Intervista 9 - Le colleghe alla festa di compleanno

Scritto da , il 2021-07-24, genere dominazione

Marco aveva cominciato a notare dei piccoli cambiamenti al lavoro da quando la sua collega Laura era stata trasferita alla sede principale dove anche lui era di base. Alcune sue colleghe sembravano guardarlo in modo diverso. Quando le incrociava in corridoio c'erano spesso degli strani sorrisini, e se le colleghe erano in coppia sembravano indicarlo, e rivolgevano lo sguardo verso le zona inguinale.
Sospettò presto che Laura avesse raccontato a tutte cosa succedeva quando per lavoro viaggiava con lei, di tutte le volte che lo umiliava ordinandogli di mettersi nudo in ginocchio a massaggiarle e leccarle i piedi. Sicuramente Laura aveva raccontato anche della punizione a cui lo sottoponeva sua moglie, quando Silvia gli faceva mettere l'elastico per tenere tirata la pelle del cazzo. Ultimamente sempre più spesso Silvia gli ordinava di tenerlo anche quando era in sede. Ciò gli causava erezioni continue per lo sfregamento della cappella coi boxer, e Marco era sempre più preoccupato che la cosa si notasse ora che le colleghe sapevano qualcosa. Al lavoro fortunatamente le cose si limitavano ai sorrisini, ai colpi di gomito fra colleghe quando entrava in una stanza e agli sguardi prolungati sotto la cintura. Alcune sembravano trattato con più disinvoltura e altre si erano spinte a battutine allusive commentando in sua presenza come alcuni tipi di scarpe mettessero in risalto i bei piedi di una collega o come alcuni colleghi indossassero dei pantaloni di taglia troppo piccola.
Per questo Marco si allarmò quando sua moglie gli annunciò che per il suo compleanno gli aveva organizzato una festa al ristorante con le sue colleghe. Quando Marco le chiese della presenza dei suoi colleghi maschi Silvia specificò che solo le donne erano invitate, che le conosceva un po' meglio e che comunque con le donne ci si divertiva di più e non si sarebbe finiti a parlare subito di calcio e partite a poker.
La cena si rivelò piacevole. Sua moglie aveva prenotato un privè per rendere l'ambiente della festa familiare e riservato. Erano in otto, oltre a sua moglie e a Laura c'erano altre 5 colleghe simpatiche e che si erano messe in tiro per l'occasione fra scollature e minigonne. Il prosecco aiutò a sciogliere l'atmosfera, le colleghe si impegnarono a tenere Marco al centro della conversazione con scherzose domande per provare a metterlo in imbarazzo, chiedendogli quale collega avesse indossato le scarpe più belle, quale avesse la scollatura più profonda e facendogli controllare chi portava la minigonna più corta, fra battute e risate. L'unico inconveniente per Marco era che sua moglie aveva preteso che anche durante quella serata lui tenesse l'elastico al cazzo, per ricordargli che in mezzo a tutta quella figa chi comandava era lei. Ma fra le battute un po' spinte e la visione di tutte quelle tette l'elastico gli aveva causato un'erezione continua, che Marco aveva provato ad aggiustarsi con movimenti che però temeva non fossero passati inosservati.
Quando arrivò il momento della torta le sue colleghe erano ormai belle alticce ma nessuna rinunciò ad un altro giro di prosecco. Gli donarono ognuna un pacchetto facendogli un sorriso malizioso. I pacchetti erano di varie dimensioni ma la forma era simile, cilindrica e allungata.
Al canto di 'perché Marco è un bravo ragazzo!' gli intimarono di aprire i pacchetti. Cominciò dal primo che aveva davanti. Quando lo scarto' rimase a bocca aperta, fra le risate delle colleghe ormai in delirio . Si trattava di un dildo, a forma di cazzo. Marco si girò verso la moglie, che se la stava spassando come tutte le altre. Silvia gli disse di metterlo giù, commentando quanto fossero simpatiche e goliardiche le sue colleghe, e di continuare a scartare i regali. Marco aveva capito tutto, ormai rassegnato. Le colleghe presenti alla festa erano quelle a conoscenza del suo ruolo di sottomesso. Si mise a scartare gli altri pacchetti fra risate ed applausi e commenti sui gusti di chi aveva fatto il regalo. Marco si ritrovò presto circondato da dildo, tutti a forma di cazzo di vari colori e dimensioni. Naturalmente il più grande era stato quello regalatogli dalla moglie, un impressionante cazzo nero nodoso e con le vene belle in evidenza.
