Una coppia per bene cap4

Scritto da , il 2021-06-23, genere dominazione

Carlo doveva inventarsi qual cosa di nuovo ora che aveva la certezza della sua remissione e fedeltà
Passarono sei mesi Aldo prese alcuni giorni di riposo stavano pranzando quando Carlo disse ad Anna che era necessario che andasse in via Arezzo presso una casa dove c’era lo studio di un certo ufficio finanziario e doveva richiedere un prestito di 10.000 euro
Anna rimase sconcertata dato che loro di soldi no avevano bisogno e poi quella via stava nel quartiere malfamato della città per giunta non c’era neanche il cameriere che la potesse accompagnare
La rassicurò dicendogli che erano solo fantasie gli disse pure che aveva preso appuntamento per la mattina seguente
Quando Anna vi si recò riconobbe il posto, era vicino al teatrino dove il marito l’aveva fatta esibire mentre veniva sodomizzata
Pensò ad una coincidenza , bussò al citofono gli dissero di salire al primo piano fu ricevuta da un cinquantenne alto con capelli lunghi e barba incolta
- mi manda mio marito il dott Carlo C
- si la stavamo aspettando , è per quella somma di 10.000 euro vero?
- esatto mio marito mi ha detto che non ci sono problemi
-i problemi non ci sono se voi non li create basta seguire le istruzioni e tutto filerà liscio
- bene allora possiamo procedere?
- certo che procediamo
L’uomo suonò un campanello entrò una donna e due energumeni
-questa è la signora dei 10.000euro
-bene vieni con noi
Quel tono confidenziale insospettì Anna ma non fece nulla per tornare indietro
Insieme ai tre entrarono in una stanza dove c’era un grande schermo ,la fecero sedere e partì un filmato dove una donna veniva accompagnata su uno yacht di lusso e si concedeva a ricchi signori
-scusate ma cosa centra questo con quello che sono venuta a fare io
Una sberla della donna la raggiunse sul volto facendola restare a bocca aperta
-senti signora per bene tuo marito ti ha mandato qui perché tu gli riporti i soldi che hai chiesto ,ma per averli te li devi guadagnare quindi stai zitta e fai quello che ti si dice senza fare domande
Era caduta in una trappola , un giro di prostituzione ad alto livello gestito da gente senza scrupoli gli prese il panico voleva uscire tornare a casa cercò di farlo ma venne immobilizzata dai due
-ti conviene a fare quello che ti diremo se non vuoi che ti tagliamo il tuo bel faccino
-vi prego lasciatemi stare voglio tornare a casa
Tuo marito ti ha mandato qui e tu ci resterai fino a quando non avrai guadagnato ciò che hai chiesto ora vieni con me e fai la brava altrimenti devo affidarti a questi due
La fece entrare in una stanza dove cerano vestiti e capi di abbigliamento di classe anche la lingerie era di marca
La fece spogliare e per farlo dovette dargli altri sbuffettoni fino a farla rassegnare poi gli dette della lingerie nera molto sexi scarpe con tacco 10 e un vestito da sera nero scollato sulla schiena fino al Culo con uno spacco centrale sul davanti che quando camminava esponeva le gambe fino alla mutandina
-ecco stai benissimo farai scintille
- ma cosa devo fare io non capisco..
- la puttana mia cara dovrai fare la troia a dirla tutta Ti avviso che cerchi di ribellarti o crei casini farai una brutta fine in qualche bordello di Algeri quindi sta a te scegliere
Si mise a piangere e la donna questa volta gli fece bere un sedativo
Alle 21 venne fatta salire su una Mercedes e accompagnata al porto turistico dove un signore distino l’aiutò a salire su una grossa barca di lusso
Prima di entrare l’uomo la fece sostare in una stanzetta dove gli disse di aprire la gonna
Quando lo fece gli scese la mutandina e sugli anelli della fica mise due piastrine con strani segni gli disse che erano gli stemmi di famiglia che venivano messi sulle proprietà del padrone di casa con l’occasione gli fu detto anche che il padrone era un ricco petroliere arabo
Anna si chiedeva come aveva potuto Carlo fargli una cosa del genere pensava che fosse un incubo dovuto ai farmaci cercava di crederlo ma sapeva che era la realtà
L’uomo la prese per mano dicendogli di seguirlo
Passarono in un grosso locale dove cinque donne stavano scopando selvaggiamente poi raggiunsero una porta dove l’uomo bussò poi gli fu dato il consenso di entrare e anche Anna fu introdotta nella stanza
Su un grosso sofà c’era un vecchio di settanta anni con una grossa barba bianca ,il viso scalfito dalle rughe e le mani secche e rugose una donna giovanissima era piegata su di lui e gli stava succhiando il cazzo mentre distesa su un divano vi era una ragazza legata a pancia in giù con evidenti segni di scudiscio sui glutei e sulla schiena
L’uomo fece un cenno al servitore che slacciò il vestito di Anna facendola restare in lingerie ma solo per poco perché gli fu subito tolta
Ora lei era in piedi davanti a lui con le mani immobilizzate dal servo dietro la schiena e metteva in mostra i suoi grossi seni e la bionda fica anellata
Anna respirava a fatica , con affanno gonfiando e sgonfiando la pancia facendo oscillare il ventre
