Intervista 8 - Il vicino si fa mia moglie

Scritto da , il 2021-07-17, genere dominazione

MaritiCornutieContenti - Rieccoci qua a mariticornutiecontenti.it per una delle nostre famose interviste-confessioni. Oggi con noi abbiamo Marco, benvenuto! Cominciamo con le formalità. Confermi di essere un vero cornuto?
M - Si, mia moglie mi mette le corna.
Mcc - da quanto sei sposato?
M - da 10 anni.
Mcc - E chi ti scopa la moglie?
M - Il nostro vicino di casa G.
Mcc - Comodo, un classico. Se non è il collega è il vicino di casa. E da quanto tua moglie ti fa le corna?
M - un paio di mesi.
Mcc - Ah, belle fresche! E come ti sei deciso a confessarti a mariticornutiecontenti.it?
M - Me l'ha ordinato mia moglie.
Mcc - Ordinato? Spiegati meglio al nostro pubblico.
M - Vivo sottomesso a mia moglie da diverso tempo, e S. ha suggerito che sarebbe stato divertente fare l'intervista..
Mcc - E quando tua moglie suggerisce qualcosa la si fa, abbiamo capito. Raccontaci com'è cominciata la sottomissione.
M - Ho sempre avuto un debole per il mondo delle mistress, il femdom. Io vedo il sesso femminile come superiore, adoro il corpo delle donne, mi eccita inginocchiarmi davanti ad una bella donna ed ubbidire ai suoi desideri.
Mcc - Continua..
M - tutto è cominciato con V., una giovane mistress che ho contattato in segreto in chat. Ma quando mia moglie mi ha scoperto la cosa è precipitata, ora sono sottomesso a mia moglie e anche ad alcune colleghe.
Mcc - Dev'essere una vita bella eccitante la tua! E come sei passato dall'essere sottomesso a cornuto?
M - È una storia un po' lunga e complicata..
Mcc - Ma noi siamo qui apposta, non vogliamo perderci niente, racconta!
M - Sono diventato cornuto un weekend, dopo aver fatto una settimana in viaggio di lavoro con L., una giovane collega.
Mcc - Facci indovinare, durante quel viaggio L te ne fatte parecchie.
M - Si, ero ai suoi ordini, quando eravamo in giro si divertiva a mettermi in imbarazzo con piccole umiliazioni, chiamandomi cornuto o segaiolo davanti alle cameriere, facendomi camminare sempre qualche passo dietro a lei con la sua borsetta in mano, cose così. E poi la sera in albergo dovevo stare nudo nella sua stanza a massaggiarle e leccarle i piedi.
Mcc - Molto eccitante! E poi cos'è successo?
M - che L ha sedotto mia moglie!
Mcc - Intrigante, com'è andata, vogliamo tutti i particolari, soprattutto quelli più spinti ed intimi, siamo per abbattere tutti i tabù qua.
M - Tornati dal nostro viaggio di lavoro L ha voluto fermarsi per salutare mia moglie. L'ha baciata e ringraziata per avermi potuto avere ai suoi ordini durante il viaggio. Fra una chiacchera e una carezza mia moglie l'ha inviata a fermarsi per cena, e da lì è cominciato tutto.
Mcc - Siamo tutto orecchi, prosegui Marco.
M - Naturalmente la cena era per due, in terrazza vista la serata piacevole. Io ero il cameriere, nudo con solo il grembiulino, le servivo e poi agli ordini di L venivo mandato sotto il tavolo a leccare i piedi e le gambe di mia moglie.
Mcc - immaginiamo tutti la scena. Ma quando arriviamo al punto?
M - Quella sera il nostro vicino annaffiava il giardino, e si è accorto della situazione un po' particolare, diciamo così. Non diceva niente, ma si fermava ad osservare. Mi vedeva chiaramente in grembiulino e finire sotto il tavolo.
MCC - si dimostrava interessato quindi..
M - Molto! Finita la cena S e L sono rientrate ed hanno cominciato ad amoreggiare, io dovevo limitarmi a servirle e leccare i piedi a mia moglie. Quando la situazione si è fatta bollente se ne sono andate in camera matrimoniale, mentre io son stato mandato a dormire nella camera degli ospiti.
MCC - Hai perso subito i tuoi diritti coniugali insomma, benvenuto fra i cornuti!
