Ragazzo 8 - Il paradiso dell'Eros nel loro club privé.

Scritto da , il 2021-04-08, genere incesti

Quella vacanza ai Caraibi,aveva sancito definitivamente il cambiamento di stile di vita di quella famigliola e della loro amica e complice e regista delle loro trasgressioni erotiche.

Dopo quella esperienza era ben chiaro nella mente di tutti che quello che inizialmente era una patologia della sola Mary,insaziabile divoratrice di cazzi,era diventato,seppure in modo più lucido e razionale,un vero stile di vita che coinvolgeva tutto il gruppo che nel frattempo era diventata una vera famiglia.

Infatti Sandra subito dopo il loro rientro in Italia quando ancora la sua gravidanza non era evidente,aveva lasciato il marito che,nella sua inettitudine,era tornato a vivere a casa della madre mentre la nuova famiglia,aveva acquistato una grande villa fuori città.

Per tutto il periodo della gravidanza delle due donne,Gigi e suo figlio si erano occupati della ristrutturazione e dell'arredamento della loro nuova casa.

Naturalmente,il crescere della pancia delle due donne,non faceva che aumentare la libidine di tutto il gruppo che,oramai privo di ogni freno inibitorio,cercave sempre nuove occasioni per trasgredire nel modo più osceno e godurioso.

Per il ragazzo,la mamma gravida rappresentava sempre il centro delle sue voglie erotiche anche se,vederla chiavare con degli sconosciuti quando andavano a caccia di nuove sensazioni,lo faceva eccitare in modo parossistico.

Il ricordo poi,sempre vivo dell'esperienza con gli stalloni neri,li stimolava a riprodurre quelle sensazioni quando erano soli tra loro quattro e quando riuscivano a coinvolgere nuovi maschie o coppie trasgressive come loro.

Il periodo poi,in cui le due donne avevano il pancione gonfio al massimo,era quello in cui potevano dare sfogo alle loro voglie più perverse.

In quel periodo,oltre che frequentare club privé come fossero coppie che non si conoscevano,avevano anche sperimentato la frequentazione di luoghi di incontro all'aperto in cui le donne venivano montate e riempite di sborra da perfetti sconosciuti per tornare poi ancora piene a casa ed abbandonarsi a scene di sesso lussurioso in cui anche padre e figlio si succhiavano e si inculavano come avevano imparato a fare nel loro soggiorno caraibico. .

Da quella incredibile situazione erano nati un bambino ed una bambina e quando,le puerpuere avevano potuto riprendere la loro normale routine erotica,Sandra aveva cominciato a coinvolgere nei loro giochi le clienti del suo studio molte delle quali erano già gravide senza disdegnare tuttavia,di coinvolgere giovani mogli insoddisfatte dei loro mariti per farle chiavare ed ingravidare da Gigi e suo padre oramai insaziabili galli di quel pollaio.

Col trascorrare del tempo,Sandra aveva smesso di esercitare la professione della ginecologa ed insieme ai suoi amanti e complici,aveva trasformato la loro villa in un club prive di extralusso nel quale la maggiore attrazione era rappresentata dai due mandingo Omar e Dhair che erano stati fatti venire in Italia dai caraibi e da due stalloni italiani che,a loro insaputa,venivano usati per ingravidare le donne che,a causa dei mariti sterili o cornuti,volevano avere dei figli fuori dal matrimonio.

Al momento,Mary,il Marito Antonio e l'incestuoso figlio,si godono i proventi della lucrosa attività.

Sandra,continua con sempre maggior fortuna la sua attività di maitresse ruffiana mentre i due bambini che nel frattempo sono diventati maggiorenni,sono amanti a loro volta e si dedicano alla gestione dell'attività.

Naturalmente i due giovani,oltre che essere tra loro amanti,non disdegnano lei di farsi chiavare dal padre Antonio mentre il ragazzo che aveva cominciato a scopare con sua madre Sandra al compimento del suo diciottesimo compleanno,continua tutt'ora a frequentare il suo letto da solo o nelle abituali ammucchiate orgiastiche.

Fine

Questo racconto di è stato letto 2 9 7 2 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.