Christine, la prof. di Francese -16- (continua)

Scritto da , il 2021-09-15, genere orge



Oggi impartisco l'ultima lezione a Giacomo, e penso di essere arrivata alla fine del mio tormento.

Ma le cose vanno in modo diverso da come avevo previsto, ecco la sua mail:

Dovrebbe essere finita, dico "dovrebbe" perché non si sa mai, ma lo spero, anche perché non ero preparata all'ultima cosa che mi è capitata.

Giacomo è' venuto alla solita ora delle ripetizioni.

Senza che lo sapessi, c'era anche Fabio, l'avevo già "conosciuto" (in tutti i sensi) qualche settimana fa, come certamente ti ricorderai.

Senza dire niente, si è messo semplicemente sul divano a messaggiare, e a farsi i cavoli suoi con il telefono.

Io vado avanti con la lezione.

Quando sta per finire, Fabio riceve una telefonata, si alza e chiede dove è il citofono.

Glielo mostro e va ad aprire.

Rimango interdetta, soprattutto quando, due minuti dopo, sale un altro ragazzo (scoprirò dopo che si chiama Claudio).

Mi saluta, è molto gentile e sorride, però non mi pare che sia qui per il caffè.

Prendo Giacomo da parte e gli chiedo cosa sta capitando.

Lui mi dice che è l'ultima volta, che giura che ora finirà tutto, ma che mi chiede questo ultimo sforzo.

Sono tutti in attesa, così ci trasferiamo in camera da letto.

Fabio e Giacomo mi aiutano a spogliarmi, io sono tesa come un cavo ad alta tensione.

Claudio evidentemente non conosce la mia situazione, perché continua a dirmi che sono carina e che devo stare tranquilla.

Piano piano si spogliano tutti e ci mettiamo sul letto.

Si mettono attorno a me e mi sporgono i loro cazzi, già eretti.

Do una leccata a ognuno di loro, come fossero dei gelati, ne prendo uno in bocca, poi passo a quello successivo.

Vado avanti così per circa dieci minuti.

I ragazzi sembrano tutti molto coinvolti, giacomo tiene gli occhi chiusi, Claudio mi accarezza la testa ogni volta che lavoro sul suo.

Ad un certo momento, quando sto per "assaggiare" quello di Fabio, mi ferma.

Si sdraia sul materasso e mi invita a mettermi a cavalcioni su di lui.

Lo faccio, lascio che penetri dentro di me.

Senza dire una parola, Giacomo passa alle mie spalle e dopo un attimo sento la punta della sua cappella contro il mio ano.

Per fortuna usa un preservativo lubrificato (almeno, questa è la sensazione che ho), anche se fa comunque male quando entra.

Come non bastasse quello, Claudio si mette di fatto sulla testa di Fabio e mi porge il suo cazzo.

Ora, questa cosa io l'avevo vista qualche volta in qualche filmato porno, ma non rientrava nelle mie aspirazioni, anche perché, detto senza altro scopo, è una situazione decisamente scomoda.

Magari una pornostar con un po' di esperienza in più di me sa anche come muoversi; per quanto riguarda noi invece sembrava uno di quei giochi ad incastro in cui devi fare attenzione a non far crollare tutto.

Se mi fossi agitato per sentire meglio Fabio avrei rischiato di perdere Giacomo.

Claudio era il più trascurato perché, quando mi concentravo sugli altri due, smettevo di leccare lui.

Per fortuna dopo qualche minuto abbiamo trovato una certa coordinazione.

Giacomo mi ha afferrata per i fianchi ed ha preso ad entrare ed uscire.

Questo movimento di fatto stimolava anche Fabio.

Giacomo è stato il primo a venire e si è sfilato subito dopo.

CONTINUA ...

Questo racconto di è stato letto 1 6 8 5 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.