lo ripulii e poi dopo averlo baciato sulla fronte uscii. Da qui iniziammo a condividere questa strana abitudine, anche più volte alla settimana. A volte era Matteo a chiedermelo, a volte ero io. Mi piaceva vedere come si eccitava davanti a me, lo guardavo con curiosità, come si toccava, come il suo sesso rispondeva alle sue carezze e come rispondeva ai mie apprezzamenti, alla fine c’era anche un po’ di ammirazione materna nei confronti proprio del figlio. Una volta gli chiesi cosa pensava mentre lo faceva davanti a me. Con molto imbarazzo mi rispose: “Non so.. a delle donne..” Ma a quale donne alludeva? Forse a me? Improbabile dato che sono sua madre. Però avevo notato che quando era capitato che lo facesse davanti a me ed ero un po’ in déshabille era molto più motivato, allora decisi di cercare di sedurlo un po’ più apertamente per vedere le sue reazioni. Provai a presentarmi a lui solo con una veste da camera senza reggiseno in modo che si potesse intravedere l’areola ed il capezzolo di un seno. Poi, facendo finta di non accorgermi che la veste si fosse aperta, gli mostrai il seno per intero, lui con gli occhi strabuzzati non capiva perché io, sua madre, mi comportassi così, alla fine se ne fece una ragione e cominciò a masturbarsi con più vigore. Il mio gioco funzionava bene. Entrammo così nel vortice di un gioco pericoloso, mi piaceva mostrarmi sempre di più e tutto questo mi eccitava tanto che poche seghe dopo, una sera, mi sedetti di fronte a lui sempre con la solita vestaglia da camera senza mutandine e, seduta con le gambe aperte, scostai il lembo della vestaglia e gli mostrai chiaramente la mia patatina. Rimase senza parole e sborrò immediatamente. Rimasi molto sorpresa, ma anche lusingata, di aver fatto su di lui un tale effetto. La prima sera la cosa mi eccitò terribilmente tanto che dopo aver lasciato la sua camera fui io a masturbarmi nel silenzio ed il buio della mia stanza. Mentre da sola mi rilassavo dopo l’orgasmo avuto, decisi che lo avrei rifatto di nuovo. Così le volte successive non mi bastò spostare il lembo della vestaglia quando ero di fronte a lui, ma la lasciavo cadere completamente dalle spalle mostrandomi completamente nuda mentre lui mi regalava lo spettacolo della sua masturbazione. In quella situazione più volte ho ceduto alla tentazione di accarezzarmi con lui. Mi massaggiavo il clitoride, mi passavo le dita tra le labbra della mia vagina, le aprivo e le facevo scivolare dentro. Matteo diventava pazzo quando lo facevo ed io non ci misi troppo a decidere di masturbarmi senza pudore davanti a lui, anche perché, dopo la separazione da suo padre, non avevo mai avuto relazioni con altri uomini ed il sesso mi mancava molto. L’incesto con mio figlio non aveva mai fatto parte delle mie fantasie ma una sera scattò qualcosa, iniziai a desiderarlo, sentivo che forse non sarei più riuscita a resistere a questa insana tentazione. Seduti sul suo letto, nudi ed eccitati, l’uno di fronte all’’altra, con le gambe aperte, mi avvicinai a lui fino a che il suo sesso non fu contro il mio pube. Fino ad allora era solo un contatto quasi casuale, poco a poco la sua cappella cominciò a scivolare tra le labbra aperte ed umide della mia vagina. In quel momento ancora non si poteva parlare di penetrazione, potevamo bloccarci e non commettere quel gesto innaturale, ma ne io ne lui avevamo intenzione di fermarci. Matteo spinse un po’ di più ed io per risposta non feci niente per impedirglielo così la sua cappella scivolò lentamente dentro di me. Mi resi conto che stavo facendomi penetrare da mio figlio e, nonostante tutto stavo apprezzando enormemente la cosa. In un attimo di lucidità mi resi conto che ciò che stavamo facendo avrebbe cambiato enormemente d’ora in avanti i rapporti con mio figlio e l’idea mi spaventava, allora chiesi, sinceramente senza molta convinzione, a Matteo di fermarsi ma lui ormai non mi ascoltava più e in tutta risposta spinse il suo sesso ancora più dentro di me, penetrandomi in tutta la mia profondità. Iniziò a scoparmi dolcemente tutto emozionato per quello che stava accadendo. Io allora mi lascia andare al piacere fino a quel momento controllato. Lo abbraccia e, sdraiandomi sul letto, lo tirai a me. Trovandosi in una posizione più comoda aumentò il ritmo dei suoi movimenti scopandomi con più ardore. Era pervaso da il fuoco del sesso. Continuò accelerando il ritmo con una energia incredibile, prendendomi e girandomi in tutte le posizioni. Ancora la mia mente voleva resistere ma il mio corpo e la mia voglia gridavano: Continuammo così a scopare come degli ossessi per oltre un’ora, in tutte le posizioni che potemmo sperimentare. Devo dire che Matteo oltre ad essere muscoloso ha anche un corpo molto flessibile e sciolto. Non avevo mai fatto l’amore con un ragazzo giovane e devo dire che rimasi piacevolmente sorpresa dalle sue capacità. Quella sera Matteo godette e sborrò non so quante volte ma in pochi minuti, la sua gioventù, gli permetteva di avere una nuova erezione azzerando quasi completamente il cosiddetto periodo refrattario, ritornando così a scoparmi di nuovamente. Non so quante volte godetti io, ma sicuramente mai mi era capitato di avere così tanti orgasmi in una sola volta. Dopo averlo fatto per l’ultima volta ci sdraiammo l’uno al fianco dell’altra e ci accarezzammo teneramente. Ero stanca con i muscoli del ventre doloranti per le innumerevoli contrazioni provocate dai continui orgasmi della serata. Sudata e gocciolante del suo sperma mi alzai, lo baciai come sempre sulla fronte e me ne andai in camera mia. A partire da quella sera Matteo non sentì più il bisogno di masturbarsi. Devo confessarvi che ora faccio di tutto per soddisfarlo, facciamo l’amore ogni volta che ne ha voglia, quasi tutti i giorni nel primo pomeriggio quando rientra da scuola. Devo dire che non ha mai preso dei bei voti come quest’anno. Forse fare sesso al pomeriggio aiuta gli studenti a concentrarsi poi nello studio e nei compiti della giornata. Quindi un consiglio a tutte le mamme: per far si che i vostri figli vadano bene a scuola, fategli questo servizio, fate l’amore con loro.
Se anche voi avete storie da raccontare e volete che diventino dei racconti contattatemi alla mail: marco.sala56@hotmail.it

Questo racconto di è stato letto 1 4 9 4 1 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.