La mia mamma gravida 4 - La prima chiavata burrascosa.

Scritto da , il 2021-03-15, genere incesti

Dio mio che sensazione pazzesca!

Quel movimento agile e scattante di mia madre nonostante l'ingombrante pancione della sua gravidanza ed i seni già quasi pronti per allattare la sua creatura,mi aveva colto di sorpresa proprio nel momento in cui,godendomi l'umido tepore delle sue labbra avevo chiuso gli occhi e mi ero lasciato andare dopo le forti tensione che mi avevano procurato le sue parole.

Riaprendo gli occhi avevo davanti a me non più mia madre ma una figura che si muoveva roteando il bacino col mio cazzo conficcato tutto dentro di lei al punto che sentivo il contatto delle umide labbra della sua vagina col mio inguine ed i miei testicoli.

I suoi movimenti sul mio bacino con le mani appoggiate alle amie spalle,erano accompagnati dallo scuotimento di tutti il suo corpo che faceva ballare le sue tette all'altezza del mio torace mentre i suoi capelli sciolti si libravano nell'aria scossi dal disordinato squotimento della testa.

Le sue labbra socchiuse e gli occhi infiammati dal fuoco della libidine,l'avevano trasformata in una incredibile creatura di piacere e di perversione.

Era proprio lei,la donna che in una frazione di tempo aveva smesso di essere la mia mamma che mi aveva tenuto sulle spine sino a qualche istante prima per mutarsi in una femmina dalla incredibile capacità di trasformare anche me in un perverso oggetto di piacere.

Coinvolto nel suo vortice di libidine e carnalità,anch'io,afferrandola per le braccia,avevo cominciato a muovere il bacino accompagnando i suoi movimenti con violenti contraccolpi del mio cazzo nella sua fica.

Me lo aveva chiesto lei di penetrarla sino al contatto col suo utero ed io l'avevo accontentata spingendo tanto forte da strapparle ad ogni affondo un grido di dolore.

Dio mio...dio mio...cosa stavo facendo,stavo chiavando mia madre con una energia ed una forza che rasentavano la brutalità di uno stupro e tuttavia lei,tra un grido ed un lamento,trovava la forza di ansimare il suo piacere incitandomi a fare più forte:

-Cosi...cosi...dammi il tuo cazzo...sfondami...fammi male...fammi godere...aaaa...godo...godo....-

Tutto il suo corpo oramai in preda a spasmi di piacere tremava e si contorceva in modo disordinato ed anche quando chinandosi su di me aveva stretto i suoi seni sul mio petto e la sua testa sulla mia spalla,continuava a tremare ed incitarmi a dargliene di più.

Quando in un momento di quiete apparente,dal mio respiro sempre più affannoso e dalle contrazioni del mio cazzo aveva capito che stavo per venire,si è tirata su e cavalcandomi come fosse un'amazzone sulla sua bestia,aveva lanciato un grido di vittoria riuscendo a godere anche lei nel momento in cui,grugnendo come un'animale,avevo cominciato a spruzzarle sull'utero i miei caldi fiotti di sborra.

Dopo quel tempestoso reciproco godimento accompagnato da grida,ansimi,sudore e rilascio di umori da ogni anfratto del nostro corpo,si era abbandonata su di me appoggiando la sua pancia feconda sulla mia,i suoi seni pieni sul mio petto e la sua arrossata guancia a contatto con la mia.

Quando dopo alcuni minuto tutto pareva essersi chetato,aveva avvicinato le labbra al mio orecchio e mi aveva sussurrato:

-Voglio fare anch'io come ti ho visto fare con tua sorella.-

Senza lasciarmi neanche il tempo di capire cosa volesse intendere,aveva cambiato la sua postura e girandosi su di me,mi aveva appoggiato alla bocca la fica grondante di sperma da leccare ed al tempo stesso,aveva preso tra le labbra il mio cazzo ancora bagnato di dei miei e dei suoi umori.

segue

segue

Questo racconto di è stato letto 6 7 6 5 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.