Intervista con la Padroncina 2 - Mi scopre mia moglie

Scritto da , il 2021-06-15, genere dominazione

Sto per cominciare la videochat ma stavolta è diverso, sono teso e preoccupato: oggi accanto a me c'è mia moglie Silvia, che quasi urla - Muoviti, fai partire questa chiamata!
Clicco, ed in un attimo appare Valeria. Bellissima, ma con un look molto diverso dal solito. È senza trucco, i capelli raccolti a coda di cavallo. Indossa dei jeans con una semplice maglietta bianca ed il top di una tuta rosa. Il classico look acqua e sapone, che la fa sembrare ancora più giovane.
Mia moglie rimane di stucco, si aspettava sicuramente qualcosa di molto diverso - Cazzo, ma è giovanissima! Maiale, è questo che cercavi? una ragazzina?
Silvia si gira e mi rifila una sberla. Rimango scosso, mia moglie non mi aveva mai colpito prima d'ora - Sei uno stronzo! Cos'è, ti sei stancato di me adesso che non ho più vent'anni? Porco!
Poi si rivolge in cam - Ti chiami Valeria giusto?
V - Si, signora.
S - E quanti anni hai? A mio marito sembrano piacere le ragazzine!
V - Ho 23 anni signora.
Oltre all'aspetto anche il comportamento di Valeria è diverso dal solito. Parla sottovoce, con un tono quasi deferenziale nei confronti di mia moglie.
S - E da quando hai cominciato questa storia con mio marito?
V - Mi dispiace signora, Marco non mi ha mai detto di essere sposato, mi creda. Mi ha contattato la prima volta circa tre mesi fa, dopo che aveva guardato qualche mio video..
S - Video? Questo stronzo non mi ha detto niente di nessun video.
V - Ci sono dei siti su internet dove noi modelle possiamo caricare video, ed i nostri fans possono scaricarli..
S - Capisco. E quanto costano questi video?
V - Non molto, 5, 10 euro, dipende.
Silvia si rivolge a me - Stronzo, quanti ne hai scaricati di questi video? Sentiamo.
M - …
V - Ne ha parecchi, gliene faccio comprare uno al giorno.
S - Cazzo, un passatempo bello costoso per questo maiale! E questa chiamata quanto ci costa?
Valeria continua a risponderle senza farmi intervenire - Di solito le chiamate sono 100 euro.
Silvia impreca ancora - Cazzo! Devo lavorare una giornata intera per portare a casa 100 euro. Ma in che senso di solito?
V - A volte suo marito ha qualche richiesta particolare, perciò chiedo di più..
Ormai Silvia si rivolge direttamente a Valeria - Che tipo di richiesta?
Valeria arrossisce, sembra esitare e abbassa lo sguardo - Beh.. ad esempio la scorsa settimana suo marito ha chiesto che mi presentassi solo in biancheria intima..
Silvia si gira verso di me e fa partire un altro schiaffo. Io non reagisco, evito di guardarla negli occhi. Con la coda dell'occhio vedo che intanto Valeria sorride. Ma torna perfettamente seria prima che Silvia le rivolga nuovamente la parola - Fra video e chiamate questo coglione ti ricopre di soldi. Nient'altro?
Questa volta Valeria le risponde serissima - Suo marito ha la passione per le mutandine. Marco, dove le tieni nascoste? Perché non le fai vedere a tua moglie?
Silvia si volta verso di me, io arrossisco - Questa tua passione per le mutandine non mi è nuova. Hai sentito Valeria, ubbidiscile, non è questo che fai con lei di solito?
Mi alzo e scendo in garage dove in fondo ad un cassetto dietro attrezzi vari tengo nascoste le mutandine di Valeria. Le porto di corsa in camera.
S - Che bella scatolina. Apri, fammi vedere.
Le tolgo dalla scatola e le poso sulla scrivania. Ci sono un paio di mutandine bianche, un paio di pizzo nere e un perizoma.
Valeria spezza il silenzio - A suo marito piacciono usate, le lecca tutte finché sono pulite e poi me ne richiede di sporche.
Silvia sembra essersi un po' calmata, in qualche modo ora riesce a controllare meglio la situazione. Anche Valeria ha cominciato ad apparire più sicura.
Silvia si rivolge a me stavolta - E questi tesori quanto li hai pagati?
Devo deglutire prima di rispondere.
S - Guardami negli occhi!
Alzo lo sguardo, le rispondo - 200 euro.
S - Ogni paio duecento euro?!? Cazzo, devono essere di qualità straordinaria! Eh?
M - …
S - Rispondi!
M - Sono mutandine normali..
S - e perché le paghi così tanto? Porco! Ti piace l'odore di figa giovane?
M - Silvia…
S - non hai neanche il coraggio di rispondere.. ma il coraggio per farti mandare mutandine di nascosto l'hai trovato eh?
M - …
S - Visto che fai scena muta allora fammi vedere cosa ti fai fare.
Rimango sorpreso, non capisco cosa ha in mente Silvia - Cosa intendi?
Mia moglie torna a rivolgersi a Valeria - Valeria, voglio che mi fai vedere cosa succede durante le tue chiamate con mio marito. Puoi farlo?
