Volontariato sessuale- 2

Scritto da , il 2021-03-04, genere prime esperienze

Dopo qualche giorno tornai a prendere Sofia per portarla di nuovo alla fisioterapia. Lei uscì con un pò di anticipo, lamentando un mal di testa. In macchina mi sorrise maliziosa...era una scusa. Andammo a casa, mi portò in cameretta sua...lì si tolse la maglietta, si slacciò il reggiseno, mostrando il suo spettacolare seno non ancora sviluppato del tutto. Pieno, piccolo ma ben formato, con due capezzoli a punta...rimasi senza fiato!

Mi chiese seria e riflessiva "Andrea, scusa, ma tu cosa pensi del mio seno? Potrebbe eccitare un uomo come te? Le mie amiche lo hanno più grosso ...più bello...tu che dici? sinceramente, da uomo maturo..." io rimasi stupito, le feci moltissimi complimenti ma lei era insicura "Andrea, non dirmi bugie, nella mia condizione...ti eccita il mio seno? il mio corpo? posso essere ancora una ragazza attraente per un uomo...?" le risposi con un sorriso rassicurante, allora mi slacciai e abbassai i pantaloni e le mutande, mettendo in evidenza il mio pisello dritto e duro come una spranga di acciaio...lo impugnai e lo scappellai lentamente, ero eccitato come un toro...Sofia mi guardò allibita, quasi spaventata, come se guardasse un cazzo per la prima volta.

Mi avvicinai, le presi la manina e la misi intorno al cazzo, stringendola forte "lo senti Sofia che effetto fai ad un uomo?? sei una ragazza stupenda, la sedia a rotelle non impedisce nulla...te lo dimostro!"

Mi avvicinai a lei, mi misi a cavallo delle sue gambe sulla sedia a rotelle, poggiai il pisello tra le tettine e le strinsi forte, iniziando una splendida "spagnoletta" !

Sofia rimase sbalordita, non aveva mai fatto una porcata del genere...era la sua prima volta! Feci su e giù con il bacino, facendo scorrere il cazzo tra quelle splendide tette, sode, calde, e con le dita stuzzicavo i capezzoli appuntiti, larghi, turgidi...Sofia mi guardava allucinata, e godeva di quel movimento facendo dei gemiti soffocati, era viola in viso...ansimava...il mio cazzo gli spuntava vicino al mento...presi la sua testa e la chinai verso la cappella "dai, quando la punta esce dal seno prendila in bocca...succhiami il cazzo tesoro, dai...sei bravissima...vai Sofia, succhia succhia..." il mio uccello gli trapassava le bellissime tettine e uscendo le finiva in bocca, tenuta aperta come un passerotto affamato! Le infilavo il pisello in bocca, trovandola calda, umida, vergine...lei lo succhiava imbranata ma volenterosa, le insegnai a stringere le tette sul cazzo...era veloce ad apprendere! Godevo come un porco, lei sorrideva divertita, rassicurata...vedeva come godeva un maschio del suo piccolo seno e della sua bocca...La scena era passionale ma patetica, un uomo di 50 anni, sposato e porco, si faceva sbocchinare e fare una spagnola tra il seno da una ragazzina di 17 anni paraplegica, sula sedia a rotelle, nella sua cameretta, piena di bambole, Barbie, poster di cantanti, libri di scuola...Sofia era volenterosa, mi ciucciava il pisello con foga, trasporto adolescenziale, il mio grosso e maturo cazzo spariva nella sua bocca giovane e virginale...stavo godendo...l'orgasmo correva veloce verso la cappella...le presi la testa e la premetti in basso, senza lasciargli vie di scampo...cominciai ad urlare "dai dai dai Sofia, sto venendo, dai tesoro mio, succhia, succhia che sborro...prepararti tesoro, che arriva la sborrata...non ti spaventare della quantità, lasciala entrare in bocca e mandala giù tutta, dai Sofia...eccomi, eccomi...sborrooooo!!!" dalla cappella sentii partire le mie solite abbondanti schizzate di sperma, vidi Sofia diventare rossa dallo sforzo, la bocca riempirsi di sborra, tirai fuori il cazzo e mi masturbai sulle tettine, bagnandole degli ultimi schizzi. Fu un orgasmo stupendo!!! La ragazzina deglutì il più possibile, il resto se lo vomitò sul petto, colando dalla bocca sul seno, sui capezzoli...rimasi allibito, era bellissima la mia piccola Sofia, così naturalmente troietta! Mi chinai sul suo seno, a leccare il mio sperma, per poi baciarla in bocca a passarglielo...le nostre labbra si incollarono, le nostre lingue si intrecciarono, sentivo il mio acido e caldo sburo passare di bocca in bocca, lei era tremolante, emozionata...la sentivo eccitata ma anche spaventata da tante prime esperienze.

