Mio cognato

Scritto da , il 2021-11-16, genere gay

Mi cognato mi chiamò che voleva vedermi lui era a casa in ferie sì chiama Gustavo ha un bellissimo cazzo sui ventiquattro cm poi mi disse adesso andiamo nel bagno mi fece un grandissimo clistere con due litri d'acqua scaricai tutte le mie miserie poi siamo andati in salotto mi offrì un bicchiere di cognac Gustavo nella sua camera mi infilò uno splug nella mia patata anale nel frattempo Gustavo preparò il pranzo una pastasciutta di aglio olio e peperoncino ne fece mezzo kilo di spaghetti finito il pranzo siamo andati a letto 🛌Gustavo mi levò lo splug poi io voltavo le spalle a Gustavo poi Gustavo mi fece sentire il suo cazzo dietro a me mi fece sentire il suo cazzo sulle chiappe Gustavo poi mi disse alza un poi una gamba poi infilò tutto il suo cazzo duro dentro lo avevo tutto dentro nella mia pancia era molto bello una cosa bellissima stupenda meravigliosa bellissima mi bruciava un po' Gustavo mi disse adesso girati Gustavo mi viene sopra a cavalcioni mi disse adesso alza bene le gambe mettile sopra le mie spalle lui mi disse all'orecchio voglio chiavare come una troia Gustavo cominciò a pompare molto forte quando stava per venire mi disse adesso prendilo in bocca 👄mi ha riempito la bocca di sperma lo ingoiata tutta era molto buona molto dolce

Questo racconto di è stato letto 1 0 6 2 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.