Qualcuno dirà che non sono una brava persona cap.II

Scritto da , il 2010-03-30, genere dominazione

Qualcuno dirà che non sono una brava persona, ed in effetti non me la sento davvero di affermare il contrario. In effetti però, so solo quello che sento, e non so spiegarmi altro di questa mania, se non che essa mi domina. Che mi domina nei più profondi strati della mia anima. Come è vero Dio.

Scoprii questa mia propensione al penultimo anno di liceo e, credetemi, fu come se un fulmine mi si fosse ficcato dentro, non appena la formulazione di un desiderio si fuse con la comprensione che tale desiderio, per quanto depravato o vigliacco fosse, potevo realizzarlo, e che l’avrei fatto.

Il fulmine mi colpì davanti alla porta di una camera di albergo, la 324, una mattina di primavera. La porta era socchiusa quel che bastava per vedere, riflessa nello specchio che stava appena di lato, dentro la camera, la professoressa Martini che, in tutta fretta, prima di scendere con tutti gli altri a prendere l’autobus, si preparava una striscia di cocaina sul comodino accanto al letto. Fu come un fulmine, ho detto, perché come realizzai quel che avrei potuto farle, realizzai che lo desideravo assurdamente, e che potevo ottenerlo perché in mano avevo la vecchia telecamera superotto che i miei mi avevano dato per riprende monumenti e ruderi ma che io, in quel momento, usai per filmare la mia professoressa di inglese che tirava coca con una cannuccia nel naso. Riuscii a riprendere non più di una decina di secondi, poi lei si ricompose stropicciandosi il naso e io proseguii verso l’ascensore pensando che ormai era mia.

La Martini all’epoca aveva 35 anni ed era senz’altro uno dei sogni proibiti del liceo salesiano che frequentavo. Castana chiara, non molto alta ma formosa, e con una bocca che, quando infilava la lingua tra i denti per mostrarci il modo corretto per pronunciare la parola “thing”, faceva sorgere tanti brutti pensieri in tutti noi. Era una tipa simpatica, ma anche severa e, quando ci si metteva, pure rompicoglioni. Per tutto il giorno la guardai e pensai a come filare la mia ragnatela e man mano che la trama prendeva forma i miei sguardi, di solito bassi e timidi, si facevano più sfacciati. Quel giorno aveva una gonna larga che le scendeva sotto al ginocchio, roba a trame scozzesi, le calze color carne, un maglioncino leggero, con il collo a “V” e ad un certo punto non poté non accorgersi che la stavo fissando, immaginandomi le sue curve sotto a quei vestiti, e che intimo usasse. Per un attimo mi fissò interrogativa ed io, solitamente timido e schivo, ricambiai il suo sguardo divertito.

-Silvestri, che c’è da ridere?- mi disse indispettita, visto che per lei ero solo uno dei peggiori studenti della classe.

-Niente prof, niente.

Lei fece spallucce. Non si notava per niente che si era drogata quella mattina, ma questo, per quel poco che sapevo, significava solo che lo faceva abitualmente.



Dormivo in camera con altri tre tizi che di sicuro sarebbero scesi al bar non appena i salesiani di guardia se ne fossero andati a dormire. Così accadde e, poiché non ero molto popolare in classe, non si sognarono neanche di invitarmi. Ma stavolta la cosa non mi ferì e, appena loro se ne andarono, io presi la cornetta e feci il numero 324.



-Si può sapere che hai a quest’ora, Silvestri?- mi disse seccata, aprendomi la porta alcuni minuti dopo.

-È una cosa personale, professoressa, non potrei entrare un attimo?

Lei mi guardò indagatrice, ben conscia che non gliela raccontavo giusta ma anche incuriosita da quel mio comportarmi in modo strano. Aveva indosso una vestaglia lilla da cui spuntavano le gambe nude.

-E non puoi andare da Don Roberto?

-No, mi creda, è meglio che ne parli prima con lei- dissi. E poi aggiunsi perfido: - da Don Roberto magari ci andiamo dopo.