Il mio cazzo si indurì nuovamente in modo spaventoso...la volevo scopare!!

La guardai negli occhi intensamente e le dissi "tesoro, tua madre torna ancora tra un'ora...che dici, vuoi provare a fare l'amore? ti voglio...vuoi perdere la verginità con me?" lei mi guardò terrorizzata...tremava tutta...balbettò qualcosa sul dolore, sulle sue gambe, sulla sensibilità...ma io ero troppo eccitato per darle retta, la volevo solo chiavare! La presi in braccio e la adagiai sul lettino, con le lenzuola rosa e le farfalle disegnate...la spogliai dei jeans, le tolsi le mutandine bianche ricamate, nuda era stupenda, aveva proprio il fisico da teen-ager, da atleta, era ancora bella tonica, nonostante l'handicap...la bacia tutta, le leccai i capezzoli, i seni la pancia e arrivai alla micetta...aveva una leggera peluria nera, le allargai la passera e la leccai tutta, dentro e fuori sul clitoride, era saporita, gustosa, calda...non vedevo se godeva o meno...gemeva ogni tanto...mi masturbai, preparai il cazzo con la saliva, durissimo e grosso, le avrei fatto il minor male possibile...la bagnai di saliva la fighetta...mi stesi sopra di lei, la guardai con amore e mormorai "Sofia, amore mio, lo vuoi fare veramente...vuoi scopare? ti entro dentro, sentirai un pò di dolore, se lo senti troppo dimmelo..." e Sofia mi guardò terrorizzata, ma mi sorrise e fece cenno con la testa "sverginami Andrea, scopami, voglio farlo, voglio sentire cosa provo...entra ti prego!".

Appoggiai la cappella sule labbra della vagina, e lentamente la penetrai, il pisello scivolò dentro come una lama calda nel burro, sentivo la sua vagina allargarsi, accogliermi, bollente...non pensavo a cosa potesse sentire...solo a godere...l'intoppo, la membrana, spinsi, con forza, la sfondai...spinsi quasi brutale, sentii Sofia sussultare...la sua faccia era distorta, tesa...la penetrai sino in fondo...il cazzo entrò quasi tutto, non osai troppo...il suo corpo era inerme ma vibrante...muoveva le braccia intorno a me, mi accarezzava, mi stringeva, ma le gambe erano come floscie...comincia a scoparla..era tenerissima...il suo corpo sodo, giovane, caldo, vergine mi sbatteva contro...il cazzo era ingoiato dalla sua micetta...chiusi gli occhi e continuai a scoparla con foga, ormai l'avevo sverginata...ero eccitato come un vecchio porco...il mio bacino andava su e giù impietoso della povera paraplegica...godevo e basta, da pazzi!! Lei gemeva, non sapevo perchè...continuavo a scoparla, baciarla in bocca, sul seno, sul collo...lei mugolava a fasi alterne...il mio cazzo la sfondava sempre di più, impietoso! Stavo per godere, dopo parecchi minuti ma sempre con uno sguardo all'orologio...cominciai a grugnire come un maiale "Sofia, sei splendida, hai un fica pazzesca...Cristo come mi fai godere, sei una ragazza eccezionale, bellissima...godo, Sofia, godo....sto per sborrare amore mio...godoooo!" gli diedi gli ultimi violenti colpi nella sua passerina stretta, sfilai il cazzo e mi masturbai sul suo pancino piatto e tenero, sborrando come una fontana!! Le feci un bagno di sperma...lei mi volle prendere il pisello e farmi una sega, per farmi finire di spurgare...la lasciai fare, aveva un viso molto teso, nervoso ma felice...la sua manina mi masturbava lentamente, già da donna fatta, il grosso pisello rugoso e bagnato...che manina dolce!

Mi alzai sopra di lei, maestoso come un orco sulla preda, la baciai tutta di nuovo...gli occhioni dolci di Sofia seguivano ogni mio movimento...aveva una lacrima che scendeva sulla guancia. Andai in bagno a lavarmi, tornai e aiutai Sofia a rivestirsi, la portai in bagno a lavarsi lo sperma dal seno, dalla faccia, in realtà mentre si lavava il cazzo mi tornò durissimo, ma era tardi, dovevo andare.

Andammo in cucina a farci un thè, in un silenzio imbarazzante, arrivò la madre che mi salutò con la solita cordialità, ci scambiammo i soliti convenevoli...gli avevo appena sverginato la figlia handicappata in cameretta!

La storia con Sofia continuò per parecchio tempo, lei volle scopare tutti i giorni che ci vedevamo, fino a chiedermi di sverginarla anche in culo...

Che sarà il tema del prossimo racconto.

Questo racconto di è stato letto 4 5 8 3 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.