Valeria esita - Signora, mi scusi. Io davvero non sapevo che Marco fosse sposato. Non ho mai avuto come schiavo un uomo sposato prima d'ora.
S - Uno schiavo? È questo che sei per Valeria? E tu chi sei?
V - Mi faccio chiamare Padroncina…
S - Padroncina.. che tenero!
V - signora, se posso permettermi.. vorrei chiederle una cosa.. Marco non ha mai mostrato segni di sottomissione nei suoi confronti? Dei giochi di ruolo durante l'intimità dove era lei a tenere in mano le redini della situazione?
Silvia sembrò calmarsi un attimo e si mise a pensare - Ora che me lo chiedi a volte Marco è così. Mi fa massaggi ai piedi mentre guardo la TV, me li bacia, e me li lecca pure! E a proposito di leccare, ultimamente mi sembra quasi più interessato al sesso orale che a scopare, si masturba da solo mentre mi pratica sesso orale. A me non dispiace, ci sa fare con la lingua il maiale. Ma io non lo comando, fa lui così, spontaneamente.
V - Probabilmente Marco è in imbarazzo a chiederle esplicitamente di comandarlo. È preoccupato di come lei potrebbe reagire e si sente più sicuro a farlo con me, un'estranea. Non è così, Marco?
M - …
V - Marco, alzati.
È il primo ordine che mi dà. Io sono confuso, guardo Silvia, che ricambia lo sguardo. Non so bene cosa dire, così ubbidisco a mi metto in piedi.
V - Ora slaccia la cintura, posala, e poi abbassati i pantaloni fino alle caviglie.
Guardo Silvia che mi dice semplicemente - Fallo
V - Silvia, vuoi dare due schiaffi in faccia a tuo marito? Penso se li sia meritati
S - Volentieri.
Silvia si alza e mi rifila due schiaffi, forti, sulle guance.
V - Cosa si dice alla tua Padrona?
Mi volto verso Valeria. È serissima e ha preso in mano la situazione. Mi giro verso mia moglie - Grazie, Padrona.
V - Ora sfilati i boxer, a metà coscia.
Faccio come richiesto.
V - Ora ti inginocchi ai piedi della tua Padrona, e le baci le scarpe.
Guardo Silvia, che sogghigna. Porta leggermente avanti una gamba. Io mi inginocchio, mi batte il cuore a mille. Sta succedendo quello che da anni avevo solo fantasticato. Mi sto sottomettendo a mia moglie. Mi inginocchio, e le bacio le scarpe.
V - Signora, se vuole può togliersi le scarpe e farsi leccare i piedi da suo marito.
S - Perché no, proviamo.
V - Sfila dolcemente le scarpe alla tua Padrona, e comincia a leccare per bene.
Silvia si fa togliere le scarpe senza opporre resistenza. Comincio a leccare il dorso dei piedi.
Ora Valeria sorride - Sta facendo un buon lavoro lo schiavo?
S - Si, si dà da fare, lecca bene.
V - Se vuole può alzare un po' la gamba, vedo che ha la gonna. Il suo schiavo sarà estasiato dalla visione delle sue cosce, in particolare se riesce ad intravedere le mutandine. Non è vero Marco?
M - Si, è vero.
V - Sei già eccitato? Signora, può controllare il cazzo dello schiavo?
S - Fammi vedere.
Mi piego per mostrare il cazzo in erezione.
S - Direi che è già bello in tiro. Avevi ragione Valeria, si eccita a sottomersi così a sua moglie, che porco.
V - Dai segaiolo, prenditelo in mano e comincia a menarlo veloce. E continua a leccare, passa bene alle dita e alle piante dei piedi.
La situazione è incredibile, sono nudo, in ginocchio, il cazzo in mano mentre lecco i piedi di ma moglie, il tutto agli ordini della mia Padroncina.
V - Signora, se conosco un po' Marco non durerà molto. Gli dà il permesso di venire?
S - Si, voglio vedere fin dove arriva, fino in fondo.
V - Può venirle sui piedi?
S - Si, l'ha già fatto diverse volte.
V - Questa volta sarà un po' diverso..
S - In che senso?
V - Fra un attimo vedrà. Allora? Pronto alla sborrata? Puoi venire sui piedi della tua Padrona, hai sentito? Ringrazia.
Mi rivolgo a mia moglie - La ringrazio Padrona.
V - Per cosa?
M - La ringrazio Padrona per permettermi di venirle sui piedi.
V - Lo sai cosa devi fare, ora!
Ho capito perfettamente cosa vuole. Sono al limite, mi avvicino ai piedi di mia moglie e comincio a riversarle sperma sui piedi. Ne faccio tanta, è da quando mia moglie mi ha scoperto che non vengo e questa situazione mi ha portato al limite.
V - Forza schiavo, pulisci i piedi della Padrona.
Mi abbasso, e comincio a leccare.
S - Ma cosa fa? Mangia la sua sborra?!? Che schifo! È questo che gli fai fare allora!
V - Lo sperma è la passione segreta di suo marito, vero mangiasborra? Finito di leccare? fammi controllare.
Mi volto verso lo schermo, la bocca aperta.
V - bravo, ora fa controllare anche tua moglie.
Mi giro verso Silvia, la bocca piena di sborra.
V - Silvia, dagli tu l'ordine.
S - Ingoia, schiavo!
Chiudo la bocca e faccio colare il mio sperma caldo giù in gola.

Questo racconto di è stato letto 1 4 7 4 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.