Mia madre, la mia schiava (ep.2)

Scritto da , il 2016-06-17, genere dominazione

Passai la notte quasi totalmente in bianco col pensiero fisso di quello che sarebbe potuto accadere il giorno seguente... Mille ipotesi differenti albergavano nella mia mente, mi addormentai che ormai era quasi l'alba a casa di un mio amico con cui ero uscito la sera prima senza ovviamente dirgli niente di cosa mi stava accadendo...
Mi svegliai di soprassalto al suono della sveglia, purtroppo non stavo vivendo un incubo, era tutto vero... Tornai a casa poco prima di pranzo, entrai e mi rallegrai dell'assenza di mia madre... Recuperai le telecamerine felicitandomi del fatto che non fossero state scoperte, mi diressi in camera mia e collegai quella che era piazzata in camera da letto al mio pc... Col cuore in gola al solo pensiero di quello che avrei potuto vedere, cominciai la riproduzione delle immagini... Mando avanti velocemente la registrazione senza scorgere niente di anomalo, mia madre entra in stanza per cambiarsi e più tardi per andare a dormire ma niente di più... Istintivamente tiro un profondo sospiro di sollievo dimenticandomi per un attimo che c'è un altra registrazione da controllare, quella del salotto...
Premo play e anche in questo caso accellero la riproduzione, le prime fasi scorrono via lisce quando ecco quello che purtroppo non avrei mai voluto vedere... Intravedo mia madre attraversare il salotto a passo svelto, con abiti tutt'altro che conseuti, noto facilmente dei tacchi ai piedi, oltre a un vestitino nero molto succinto... Si dirige verso il corridoio che porta all'entrata di casa, sparisce dalle immagini per pochi istanti, ed eccola tornare seguita da un uomo...
In quel preciso istante sento crollarmi il mondo addosso, quell'uomo non è mio padre, è l'amante o forse uno degli amanti di mia madre e lo ha portato fin dentro casa... La nostra casa... Quella che per quanto mi riguarda dovrebbe essere il porto sicuro e inviolabile di ogni famiglia... Un turbinio di emozioni contrastanti presero il sopravvento in me, dallo sconforto totale ad un rabbia cieca...
L'uomo si toglie la giacca gettandola sul divano e, accomodandosi sullo stesso, appoggia con naturalezza i piedi sul tavolino posto difronte... Si accende perfino una sigaretta! Non ci vedo più dalla rabbia! A mio padre fumatore, mia madre non fumatrice ha sempre categoricamente vietato di fumare in casa, mentre a questo perfetto sconosciuto sembra che tutto sia concesso... Mia madre sparisce di nuovo dalle immagine, direzione cucina stavolta... Torna con in mano una bottiglia e due bicchieri... Si accomoda affianco al suo uomo poggiando le abbronzate e toniche gambe sulle sue... Brindano e chiacchierano, anche se io non riesco a sentire ciò che si dicono a causa della lontananza della telecamera da loro...
Dopo qualche minuto tra una carezza e un sorso di vino eccco mia madre che depone i bicchieri sul tavolino e si accinge a slacciare i pantaloni dell'ospite... Una volta tolti gli si inginocchia davanti, cala anche i boxer e comincia a lavorargli il membro ancora moscio con la mano guardandolo fisso negli occhi...
Non riesco ancora a capacitarmi della situazione che ho davanti gli occhi, ora però oltre alla rabbia per il torto che mia madre sta facendo a mio padre comincia anche a salire una certa adrenalina ed eccitazione...
Mia madre prosegue il suo lavoro poggiando le carnose labbra sul cazzo ormai eretto dell'uomo... Lui al contempo si slaccia la camicia rimanendo nudo e scoprendo quello che mi sembra un fisico di età poco superiore a quello di mia madre che di anni ne ha da poco compiuti 40... Ora che lo guardo meglio potrebbe anche essere un cliente della stessa palestra di mia madre, viste le braccia discretamente muscolose e il petto ben disegnato...
Nel frattempo il servizio orale prosegue con maggior veemenza, l'uomo pone una mano dietro la nuca di lei e la spinge a sè facendo scomparire il suo membro all'interno della sua bocca...
Mi sfugge naturale un commento ad alta voce "porca puttana che pompino..."
Un istante dopo con un movimento veloce e potente l'uomo afferra mia madre per le mani e la sbatte prona sul divano con le ginocchia appoggiate proprio dove un attimo prima era seduto lui e le mani ancorate sullo schienale, si posiziona alle sue spalle e, dopo aver sollevato il vestitino si scopre essere senza ulteriori indumenti, la penetra con forza facendola sobbalzare...
