Papà mettimi- incinta domani mi sposo-2

Scritto da , il 2013-03-03, genere incesti

Ho cominciato questo racconto/confessione,partendo da quando,pochi giorni prima del mio matrimonio,ero riuscita a fare l'amore con mio padre(non che fosse una novità,con lui scopavo abitualmente ed era stato proprio lui a sverginarmi)relizzando un sogno che cullavo sin da bambina"Avere un figlio da lui!"

Abbiamo chiavato con l'aiuto e la preziosa presenza della mamma,senza nessuna protezione e lui,finalmente,mi ha ingravidata!

Dunque,il mio matrimonio era cominciato nel migliore dei modi.

Credo però che sia giusto che io riprenda la trama del racconto rimettendo in ordine i fili che compongono la tela della mia vita e della mia famiglia.

°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°
Dunque:

Ero ancora adolescente quando,mia madre aveva cominciato a darmi le prime lezioni di sesso con sedute teoriche e pratiche.

Inizialmente,mi sentivo molto soddisfatta dei giochi che facevo con la mamma,col tempo però,diventava sempre più forte in me,il desiderio di fare l'amore con mio padre.

Volevo che fosse lui a cogliere per primo il mio bocciolo rendendomi,definitivamente donna.

Avrei potuto finalmente sentirmi come le mie amichette che avevano cominciato a scopare ben prima di maturare fisicamente e ben prima,di avere i seni sviluppati e le prime mestruazioni.

Io già prima dei tredici anni avevo i peli sotto le ascelle ed un bel ciuffetto biondo(simile a quello della mamma)decorava la mia passerina.

Avevo le tettine ben sporgenti ed i capezzoli,grazie alle cure della mamma che me li massaggiava e me li succhiava,erano già gonfi e ben sporgenti.

-Mamma,quando convinci il papà a farmi donna?!-

Sognavo di chiedere alla mamma nei nostri momenti di intimità dandomi io stessa la risposta:

-Bambina mia...sei troppo piccola e poi,perchè proprio il papà?-

-Ma mamma,io non sono piccola,sono già pronta;tu mi hai insegnato già tutto del sesso e il resto lo ha fatto la natura,cos'altro devo avere per essere pronta?

Ho la patatina già vogliosa e impellicciata come la tua.

Ho le mestruazioni,ho le tettine già sviluppate e un culetto che è l'invidia di tutte le mie amiche e l'oggetto del desiderio di tutti i maschi a scuola.

E poi,lo sai,io sono innamorata del papà e voglio regalare a lui la mia verginità!-

La sua risposta nei miei segreti pensieri,era sempre la stessa:

-Vedremo bambina...vedremo!-



-Mamma,io mi vergogno con le mie amiche!

Loro scopano coi loro ragazzi già da un sacco di tempo.

Pensa che Sonia,ha cominciato a fare i pompini al fratello più grande a otto anni ed hanno cominciato a scopare che ne aveva meno di dodici!

Io ho già più di quattordici anni e sono ancora vergine....che schifo!

Al mio ragazzo faccio solo qualche sega e a volte glielo prendo in bocca ma lui insiste,vuole di più!-

Immaginavo sempre più spesso di dire a mia madre senza però,mai riuscirci.

Passavano i mesi e gli anni senza che mi decidessi a fare l'amore con qualche ragazzo nella segreta convinzione che prima o poi,avrei trovato il coraggio di chiederlo a mia madre e mio padre.

Nel frattempo,il mio ragazzo,stanco dei miei rifiuti,mi aveva lasciata e,dopo averne persi altri due per gli stessi motivi,non mi ero più fidanzata.

Per quel fatto,venivo da tutti considerata una ragazza fredda e frigida se non addirittura,bacchettona.

Anche le mie amiche,quando organizzavano una festa o andavano in discoteca se potevano,evitavano di invitarmi.

Poi,improvvisamente,il giorno prima del mio diciottesimo compleanno il miracolo si è avverato e mio padre mi ha fatto sua rendendomi donna.

