Il figlio eccitato 12 - Sesso sfrenato e sborra a go-go con la mamma gravida❤

Scritto da , il 2021-10-08, genere incesti

Quando Dante era arrivato a casa, il padre era al lavoro e la mamma lo stava già aspettando ricoperta solo da un corto babydoll in seta trasparente con sotto una parure di intimo formato da un minuscolo perizoma nero con un triangolino davanti che a malapena copriva lo spacco della fica depilata mentre sui fianchi, sotto e dietro un filo sottile le si perdeva tra le natiche gonfie ed ancora sode senza la minima traccia di cellulite.

Il reggiseno a balconcino reggeva le generose tette come fossero coppe lasciando in bellavista anche se in trasparenza le areole rosate con poggiate sopra due dure nocciole brune.

Non appena il figlio aveva varcato la soglia di casa la mamma gli si era attaccata addosso e sollevandosi sui piedi nudi, con le mani dietro la testa lo aveva tirato a se e gli aveva offerto le labbra infilandogli subito la lingua in bocca.

Poi, dopo un lungo libidinoso vortice di lingue si era staccata e guardandolo con occhi carichi di desiderio gli aveva detto:

-Quel cornuto di tuo padre torna tardi ed abbiamo tutto il tempo per festeggiare.

Intanto fammi ringraziare questo cazzone che ha fatto il suo dovere al primo colpo.-

Senza neanche terminare quella frase era in ginocchio davanti al figlio e con fare nervoso, gli aveva aperto la cerniera dei jeans e dopo aver slacciato la cintura, gli aveva calato con un solo gesto, i pantaloni e le mutande.

-Bello,,,bello di mamma....duro...così ti voglio sempre...duro e pieno di sborra..-

Aveva biascicato con la voce impastata dall'urgenza di prenderlo in bocca.

Subito, stringendolo con ambo le mani come fosse una clava, l'aveva imboccato ed aveva cominciato a spompinarlo.

Il figlio sorpreso da tanto irruento trasporto, si era lasciato fare per qualche secondo prima di portarle le mani tra i capelli per guidarne i movimenti.

La donna era davvero troppo infoiata per dedicarsi a pratiche diverse dal pompino puro e semplice.

Dunque tenendolo sempre ben stretto tra le dita, aveva cominciato un movimento di avanti-indietro con la testa producendo una gran quantità di saliva che scivolando filamentosa dagli angoli della labbra, colava sino a bagnare il pavimento.

I movimenti a stantuffo di quel bastone nella bocca così bagnata, emettevano un eccitante sciacquio che faceva arrapare oltre modo il ragazzo che oramai sentiva che il suo cazzo riempiva completamente il cavo orale della mamma la quale a sua volta faticava a contenerlo.

Oramai entrambi erano arrapati come bestie.

Le gambe del ragazzo avevano cominciato a tremare mentre il suo cazzo si contraeva e si scuoteva come una bestia viva intrappolata nella gabbia di quelle fauci intrise di umori pre-orgasmici e saliva nell'incontrollabile corsa verso la sparata finale.

Dal canto suo anche la mamma percepiva tra le dita e le labbra le convulsioni di quella bestia che di li a poco, accompagnato dai grugniti del figlio avrebbe scaricato una raffica di fiotti bollenti che, soffocandola e non riuscendo ad essere ingoiati allo stesso ritmo degli spruzzi, saturando la bocca già piena, erano spruzzati fuori dalle labbra sporcando ogni cosa intorno a loro.

Alla fine degli spasmi e di quel violento orgasmo, l'ambiente pareva essere stato attraversato da una specie di uragano.

La sborra e la saliva aveva imbrattato ogni cosa.

Il babydoll pareva uscito dalla lavatrice, i pantaloni, le mutande e le scarpe del ragazzo erano zuppi mentre la porta, il pavimento e gli altri oggetti vicini parevano colpiti e chiazzati dal getto di una pompa.

Quando la mamma si era alzata, rendendosi conto del disastro combinato, era scoppiata in una sonora risata subito seguita da quella del figlio.

-Guarda che casino abbiamo combinato!

Amore di mamma, tu non hai un cazzo tra le gambe ma una vera pompa idraulica!

Ancora una risata aveva accompagnato quelle parole.

-Amore, credo che questa bestia abbia voluto dimostrare la sua approvazione per essere riuscito ad ingravidarmi al primo colpo come se sapesse quanto sono contenta io.

Adesso amore vai a spogliarti in camera tua e poi aspettami in bagno mentre io pulisco tutto questo casino.-

Sotto la doccia la mamma, che oramai smaniava per il cazzo del figlio, lo aveva lavato e non perdeva occasione inginocchiandosi davanti a lui per insaponarlo a prenderglielo in bocca anche se ricoperto di schiuma.

Alla fine della doccia si erano trasferiti nella camera del ragazzo ed anche li lei aveva continuato a prendere l'iniziativa e col ragazzo disteso sul letto, lo leccava ed accarezzava in ogni parte del corpo non dimenticando di leccargli il buco del culo, succhiargli i coglioni e pastrugnare con le labbra sul suo petto mordendogli i capezzoli sino a fargli male.

Quando la verga dopo tutti quei trattamenti aveva ripreso il suo turgore, lei lo aveva fatto distendere supino e dopo averlo lubrificato con una crema, si era allargata le chiappe e scivolando a candela se l'era preso tutto nel culo.

-Se lo merita proprio amore dopo tutte quelle volta che per fare il suo dovere non ha visto altro che la fica.-

Quando il ragazzo aveva sborrato ancora riempiendole le visceri, lei gli si era adagiata addosso offrendogli i capezzoli da succhiare e contemporaneamente si era masturbata godendo anche lei col cazzo nel culo mentre il figlio le mordeva i capezzoli.

Dopo quei due orgasmi, si erano rimessi in ordine e mentre la mamma preparava il pranzo il ragazzo aveva telefonato ancora alla sorella per raccontarle l'incontenibile gioia della mamma e per avere informazioni su di lei ed il marito.

Durante il pranzo poi, con la mamma si era intrattenuto a fare progetti per il futuro e per come l'avrebbe messa col marito.

-Molto semplice Dante.

A tuo padre farò credere che si sia trattato di un incidente mentre mi farò impregnare anche dal suo capo lasciandogli credere che finalmente mi ero decisa a farmi mettere incinta da lui come continuava a chiedermi da tempo.-

Segue





Questo racconto di è stato letto 5 3 0 8 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.