Due minuti dopo lei crollava a sedere sul letto, sconvolta. Io ero stato tenero, come se la cosa mi dispiacesse. Le avevo detto come l’avevo sorpresa, che l’avevo vista bene, e lei era sbiancata ben sapendo che non solo una cosa del genere poteva farla cacciare da quell’istituto, ma le avrebbe rovinato la vita. Mi sedetti accanto a lei e le posai un braccio sulla schiena. Lei si teneva la faccia tra le mani e pareva sul punto di piangere, non si accorse nemmeno che la mia mano, dalla schiena era scesa sotto l’ascella, ormai conscia che la donna era senza reggiseno. D’un tratto si riprese e si allontanò.

-Ma che stai facendo?

Io allungai una mano e presi la sua.

-Non capisce? Io ho il filmato...- mi portai la sua mano alle labbra e le baciai le dita.

-Ma, che cazzo!- disse furente -come ti permetti!

Si alzò in piedi e si piantò davanti a me indicandomi la porta: -Vattene subito da qui, piccolo bastardo!

Io mi alzai e feci come mi aveva detto.

-Io sto alla camera 319. Se non mi chiama entro le 11 in punto, io vado da Don Roberto.

-VATTENE!- gridò.



32 minuti dopo mi riaprì la porta della camera. Al telefono aveva detto solo “vieni” in un tono così afflitto, da donna spezzata, che il solo suono metallico di quella parola mi aveva pompato il cazzo di sangue come non mi era mai capitato. Ma il vederla lì, umiliata, con gli occhi ancora arrossati dal pianto, mi diede un senso di potere, di viscido e schifoso potere addosso, di cui ancora oggi non riesco a fare a meno.



Mi ero fatto un’idea abbastanza precisa di ciò che sarebbe accaduto quella notte e quindi si può dire che, com’era nel mio carattere, non lasciai nulla al caso. La seguii all’interno della camera assaporando già la sua carne sotto la vestaglia. Lei si voltò e, in un sussulto di orgoglio, mi disse: - Sia ben chiaro che stasera... è un’eccezione.-

Io mi avvicinai mentre lei indietreggiava verso la finestra.

-Non hai portato la pellicola...- disse.

Io mi avvicinai ancora e le posai le mani sui fianchi. Erano opulenti, riempivano le mani. La tirai a me e lei scostò il viso.

-No. La bocca no- disse con un filo di voce.

Io le presi il mento tra le dita e la voltai verso di me. Io ero già un omaccione goffo, alto, non bello e se i compagni di classe si limitavano ad ignorarmi era perché ero piuttosto robusto. Le feci sollevare il viso verso il mio e le dissi: - Senta, giusto per chiarire le cose. Mancano quattro notti per la fine della gita e lei, se non vuole che io vada a dire tutto ai preti, agli sbirri, ai giornali..., se lei non vuole tutto questo, professoressa Martini, in queste notti sarà la mia puttana. Ha capito?, la mia puttana. E, giusto per capirsi meglio, ora le farò capire che con quella sua bocca farà quello che dico io.

La spinsi a sedere sul letto godendomi l’effetto che le mie parole avevano ottenuto su di lei. I suoi occhi mi dissero che si sentiva persa, timorosa di tutto e disposta a tutto pur di salvarsi. Sedendosi, la vestaglia le si era aperta sulla canottiera bianca che copriva i bei seni maturi. Con mia sorpresa notai che aveva i capezzoli sporgenti. Risi, quando cercò di coprirsi, e senza altri complimenti abbassai la zip dei jeans e tirai fuori l’uccello.

Da quel poco che sapevo di uccelli, il mio non era un mostro quanto a dimensioni, e forse nemmeno quanto a resistenza. Tuttavia, come ebbi modo di capire in seguito, aveva la stimata qualità di ricaricarsi molto in fretta (e parecchio), e questa era un dote che Silvia, la ragazzina dal culo grosso che aveva fatto la cortesia di darmela alcuni mesi prima, non aveva ancora l’età per apprezzare.

La Martini invece, ne avrebbe approfittato in pieno.

-Ora lei me lo succhia per bene- le dissi -o quant’è vero Dio chiamo i carabinieri adesso. Scommetto che ha ancora polverina da qualche parte. E se non ce l’ha, gliela troveranno nel sangue.