°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°

Ero fidanzata oramai da tre anni,col mio ragazzo avevo
rapporti sessuali sporadici,frettolosi e poco soddisfacenti.

Decisamente a letto era una frana ma,aveva alcune qualità che me lo avevano fatto preferire ad altri corteggiatori ben più dotati sessualmente ma,sicuramente meno propensi a lasciarmi la libertà di cui avrei avuto bisogno da sposata.

Lui era molto affettuoso,gentile ed in un certo senso,sottomesso alle mie volontà e pronto,senza contestare,ad esaudire ogni mio desiderio.

Dunque,un marito perfetto per me!

Una sera in discoteca,ero persino riuscita a farmi scopare da un ragazzo appena conosciuto senza che lui se ne accorgesse o,comunque,senza che manifestasse la minima obiezione per il fatto che fossi sparita per oltre mezz'ora e fossi tornata alquanto discinta.

-Cosa ti è successo tesoro...dov'eri?-

-Amore,morivo di caldo quì dentro sono dovuta uscire a prendere una boccata d'aria...non vedi come sono conciata?-

Per fortuna quel ragazzo,anche se a me non piaceva, aveva usato il preservativo altrimenti,avrei avuto anche il problema di pulirmi la fica o,correre il rischio di perdere qualche goccia di sperma sporcando anche il perizoma.

Devo anche dire che aveva una posizione economica di tutta tranquillità e che,la madre,stravedeva per me per la mia bellezza e per il fatto che fossi da tutti considerata una ragazza seria e affidabile;la classica brava ragazza da marito.

Il fatto quindi,che fosse scarso a letto,non mi creava particolari problemi giacché,nonostante che fossi fidanzata,continuavo a scopare con mio padre,mia madre ed occasionalmente,anche con altri maschi.

Una vita sessuale completa dunque,anche se lui non mi avesse mai toccata.

A quel tempo ero poco più che ventunenne ed in previsione dell'imminente matrimonio,avevo sospeso l'assunzione della pillola e,con l'aiuto della mamma,avevo fatto l'amore con mio padre col preciso scopo di farmi mettere incinta.

(Certo voi penserete che già a quella età ero una troia.Francamente,anche se me lo diceste in faccia,non saprei proprio come contestarvi anzi,credo proprio che vi darei ragione.)

Mia madre,che mi conosceva a fondo,pareva leggere nei miei pensieri ed aveva capito che già da adolescente desideravo fare l'amore con mio padre e più tardi,che avrei anche voluto un figlio da lui.

Mia madre,non era mai stata d'accordo e,non per motivi etici o morali ma,semplicemente perché,con un bambino a quell'età,avrei compromesso il futuro della mia vita,l'esistenza dei miei genitori e dello stesso neonato.

Dunque,dopo la volta che aveva acconsentito a che,donassi la mia illibatezza a mio padre senza alcuna protezione ma,con la sua vigile presenza,mi aveva subito portata dal suo ginecologo per farmi prescrivere la pillola.

Naturalmente,l'imminente matrimonio,era l'occasione propizia per realizzare il sogno di farmi fecondare da mio padre e,regalargli(facendomi,al tempo stesso regalare)il mio primo figlio.

Quanto agli altri bambini che sarebbero seguiti,avremmo potuto decidere in seguito senza fretta.

°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°

La cerimonia nuziale,ed i festeggiamenti,erano stati eventi davvero straordinari ed irripetibili per me.

Tutto era stato fantastico;come in una favola!

La cerimonia in chiesa con tutti gli amici miei e del mio sposo oltre,naturalmente ai rispettivi parenti ed alcuni sconosciuti.

Io con l'abito di seta ed organza,il velo di tulle voluto da mia madre e lo strascico tenuto dalle sorelline dello sposo che ci facevano da ancelle.

Lo strascico,in verità un pò barocco,era stata un'idea della madre dello sposo che l'ha voluto un pò per la sua smania esibizionista ed un pò,per accontentare le bambine che stravedevano per il fratellone.

