Intervista con la Padroncina

Scritto da , il 2021-06-07, genere dominazione

Sono eccitato ed in imbarazzo per quello che sto per fare. Chiamare Valeria. Lei è la mia padroncina. Mi concede di vederla in cam una volta a settimana, per mezz'ora, durante la quale ubbidisco eccitato e sottomesso ai suoi ordini. Clicco per fare partire la videochat. Valeria è comoda sul letto, splendida come sempre, una leggera gonnellina a metà coscia, le gambe ripiegate indietro, in posa come una sirenetta.
V - Ciao segaiolo!
M - Ciao Valeria.
V - Tz-tz, cominciamo male! Come ti devi rivolgere alla tua mistress?
M - Buongiorno Padroncina.
V - Meglio, ma perché sei vestito?
M - Pensavo che questa volta..
V - Tu non devi pensare coglione, devi solo ubbidire.
M - Mi avevi promesso un'intervista!
V - Non interrompermi Marco. Ti ho concesso di farmi qualche domanda, ma l'intervista la si fa alle mie regole. Quindi comincia a spogliarti. Davanti a me tu devi stare nudo. Te l'ho spiegato, i vestiti sono per chi comanda, gli schiavi invece espongono i genitali in bella vista in segno di sottomissione, non siete degni di coprirvi.
Ubbidisco a Valeria, sfilo maglietta e jeans, mi ritrovo in un attimo con i soli boxer.
V - Così va meglio. I boxer sfilateli fino a metà coscia, poi voltati ed inginocchiati per il controllo del culo, svelto!
Mi giro e faccio come chiede Valeria.
V - Piegati bene, la faccia per terra. Allargati il culo con le mani... Oh, eccolo lì il plug, bravo schiavetto. Da quanto lo hai dentro?
M - Sono due ore padroncina.
V - Bene, allora sfilalo piano adesso.
Raggiungo la base e tiro, la forma del plug mi dà la sensazione di aprirmi il culo ancora di più mentre lo tolgo.
V - Che buco! Tienilo bello allargato con le mani, fammi fare qualche bella foto per registrare i progressi. Bene così. Lo stiamo proprio sfondando eh? Come te lo senti?
M - Davvero largo, aperto..
V - Ottimo, ora voglio che ci infili dentro due dita, non dovrebbe essere difficile dopo il plug, no? Coraggio!
Son bastati pochi minuti a Valeria per umiliarmi completamente. Ho la faccia a terra, il culo spinto verso l'alto a favore di webcam, i boxer tirati a mezza coscia, tutto per compiacere la mia Padrona. Ma so che non è davvero così, lo faccio per me, perché mi eccita essere umiliato agli ordini di una ragazza. Mi infilo prima un dito, poi due dita nel culo, senza difficoltà. Tutto il tempo con il plug mi ha allargato il culo per bene.
V - Sei un vero porco. Fammi sentire che godi con le dita infilate nel culo, muovile veloci.
Ancora una volta faccio come dice lei, muovo le dita dentro e fuori, gemendo di piacere.
V - Ahah, come sei docile, ti fai fare di tutto. Ma non abbiamo ancora finito. Marco, hai comprato il dildo come ti ho ordinato?
M - Si, è già arrivato.
Le si illuminano gli occhi - Corri a prenderlo allora!
Sapevo che me l'avrebbe chiesto così l'avevo lasciato nella sua confezione sulla scrivania. Lo prendo e glielo mostro. È un dildo a forma di cazzo, non troppo grosso ma lungo, e con la base piatta, a ventosa.
V - È perfetto! Dai, proviamolo! Preparalo, fissalo bene alla sedia. Oggi ti sverginiamo il culo con un bel cazzo, sei eccitato? Guarda che bello che è!
Tolgo il dildo dalla sua confezione, è una strana sensazione tenere un cazzo in mano. Immagino che la ventosa vada bagnata un po', recupero anche una sedia pieghevole di plastica per appoggiarcelo, spingo per fissare bene la base, alla fine riesco nell'impresa.
V - Ora voglio che te lo lecchi e lo succhi per bene, come se stessi facendo un pompino, incomincia.
Mi inginocchio e comincio a leccarlo, dalla base alla punta.
