Il figlio eccitato 18 - La setta satanica e incestuosa della suocera.

Scritto da , il 2021-10-15, genere incesti

Ad un primo colpo d'occhio le cose che aveva trovato scritto sugli sms e su WhatsApp che il marito aveva ricevuto dalla mamma erano talmente pazzeschi che la ragazza turbata non era riuscita a leggere e col cuore che le batteva nel petto come impazzito e le mani tremanti, era riuscita ad inviare sulla sua sim segreta colla quale intratteneva i rapporti col suo amante, con la mamma ed il fratello.

Le poche cose che era riuscita a leggere, l'avevano talmente sconvolta che non aveva avuto la forza di proseguire oltre.

Nell'agitazione del momento poi, aveva anche il timore che lui si potesse svegliare cogliendola sul fatto per di più agitata ed incapace di mantenere il controllo.

Aveva così oscurato la seconda sim e si era messa a letto accanto a lui senza riuscire a prendere sonno.

Al mattino quando a fatica lo aveva svegliato portandogli il caffè a letto come faceva sempre, il primo pensiero del marito ancora assonnato, era stato quello di afferrare il cellulare per accertarsi che non fosse stato toccato dalla moglie e nasconderlo subito sotto il lenzuolo.

Quando il marito era uscito per andare al lavoro, lei finalmente al sicuro e meno agitata, aveva cominciato a leggere i messaggi.

Il contenuto delle invettive della mamma nei confronti del figlio denotavano un controllo assoluto sulla sua psiche che ne determinavano ogni comportamento.

"Non so come ripetertelo!

Te l'ho detto e ripetuto in mille modi di tenere d'occhio quella troia di tua moglie e di stare alla larga dalla sua famiglia.

E tu per tutta risposta che fai?

La vai a mettere incinta!

Hai fatto con lei, quello che non sei riuscito a fare con me in dieci anni.

Sei proprio un coglione, non sembri proprio mio figlio!

Voglio vedere almeno se sei capace di farla abortire!"

Erano le prime frasi che era riuscita a leggere ed erano del tutto simili a quelle successive.

Tutto girava sul fatto che lui avesse dovuto sposarla per una questione di facciata ma che poi, non avrebbe dovuto avere figli con lei continuando a scopare con la mamma nel tentativo di ingravidarla.

Gli aveva persino scritto, ribadendo cose dette a voce in chissà quante occasioni che se non fosse riuscito ad ingravidarla con quell'inutile cazzetto, avrebbe provveduto ad estrargli il seme e farselo iniettare ed ingravidare dal ginecologo "Della Famiglia" col quale era già d'accordo.

"Non ci posso pensare!"

Ripeteva in modo ossessivo nei suoi messaggi: "Hai messo incinta lei invece di ingravidare tua madre come prescritto dalla "Famiglia"!

Procedendo nella inquietante lettura, aveva scoperto che il professare pubblicamente la sua fede cattolica da integralista bigotta non era altro che un sistema per mascherare la sua appartenenza ad una setta a metà tra i satanisti ed i testimoni di Geova.

Era una setta i cui principi basilari erano fondati sulla famiglia rigorosamente chiusa ed incestuosa e sull'odio per tutti coloro che professavano una fede diversa.

I suoi genitori erano fratello e sorella che a loro volta erano il frutto di rapporti incestuosi rigorosamente programmati sin dalla nascita senza amore, senza passione e senza l'adesione spontanea alla setta: Semplicemente vi venivano precipitati senza coscienza ma semplicemente crescendovi come animali vittime di padroni spietati.

Era una setta anomala da tutti i punti di vista giacché le famiglie ermeticamente chiuse, vivevano in modo apparentemente normale mimetizzandosi perfettamente col mondo esterno (La chiesa-La scuola-I rapporti sociali-Il lavoro) e le loro relazioni avvenivano attraverso contatti segretissimi rigorosamente verbali.

All'interno della setta vi erano presenti personaggi di alto ceto sociale e professionisti di ogni tipo dagli avvocati agli ingegneri ai medici ed a ogni altra sorta di specializzazione professionale.

"Organizzati e fai in modo da portarla dal nostro ginecologo ad abortire quella puttana di tua moglie!"

La frase che appariva di tanto in tanto nel delirio di quei messaggi.

Sfinita e spaventata da quelle inquietanti letture, si era seduta spossata sul divano ed aveva cominciato a riflettere sulla differenza che c'era tra i rapporti incestuosi nella sua famiglia improntata sull'amore e sul libero arbitrio.

Qualunque scelta o azione, anche la più trasgressiva era compiuta in assoluta libertà con l'unico obiettivo di ricercare la felicità tra le braccia delle persone più amate.

Nella famiglia del marito invece tutto avveniva in modo orrendo e coercitivo, senza libertà di scelta, nell'ipocrisia blasfema e nell'odio verso tutti gli altri.

Quando aveva telefonato alla mamma per informarla di quanto aveva scoperto, lei le aveva suggerito di stare attenta e cercare di scoprire qualcosa di più e poi, trasferirsi da lei per godersi insieme le creature frutto dell'amore che avevano in grembo e per capire cosa fare, come affrontare quella situazione pericolosa e oramai insostenibile.

Quella sera stessa il marito mentre erano seduti a cena, aveva ripreso il discorso dell'aborto proponendo un ginecologo di sua conoscenza:

-Abortire? Mai!

Togliti dalla testa quell'idea!

Sei finalmente riuscito a ingravidarmi con quel ridicolo uccellino che hai tra le gambe ed ora il figlio ce lo teniamo!

Mio figlio! Tuo figlio!

Nascerà e la gravidanza sarà seguita dal mio ginecologo altro che abortire con un tuo amico!

Non farmi dire cose di cui mi potrei pentire altrimenti mi costringi a maledire il giorno in cui quella strega di tua madre ti ha messo al mondo!-

Segue




Questo racconto di è stato letto 4 5 8 7 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.