Lo sposo,visibilmente emozionato,mi attendeva davanti all'altare in un elegante abito blù anch'esso,scelto dalla madre.

Durante tutta la cerimonia,sono stata tempestata di complimenti per la mia bellezza,l'eleganza e per l'aria felice e raggiante che sprizzava da tutta la mia figura.

Quando,dopo alcuni giorni ho potuto vedere le foto,mi sono,finalmente resa conto,che,non di complimenti si trattava ma,davvero apparivo radiosa come venivo descritta.

Radiosa lo ero davvero al pensiero che forse(anche se in cuor mio era una certezza!)avevo già in grembo l'agognato frutto fecondo di mio padre.

Al mio fianco ad accompagnarmi in chiesa,c'era proprio lui,mio padre,elegantissimo e giovanissimo nel suo doppiopetto gessato grigio,camicia di lino,senza cravatta!

Capelli neri lisci e pettinati all'indietro,un incedere altero ed un'aspetto virile,ne facevano l'uomo più ammirato della festa.

Un vero schianto di maschio!

Tutte le donne presenti,senza distinzione di età,si consumavano gli occhi al suo passaggio e,nessuna di loro,era in grado di trattenere una stupita espressione di ammirazione e di desiderio.

Credo che molte di loro,pur conscie di esporsi al rischio di blasfemia,si sarebbero concesse a lui in quello stesso luogo sacro,anche durante la celebrazione del rito nuziale di sua figlia.

Qualcuno,commentando durante il pranzo la cerimonia in chiesa,mi aveva detto che in verità lo sposo pareva essere proprio lui ed una mia amica in particolare,mi aveva confessato che se lo sarebbe fatto seduta stante anche lì,in mezzo alla gente!

In verità io,da sempre innamorata di mio padre,davanti alle evidenti manifestazioni di desiderio di tutte quelle donne,provavo un immenso,orgoglioso piacere ma,al tempo stesso,ne ero molto gelosa.

Mia madre,da brava e scafata donna di mondo,percepiva ogni cosa e lasciava fare.

In cuor suo però,con malcelato orgoglio,si crogiolava per un marito così clamorosamente invidiato e per una figlia tanto bella e sicura di sé.

Conoscendola,ero quasi certa che si fosse bagnata tra le cosce e,certamente,nella sua mente aveva pensato"La mia bambina,tanto bella quanto troia!"

In quel momento,nessuno poteva saperlo ma,in un certo senso,lo sposo era davvero mio padre!

°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°

La festa era stata bellissima ma,non appena io e il mio fresco sposo siamo saliti in macchina,mi sono tornati alla mente tutti i problemi che avrei dovuto affrontare.

Il primo era sicuramente quello di accertarmi,di essere davvero già gravida.

Il secondo,certamente non meno importante,era quello di evitare che mio marito potesse godermi dentro durante la luna di miele.

Avrei dovuto fare prima il test di gravidanza per avere la certezza della paternità della creatura che speravo di portare già in grembo.

Avevo studiato il piano,aiutata anche in questo,da mia madre.

Prim'ancora di fare l'amore con mio padre con l'intento di essere messa incinta,avevamo già pianificato il modo per essere certi della gravidanza e della legittima paternità.

Certo che,un conto era pianificare ed altro era mettere in atto!

Come prima cosa,dovevo cercare di "neutralizzare"gli spermatozoi di mio marito mettendogli fuori uso l'attrezzo preposto per poi,tenerlo fuori bersaglio per i giorni necessari al test di gravidanza.

Avevamo deciso che,avremmo trascorso la prima notte nella nostra casa nuziale e che,saremmo partiti il giorno dopo per la luna di miele.

Andando in macchina verso casa,fingendo un'eccitazione incontrollabile,mentre lui guidava,gli ho slacciato la patta dei pantaloni e,dopo avergli estratto il membro già duro,infilandomi con la testa sotto il volante,gli ho fatto un pompino facendolo godere nella mia bocca.

Ero sicura che,con quel sistema,complice la sua ridotta passionalità e la stanchezza che quella giornata gli aveva procurato,sarei riuscita ad evitare di essere penetrata quella stessa notte.