V - Ci sei portato, bravo. Immagina sia il cazzo del mio ragazzo che mi ha appena scopata e mi ha sborrato in figa. Ti eccita ripulirlo dai miei succhi e dalla sborra del mio ragazzo?
M - Sì, mi piace.
V - Lo devi fare tornare bello duro che il mio ragazzo vuole farti sentire il cazzo di un maschio alfa nel culo, sei contento schiavetto?
Quando mi tratta così mi fa impazzire, e io mi eccito a farmi insultare, voglio sentirmi sottomesso alla sua personalità di giovane donna che comanda.
M - Sì, voglio il cazzo del tuo ragazzo in culo.
V - Dai allora, basta leccare, sieditici sopra.
Mi rialzo e cerco di sedermi puntando il dildo nel culo. Dopo averci tenuto il plug per due ore il dildo scivola dentro senza sforzi, e io mi risento pieno.
V - oggi sei in forma, bravo, ti sei meritato questa visione, guarda!
Valeria fa risalire la gonna, allarga le gambe e mette in mostra le mutandine. - Prenditi il cazzo in mano e comincia a masturbarti tenendo lo sguardo fisso sulle mie mutandine.
Faccio come dice, il mio cazzo è già duro, mi sego piano.
V - Ora controlliamo se hai fatto i compiti. Mhhh, ottimo, hai acquistato un mio video ogni giorno. Ti sono piaciuti? Ti han fatto sborrare? Quale ti ha eccitato di più?
M - Quello dove fai la prof.
V - Ahah, vero, simpatico quello eh? Cosa ti è piaciuto?
M - Mi eccitava che avevi la mini e allargavi le gambe sotto la cattedra per provocarci, e se guardavamo le tue mutandine rosa ci davi una punizione.
V - E ricordami, cos'era la punizione? Non guardarmi! Sguardo basso, fisso sulle mie mutandine.
M - La punizione era sdraiarsi di schiena con le gambe in alto e segarsi fino a sborrarsi in faccia, e rimanere sporchi di sborra fino a fine lezione.
V - Per te però più che una punizione sborrarti in faccia è un premio, o mi sbaglio?
M - È vero, mi eccita farmi comandare da te e venirmi in faccia.
V - Lo sapevo, sei un porco segaiolo e mangiasborra. A proposito, l'hai tenuta da parte la tua sborra dopo i video?
M - Sì, certo.
V - Tutti i giorni?
M - Sì, ce l'ho qua.
V - Vediamo allora… mmh, mi sembra una quantità sufficiente. Pronto a bertela tutta?
Prima però dobbiamo aggiungerne un po' di fresca. Stai per venire?
M - Sì, quasi. Valeria, potrei vederti la figa per una volta? Anche solo per un attimo? Per favore..
V - Marco, te l'ho già spiegato, non posso abbassarmi a fare vedere la figa ad un segaiolo come te.
M - Posso pagarti tanto, solo per vederla un attimo.
V - Tz-tz, quanto ti è costata questa sessione?
M - 200. Posso aggiungerne altri 200.
V - Appena? Per la mia figa?
M - 500, aggiungo altri 500 euro.
V - Ah ah, sei proprio disperato. Ti piaccio così tanto? Facciamo così. Lo sai che la mia figa non la puoi vedere. Ma per la passione che dimostri per le mie mutandine per altri 200 euro ti mando quelle che sto indossando adesso, tutte piene dei miei umori. D'accordo? Guarda, mi tocco anch'io mentre ti seghi così rimangono belle sporche. Continua a fissare le mutandine, ti faccio il conto alla rovescia.
Valeria ora si è infilata una mano sotto le mutandine, vedo dal movimento che si sta facendo un ditalino.
V - … cinque, quattro, tre, due, uno.. sborra adesso, vieni nel bicchiere!
Partono gli schizzi, il primo finisce sul tavolo e sulla tastiera, gli altri riesco ad aggiungerli al bicchiere dove è conservata la produzione di sborrate di una settimana.
V - Che imbranato che sei, hai sporcato dappertutto. Comincia a leccare la scrivania, ripulisci tutto lo sperma.
Non avevo mai provato lo sperma prima di Valeria, ma ora è diventata la regola, mi è permesso venire solo se poi la mangio tutta.
