Una storia da raccontare 16 - " 2 Troie,Due stalloni e due cornuti."

Scritto da , il 2021-03-05, genere incesti

"Guarda Lory che l'idea di tenerlo ingabbiato questa sera,non è stata mia ma lui stesso,dopo che lo avevo depilato e lo avevo truccato,prima che gli facessi indossare quei miei vestiti,mi aveva chiesto di mettergli io stessa il fodero di castità ed esibirne la chiavetta nella cavigliera d'oro che ieri mi aveva regalato lui."

Le aveva chiarito mia sorella,pardon..mia moglie!

"Davvero ha fatto questo tuo marito?"

Aveva risposto sorpresa Lory per poi aggiungere:

"Sei davvero fortunata ad avere un marito così affettuoso e cornuto.

Avevo visto bene quella sera al mio locale ma non mi aspettavo che arrivasse a tanta venerazione per te.

Sai,anche mio marito ha una innata vocazione alle corna.

Lui stesso mi incita a cercarmi dei maschi per esibirmi davanti a lui però,non riesce ancora a mostrarsi ai miei amanti in tutta la sua dedizione.

Capita sempre che nel locale quando io mi scelgo il maschio da scopare o lui stesso me ne seleziona uno col quale appartarmi,mentre facciamo sesso,lui rimane nascosto a segarsi sino a quando non abbiamo finito.

Poi corre da me e si trasforma nel marito più dolce ed affettuoso del mondo e spesso non vuole neanche fare l'amore tanto è soddisfatto da quello che ha visto,dal piacere che mi ha concesso e dalla sega solitaria che si è fatto mentre l'altro godeva dentro il mio corpo o nella mia bocca.

E' davvero tutto bello come in un sogno anche se rimane il cruccio di non essere ancora riuscita ad esibirlo come il mio affettuoso e accondiscendente cornutino."

"Siete ancora così giovani che sicuramente un giorno o l'altro ti farà questo regalo."

Le aveva risposto mia sorella che in un gesto di complicità,le accarezzava le mani.

"Credo che il momento sia venuto!

Ricordi che ti avevo detto che Dhair,quel ragazzone nero che frequenta il mio locale,è uno dei miei amanti preferiti col quale lui non mi ha mai voluto condividere nello stesso momento?

Ebbene,ieri lui stesso mi ha chiesto di farlo venire quì stasera ed a questo punto,mi sembra chiara la sua decisione di dichiararsi e giocare definitivamente a carte scoperte insieme a lui......a cazzi uniti e fica scoperta direi,finalmente!"

Avevano riso a quella battuta anche se io e suo marito non avevamo ancora capito cosa si stessero dicendo.

"Davvero viene Dhair?"

Aveva esclamato alzando il tono della voce mia sorella."

"Davvero!"

Aveva risposto Lory aggingendo:

"E non è tutto,insieme a lui c'è anche un suo amico di cui mi ha sempre parlato ma che non ho mai visto.

Pare che sia un ragazzo del sud,alto,biondo e ben messo....un bonazzo insomma che tutti chiamano Napoli anche se pare avere un aspetto nordico come le tracce lasciate al sud dalle dominazioni normanne."

Le cena era continuata con le due donne che si alternavano al servizio continuando a bisbigliare e lesbicare tra loro mentre il marito di Lory continuava a guardarmi con curiosità ed occhi sempre più vogliosi.

"Questo è proprio un frocio oltre che cornuto" avevo pensato.

Alla fine della cena,mentre seduti in salotti eravamo impegnati a chiacchierare e bere i nostri drink,era squillato il citofono.

Di scatto Lory si era alzata in piedi accompagnando con la mano nel suo gesto,anche mia sorella.

Poi,con fare rapido e deciso,si era tolta la camicia sfilando al tempo stesso la maglietta di mia sorella rimanendo così entrambe coi seni scoperti.