Oh, certo che qualcuno dirà che non sono affatto una brava persona, ma se aveste potuto vedere la faccia della mia cara insegnante davanti al mio cazzo, mentre lo prendeva con un mano e se lo portava alla bocca.... Le sue belle labbra si aprirono e fecero passare il mio glande, grosso e teso da scoppiare. La sensazione fu magnifica, davvero sorprendente, anche se come bocchinara non pareva granché. Pensai che fosse una questione di impegno e la sollecitai a succhiarmelo per bene. “Succhialo bene, puttana” le dissi. C’è da dire, in proposito che io non sono decisamente il tipo che si gioverebbe delle prestazioni di un prostituta: dietro ognuna di esse mi sembra che ci sia un storia di enorme tristezza. Come non mi farei mai una ragazza usandole violenza fisica. Ma una donna del genere..., colta sul fatto e sottomessa, costretta a piegarsi alla mia volontà. Glielo presi di mano con la mia destra e l’altra gliela posai sulla nuca e iniziai a sbatterle il cazzo in bocca ad un ritmo più sostenuto. Glielo ficcavo fino a sbatterle sul palato, sentendo la sua lingua sotto al glande, mentre lei mugolava soffocata, con le lacrime agli occhi. Non ci misi molto a sbatterle in gola il mio primo schizzo, poi lei riuscì a ritrarsi con il mio sperma che le colava dalle labbra, mentre altri schizzi le finivano in faccia, sulle guance e poi giù nel decoltè, sporcandole la vestaglia.

-Sei un bastardo...- mi disse ancora mezza soffocata, pulendosi la faccia con la manica della vestaglia.

Io le risi in faccia.

-Questo è solo l’inizio- le dissi. -Ora vai pure a sciacquarti la bocca.



Quando tornò aveva preso un’aria strafottente. Avevamo rotto il ghiaccio e si era fatta l’idea che ormai avrebbe sopportato tutto quello che potevo farle. L’avrebbe fatto, ma non le sarebbe stato facile come pensava in quel momento.

-Ecco,- mi disse. -Ora che altro vuoi, cazzetto.

Fu in quel momento che decisi che le avrei rotto il culo.

-Ora ti fai ammirare un po’, mentre ricarico le pile- le dissi sedendomi sulla brutta poltroncina a righe bianche blu. Le ordinai di togliersi la vestaglia, poi le dissi di ruotare su se stessa. Le feci fare da giostra, da pollo allo spiedo, per un po’. Aveva delle mutandine leggere, anonime, e la canottierina con uno schizzo di sperma sul seno destro. Quando mi stancai le disse di appoggiarsi con le mani al letto, per il gusto di guardarle il culo.

-Sei proprio una gran vacca da monta- le dissi. -Ora stai ferma.

Mi avvicinai e le posai la mano sul culo, con le dita che scivolavano nel solco, verso l’ano e giù verso la fica.

-E ora vediamo che c’è qui sotto.

Le feci scendere le mutandine fino a mezza coscia, chinandomi dietro di lei. Io non so granché di come funzionano certe cose, e per di più quella era la prima fica che vedevo così da vicino. Comunque sia, credetemi, molte donne, in quella situazione, si bagnano schifosamente. Il romanticismo condiziona le menti, ma i corpi di certe donne reclamano pura e semplice sottomissione. Non che le capissi, queste cose, allora, ma non posso certo ignorare il modo in cui le mie dita scivolarono dentro quel favo di miele.

-Bene bene, professoressa Martini. Sembra proprio che si stia eccitando.

-Vaffanculo, stronzo!

Le appioppai un bel sculaccione sonoro. Me lo godetti anche questo, assieme al gemito che le sfuggì.

-È meglio che tu inizi a portarmi un po’ di rispetto, puttana. Ora stenditi, che ho voglia di sbatterti.

Lei obbedì.



Obbedì anche quando le dissi, standomene ritto ai piedi del letto, di allargare le gambe. Aveva una fica che mi parve bellissima, tutta aperta. Le fui sopra lentamente, dopo avergliela annusata, dopo averci ficcato dentro il naso e la lingua, dopo essermi impregnato le labbra del suo miele. Quando arrivai a bussare alla sua fica con il mio cazzo le ordinai di aprirsela. Lei si guidò la mia cappella sull’ingresso e io mi fermai sopra di lei.