Così è stato!

Una volta a letto,dopo aver amoreggiato per un pò,dopo essermi fatta leccare la fica ed avergli davvero goduto in bocca,lui si è girato e,stremato dalla fatica,si è addormentato.

Come avrei voluto che,in quel momento,al suo posto vi fosse il mio focoso papà!

Sarebbe stata davvero la mia prima notte di nozze!

Al mattino,mi sono ben guardata dall'andare a cercarlo per recuperare il flop della prima notte,lui per contro,si è comportato come se fosse stato un giorno qualunque.

Mentre facevamo colazione io,dopo avergli sfiorato le labbra con le mie gli ho detto:

-Tesoro,pensavo di farti una sorpresa ma,credo di aver commesso un'errore.

Sognando il nostro magnifico matrimonio,la nostra prima notte e la luna di miele,volevo subito fare un regalo a te e tua madre che sò,tenerci molto!

Per rimanere subito incinta,dieci giorni fà,ho sospeso la pillola per essere subito pronta e feconda.

Stanotte però,non riuscivo a prendere sonno e ci ho riflettuto sù.

Penso che sarebbe sbagliato fare subito dei bambini,siamo così giovani che,credo sia meglio aspettare un pò e goderci con spensieratezza la vita prima di impegnarci con dei figli....tu cosa ne pensi?-

-Amore,se è questo che desideri,lo voglio anch'io!

Però.come facciamo senza pillola,vuoi che vada a comperare dei preservativi?-

-Oh no amore,i preservativi no!Lo sai che non mi piacciono e poi,la gomma mi irrita le mucose....faremo senza e,staremo attenti....tu uscirai prima di godere e,magari mi spruzzi sulla pancia,sulle tette o in bocca,sai quanto mi piace il tuo sapore!-

Quei discorsi ci avevano eccitato molto e,dopo la colazione,abbiamo fatto l'amore e,come d'accordo,lui è venuto disperdendo il seme sul mio corpo ed in parte tra le mie labbra.

I successivi dieci giorni sono trascorsi così tra pompini,cunnilingus e coitus interruptus oltre che,alcune pause di astinenza totale.

Dopo una settimana,a sua insaputa,ho comperato in farmacia un kit per il test di gravidanza risultato subito,inequvocabilmente:POSITIVO!

Non stavo nella pelle dalla gioia ed ho subito telefonato a mia madre per darle la buona notizia.

Quella stessa mattina poi,Luca era uscito presto dall'albergo per una commissione inerente il suo lavoro.

Io ero ancora a letto ed avevo appena finito di parlare con mia madre quando,hanno bussato alla porta per portarmi la prima colazione.

Solitamente il servizio veniva fatto da una cameriera ero dunque,andata ad aprire in camicia da notte alquanto discinta.

Quel mattino,stranamente,col vassoio in mano è apparso il direttore dell'hotel.

Per tutto il periodo in cui ci eravamo trattenuti in quell'albergo,ogni volta che mi incrociava,mi lanciava strane,ammiccanti occhiate che,mi compiacevano e mi turbavano al tempo stesso.

Spesso gli sguardi erano accompagnati da complimenti galanti ai quali,in assenza di mio marito,rispondevo con una certa,spudorata civetteria.

Lui era un signore sulla cinquantina,molto distinto,capelli bruni ed occhi scurissimi.

Anche la pelle del viso,ben rasata,appariva bruna e vellutata.

Non mi dispiaceva quella specie di sottile corteggianmento e,devo confessare che a quel pensiero,a volte mi ero bagnata e che,anche facendo l'amore con mio marito,avevo immaginato che fosse lui dentro di me godendone intensamente.

Entrando in camera,aveva chiuso la porta a chiave e,dopo aver poggiato il vassoio sul tavolo,ha cominciato a spogliarsi.

Io lo guardavo come ipnotizzata ed ogni tentativo di dire qualcosa,mi si spegneva in gola.

