L' ultima volta ( Un nuovo inizio )

Scritto da , il 2017-01-04, genere dominazione





-Ti prego....un' ultima volta, poi non te lo chiederò mai più! Aiutami ti prego....- Lei lo guardò con rabbia, odiava quell'uomo con tutte le sue forze, le aveva rubato ogni briciolo di dignità, la capacità di amare....l'aveva ridotta ad un essere incapace di provare emozioni succhiando la sua linfa vitale e consumandola ogni giorno sempre di più. Ed ora era innanzi a lei a ripeterle quelle parole che negli anni aveva sentito decine di volte..."l' ultima volta".....certo, come sempre. Lei sorrise con disgusto e guardò il suo uomo... -Di quanto hai bisogno questa volta?- gli domandò inespressiva. Il volto di lui si illumino' come un bambino davanti a un nuovo gioco: -2000 €, solo 2000....grazie, grazie...ti amo.- Era eccitatissimo. Lei prontamente ribatte' :- Si si....ad un patto però....- Lui la guardò preoccupato:-Tutto ciò che vuoi.- Si aspettava questa risposta. -Gli uomini che mi scoperanno stasera li voglio scegliere io.-Lui la guardò sollevato e acconsentì...gli interessavano solo i 2000€.
.........
Bussarono alla porta. Lei aprì. Fece entrare i tre uomini che aveva accuratamente scelto: erano tre splendidi ragazzi dall' aspetto molto curato, non i soliti sporchi, trasandati e puzzolenti porci che portava a casa lui. Prese per mano quello che sembrava il più timido mentre con l' altra mano si sbottonava la camicetta lasciando libero un seno florido e prorompente. Il bastardo che l' aveva venduta si sedette sulla solita sedia nell' angolo, pronto a gustarsi quello spettacolino a cui tante volte aveva assistito. Si era spogliato completamente, incurante degli sguardi dei tre estranei.
Lei nel frattempo sollevò la mano del ragazzo e se la posò sul seno sinistro, mentre con l' altra fece cenno agli altri due di avvicinarsi...voleva finire in fretta. I due come dei soldatini si avvicinarono immediatamente, pronti ad eseguire ogni suo ordine. Questa volta, "l' ultima", voleva essere lei a godere. Si spostò verso il tavolo della cucina e vi si sedette . Sollevò la gonna e divarico' le gambe, non indossava gli slip. I tre uomini davanti a lei ammirarono la sua natura completamente aperta e pronta a ricevere un trattamento speciale. Uno dei tre si avvicino' alle spalle e iniziò a palpeggiarle il seno con tocchi vigorosi mentre le sussurrava qualcosa all' orecchio. Lei sorrise e mugulo'. Un altro si abbassò ed iniziò ad esplorarle il sesso, dapprima con la lingua, in modo sapiente ed accurato, e poi con le dita, osservando la peluria rossa di lei che tanto pareva eccitarlo. Gli prese la testa tra le mani e lo guidò nel movimento. L' altro invece si masturbava in modo forsennato aspettando impaziente il suo turno. Quando l'amico si levo' finalmente anche lui poté dare il suo contributo dedicandosi al suo piccolo forellino pulsante. Lei iniziò a spingerlo e a contrarlo, poi, sollevando di più le gambe, si allargò con le mani le natiche. Il ragazzo era fuori di se. Infilò la lingua umida in quell' antre pulsante. Lei ormai era in preda al delirio....era la prima volta che riceveva senza bisogno di dare. Prese le mani del ragazzo accanto e lo costrinse a strizzarle i capezzoli. Non era sufficiente; lo aiutò a stringerli ancora di più, come piaceva a lei. Sentiva il piacere aumentare sempre più, senza lasciarle tregua....
Fu a quel punto che il suo uomo si alzò dalla sedia abbandonando il ruolo di spettatore e si diresse minaccioso verso il quartetto col suo fallo eretto. Era rosso in viso dalla rabbia, sembrava esplodere. Lei lo guardò distesa sul tavolo, sorridendo maliziosa, mentre con un dito si penetrava.
Lui con un gesto furioso allontanò i tre giovani che tanto piacere avevano donato alla sua donna....imperdonabile. La prese per un braccio e la trascino' fino alla camera da letto, facendole sbattere il ginocchio sulla cassettiera. Il dolore fu lancinante. La gettò come uno straccio sul materasso. Stava per fiondarsi su di lei quanto con un gesto lo bloccò e con voce inaspettatamente dolce gli disse: -Ti prego amore...fai fare a me...faccio tutto io.- Sorrise riconoscendo la sua donna accondiscedente. Lei prese un foulard dal cassetto del comodino e lego' stretti i suoi polsi alla testata del letto. Lui parve gradire molto il giochino.....Lei si stese su di lui ed iniziò a strofinarsi sul suo corpo. Poi scese con la lingua dal collo fino ai capezzoli di lui, glieli strinse tra i denti. Gemette. La guardava ormai perduto in un' altra dimensione.Proseguì il suo tragitto fino alla punta gonfia del suo fallo di marmo,una piccola goccia di piacere ne usciva. Lei lo ripuli' e ingoio' la sua verga fino alla gola, quasi a soffocarsi.
A quel punto si rialzo' e iniziò a rivestirsi senza mai distogliere lo sguardo da lui. Lesse chiaramente la rabbia nei suoi occhi che stava sostituendo la libidine di qualche attimo primo. -Cosa cazzo stai facendo? -Me ne vado tesoro...- Lo guardò con pietà. Si infilò le scarpe. -Troia...!!! Slegami puttana...- Iniziò a dimenarsi come fosse posseduto da una forza soprannaturale. Per un attimo temette che potesse slegarsi, ma poi si bloccò. Lo guardò per un' ultima volta, sorridendogli compassionevolmente, mentre lui riprese ad insultarla sempre più ferocemente. Ma a lei non importava più, perché quella era " l'ultima volta" che l' avrebbe visto. Gli diede le spalle e sculettando in modo provocante andò in cucina. I tre uomini la stavano aspettando. Prese la borsetta ed estrasse una sottile mazzetta di banconote. Le conto' a voce alta in modo che nell' altra stanza lui potesse udire: -....1800, 1900, 2000. Grazie ragazzi. Uno dei tre intasco' il denaro. Poi sbircio' in camera da letto. Fu a quel punto che lei aggiunse:-.....A proposito! Fate di lui ciò che volete....divertitevi pure, a me non importa!
I tre ragazzi si guardorono con aria complice, sapevano esattamente ciò che desideravano...ora toccava a loro godere.
E mentre si dirigevano verso la camera tra le urla esauste dell' uomo legato, lei usci' per sempre da quell' appartamento sbattendo sonoramente la porta e per la prima volta percepi' il profumo del roseto che stava all' ingresso. Staccò un petalo rosa dal fiore e se lo strofino' sotto il naso....e rise, rise fino a che non ebbe più fiato. Chiuse il cancelletto alle sue spalle e si allontanò velocemente inspirando per l' ultima volta quell' aria malata e sporca che mai più l' avrebbe toccata.

Questo racconto di è stato letto 2 1 9 1 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.