M - Il giorno dopo è stato peggio, L ha convinto mia moglie a prendere il sole in terrazza in topless. Manco a dirlo, il vicino ha passato la giornata in giardino a godersi lo spettacolo, anche perché L e S han continuato a provocarlo fra baci saffici e giretti per il giardino coperte solo da un perizoma. Io son dovuto rimanere in terrazza tutto il tempo col mio grembiulino a servire e guardare in silenzio. Ero in totale imbarazzo ma eccitatissimo e L e S se ne accorgevano benissimo, e anche il vicino aveva capito la situazione e se ne approfittava. Ero sorpreso da mia moglie, ma evidentemente si trovava a meraviglia con la mia collega e fra uno spritz e l'altro si era lasciata andare. Con la scusa del caldo ad un certo punto si son messe a giocare con l'acqua in giardino, spruzzandosi tutte e coinvolgendo il vicino. Erano fantastiche tutte bagnate e con le tette al vento. Per farsi perdonare d'aver spruzzato il vicino l'hanno invitato da noi per un caffè.
MCC - e il vicino si è preso solo quello o qualcos'altro?
M - Ecco, quella sera c'è stata solo qualche palpata e strusciamento. Il nostro vicino lo conosciamo abbastanza, ha una piccola impresa di costruzioni, brava persona, vive da solo, sempre stato gentile con noi, a volte ci presta gli attrezzi per i lavoretti di casa e mi dà anche una mano. Naturalmente era attratto dalle due donne che anche in casa continuavano a girare in topless, gli parlavano e lo provocavano mentre io rimanevo in disparte.
Erano al bancone a preparare il caffè, S e L gli si stringevano addosso, appoggiandogli contro le tette, gli chiedevano se anche lui volesse rimanere senza maglietta che gliel'avevano spruzzata. Poi addirittura L gli prese la mano e gliela piazzò sul culo di S chiedendogli se così le perdonava. Io vedevo da dietro mia moglie in topless e perizoma con la mano di G sul culo che se lo carezzava e palpava per bene. Dopodiché sono andati in terrazza per bere il caffè e fare due chiacchiere, G ha anche chiesto di me, loro hanno detto qualcosa su un gioco e una scommessa ma per quel giorno il tutto è finito lì.
MCC - Arriviamo a domenica..
M - Dopo un'altra notte passata nella camera degli ospiti ad ascoltare gemiti ed urletti di S e L e con l'ordine di non potermi toccare la mattina ero ancora più eccitato, avere due donne così belle che amoreggiano mezze nude per casa è il paradiso. Vollero che le servissi un brunch, a quel punto ero tenuto completamente nudo e S aveva anche voluto ricominciare con l'elastico per tenermi la pelle del cazzo tutta tirata, diceva che ormai le piaceva di più vederlo così. Mi provocavano, chiedendomi com'era stato avere un altro uomo in casa, se mi fossi eccitato quando il nostro vicino aveva messo una mano sul culo di mia moglie, se pensavo avesse un bel cazzo, obbligandomi a rispondere.
Poi a sorpresa suonarono alla porta. Mia moglie andò ad aprire mentre L mi ordinò di rimanere dov'ero. Quando mi vide il mio vicino non sembrò sorpreso, anzi sghignazzò e chiese se fossi ancora in punizione. Mia moglie commentò che ormai si era abituata a tenermi così, avermi in punizione era la nuova routine e non sarebbe cambiata in fretta. Quando G chiese cosa avessi fatto di tanto grave mia moglie mi intimò di raccontare delle mie chiamate segrete durante le quali mi sottomettevo agli ordini della giovane mistress V. Il vicino commentò dandomi del cretino, e ordinandomi di scusarmi con mia moglie. Io fra l'imbarazzo e confuso dall'agitazione per quello che stava succedendo lo feci. Ripensandoci, quello fu il momento in cui si definirono i nostri ruoli, era cominciata la mia sottomissione al vicino, che avrebbe preso il ruolo di toro di mia moglie, mentre io…
MCC - tu cosa Marco?
M - Io sarei diventato un marito cornuto.
MCC - Complimenti! Il suo vicino si è scopato sua moglie quel giorno stesso per la prima volta?