Quando era completamente nudo lui,guardandomi negli occhi ha detto:

-Signora Malgara,suo marito è stato accompagnato al suo appuntamento dall'autista dell'albergo che ha l'ordine di non rientrare prima di tre ore.

Ho pensato che non fosse giusto che una sposina bella e fresca come lei,trascorresse tutto questo tempo da sola ed ho pensato che potesse farle piacere ingannare quel tempo in mia compagnia.

Così dicendo,ha sollevato il lenzuolo e si è disteso accanto al mio corpo velato di seta.

Da quell'istante non ha più parlato ed anch'io d'altra parte,ero rimasta muta,senza le inutili parole che, sostituite da gesti e suoni completamente privi di senso umano e razionale,rendevano la situazione vagamente boccaccesca.

Eravamo entrambi preda del più istintivo e selvaggio comportamento sessuale.

Non eravamo più un'uomo e una donna ma solo un'animale infoiato alle prese con la sua femmina sottratta,dopo feroci combattimenti,alle bestiali pretese del branco.

Solo mio padre sino a quel momento,era riuscito a farmi provare sensazioni tanto forti a letto ma,di lui,ero innamorata!

Quell'uomo invece,aveva estratto in un tempo infinitesimale,dal profondo del mio spirito e del mio corpo,la cagna in calore vogliosa ed inquieta che attende il suo maschio infoiato.

Come una giumente che acconsente alla monta del suo scalpitante stallone scostando la coda,anch'io mi sono offerta slacciando la cintura del mio kimono ed aprendomi a lui.

Senza preliminari la bestia,mi si è portata addosso e,sollevando le mie gambe sulle sue possenti spalle,mi ha puntato il turgido membro e,con un colpo secco,è entrato in me scuotendomi l'utero come se fossi stata sfondata da un'ariete.

Incurante del mio grido di dolore,ha cominciato a stantuffarmi scuotendo il mio corpo come se fosse una bambola di pezza sino a che,emettendo un grugnito assordante,mi ha riempito la pancia con numerosi,bollenti schizzi di sperma.

Quanto a me,dopo i primi lancinanti dolori,sono stata trascinata anch'io in un vortice di libidine che mi ha procurato,un numero infinito di orgasmi.

Dopo aver goduto,come svuotato dall'enorme energia impiegata,il maschio si è accasciato su di me con tutto il peso del suo corpo.

Eravamo entrambi matidi di sudore e,dai nostri corpi ancora congiunti,fuoruscivano fluidi caldi ed appiccicosi mentre l'aria si saturava dell'olezzo dei nostir umori.

Una chiavata da manuale come quelli epici di cui a volte,mi parlava mia madre!

Mentre quel fardello mi schiacciava le membra,ho pensato che,fortunatamente ero già incinta altrimenti,avrebbe sostituito lui mio marito nel suo dovere di impregnarmi.

Quando si è ripreso,pareva un'altro uomo.

Era dolce,delicato nei movimenti e gentile quando mi sussurrava parole senza senso ma che,suonavano come frasi d'amore.

Mi accarezzava,mi leccava,mi penetrava con gentilezza scivolandomi dentro e stimolandomi come se già conoscesse i miei punti sensibili.

Bisbigliandomi in un'orecchio,mi aveva chiesto se lo volessi anche dietro e,dopo la mia risposta affermativa,dopo avermi leccata a lungo e massaggiata con le dita lo sfintere anale e le pareti rettali mentre si aggingeva a montarmi a pecora,l'ho fermato dicendogli:

-Prendimi davanti con le gambe sulle tue spalle come abbiamo fatto prima.Voglio guardarti negli occhi quando mi inculi e voglio volare sollazzandomi con l'espressione del tuo volto quando mi riempi coi tuoi fiotti di bollente sborra.

Prima,quando mi godevi nella fica,sono stata stregata dalle tue grida,infiammata dalla tua bollente sborra,rapita dalla tua foga ma non ho visto i tuoi occhi mentre godevi con me,per me,dentro di me!-

Eseguendo il mio desiderio,ha assunto la postura richiesta e mentre i suoi occhi erano conficcati ai miei,il suo membro mi è scivolato dentro come se il mio culo gli fosse appartenuto da sempre.

