La geometra parte 6

Scritto da , il 2021-06-16, genere etero

Due giorni dopo, al risveglio mi trovai un suo messaggio: “stamattina niente lavoro, sei mio”. Le chiesi subito di cosa si trattava ma non aggiunse niente, se non di portarmi un telo da mare e di chiamarla non appena fossi uscito di casa. Era una giornata molto bella, che invitava davvero ad andare al mare benché non fosse ancora estate. La chiamai e mi disse che oggi avrei dovuto far sega al lavoro per andare un po’ in spiaggia; mi consigliò anche il posto dove andare: “vedrai ci saranno tanto signore che camminano e corrono, l’ideale per quello che dovrai fare tu”.
La pregai di evitare di farmi fare ancora figure di merda come quella di un paio di sere prima con quella povera commessa ma come sempre servì a ben poco, se non a raggranellare la solito pioggia di insulti.
Mi recai nel posto indicatomi, c’erano poche auto posteggiate per fortuna, scesi in spiaggia e una volta arrivato la chiamai per sentire cosa avrei dovuto fare, anche se avevo già una mezza idea. Mi disse di sdraiarmi sulla sabbia, esattamente in mezzo alla piccola spiaggia e spogliarmi nudo, il tutto ovviamente in video chiamata con lei. C’erano una decina di persone in spiaggia, a occhio e croce mi sembravano tutte donne. Prima restai in mutande, mi sdraiai qualche minuto, passavano tutte senza dare importanza alla mia presenza. Dopo qualche minuto mi chiamò, infilai gli air pods e le risposi:
“ Cosa cazzo stavi aspettando a chiamarmi lurido porco, avanti togliti quelle mutande e mostralo a tutti”. Proprio in quel momento stavano passando due ragazze, indugiai un attimo, dopo che passarono esguii gli ordini e mi sdraiai. “Fammi vedere bene il cazzo, porco”. Inquadrai la mia nudità in modo che potesse verificare, poi girai il telefono ora a destra ora a sinistra per mostrarle la spiaggia. La sentii che cominciava ad ansimare, si stava masturbando. Cominciò a dirmi che se fosse stata li si sarebbe messa nuda anche lei, a 69 su di me e me lo avrebbe succhiato davanti a tutti, mentre io ero costretto a leccarle la fica. Mi disse che lo avrebbe succhiato fino a quando non le avessi sborrato in bocca e poi avrebbe ingoiato tutto e continuato fino a farmi impazzire; ansimava e mi disse che si stava masturbando, che aveva voglia di me e del mio cazzo, che m i desiderava da morire, finchè non ottenne il suo scopo, provocarmi una bella erezione. Vidi una signora non più giovanissima passarmi davanti e dirmi qualcosa, dal suo sguardo non era niente di buono. A quel punto mi ordinò di masturbarmi, le risposi che non potevo farlo li davanti a chi passava, era già piuttosto imbarazzante star li nudo, mi disse allora che se volevo potevo immergermi in acqua e farlo li: “non più di 4-5 passi dalla battigia e lascia il telefono attivo in modo che possa vederti, non toglierti gli air pods”.
L’acqua era gelida, non aiutava per niente. Mi misi in ginocchio per essere meno visibile, ma chiunque era li poteva capire che mi stavo masturbando. Ero di spalle alla spiaggia e lei mi disse di voltarmi. Le dissi che sarebbe stato pure peggio, allora tanto valeva restare sulla spiaggia. Si accontentò, a patto che al momento di venire tornassi in spiaggia. Andai avanti diversi minuti incitato da lei che continuava a dirmi porcate per eccitarmi, al momento di venire mi alzai in piedi e mi girai verso il telefono che avevo lasciato appoggiato alla borsa per farmi vedere da lei, ma il gruppetto di signore che prima correvano erano ferme accanto alla mia roba. Restai paralizzato, mi rigirai subito e lei mi chiese cosa succedeva. Le spiegai che c’erano circa 5-6 persone ferme vicino alla mia roba. Lei ovviamente si eccitò da matti, e mi disse che era perfetto: “perfetto un cazzo le risposi”. Interruppi la chiamata e mi immersi in acqua allontanandomi dalla riva. L’acqua era gelida e stare in ammollo non era proprio l’ideale. Mi voltai appena e vidi che le donne ora stavano parlando tra di loro. Desiderai con tutto il mio cuore che andassero via, mentre dentro di me pensavo alle possibili conseguenze del mio gesto. Che rappresaglie ci sarebbero state da parte della mia aguzzina?