M - No. A quel punto dovetti servire a tutti un caffè, poi la mia collega ci salutò e ripartì, lasciandoci soli col toro. S si cambiò indossando una specie di ampio vestito da lavoro senza alcuna biancheria intima sotto e passò così il pomeriggio col nostro vicino che l'aiutò in giardino. Ogni volta che si chinava le uscivano le tette, e S non si preoccupava di ricoprirsele, anzi, spesso le appoggiava al corpo muscoloso di G. E quando piantava qualcosa o strappava erbacce si posizionava per dare una visione completa a G, allargando un po' le gambe e piegandosi a novanta, col vestito che risaliva mettendo in mostra metà culo. Non so come ha fatto G a non prendersela li così in giardino.
MCC - E quando è stata la prima volta che hai visto il vicino scopare tua moglie?
M - Non li ho mai visti dal vivo, ma mia moglie quando sono via per lavoro mi manda spesso foto del suo cazzo e mi scrive raccontandomi come l'ha provocato quel giorno.
MCC - mmmh, intrigante. E a te eccita la cosa? Sii sincero.
M - Si, mi fa sentire ancora più sottomesso a mia moglie, mi piace che lei sia in controllo e decida come e con chi scopare e allo stesso tempo come e quando io mi possa eccitare. E mi piace che S sia un po' esibizionista, mi eccita avere una moglie così bella che tutti desiderano, mi piace che S si metta in mostra per provocare ed eccitare.
MCC - È un sentimento comune a molti cornuti. Ma quindi confermi di non aver mai assistito alla monta?
M - La monta?
MCC - Certo, la monta, il toro che affonda la mazza nella figa di tua moglie a cosce spalancate
M - No, non ho mai assistito alla monta…
MCC - ma questo è un problema, così non puoi ricevere la targhetta di cornuto certificato, ci dispiace. Non sei a conoscenza della nostra Scala Cornuto?
M - No, cos'è?
MCC - È il sistema per valutare il grado di cornutaggine di voi mariti a cui vengono scopate le mogli. Quando si assiste alla monta si prende il certificato, e poi a salire di livello si guadagnano amuleti di corna sempre più grandi.
M - Capisco, e cosa bisogna fare per salire di livello?
MCC - Ad esempio preparare il cazzo del toro, con una sega o leccandolo. O farsi sborrare addosso dal toro dopo la monta mettendosi inginocchiati di fianco alla moglie. Ci sono tori a cui piace, dopo essersi fatti la moglie, sfondare il culo del marito. E poi c'è il livello finale, il Cuckold. In quel caso il cornuto prepara il toro alla monta con la bocca e una volta che il membro è bello duro e lubrificato gli chiede con rispetto di scopare la moglie. Gli prende con venerazione il cazzo in mano e lo aiuta nella penetrazione spingendolo nella figa aperta e bagnata della moglie. Una volta infilato assiste alla monta osservando il cazzo del toro riempire la moglie. Alla fine della scopata il cornuto prima pulisce il cazzo del toro e poi ne mangia tutta la sborra ripulendo la figa farcita della moglie.
Il video dell'umiliazione va spedito a noi in redazione che lo valutiamo e se è degno lo pubblichiamo e mandiamo il certificato Cuckold al cornuto. A fine anno c'è il mega concorso, il video più votato viene premiato. Il cornuto porta la moglie in redazione per farla scopare da tutti noi e da 3 fortunati fra gli utenti del sito. L'orgia finisce con un grande bukkake, poi il Cuckold indossando le corna illuminate a festa come premio ripulisce la moglie di tutta la nostra sborra.
M - in quanti raggiungono il livello Cuckold?
MCC - Sono diversi in realtà, è il livello a cui deve aspirare ogni vero maritocornutoecontento e penso che anche tu ci arriverai presto.
Per ora Marco ti lasciamo questo compito per conquistare almeno il certificato: devi chiedere in ginocchio a tua moglie il permesso di assistere alla monta la prossima volta che scopa col suo toro, d'accordo?
M - Certo, ci tengo molto al certificato.
MCC - Benissimo. Caro Marco, ti ringraziamo della tua confessione e tienici aggiornati sulle tue corna, siamo interessati a sapere quanto ti cresceranno ancora. Complimenti a te e a tua moglie, quando vorrai presentarcela sia dove trovarci! Buonanotte e buone corna a tutti!

Questo racconto di è stato letto 3 0 7 5 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.