Anch'io per contro,ho accolto quel nodoso strumento di piacere ed il suo caldo nettare come se fosse un visitatore abituale del mio fondoschiena.

Certo,ero ben aperta ed accogliente istruita com'ero,dagli insegnamenti di mia madre e dalla pratica col mio amato paparino.

Anche quando ha offerto il suo poderoso arnese turgido,livido e pulsante alle mie labbra,lo ha fatto come se mi stesse offrendo un bigné ed io l'ho preso,l'ho succhiato con naturalezza sino ad estrarne un'abbondante razione di crema che ho gustato sino all'ultimo fiocco.

Quando stanche ed appagati abbiamo esurito le ultime riserve di energia,mi ha preso in braccio ed ancora piena dei suoi umori,mi ha depositata sul divano coprendomi con un colorato plaid di lana.

Poi ha chiamato la cameriera e,mentre lui mi serviva la colazione,lei ha cambiato le lenzuola palesemente bagnate dai nostri corpi.

Entrando la ragazza,comportandosi come se fossi sola,mi aveva salutata con un sorriso:

-Buon giorno signora Malgara,spero che abbia dormito bene!-

Finito di rassettare il letto,mi ha sorriso ancora e prima di accommiatarsi,mentre il direttore completava il suo amorevole servizio di colazione tenendomi stretto a sé,mi ha chiesto:

-Ha bisogno di altro signora Malgara?-

ed è uscita chiudendosi piano la porta alle sue spalle.

In quel momento ho capito che il direttore mi stava esibendo al suo personale come ennesima preda.

Avrei dovuto infastidirmi per quella estemporanea ostentazione ma,ero troppo contenta per quello che mi aveva regalato e per come mi aveva fatta godere per protestare.

Quando mio marito è rientrato,avevo già fatto la doccia ed ero raggiante per tutto quello che mi era accaduto quel mattino.

Lui ha notato subito la mia euforia e,prima che dicesse qualcosa,l'ho spogliato,l'ho gettato sul letto e mi sono fatta chiavare facendomi sborrare dentro.

-...oddio Luca....mi sa che l'abbiamo fatta grossa,avevo troppa voglia di te e mi sono dimenticata di farti uscire....speriamo di non esserci rimasta...!-

-Ma tesoro,se pure fosse,che importa,tanto prima o poi,dobbiamo pur farlo questo bambino e poi sai....mia madre sarebbe felicissima di prendersene cura quando noi vogliamo andare adivertirci!-

Ha risposto con tono tra il soddisfatto ed il fatalista,mio marito.

-Hai ragione amore,prima o poi,dovrà pur venire il nostro bambino!-

Quando siamo ripartiti,il direttore non c'era.

C'era però la cameriera alla quale mi sono avvicinata per darle €100 di mancia che lei ha rifiutato e,mentre la salutavo,mi ha stretto una mano tra le sue congiunte e mi ha sussurrato:

-Spero che le sia piaciuto il soggiorno ed il regalo di mio marito!

Se può torni presto a trovarci,abbiamo altre sorprese per lei e per il suo inesperto sposo,se vorrà portare anche lui!-

Quella rivelazione mi aveva lasciata senza parole e,per tutto il viaggio di ritorno,senza mai parlare con mio marito,ho rimurginato su quell'episodio e su quanto mi aveva svelato la "cameriera".

Il giorno dopo il nostro rientro,mi sono precipitata a casa dei miei per fare l'amore con mio padre,per festeggiare insieme a loro la lieta notizia e,per raccontare a mia madre,tutto quello che mi era successo.

Dopo una settimana,siamo andate dal ginecologo che ci ha confermato il mio stato di futura madre.

A quella notizia mio marito mi ha abbracciata e mi ha baciata festosamente mentre la madre,ha voluto organizzare una grande festa alla quale ha partecipato tutto il parentado.







Questo racconto di è stato letto 1 2 3 7 1 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.