Non mi fa più impressione, è sempre una sensazione strana avere la sborra in bocca ma ormai ci ho fatto l'abitudine, lo faccio senza problemi per lei.
V - Bravo il mio lecchino. Ora vediamo se riesci a berti tutta la sborra di una settimana.
Prendo il bicchiere, lo avvicino alla bocca. Questa volta esito un attimo, non ne ho mai presa così tanta. Ma ho visto diversi video su siti porno di modelle che ne bevono anche di più, quindi so che posso riuscirci.
V - Coraggio. Voglio che la bevi tutta in un sorso. Ma devi tenertela un bocca fino a che ti do io il permesso di mandarla giù, chiaro? Dai, ora!
Verso tutto il contenuto in bocca, è davvero tanta.
V - Bravo mangia sborra! Tieni la bocca bella aperta, fammi vedere bene quanta ne hai, non farne cadere una goccia! Un bel primo piano per la foto ricordo… perfetto! Ingoia tutto adesso!
Finalmente la mando giù tutta.
V - Apri bene, fammi controllare… sparita tutta, ben fatto! Ti è piaciuta?
M - Mi piace farlo per te..
V - Lo so, sei il mio schiavetto. Ora, son rimasti 5 minuti per la tua intervista, cos'è che volevi chiedermi?
M - Posso rivestirmi ora?
V - No! Devi stare nudo davanti a me. Anzi, ricomincia subito a masturbarti che devi sempre mostrarti eccitato in mia presenza.
M - posso almeno togliermi dal dildo? Comincia a farmi male..
V - ah ah, va bene dai, te lo permetto.
Mi sfilo piano dal dildo, poi ricomincio a toccarmi e parto con la prima domanda - Quando hai capito di essere una donna dominante?
V - Ah, questa è facile. Al liceo mi facevo chi mi piaceva e son stata assieme a diversi ragazzi. Ma molti di voi maschietti eravate troppo timidi per provarci con una strafiga come me. Vi accontentavate di starmi a sbavare attorno, facendomi copiare i compiti, o offrendomi una pizzetta al bar. E così ne ho approfittato, collezionando i miei primi cagnolini.
M - Cosa gli facevi fare?
V - oh, niente di che, mi accompagnavano a fare shopping e mi facevo regalare cose, come si imbarazzavano nei negozi di biancheria intima! Ma anche cose normali, mi facevo portare al cinema, o in pizzeria, naturalmente offrivano sempre loro. Mi facevo fare massaggi ai piedi, ad un paio di feticisti glieli facevo anche leccare, erano felicissimi.
M - E il sesso?
V - oh, a volte li facevo spogliare, gli veniva il cazzetto durissimo. Ad alcuni gli dicevo di masturbarsi fino a venire nelle mutande mentre erano da me a fare i compiti, e poi li mandavo via tutti sporchi.
M - E all'università?
V - In uni è più difficile, i ragazzi sono un po' più restii a farsi vedere dagli altri come dei cagnolini, ma anche lì un paio di soddisfazioni me le sono tolte.
M - Hai un cagnolino all'università adesso?
V - no, ora sto con un ragazzo. Sai, dovrei fartelo conoscere. Non ti piacerebbe succhiargli il cazzo per prepararlo prima che scopi con me? Poi come premio ti mettiamo nudo dietro la porta ad ascoltare col cazzetto in mano a segarti. E quando finiamo poi gli ripulisci il cazzo per bene. Ti piacerebbe?
M- Sì Padroncina.
V - sì cosa? Chiedilo per bene.
M - Per favore Padroncina, posso succhiare il cazzo al tuo ragazzo per farglielo andare in tiro? Mi piacerebbe ascoltarvi mentre scopate facendomi una sega.
V - ah ah, bravo schiavetto.
Valeria riesce ad umiliarmi anche quando sono io a fare le domande. Non che la cosa mi dispiaccia, e così continuo - Hai altri sottomessi come me?
V - si, altri 3 o 4 regolari, geloso? O ti eccita la cosa? Fammi vedere.
Io sto continuando a masturbarmi, punto la telecamera sul mio cazzo in tiro.
V - mmh, ti faccio sempre un bell'effetto eh?
