Mai fidarsi

Scritto da , il 2022-11-24, genere tradimenti

Il mio ragazzo ultimamente mi sta trascurando,
Lui giocatore di calcio semi preffesionista
Siamo coetani lui 25 enne bel ragazzo amodo gentile premuroso.
Conviviamo da tre anni
Io non patentata ultimamente ho cambiato ufficio, per raggiungeflo devo prendere tre mezzi.
Un giorno piovoso ero alla fermata che aspettavo il bus,
Si ferma un auto lo sto per mandare al quel paese quando una voce familiare mi dice vuoi un passaggio?
È il padre del mio ragazzo
Acceto volenhtieri con la giornata piovosa e fredda ero infreddolita, salgo e gia mi sento meglio dal calore del auto.
Mi chiede dove devo andare,
Gli dico la via
lui pensa sta a due isolati da dove sto ristrutturando un appartamento.
Arrivati lo ringrazio con un baccio sulla guancia, l
Mi chiede cosa faccio ha pranzo,
Se voglio pranzare con lui,
Accettato di buon grado,
Lo comunico anche sl mio ragazzo,
Non lo sento entusiasta tutt'altro,
Mi ds la sensazione che è preoccupato, gli chiedo se può venire anche lui.
Ma ha i allenamenti e non può,
Allora ci vediamo stasera a casa tua gli dico 😘a dopo
Durante il pranzo si dimostro simpatico, con le sue barzellette sporche, mi fa bre più del dovuto,
Ero allegra e più disinibita,
Mi chiese se volevo accompagnarlo a fare un sopralhogo di un appartamento di un suo amico, poi sarremmo tornati insieme a casa che ci aspettavano per la cena.
Arrivati il suo amico ci stava aspettando,
saliamo in un palazzo di 15 piani,
L'ascensore era stretto mi ritrovo mio suocero attacato dietro,
Sento una cosa dura tra il solco del mio fondoschiena,
Non so perche la cosa mi eccita
Ad un tratto l'ascensore si blocca e si spengono le luci.
Inizio ad avere paura mi abraccio col suo amico che cerca di tranquillizzarmi, suona il pulsante di soccorso,
Mio suocero mi abraccia da dietro io abracciata al suo amico,
Tremo di terrore ho attachi di panico mio suocero con una mano si intrufla ad arrivare alla mia farfallina 🦋 tra l'alcool e il mio attacco di panico non ho una reazione,
Dando modo a lui di continuare, mi sossurra all orecchio di rilassarmi e lasciarmi andare,
Il suo amico che era difronte cerca di baciarmi, serro le labra, mio suocero mi stringe il clitoride, con la conseguenza che per gridare dal dolore apro la permettendo al suo amico di intrufolare la lingua nel mio palato, mio suocero mi sta lavorando la fica con le dita che inizia a produrre umori,
Lui continuava a dirmi cose dolci mentre il suo amico si inposseso dei miei capezzoli succhiandoli,
Non so come sia successo mi ritrovo nuda coi slip alle caviglie in uno spazzio ristretto non so come anno fatto mi ritrovo lorl a leccarmi chi la gica chi il culo, non ci misi molto ad avere un orgasmo, lli mi ritrovo in ginocchio a succhiare i loro cazzi portandoli all orgasmo
Finalmente si riaccesero le luci mi ricomposi e usci da quel ascensore cambiata, avevo fatto xei pompini a mio suocero.

Questo racconto di è stato letto 5 4 2 2 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.