Volontariato sessuale 1

Scritto da , il 2021-03-07, genere prime esperienze

Genova è una città famosa per le sue opere di solidarietà, nonostante la nostra fama di popolo avaro. Anch’io mi rendo utile nel sociale, ho già scritto alcuni racconti sulle mie esperienze “particolari” nel campo del volontariato.

Stavolta è stata la volta di Sofia, una splendida ragazzina di poco meno di 18 anni, rimasta sulla sedia a rotelle a causa di un incidente sportivo, mentre si allenava a ginnastica artistica è caduta dalle parallele sbattendo la schiena e da allora non riesce più a camminare, non si sa per quale motivo esatto. Sofia ha affrontato abbastanza bene il trauma, è giovane e forte, fiduciosa nel futuro come tutti i giovani. Il centro di riabilitazione mi ha assegnato a lei come volontario, e siamo entrati subito in sintonia. Sofia è una bella ragazza, solare e simpatica, capelli lunghi neri, occhi verdi, un seno sodo e prosperoso, per la sua età…ho saputo dalla madre che aveva molti spasimanti, per la sua bellezza. Guardandola, immagino quanti compagni di classe e amici avrà fatto masturbare, con quelle tette e con quella bella bocca. Sofia è anche molto maliziosa, come tutte le adolescenti…appena entrati in confidenza, mi continuava a fare domande un po' impertinenti sui rapporti tra me e mia moglie, le mie prime esperienze sessuali, come vedo le ragazzine come lei…e puntualmente, quando parliamo di queste cose mi eccito, il pacco si gonfia e non posso fare a meno di palparlo, anche di fronte a lei! Lei mi guarda, sorridente, un po' impacciata, curiosa…le piace provocare un uomo di 50 anni, sposato, esperto… Nei lunghi pomeriggi quando l’accompagno alla fisioterapia in macchina parliamo di tutto, e poi proseguiamo a casa, da soli in attesa che ritorni la madre.

La prima volta è andata proprio così…in casa, nella sua cameretta, sulla sedia a rotelle, Sofia parla e scherza sulla sua mancata festa di fidanzamento, con un suo compagno di scuola. Entriamo in confidenza, mi racconta che come regalo al ragazzo gli avrebbe dovuto fare il suo primo pompino della vita! Nel frattempo avevano fatto solo pomiciate e qualche sega nei bagni della scuola e a casa sua, chiusi in cameretta. Mi raccontava della sorpresa di vedere schizzare il pisello di sborra…delle sue curiosità su come “funzionasse” il pisello…i testicoli…vedevo che mi guardava sempre più con malizia e arrossiva spesso a questi argomenti, ma sentivo che voleva delle risposte. Io ero su una poltrona vicino a lei, il cazzo eccitato, le guardavo fisso i seni sotto la maglietta bianca leggera, il reggiseno nero che si intravedeva, la sua pelle liscia, pura, le sue manine da adolescente con le unghie curate…mi sentivo l’orco sulla giovane preda!

Lei mi guardò arrossendo e esclamò “ma tu, come uomo maturo, come mi trovi? Bella…? Anche sulla sedia a rotelle? Faresti sesso con una handicappata?...dimmi la verità ti prego Andrea?” ed io eccitato ma anche imbarazzato da tanta malizia e curiosità “ma certo Sofia, mi eccita moltissimo una ragazzina come te…sei il sogno di tutti gli uomini, nonostante i tuoi problemi…” e lei ancora “non dirmi bugie perché ti faccio pietà!! Dammi una prova di quello che dici…!!” la domanda era una vera richiesta provocatoria. Mi alzai di fronte a lei, mi slaccia i pantaloni li abbassai insieme alle mutande, liberando il mio cazzo, che scattò in alto, dritto e durissimo…Sofia rimase a bocca aperta, gli occhi sgranati fissi sul mio pisellone, alzò la manina esitante, la presi e gli feci impugnare il cazzo, Sofia mi guardò sorridente “…mamma mia, è durissimo…che devo fare ora Andrea?...” ed io “quello che vuoi, Sofia, tranquilla…fai quello che senti…vuoi masturbarmi? Ti ricordi come si fa?” lei d’istinto tirò giù la pelle, scappellandomi, e iniziò una lentissima e impacciata sega…ero al settimo cielo…eccitatissimo…la sua manina andava su e giù sul mio bel cazzo da 50enne, grosso e rugoso, mi guardava negli occhi incuriosita e un po' spaventata, poi fissava il cazzo, la cappella già umida…io la incoraggiavo, poi presi la mano sinistra e gliela misi sotto i coglioni…lei sorrise, li massaggiò inesperta, ma il tocco era bellissimo, delicato, già femminile. Sofia, sulla sedia a rotelle ed io davanti a lei in piedi, mi masturbava benissimo, pur nella sua inesperienza, la mano faceva su e giù sempre più velocemente, io godevo come un vecchio porco…le fissavo le tette come un maniaco…il cazzo mi stava esplodendo…lei sorrideva, la sua manina si chiudeva a malapena intorno al mio pisello…ogni tanto le davo qualche suggerimento su come masturbare un uomo, di stringere di più la mano, fare pressione sotto la cappella…e lei eseguiva da brava bambina, sorridendo, innocente, e alla fine le dissi “Sofia, mi fai godere da impazzire…lo sai cosa succederà tra poco vero?” lei arrossì e continuò frenetica la pippa…ero al limite, vedere quella ragazzina sulla sedia a rotelle sorridere, col mio cazzo in mano a segarmi, le sue tette che ballavano al ritmo della mano…e infine esclamai “dio mio…Sofia…sborro…continua così, tesoro, sto sborrando…!!!” e poco dopo una serie di lunghissimi schizzi di sborra esplosero dalla cappella e la investirono in piena faccia…lei sorrise imbarazzata, si ritrasse, la sborrata le arrivò sul dolce visino, sui capelli neri, sulla maglietta…la bagnai completamente!! Lei si schernì timida, continuò a masturbarmi veloce, quasi a volermi svuotarmi del tutto, sorridemmo entrambi…la feci andare avanti nella sega…era bellissimo vederla così impegnata a soddisfarmi…il cazzo non accennò a ammosciarsi, ero veramente troppo eccitato…lei cercò qualcosa con la quale pulirsi il dolce visino, le passai un fazzoletto…si pulì la faccia, poi la lingua passò sulla labbra prendendo un po' di sperma, lo assaggiò, rimase sbalordita…”però che strano sapore, non l’avevo mai assaggiato…dio mio quanta roba…sono stata brava? Posso fare altro per te Andrea?” io le sorrisi “si Sofia, sei stata fantastica, potresti avere altro sperma…hai mai fatto un pompino al tuo fidanzato, sai cosa sono? Vuoi provare?” e lei subito entusiasta “sii… mi piacerebbe provare…dovevo farlo ma non ho avuto modo…sai, l’incidente…mi faresti provare?” ed io le presi la testolina, i lunghi capelli neri, morbidi, e la spinsi delicatamente verso il cazzo…le dissi “apri la bocca, tesoro, fai entrare il pisello dentro e comincia a succhiarlo, come fosse un gelato…aspira la cappella…muovi la lingua su tutto il pisello…lo devi gustare, assaporare tutto…tieni le labbra chiuse a succhia…così, brava muovi la testa avanti e indietro, il resto lo faccio io…” la bocca di Sofia accolse dentro il mio cazzone, era bollente, umida, le labbra giovani con un filo di rossetto si strinsero intorno al cazzo, la sua lingua iniziò a esplorare la cappella, il cazzo, e iniziai a fargli muovere la testa avanti e indietro con la mano sulla nuca: dio mio, un pompino da una 17enne sulla sedia a rotelle, paralizzata…che meraviglia!!