I primi colpi sono lenti e profondi, sul viso di mia madre un sorriso di goduria prende il sopravvento... L'uomo l'afferra per i capelli e tirandoli comincia ad aumentare il ritmo... Proseguono così per quasi un minuto poi con degli ultimi colpo simili ai primi mia madre evidentemente raggiunge l'orgasmo...
Mi accorgo di avere un erezione in piena regola in corso e non riesco a non prendere in mano il mio cazzo e cominciare a masturbarmi... La rabbia sembra addirittura quasi passata del tutto mentre guardo quella scena degna dei migliori film porno che abbia visto... Mia madre si stà dimostrando una gran esperta nel campo e la sorpresa iniziale ha lasciato il campo ad una forte eccitazione...
Il rapporto prosegue con un nuovo fellazio, stavolta rimanendo seduta col suo uomo in piedi... Lo afferra dalle natiche e lo spinge con energia a sè... Il viso dell'uomo è l'emblema della goduria...
Dopo circa un paio di minuti si scambiano di nuovo le posizioni, lui seduto e lei sopra di lui... Mia madre comincia a salire e scendere dal cazzo dell'uomo con una naturalezza e una sensualità disarmante... Lui scopre e afferra gli abbondanti seni e comincia a succhiarli avidamente...
Scorrono un paio di minuti e con l'aumentare del ritmo l'uomo sposta le mani sui fianchi di lei per guidarla verso quello che sembra inequivocabilmente la strada del piacere... Ancora pochi colpi ed ecco il gran finale che non mi aspettavo... Mia madre scende velocemente inginocchiandosi davanti a lui che altrettanto velocemente gli si pone in piedi difronte e dopo pochi colpi di mano eiacula nella sua bocca... Mia madre prende in bocca di nuovo l'uccello dell'uomo e da quello che posso vedere credo proprio abbia ingoiato il suo sperma ripulendolo per bene per completare l'opera...
Contemporaneamente, eiaculo anch'io... Il godere puramente sessuale svanisce un attimo dopo per lasciare di nuovo campo alla rabbia per aver visto mia madre comportarsi come una perfetta troia in casa nostra per di più...
Il finale del video è poco rilevante, lui si accende un altra sigaretta e lei gli si siede accanto... Ancora un bicchiere e due chiacchiere, poi lui si riveste e va via...
Stacco la registrazione e rimango assorto nei miei pensieri per alcuni minuti...
La prima cosa che mi viene in mente è "che troione mia madre!" subito dopo il nervoso per quello che ha fatto e infine un insana voglia di vendetta... Vendetta, si proprio quello che voglio, fargliela pagare cara per quello che ha fatto...
Vengo interrotto dal rumore di una chiave che apre la porta di casa, mi ricompongo alla meglio e apro la porta della mia camera... E' mia madre... In tiro come sempre... Mi saluta e va in camera sua... La seguo una volta nella sua stanza sparo a zero "chi cazzo era quello che ti sei scopata ieri qui in casa nostra?..." Sul suo viso si disegna un espressione incredula... Continuo "non parli è? ho scoperto tutto e lo dirò a papà!" Ecco il tasto giusto... Dirlo a papà...
Sembra quella la parolina magica che la scuote maggiormente... "no aspetta posso spiegarti tutto, non fare cazzate..." mi risponde, ma io la incalzo "sei una puttana cosa vuoi spiegare?... lui fuori a lavorare e te che fai entrare uomini in casa nostra per farti sbattere senza pudore..."
E' qui che la situazione muta di nuovo, mia madre ferita sull'orgoglio contrattacca invece che abbozzare... "non puoi farlo, ci farai divorziare e con quelle prove a suo favore a me non resterebbe niente..."
Proprio quello che pensavo, a mia madre fà comodo avere un marito come mio padre, facoltoso e che le lasci ampio spazio per fare ciò che vuole, leggo chiaramente sul suo viso il terrore di perdere tutto quello che ha... "Posso star zitto ad una sola condizione..."
Un lampo di speranza accende il viso di mia madre "Sono pronta a tutto pur di non perdere tutto questo..."
Un sorriso al limite del malvagio si stampa sul mio volto "molto bene, era proprio quello che volevo sentire, perchè d'ora in avanti se vuoi fare la troia la farai solo sotto il mio comando..."
Mi risponde con un tenue cenno affermativo del capo... La situazione ora è completamente nelle mie mani ed ho già diverse idee in testa... Non vedo l'ora di cominciare e lo faremo già da domani...

Questo racconto di è stato letto 1 1 2 4 7 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.