M - Si, è sempre duro per te. I tuoi video hanno decine di migliaia di visualizzazioni. Che effetto ti fa sapere che magari proprio in questo momento c'è qualcuno col cazzo in mano che se lo mena e sborra guardando un tuo video e fantasticando sul tuo corpo? Oppure pensa a tutti i tuoi compagni di liceo, tutte le seghe che si sono fatti per te. Sei una ragazza provocante, com'è sapere che migliaia di ragazzi e uomini di ogni età hanno sborrato fantasticando sul tuo corpo?
V - ah ah, dici che tutti assieme avete riempito una vasca di sperma? Che fantasie malate che hai, sei proprio ossessionato dalla sborra. Quante ore hai passato a guardarti video di bukkake su YouPorn? Comunque, dovrei sentirmi in colpa perché faccio rizzare i cazzi? Ma non c'è niente di male! Marco, hai una mente contorta, non è che quando incontro qualcuno mi metto a pensare se si è segato la notte prima immaginando che gli facessi un pompino. lo notiamo perfettamente che voi maschietti prima di guardarci negli occhi fate cadere l'occhio sulle tette, e lo sguardo vi torna lì appena pensate che non vi notiamo, ma noi ragazze non abbiamo in mente il sesso in ogni momento.
M - Valeria, tu sai che da tempo avevo la fantasia di provare la mia sborra ma sono riuscito a berla solo dopo aver visto i tuoi video. Cosa provi nel sapere che hai tanto potere sugli uomini? Che sensazioni hai quando mi comandi? Ti eccita umiliarmi?
V - Naturalmente è un bel vantaggio essere una bella donna. La sfruttiamo spesso la cosa, a volte basta poco per ottenere quello che si vuole quando si è fighe. Voi sottomessi siete dei casi estremi, vi sfruttiamo ma alla fine anche voi ottenete quello che volete, vi eccitate così, non è vero? Sottomettervi a volte è un piacere psicologico, è curioso vedere fino a che punto potervi spingere, quanto siete disposti ad umiliarvi davanti ad una figa. Altre volte può essere divertente. Non posso parlare per le altre dominatrici ma io non mi eccito a sottomettervi, per me è solo un lavoro, piacevole e decisamente facile, a me viene spontaneo e naturale. Deluso? Pensavi che sottometterti potesse farmi bagnare le mutandine? Ahahah
M - ..
V - Dai, non rimanerci male. Mi sei simpatico Marco e non sei neanche male, ma perché dovrei eccitarmi a guardarti nudo mentre ti infili un dildo nel culo? Ma ora abbiamo finito con la mezz'ora, basta domande. Ti lascio i compiti per la settimana. Ogni giorno devi comprare il mio video della prof e seguire le istruzioni fino in fondo, sborrandoti in faccia e poi mangiandola tutta. Voglio che ti riprendi e mi mandi tutti i video, d'accordo?
M - Ma devo comprare di nuovo ogni giorno lo stesso video?
V - Si, esatto, guarda che controllo. Poi ti scrivo un messaggio con le istruzioni per mandarmi 200 euro e per spedirti le mutandine che ho indossato oggi, contento?
M - Grazie Valeria.
V - naturalmente il plug ogni giorno, per due ore.
E l'ultimo compito. Un giorno il plug te lo metto nel culo prima di andare a fare la spesa. Compra solo queste cose: una carota, una banana, una zucchina, un cetriolo ed una melanzana. Poi passi dal reparto farmacia e prendi il gel lubrificante e passi a pagare dalla cassiera più giovane e carina. Tutto chiaro?
M - ..
V - Dai, non essere così in imbarazzo, vedrai che sarà divertente e sarai tutto eccitato. Settimana prossima mi racconti tutto. Ora fai veloce con quella sega che devo andare. Ti sto guardando, fammi vedere che sborri di nuovo al mio comando.
Mi masturbo menando il cazzo sempre più veloce, sullo schermo noto lo sguardo di Valeria sul mio cazzo e questo mi basta per farmi venire di nuovo, due piccoli schizzi.
V - Bravo segaiolo, bevi tutto mi raccomando, alla prossima!
Valeria mi manda un bacio e chiude la chiamata. Io mi ritrovo con la mano coperta di sperma, e comincio a leccarla.

Questo racconto di è stato letto 2 2 5 0 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.