Sofia mi guardava con gli occhioni verdi sgranati, mentre mi succhiava il pisello, in cerca di approvazione…come tutte le donne…io la guardavo e le sorridevo rassicurante, e la sentivo ciucciarmi il cazzo con passione, con trasporto, un po' imbranata ma impegnata e volenterosa di soddisfarmi!!

Il cazzo mi tornò durissimo, di marmo, lo vedevo entrare e uscire dalla bocca di quella ragazzina…sentivo la sua lingua roteare sulla cappella, la saliva calda bagnarla tutta…la sentivo aspirare, succhiare, ciucciare…era dolcissima! Le carezzavo paternamente la testa, le spingevo il cazzo sempre più in fondo alla gola, lei ci stava, succhiava forte…mi sorrideva col mio pisellone in bocca e ogni tanto mi chiedeva se stesse facendo bene ed io la rassicuravo!

Le tiravo fuori il cazzo dalla bocca, gli facevo leccare per bene tutta l'asta, le palle, lei eseguiva gli ordini da brava bambina, con cura e precisione...e sorrideva. Poi cominciò a maneggiarlo da sola, prendendolo in mano, masturbandolo, rimettendolo in bocca e succhiarlo...ero in estasi! Arrivai al culmine del piacere...sentivo l'orgasmo arrivare...le misi il cazzo in bocca e l'avvisai "Sofia...Sofia...sto per sborrare di nuovo...ti va di farti venire in bocca? vuoi provare cosa significa? è molto violento, ma bellissimo, a tutte le donne piace...vuoi provare tesoro?" lei annuì sorridendo, anche se un pò impaurita...proseguì con il pompino...con passione, sentivo la cappella risucchiata dalla sua gola...alla fine con un grugnito lasciai andare l'eiaculazione, una violenta sborrata le esplose in bocca...sentii le schizzate allagarle la bocca...Sofia aveva gli occhi terrorizzati...divenne rossa in viso...si tirò indietro e il resto della sborrata la colpì sul visetto...gli occhi...dalla bocca si vomitò addosso dei grumi di sperma...era uno spettacolo incredibile!! La prima sborrata in bocca a meno di 18 anni...

Aiutai Sofia a ripulirsi, le diedi dei fazzoletti di carta, mi tolse lo sperma dalla faccia, dai capelli, si tolse maglietta e jeans e li presi io per portarli in lavanderia, per non farli lavare alla madre! Lei era sorridente ma imbarazzata da morire a mostrarsi quasi nuda davanti a me, il suo corpo era giovane, sodo, sinuoso, dalla pelle meravigliosa...mi eccitai di nuovo, avrei voluto possederla...ma era tardi e i genitori stavano rientrando.

Ci lavammo alla meno peggio, in tempo per il rientro della madre. La salutai ossequiosamente, lei fu molto gentile e riconoscente. Non immaginava che mi ero fatto spompinare e masturbare dalla figlia, paraplegica, sborrandogli in bocca e in mano!

Questo racconto di è stato letto 4 9 6 1 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.