Sesso a casa 3/4

Scritto da , il 2021-08-31, genere incesti

Essendo giovani, con tanta forza da utilizzare, dopo un po’ di tempo il mio uccellino era ritornato duro e la mia mano andò a posarsi sulla sua fighetta per sentire se era di nuovo bagnata.

Ma mia sorella tolse la mia mano dalla sua fighetta, prese in mano il mio dito medio, se lo mise in bocca per bagnarlo bene e se lo infilò fino in fondo nel suo buchino del culetto ancora vergine.

Questo era senz’altro un’indicazione di quello che io dovevo fare.

Non una chiavata, essendo lei mia sorella, ma una profonda e gustosa inculata.

Provvidi immediatamente, alzai e allargai le sue gambe, abbassai la testa, le detti una bella leccata sulla sua figa e poi mi misi a leccare il suo buchino in maniera che fosse ben bagnato.

Quando il buchino era pronto per entrarci dentro con il mio uccello, il mio cazzo non era ormai più un uccellino.

La cosa non fu poi tanto facile, perché quando tentavo di entrare nel buchino mia sorella, lei mi diceva che le faceva molto male.

Nel tentare di entrare di nuovo, il mio cazzo bello duro mi scappò di mano e, pensate, andò a infilarsi nella sua passerina facendo gridare la mia sorellina che era stata, involontariamente, sverginata.

Ormai essendo già dentro, e infoiato come ero, non potevo che stantuffarla il più velocemente possibile per farla godere tantissimo, prima di ritirare il mio cazzo che stava per venirle dentro impregnandola.

Così finì quella lunga e faticosa giornata.

La mattina dopo, ognuno riprese a fare quello che faceva sempre e, soltanto la sera, ci ritrovammo tutti insieme attorno al tavolo della cena.

Eravamo tutti a testa china per non guardarci negli occhi, dopo quello che era successo il giorno prima.

Verso la fine il nostro papà si alzò, batté un forte pugno sul tavolo e disse:

“Basta signori, questa non è più una casa ma è un grande casino. È l’ora di mettere in chiaro cosa sta succedendo. Lo sappiamo tutti che qui si va avanti a forza di chiavate, inculate, pompini, masturbazioni reciproche e tutto il resto che segue. Quindi basta, guardiamoci negli occhi e decidiamo, finalmente, cosa faremo da ora in avanti”.

Tutti rimanemmo basiti sentendo quello che ci aveva detto.

Ma la cosa non era finita lì!

Infatti papà, sempre in piedi, cominciò a spogliarsi.

“Forza, signori” disse papà “spogliatevi anche voi e così vedremo dai vostri corpi quali sono i vostri desideri sessuali”.

Il modo in cui lo disse non lasciava alternative e, così, incominciammo subito a spogliarci.

CONTINUA ...

Questo racconto di è stato letto 6 9 7 7 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.