Silvia gli diede una borsa per raccogliere i dildo e gli comunicò che la festa sarebbe proseguita da loro, e chiamò i taxi. Mentre attendevano Silvia gli disse che le sue colleghe gli volevano fare un altro regalo. Ordinò a Marco di mettersi sotto il tavolo e di cominciare a baciare i piedi a tutte per ringraziarle dei bei regali. Marco capì che ormai era inutile provare ad opporsi alle umiliazioni e si mise sotto il tavolo. Le colleghe si erano sfilate le scarpe, e Marco passò i minuti successivi in estasi fra tutti quei piedini.
I taxi arrivarono presto e nel giro di pochi minuti erano tornati a casa. Erano ancora tutte lì, Silvia accese la musica e alcun colleghe cominciarono a ballare mentre altre chiacchieravano sui divanetti mentre a Marco venne chiesto di versare altro spumante.
Tutto ad un tratto Silvia ordinò il gran finale. Abbassò le luci ed ordinò a Marco di mettersi in mezzo alla stanza e di spogliarsi completamente.
Nell'imbarazzo Marco ubbidì'. Alcune colleghe fecero degli apprezzamenti sul fisico, Marco aveva dei bei pettorali e braccia muscolose. Ma si scatenarono quando si levò i boxer, sorprese da quanto ce l'avesse grosso ed in tiro. Si chiedevano perché un uomo con un cazzo così si facesse sottomettere, applaudirono e ridevano, alcune si meravigliavano dell'elastico e di quanto tirasse la pelle del cazzo, e commentarono quanto fosse rossa la cappella.
Silvia le assicurò che quello non era niente, di aspettare di vedere come sarebbe diventata a fine serata.
Silvia spiegò il gioco, disponendo i dildo di fronte a Marco. Era semplicissimo. Se Marco avesse indovinato l'autrice del regalo la collega gli avrebbe fatto una sega. Se sbagliava la collega gli avrebbe infilato il regalo nel culo. Silvia spiegò che ci sarebbe stata un'eccezione, Silvia stessa, che avrebbe cominciato con la prima sega e avrebbe concluso il gioco infilando il grosso dildo nero su per il culo di suo marito.
Prima di cominciare Silvia portò in sala 10 calici per il brindisi, versò il prosecco ma ne lasciò uno vuoto, quello di Marco. Il brindisi Marco lo farà con qualcos'altro, spiegò Silvia.
Marco ormai era in balia della moglie, allo stesso tempo eccitato ed umiliato a trovarsi nudo di fronte alle colleghe. Silvia spiegò che era più di un mese che a Marco non era concesso di toccarsi, e che le sarebbero bastati pochi colpi per farlo sborrare. Silvia prese il cazzo del marito in mano, la pelle era già tirata dall'elastico ma lei diede degli strappi secchi e profondi che lo fecero gemere di piacere e dolore. Le altre donne osservavano rapite, in silenzio. Silvia avvicinò il calice al cazzo del marito. Diede un ultimo colpo e lo sperma cominciò ad uscire a fiotti fra i ripetuti mugolii di Marco, una decina di schizzi che riempirono quasi a metà il calice.
Si sentirono diversi oohh e wow dalle altre donne, non si aspettavano che Marco sarebbe venuto così in fretta, la sega era durata una trentina di secondi. Una collega esclamò, quanta ne ha fatta!
Marco era terribilmente umiliato, tutte le sue colleghe avevano assistito alla sua sborrata, a quanto poco era durato e quanto fosse sottomesso a sua moglie, che lo controllava completamente.
Il gioco continuò, Silvia mostrò a Marco il primo dildo e lui provò ad indovinare senza successo quale collega glielo aveva regalato.
Giulia intervenne rivelando a Marco la risposta esatta, ma rivolgendosi a Silvia le disse che lei non aveva mai fatto una cosa simile e temeva di fare del male al marito, se piuttosto Silvia non potesse dimostrare a tutte come fare.
Silvia fece mettere suo marito in posizione a pecorina e con le mani ad allargare il culo. Fece penetrare il dildo senza problemi, una volta in fondo lo fece girare e poi cominciò col dentro e fuori. I gemiti di Marco erano coperti dagli schiamazzi delle colleghe, ormai sempre più ubriache. Silvia mostrò come il dildo di piccole dimensioni potesse scomparire completamente nel culo del marito. Disse a Giulia che Marco avrebbe indossato una cravatta rosa ogni qualvolta Silvia gli avesse ordinato di tenersi il suo dildo infilato nel culo mentre lui era al lavoro.
Marco continuò a sbagliare al gioco per i seguenti 5 dildo. Un paio di colleghe più intraprendenti ed alticce gli infilarono senza sforzi il proprio regalo nel culo, altre chiesero invece aiuto a Silvia.