-Ora ti scopo- le dissi. Afferrai i suoi polsi e li portai sopra la sua testa. Li tenni così con la mano sinistra mentre con la destra le presi la mascella, forzandola a guardami dritto negli occhi. Ancora con la punta del cazzo appena sulla sua porticina, avvicinai il mio viso al suo.

-Mi fai male,- disse.

-Zitta- le risposi,- e apri la bocca.

Fissandola negli occhi le infilai la mia lingua in bocca e solo allora spinsi il mio uccello dentro di lei. Ci entrò come nel burro, a quella puttana della Martini. La scopai così per un bel po’, con più foga che mestiere, dopo averle lasciate libere le mani. Mi avvinghiai al suo corpo cercando di ficcarle dentro quanto più cazzo mi riusciva. D’un tratto le ripresi il viso tra le mani e le dissi di dirmi che era la mia puttana, la mia grande puttana.

-Sono la tua puttana, la tua grande puttana – disse con la voce rotta. Tirai fuori il cazzo per il gusto di schizzarle sulla pancia e sui seni.

[continuo? By Cabot]







Benché mi fossi ripromesso una visita da quelle parti, quella sera lasciai perdere il culo. Preferii rimandare. Però me la scopai ancora, questo sì. Dopo esserle venuta una prima volta sui seni le infilai per un po' le dita nella fica, incuriosito da tutte quelle filamentose novità che ne uscivano.

-Fai piano...- mi disse infastidita.

-Scusi, professoressa Martini-

Era strana, la mia professoressa. Le infilavo due, poi tre dita alla volta nella fica allargata e intanto la osservavo in faccia. Lei guardava il soffitto e con uno sguardo che non capivo, ma che me lo fece rizzare di nuovo. La feci girare e mettere a quattro zampe e glielo misi dentro dopo aver passato la cappella dal basso in alto, dalla cucitura con il bottoncino all'ano, guardandole le sue labbra intime lucide di umori, e l'ano contrarsi come una piccola stella che implode. Poi scesi di nuovo e glielo infilai piano, gustandomi lentamente il movimento di avanti e indietro. Mi accorsi di cose che prima non avevo notato, come la sensazione delle sue cosce lisce sulle mie, delle sue natiche contro il mio pube e un'altra cosa ancora più strana: certi soffi che le uscivano dalla bocca, come se trattenesse il fiato e poi lo lasciasse andare all'improvviso. Quei soffi mi eccitarono. Le presi le natiche tra le mani e strinsi. Lo spinsi un'ultima volta fino in fondo, poi un'altra ultima volta spingendo con il bacino, e infine le schizzai dentro il mio sperma e mi lasciai andare sulla sua schiena. Lei si scrollò di dosso il mio corpaccione e andò a chiudersi in bagno. Io rimasi un attimo rannicchiato sul fianco, con i muscoli delle cosce come dopo aver disceso un sentiero di montagna. Infine mi rialzai, recuperai i miei vestiti e mi coprii. Esitai davanti alla porta del bagno, incerto su salutare la professoressa Martini o ringraziarla. invece me ne andai.



La rividi il giorno dopo nell'atrio. Faceva l'indifferente ed aveva ripreso la sua aria un po' stronzetta. Io le girai al largo ma intanto già pensavo a come l'avrei tormentata più tardi. In autobus, mentre lei spiegava al microfono alcune cose sulla cazzo di abbazia che avremo visitato quel giorno, mi si accese la lampadina giusta, quella che mi fa partire un brivido dalle natiche ai coglioni.

L'abbazia, stranamente, mi piacque. Mi fece ricordare una cosa che avevo letto, la storia di un cardinale spagnolo che era stato ucciso da un anarchico fuori da un convento. Pare ci andasse per “confessare” le novizie. Così, indifferente al fatto che fosse un'abbazia benedettina, me la fantasticavo piena di monache e novizie da “confessare”. Ma queste mie fantasie non mi distrassero dalla realtà e così, quando la Martini chiese chi voleva visitare il campanile, io colsi l'occasione e mi aggregai con tre altri compagni di classe: Anna, non brutta ma poco curata e secchiona, con gli occhiali fuori moda e la gonna in jeans al ginocchio, e due sfigati che subito le si buttarono dietro per guardarla salire le scale, nonostante le calze nere non proprio trasparenti. I più preferirono collassare sul praticello del chiostro o comprare puttanate nel negozietto di souvenir. La Martini mi guardò appena un attimo, e mi accorsi che qualcosa nel mio sguardo, nel mio sorrisetto, non le piacque.