Dopo qualche minuto per fortuna ebbi via libera. Quelle donne si stancarono di aspettarmi e andarono via. Uscii dall’acqua mezzo congelato, presi la mia roba al volo e corsi verso un piccolo chiosco che c’era sulla spiaggia, ovviamente ancora chiuso. Li trovai riparo, e cominciai ad asciugarmi. Sul telefono avevo 8 sue chiamate perse ed un terribile messaggio: una foto, di un post programmato per qualche minuti dopo contenente il video del pompino fattomi dalla mia compagna. La chiamai, cominciai a urlare di non farlo, che l’avrei denunciata, urlai di tutto contro di lei che rideva e continuava a umiliarmi. Senza nemmeno accorgermene mi ritrovai a piangere, ad implorarla. Lei mi disse: “Ma come, farti una sega davanti a me non ti imbarazzava così tanto, perché altre donne non possono condividere con me questa grande fortuna”. Le dissi che era una situazione diversa, che ero a casa e che non era stata una cosa volontaria, ma non ci furono santi: “Era casa tua, ma per me era un posto qualunque, anzi, era peggio della spiaggia. Queste troie che stavano li a guardarti volendo potevano andare via, io non potevo andare da nessuna parte, tu non puoi capire minimamente come mi sono sentita”.
Sentii che la sua voce cominciava a lasciar sfuggire un po’ di emozione, capii che quel gesto involontario aveva avuto delle conseguenze su di lei, le chiesi ancora scusa, ma poi ripensai a ciò che era successo subito dopo quel giorno, al fatto che poi fosse stata lei a invitarmi a mostrarmi, non fui certo io a molestarla. Le ricordai che io mi ero rivestito subito, non avrei mai voluto costringerla a vedere qualcosa che non voleva, ma mi accusò di voler cambiare discorso. Poi chiuse la comunicazione.
Mi richiamò dopo qualche minuto, io intanto temevo che il post fosse stato pubblicato. Mi disse che aveva interrotto la chiamata proprio per rimuoverlo e che forse aveva esagerato a chiedermi quello che mi aveva chiesto oggi. Mi disse di prepararmi però perché nei prossimi giorni sarebbe stata inflessibile e non avrebbe voluto sentire ragioni.
Mi incamminai verso casa, per fortuna non c’era più nessuno, o meglio chi era in spiaggia mi sembravano volti nuovi, tutte persone che prima non c’erano. Arrivato a casa mi feci una lunga doccia. Pensai a quello che era successo. Quando uscii dalla doccia c’era un suo messaggio.
“Si è vero, forse ho esagerato, ma questo non toglie che tu debba pagare per il maiale schifoso che sei. Oggi i tuoi insulti e le tue urla mi hanno fatto paura, forse nemmeno lo ricordi ma mi hai minacciato e questo non deve ripetersi più. Per sicurezza ho preparato un altro post, come vedrai dalla foto che ti ho mandato è impostato per il 30 Luglio, nel caso in cui mi succedesse qualcosa di strano nel frattempo”.
Le risposi che era stato solo un momento di rabbia, che non le farei mai del male (ed era vero) e la invitai a incontrarci per parlarne con calma.
“Non ho nessuna voglia di vederti, ma stai tranquillo, presto sarà tutto finito”.

Questo racconto di è stato letto 2 3 2 9 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.