Il vecchio allora disse al servo di farla avvicinare quando lo fece gli carezzò la fica passando quella mano ruvida come carta vetrata sulle labbra vaginali poi la fece girare e volle vedere il bel culo spinse un dito dentro l’ano asciutto facendola sobbalzare
Quel gridolino e sobbalzo lo divertì e ordinò che Anna venisse tenuta piegata a 90 gradi e immobilizzata dal servo poi il vecchio fece staccare la bocca della ragazza e con il pene bagnato di sola saliva si portò dietro di Anna che sentì il glande poggiarsi sul buchino del culo poi un affondo lento ma interminabile fece entrare il cazzo nel condotto anale ci fu un lamento e poi un suono gutturale strozzato
La inculava e lei era abituata ma l’ afferrava per i capezzoli facendole un male boia più gridava più si infoiava
La ragazza che lo stava succhiando gli fu ordinato di leccare il culo del vecchio e lei senza farselo ripetere eseguì per non subire fustigazioni anche se puzzava da morire
Dopo qualche minuto cacciò il cazzo dallo sfintere e Anna fu fatta girare e vide il vecchio che si dirigeva con il cazzo verso la ragazza , ora doveva metterselo in bocca
lo aveva cacciato dal culo e non emanava un buon odore voleva ribellarsi ma poi ricordò le striatura sulla ragazza e ci ripensò facendolo entrare per metà
il vecchio la incitava a muovere la testa , a succhiare a leccare e dato che lei non lo faceva come desiderava lui gli tirava i capezzoli facendola gridare di dolore non veniva si stava innervosendo fece girare nuovamente Anna e gli rimise il pene nel culo con le grida di lei dato che gli sferzava solenni schiaffi sui glutei e sulle cosce
si era innervosito e anche stancato senza eiaculare si sfilò dal culo e si rimise seduto sul sofà afferrò per i capelli la ragazza e gli rimise il cazzo puzzolente in bocca poi fece entrare un altro arabo che costrinse Anna a mettersi a pecora con il volto verso il vecchio
l’arabo aveva un cazzo dotato, ci fece colare sopra dell’olio e lo spinse nella fica di Anna che ne percepì la grandezza e avvertì anche un po’ di dolore
la scopò per un po’ e lei si stava abituando a quella dimensione poi ne uscì e lo puntò sul culo della ragazza frustata che iniziò ad agitarsi quando lo spinse emise un grido disumano di dolore lo ritrasse subito e si portò dietro all’altra ragazza che non riuscì a muoversi dato che il vecchi gli aveva afferrato i capezzoli anche lei gridò ma meno dell’altra
Anna piangeva a guardare e sentire i lamenti di quelle poverine che venivano martoriate
L’arabo cacciò il cazzo sporco di merda e si portò dietro ad Anna ora toccava a lei nonostante fosse abituata quello gli faceva male
-basta, basta, bastaaaaa aaaaaah aaaaaaaaahhaa aaaaaaaaaaa
Piangeva convulsamente implorava di smettere e quello fece eccitare il vecchio che questa volta si alzò e gli sborrò in bocca
La fecero rialzare e prima di uscire dalla stanza dovette urinare sulla schiena della ragazza immobilizzata sul lettino
La fecero mettere a cavalcioni sul corpo dell’altra ma lei non riusciva a fare pipì la fece dopo cinque colpi di scudiscio sui glutei
Fu portata in un'altra stanza dove c’era ad attenderla un arabo più giovane che gli disse che era il figlio del vecchio e che era dispiaciuto che l’avesse picchiata poi sapendo i vizi del padre volle constatare lo stato del buchino anale e lo trovò sporco di feci
-hai fatto cacca?
-no non è mia mi ha sporcata quell’altro che ha inculato la ragazza
L’arabo la fece accucciare sul pavimento e una donna la venne a lavare
Anna pensò che questo non era cattivo come il padre ma quando lo supplicò di non sodomizzarla lui cambiò espressione gli fece alzare le gambe fino a farle poggiare sulle spalle , ora lei aveva tutti i buchi esposti ma lui voleva il culo e li che la infilò facendola piangere
La inculava e non finiva mai poi si stancò e senza venire la liberò allontanandosi dalla stanza
Rientrò dopo quindici minuti ed era già in erezione , senza preamboli e parole rimise Anna nella stessa posizione e la penetrò ancora nel culo
Ci fu un altro intervallo. Quando lo sentì riaprire la porta cominciò a tremare e sudare freddo iniziò a piangere e ancora una inculata a lungo
Non sentiva più i muscoli anali aveva uno stimolo continuo di espellere ma non cacciava nulla il suo ano era dilatato e gonfio come un vulcano
La stava distruggendo non aveva più la forza di gridare ma aveva anche difficoltà a respirare sentiva la punta del cazzo nel cervello, svenne
Fu sedata si risvegliò nel suo letto con Graziella che la stava medicando chiese del marito
lui era seduto vicino a lei
Mi hanno sfondato il culo , mi hai fatto sfondare brutto bastardo domani mene vado adesso mi hai veramente rotto i coglioni tu e le tue maniacali idee vaffanculo domani me ne vado cercati un'altra puttana per le tue perverse idee
Non ci furono parole per convincerla Carlo la notte fu colpito da infarto e morì Anna restò in casa con Aldo che gli faceva da cameriere e consolatore
fine

Questo racconto di è stato letto 1 5 2 5 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.