Le tette della giovane ragazze apparivano piccole,bianche e dure come marmo mentre quelle di mia sorella,molto più grandi e con grossi capezzoli scuri apparivano più voluttuosi anche se meno sodi.

L'apparizione sull'uscio dei due con le figure stagliate nel buio alle loro spalle,aveva un non so che di epico.

Due bronzi di Riace!

Due Dei dal colore della pelle in contrasto!

Due perfetti stalloni e davanti a loro,le giumente in calore!

"Ciao!" "Ciao" e senza profferire superflue parole,Dhair aveva abbracciato Lory e l'aveva stretta a se mettendole subito in bocca la sua lingua carnosa e rosea mentre il biondo con un gesto ancora più virile,aveva messo le mani sotto i glutei di mia sorella e sollevandola come se fosse priva di peso,si era portato le tette all'altezza delle sue labbra ed aveva cominciato a succhiarle i grossi capezzoli rosa.

A quell'inatteso trattamento,mia sorella aveva emesso un grido subito strozzato dalla lingua del biondo che le aveva profanato le labbra con la lingua come fosse una fica.

Dopo quel lungo e sensuale benvenuto,le due donne come in un numero sincronizzato da circo,sono state lasciate scivolare a terra e in ginocchio davanti ai loro tori,hanno aperto le cerniere dei pantaloni e ne hanno estratto le verghe dal colore contrastante ma dalla medesima,incredibile consistenza.

Io avevo già visto (e assaggiato!) Dhair nella penombra del ristretto box del glory hole ma vederlo pendere alla luce del soggiorno ancora semimolle come quello di un cavallo era davvero impressionante per me.

Davanti agli occhi miei e di Fabio sorpresi dalla rapida evololuzione degli eventi,si stava svolgendo uno spettacolo erotico coinvolgente ed inquietante al tempo stesso.

Fabio che pure conosceva bene le cose che piacevano e che faceva sua moglie,non avendola mai vista da così vicino,guardava la scena rosso in viso e con gli occhi strabuzzati.

Anch'io da parte mia avevo visto solo poche volte mia sorella alle prese con un altro maschio ed anche se non ne ero così impressionato,avevo anch'io un certo turbamento ed un crescendo fastidio al cazzo che nel tentativo di indurirsi nella sua gabbia cominciava a provocarmi fastidiosi sensi di dolore.

Era incredibile vedere come due donne appartenenti a generazioni diverse per via della notevole differenza di età,si muovessero su quei bastoni con la stessa perizia.

Due vere troie,due succhiaccazzi bramose e insaziabili.

Tenendole per la testa con le mani tra i capelli,accompagnavano i loro movimenti e di tanto in tanto,si sfilavano dalle loro bocche scambiandosele.

Il primo a venire era stato Dhair che con un grugnito aveva stretto a se mia sorella riempiendole la bocca di sperma.

Subito dopo anche Napoli aveva goduto ma a differenza del mandingo,aveva spruzzato i suoi fiotti sul viso e sui capelli di Lory.

Poi,con incredibile naturalezza i due stalloni avevano preso per mano le due donne e le avavano accompagnate gocciolanti di sperma verso di me e l'altro marito ancora frastornato da ciò che aveva visto.

Mia sorella era andata verso di lui ed appoggiando le labbra alla sua bocca gli aveva travasato i residui di sborra che non aveva ingoiato e che in parte fuoruscino anche dalle pieghe della bocca.

Lory dal canto suo,si era seduta sul tappeto accanto a me e con la testa appoggiata al cuscino,e con le mani dietro la mia nuca mi aveva tirato a se e mi aveva offerto il viso ed i capelli sborrati da ripulire con la lingua.

La nottata si prospettava molto lunga e se quello ne era la premessa,ne avremmo visto delle belle.

segue

Questo racconto segue con:"La mia mamma gravida"

Questo racconto di è stato letto 2 6 1 6 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.