Marinella, diario di una novella troia -4- (continua)

Scritto da , il 2021-08-31, genere dominazione

11 maggio

Oggi è stata una giornata molto eccitante.

All'una ero come al solito in autobus.

Come mi hai ordinato, mi ero tolta il perizoma.

Ho visto il mio spasimante in fondo all'autobus, in un angolo.

Mi ha fatto un sorriso, e io ho ricambiato.

Sono andata verso di lui, e poco dopo il bus si è affollato di brutto.

Mi sono trovata ammassata davanti a lui.

Ad una curva del bus, mi ha spinta da dietro, e mi sono trovata nell'angolo, appoggiata al vetro.

Il suo corpo era appoggiato al mio, e sul mio culo il duro cazzo spingeva.

La sua mano era salita da sotto fin davanti alla coscia.

Piano piano saliva, finché mi ha toccato la figa con un dito.

Poi ha avvicinato il suo viso a me, e mi ha sussurrato nell'orecchio

"ecco la mia troietta, vedo che sotto sei nuda "

Poi prese a masturbarmi facendo ruotare il dito all’ingresso della mia figa.
Non avevo coraggio di guardarmi intorno, mi vergognavo da matti.

Sono rimasta lì, finché ho goduto una prima volta

"che bella puttanella che sei, hai già goduto, ma non ho intenzione di smettere"

M ficcò un dito profondo nella figa, sentivo le mie gambe tremare.

Quando ha preso a schiacciare il mio clito, quasi volevo urlare, ma sono rimasta immobile.

Ho allargato leggermente le gambe, sulle quali colava il mio succo, fino a godere ancora.

Man mano il bus si svuotava, e la gente diminuiva.

A quel punto mi ha detto che per quella volta poteva bastare, ma la prossima voleva godere anche lui.

Vorrebbe che scendessi ai giardini, e lo aspettassi ai gabinetti maschili.

Vorrebbe godere nella mia bocca, o farmi a pecorina.

Non ti nascondo che a casa mi sono masturbata alla grande.

La prossima che faccio?

La sera, in palestra, mi sono messa i pantaloncini svasati senza niente sotto.

Mi sono accorta che allargando parecchio le gambe, parte della figa usciva dalla tutina.

Anche il seno, con la canotta larga, rischiava di uscire.

Mi sono fatta coraggio.

Fortunatamente c'era poca gente.

Dopo un po’ l’uomo della scorsa volta si è avvicinato alla mia postazione, facendo esercizi gli attrezzi proprio davanti a me.

Da come gli si sono gonfiati i pantaloncini attillati, penso proprio che vedesse qualcosa.

In quel momento stavo facendo un esercizio sulla panca, che permetteva il movimento di braccia e gambe.

Lui si è avvicinato, mostrandomi come dovevo fare il movimento delle gambe.

Questo che gli permetteva senz'altro di vedere bene le mie intimità.

Inutile che ti dica che mi ero bagnata di brutto.

Guardando in basso tra le mie gambe, ho notato che si intravvedeva un labbro della mia figa luccicare.

Ho visto che mi guardava proprio lì

"mi scusi sono impresentabile, ma ho dimenticato il costumino a casa "

"non si preoccupi è un piacere guadarla, e sarebbe ancora più piacevole toccarla" mi disse.

Una sua mano è arrivata all'inguine, e poi e passata sotto il cavallo dei pantaloncini.

Mi guardai intorno.

“Non ti preoccupare, sono lontani gli altri. Hai una bella fighetta bagnata. Se vuoi godere, qui è il posto adatto"

Mi infilò due dita nella figa scostando il tutino.

"godi tranquilla, sei una bella porcellina, e se vuoi qui puoi trovare il cazzo che vuoi "

Ho goduto come una troia.

Dopo una decina di minuti sono corsa via.

Subito dopo prima di entrare nello spogliatoio lui mi ha detto

"guarda che piacerebbe anche a me godere" e mi ha fatto notare il suo cazzo duro.

Dopo essersi guardato intorno lo ha tirato fuori.

Era grosso e lungo almeno 20cm, con una grossa cappella

"Ti piace?

La prossima volta che ci vedremo potremo andare in sauna, dalle 20 è mista.

Se mi vuoi, vieni lì, mi togli l'asciugamano e ti siedi sul mio cazzone duro.

Questa sarà la tua punizione per lasciami così stasera”

Ho aperto la porta e sono andata nello spogliatoio.

Avevo un chiodo fisso in testa, vedevo davanti a me quel bel grosso cazzo.

Ero tormentata, cosa avrei fatto martedì??

CONTINUA ...

Questo racconto di è stato letto 2 8 5 8 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.