Arrivò finalmente a dover indovinare un dildo di dimensioni notevoli, appena più piccolo di quello regalatogli dalla moglie. A Marco venne il sospetto che potesse essere di Laura, la collega a cui si era sottomesso durante i viaggi di lavoro. Finalmente aveva indovinato, ma Laura si rifiutò di fargli una sega, affermando che era stato troppo facile per Marco e che non voleva che il marito di Silvia si facesse strane idee e cominciasse ad infastidirla durante le loro trasferte. Venne deciso allora che Marco dovesse segarsi da solo, ma che dovesse venire entro un minuto altrimenti avrebbe comunque dovuto infilarsi nel culo anche il dildo di Laura.
Marco cominciò a segarsi ad un ritmo incredibile fra i cori delle colleghe che lo incoraggiavano e gli mostravano culi e scollature per eccitarlo ancora di più, tanto che riuscì a venire in 40 secondi.
Purtroppo per Marco i primi schizzi della sborrata mancarono il calice. Silvia gli fece leccare lo sperma che era finito per terra fra i versi di disgusto delle colleghe, e per punizione gli venne ordinato di prendere comunque l'enorme dildo di Laura nel culo.
Mancavano ora solo 3 dildo, uno era a ventosa e a Marco non venne neanche consentito d'indovinare, le colleghe richiesero una dimostrazione di come funzionasse, così Marco dovette dare ancora spettacolo fissandolo ad una sedia e scopandoselo sedendoci sopra.
Oltre a quello della moglie rimaneva adesso solo un altro dildo e per esclusione doveva essere quello regalatogli da Daniela, la collega con cui era più in confidenza.Tutte sapevano che Daniela aveva un debole per Marco, che ora era davanti alla collega e amica completamente nudo, il cazzo sempre durissimo. Daniela disse che gli avrebbe fatto la sega, fra le urla delle colleghe in delirio.
Quando Marco sentì la mano della collega attorno al cazzo non capì più nulla, Daniela aveva un tocco magnifico. Ancora una volta incredibilmente bastarono pochi colpi per farlo venire. Silvia teneva il calice che venne riempito di sborra fino ai tre quarti. erano impressionate, non potevano credere che
Rimaneva l'enorme dildo di Silvia. Le colleghe non credevano potesse davvero entrare. Daniela chiese a Silvia cosa avesse fatto suo marito per meritare un trattamento simile. Marco fu costretto a rivelare le chiamate che aveva provato a tenere nascoste durante le quali veniva sottomesso da Valeria. Le colleghe incuriosite insistettero nel volere sapere di più, così Silvia provò a contattare la giovane mistress che fra la gioia e l'eccitazione di tutte si disse disponibile ad una chiamata a quell'ora.
Rimasero tutte stupite dall'età di Valeria, non credevano che una ragazza così giovane potesse sottomettere un uomo come Marco, ma lei gliene diede subito dimostrazione ordinando a Marco di mettersi in posizione per il controllo. Valeria commentò di quanto si fosse allargato dall'ultima volta, e si disse convinta che il dildo della moglie sarebbe entrato senz'altro. Solo si lamento' un po' di non essere stata resa partecipe di persona della festa, lei l'avrebbe resa ancora più eccitante per le colleghe ed umiliante per il povero Marco.
Silvia si scusò e lubrificò per bene il magnifico dildo e lo appoggiò all'orifizio del marito. Marco a quel punto della serata ormai aveva il culo in fiamme, ma sapeva che col dolore avrebbe anche goduto. Sentì la punta penetrare e il culo ormai sfondato allargarsi ancora un po'. Valeria aveva ragione, sarebbe riuscito a prendere anche quello.
Silvia continuò a spingere finché del dildo non rimasero fuori che le grandi palle della base.
Le colleghe esplosero in un boato d'ammirazione.
Marco venne fatto rialzare col grosso dildo ancora piantato nel culo per partecipare al brindisi finale per il quale gli venne dato il calice colmo del suo sperma. Fecero i cincin di rito, poi Valeria ordinò a Marco di starsene con la bocca aperta, le colleghe gli avrebbero versato lo sperma in bocca a turno un po' alla volta.
Una volta che tutto lo sperma finì in bocca Marco dovette mostrare ad una ad una quanto fosse piena. Qualche rivolo gli uscì dai lati della bocca, ma riuscì a tenerne dentro la maggior parte, finché Valeria finalmente gli ordinò di berselo tutto.
Le colleghe fecero un ultimo applauso. Si rendevano conto di quanto Marco potesse venire umiliato e sottomesso e già pensavano a quanto si sarebbero divertite a sfruttarlo ed imbarazzarlo in ufficio.
Silvia ringraziò Valeria, chiamò i taxi e mandò Marco a letto. Dopo qualche minuto lo raggiunse. Era stravolto, il culo ancora allargato e in fiamme, il cazzo sempre in erezione e bordò. Gli tolse finalmente l'elastico dal cazzo e gli applicò della crema - Buon compleanno!

Questo racconto di è stato letto 3 3 2 7 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.