-Andiamo- disse. E si avviò.

Io la seguii docile fino ad un pianerottolo della stretta scala del campanile dove le afferrai un braccio e la feci voltare spingendola contro la fredda parete di pietra antica.

-Lasciami, bastardo!- sibilò timorosa che qualcuno ci sgamasse.

Io le presi la nuca con poco riguardo e me la tirai contro. Le diedi una leccata sul collo, come un animale. Poi mi staccai un po' e la fissai negli occhi. Aveva paura, la professoressa Martini. Io spinsi la mia mano in basso, poi in alto sotto la sua gonna.

-Smettila... se ci vedono?- sussurrò persuasiva, ma io non la badai. Con la mano le scostai un po' le mutandine dal culo, dirigendo le mie dita verso il suo ano. Avvicinai le mie labbra al suo orecchio e sussurrai: “Stasera ti faccio il culo”. Proprio così, poi mi ritrassi per gustarmi la reazione nei suoi occhi. Provai di nuovo la stilettata tra le natiche ed i coglioni e la lasciai andare. Stava per mettersi a piangere.



Durante il giorno non fu necessario parlarle di nuovo. Io mi godetti la gita di buon umore e per la prima volta devo aver anche rivolto una battuta a Cinzia, la nostra rappresenta di classe con un culetto da favola, facendola ridere. Solo di tanto in tanto ricordavo alla Martini il nostro appuntamento con uno sguardo in più. Lei arrossiva, o si mordeva le labbra disperata, eccitandomi a dismisura. Era sempre più nervosa e durante la cena la vidi osservare il vuoto, assente.

La sera prima non ero stato l'unico a divertirmi. I miei compagni di camera si erano sbronzati di brutto e don Roberto aveva intuito qualcosa, tanto che ci mise un po' più del solito a togliersi dai coglioni. Io non mi tenevo più. Come devo aver già detto non ho esattamente un uccello smisurato, ma si ricarica rapidissimo e credo di dovere questa mia unica dote ai miei coglioni, capaci di ppompare sperma in grande quantità, con il risultato che se non mi scarico spesso mi sale al cervello e non capisco altro.

Già disperavo quando squillò il telefono in camera facendomi sobbalzare. Maurizio, uno dei tre rispose subito. Disse un paio di “sì” e alcuni “ok”, poi mise giù e, rivolto agli altri due ordinò “andiamo”. Appena furono fuori presi il telefono e feci il numero 324. Aspettai che facesse uno squillo, uno solo, poi misi giù e mi infilai la tuta sogghignando.

Bussai alla sua porta con discrezione e lei mi aprì con un lieve ritardo. Si era truccata e sciolta i capelli, e indossava solo una camicia bianca da cui spuntavano le gambe nude. Mi sorrise gentile, ma imbarazzata, e mi fece entrare. La camicia era quasi del tutto sbottonata e si vedeva ben più dell'attaccatura dei seni. Io le fui addosso con furia, puntandole il cazzo duro da far male contro il suo ombelico. Si lasciò infilare la lingua in bocca, cercando di assecondarmi, mentre le mie mani stringevano le sue spalle, i suoi fianchi, le brancicavano il culo, le cosce. La spinsi verso il letto e ce la buttai sopra. Lei vi cadde scomposta, con la camicia che si apriva sui seni nudi e le gambe un po' aperte, sulle mutandine nere piuttosto raffinate. Pensai che la mia puttana si era vestita a festa per distrarmi dal mio buon proposito ma in qual momento non mi importava. Mi liberai della tuta e le fui sopra, lasciandole dei segni rossi sulle cosce a causa dell'elastico delle mutandine e della foga con cui gliele tolsi. Per quanto mi riguarda posso dire che fingeva bene, perché certi gemiti, certi piccoli incitamenti, sembravano davvero convinti, anche quando le appoggiai la punta all'ingresso, anche mentre iniziai a spingere senza grossi riguardi. Che, fingendo, fosse riuscita a bagnarsi in fretta la fica non me lo spiego. Fingendo, aveva gli occhi umidi, ma anche assatanati, rabbiosi. Aveva del profumo sul collo e prese a succhiarmi le labbra, a leccarmi il collo, a pizzicarmi e succhiarmi i capezzoli. Le sborrai in fica dal profondo della spina dorsale con un urlo e poi mi divincolai dalle sue cosce e dalle sue braccia come da una piovra. Rotolai sulla schiena e mi misi a respirare a pieni polmoni, affannato.

