Mirko e la ribellione pt.9

Scritto da , il 2022-09-15, genere pulp

I giorni passarono e Mirko era sempre più immerso nella sua distruzione di tutto ciò che lo circondava,un pomeriggio stavano tranquilli ed ecco qui che arrivava un ragazzo, biondo,occhi azzurri,pelle scura,Mirko lo conosceva già,lui era Mauro,il figlio di delle persone che abitavano vicino la villa di Mirko.
Mauro era un adolescente,un bravo ragazzo,era venuto lì per chiedere i biscotti che Anna aveva detto che avrebbe fatto assaggiare a sua madre,lei e Anna erano grandi amiche,aiutò molto Anna nel periodo nel quale Mirko scappo di casa e per lei fu veramente rassicurante avere qualcuno che le dava una mano.
Quando Mirko lo vide però lo avvisto ,era un Bersaglio,il suo culo era ciò che voleva,vide un piano per averlo.
Mirko invito Mauro a prendere un caffè ,aveva una 15 anni al incirca,per Mirko andava benissimo.
Dopo il caffè Mirko offri una birra a Mauro e lui gli chiese se l'avrebbe detto alla mamma ma Mirko sorrise e nego,allora il ragazzo prese la birra di Mirko,dopo di che Mirko gli disse di seguirlo,Mirko tocca il culo del ragazzo,lo palpeggiava,sentendo i suoi glutei sotto le sue mani grandi e callose,Mauro si basso succhiando il grosso e vigoroso cazzo di Mirko,per poi scoparlo analmente,la porta aperta e Mirko che gemeva,allora Lucas entro,vide il padre scopare quel ragazzo,Mirko venne allora colto dal energia animale e inizio a insultare il figlio con parole orribili,lui lo guardava con i dolci occhioni azzurri,Mirko lo prese dai capelli tirandoglieli e togliendo il cazzo dal culo di Mauro,dopo aver sborrato in faccia a Mauro strego la faccia del figlio facendogliela leccare e di conseguenza leccare la sborra di suo padre stesso,Lucas era traumatizzato,piangeva,quel uomo che si spacciava per suo padre era un mostro,lui mise il cazzo in bocca al figlio e gli scopo la bocca sborrando dentro di essa,la porta sbalancata e entra Manuel,dopo mesi finalmente parla,butta il padre a terra e gli sbatte la testa sul cesso,Mauro se ne scappa nudo "ora basta,mi hai rotto il cazzo bastardo"urlo Manuel senza pietà mettendo nel culo del padre il suo cazzo, Mirko stava venendo violentato da suo figlio ,Manuel si alzò e piscio sul padre umiliandolo dopo averlo sborrato e deriso,defeco sul suo corpo quasi svenuto,qui entro Anna,prese il figlio dalle mani e scappo,Mirko svenuto.
Si risveglia a casa solo,senza soldi,senza macchina,senza niente,Anna è scappata e ha portato via con sé i suoi amati figli, Mirko contatta i suoi picciotti per trovare Anna ma nessuno la trova,ha lasciato la città

Questo racconto di è stato letto 8 0 1 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.