Lei dopo un po' mi si fece vicino, mi posò la mano sul petto. Era piccola rispetto al mio torace.

-Puoi avermi così, Federico. Non ti piace?- bisbigliò.

-Certo professoressa Martini,- dissi ancora con il fiatone. - Mi è piaciuto parecchio.

-Chiamami Luisa, ti va?

La sua mano stava scendo verso il pacco che, che ci crediate o meno, si stava di nuovo attrezzando.

-Va bene, ti chiamerò Luisa.

Lei era alla mia destra, su un fianco, e la sua mano sinistra era arrivata ad afferrare il mio cazzo, a carezzarlo piano, tutto lucido di sperma e ciprina.

-Luisa, vuoi fare qualcosa per me?

Lei mi guardò allarmata ma si controllò.

-Voglio vedere come ti tocchi.

Lei ne fu stupita, ma anche rilassata, e quasi mi sorrise con complicità, come a dirmi “porcellino”. La sua mano destra si avvicinò al suo pube, frugò un attimo tra i peletti con un movimento circolare, scese verso il taglio per recuperarne gli umori e risalì, fino a trovare la clitoride. Con l'altra mano continuava a masturbarmi. Toccarsi le piaceva, glielo leggevo negli occhi, stava per perdere un po' il controllo. A pensarci ora, si era probabilmente fatta una striscia, quella sera.

-Luisa, ora dovresti prendermelo in bocca.

Obbediente scivolò in basso, senza smettere di toccarsi. La sua bocca era magnifica.

Con la mano destra le carezzai la nuca, assicurandomi che non fosse troppo precipitosa. Poi le carezzai la schiena e scesi fino al culo. Come le sfiorai l'ano con un dito, lei si irrigidì.

-No ti prego, non voglio.

Le spinsi di nuovo l'uccello in bocca e lasciai stare l'ano. Lei riprese il pompino mentre con la mano riuscii ad arrivare, da dietro, alla sua fica, da cui colavano ancora i nostri umori. Iniziai a fare avanti e indietro, in superficie, con le dita, facendole scendere il liquido verso l'ano, lentamente, che non se ne accorgesse.

-Ti prego, Federico, lascia stare il culetto....- disse alzando il viso verso di me.

-Non ti preoccupare. Solo un dito...- dissi infilandoglielo. Lei sussultò ma non smise di toccarsi. Mi guardò supplice.

-Un ditino solo- dissi.

-No, mi fa già male..., ti prego.

Io continuavo a farglielo sentire, poi lo tolsi e intinsi indice e medio nella sua fica, per riavvicinarli di nuovo all'ano viscidi di ciprina.

-Ti prego...

Le due dita entrarono bene, a fondo, facendola gemere. La feci voltare sulla pancia, con una mano ancora che si masturbava la fica. Poi le fui sopra con tutto il mio peso. Le diedi un paio di colpi in fica e poi lo puntai dove doveva andare.

-No....- si lamentò Luisa.

-Zitta!- le ordinai iniziando a spingerglielo in culo.

Non fu facile entrare. Lei non voleva e cercò di scartare. Ma non le lasciai scampo e, pur usando una certa cautela all'inizio, quando fui dentro presi a scorrere sempre più come un forsennato, nonostante mi implorasse di smetterla, avendo smesso da tempo di masturbarsi. Cercai il suo viso e i suoi occhi. Le guance bagnate di pianto. Cercai la sua bocca e mi riuscii di infilarci la lingua. Più gemeva afflitta, più me la godevo. Le ficcai il mio sperma in fondo al culo con una soddisfazione immensa, sazio fin nel profondo dei suoi “no” e dei suoi “basta”.

[al Professore]

Questo racconto di è stato letto 6 1 7 5 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.