Una storia da raccontare 15 - Vestito da troia e ingabbiato per una notte di follia.

Scritto da , il 2021-03-04, genere incesti

La cena,per quanto preparata con cura da mia sorella (Mia moglie) era stata breve ed alquanto movimentata.

Mentre Mary accostata alla cucina era intenta a preparare i piatti,la ragazza le si era portata dietro e stringendola con una mano sul seno e l'altra sotto la gonna,la baciava sul collo e dietro l'orecchio.

Io ero seduto al tavole e le guardavo eccitato pregustando già quello che sarebbe successo nel prosieguo della serata.

Il marito seduto di fronte a me,alternava i suoi sguardi dalla due donne e verso di me.

La sua curiosità indagatrice era piuttosto comprensibile giacché per quella prima straordinaria occasione di avere ospiti a casa nostra,mia sorella mi aveva fatto indossare degli abiti suoi molto sexi.

Una larga camicia di seta rossa ed una gonna nera altrettano vaporosa lunga sin quasi alle caviglie con un generoso spacco di lato attraverso il quale nei miei movimenti quando ero andato ad aprire,si intavvedeva la giarrettira rossa e le calze velate nere.

Completava la mia mise,un paio di scarpe di raso nero (scomode in verità) con una vistosa zeppa.

Per il resto,la mia trasformazione era accentuata da un leggero trucco degli occhi ed un lucida labbra di un rosso acceso.

Per cancellare i segni scuri della mia barba,mi aveva spalmato con un fard dalle delicate fluorescenze che usava quando decideva di andare a caccia di maschi.

Mentre mia sorella mi preparava senza neanche chiedere il mio permesso,mi sentivo fiero di accondiscendere a qualcosa che sicuramente l'avrebbe eccitata aumentando il suo piacere per quella serata così speciale che si stava preparando.

Quando aveva finito di truccarmi e vestirmi,mi aveva guardato con evidente soddisfazione del risultato ed anch'io,guardandomi allo specchio avevo pensato:"Però,che bella fica!"

"Sei un vero schianto!" Mi aveva poi detto dandomi una pacca sulle chiappe.

Lo sguardo di quel ragazzo mentre eravamo seduti a tavola,in qualche modo confermava il mio benevolo giudizio su me "stessa".

Prima ancora che la cena avesse inizio,mia sorella e Lory,erano già abbracciate ed unite in un bacio che definire appassionato era riduttivo.

Un bacio sensuale,lungo,profondo ed osceno al tempo stesso

Si sentiva lo schiocco della loro saliva al frullare delle loro lingue ed il respiro affannoso quando dovevano staccarsi per riprendere fiato.

Mentro loro si baciavano,il ragazzo si era alzato ed accostandosi a me,mi aveva preso la mano e se l'era portata sul suo cazzo già duro stretto dentro la patta dei pantaloni.

"Ehi ehi che fate voi due porcelloni! Mani a posto ed ognuno sulla propria sedia che la cena viene servita!"

Aveva esordito mia sorella mentre portava i piatti in tavola.

Nel breve frangente di tempo occorrente per andarsi a sedere al suo posto Lory mi si era appoggiata dietro e stringendomi la testa al suo seno scoperto,mi aveva messo la mano tra le cosce e sentendomi il pene ingabbiabbiato,mi aveva sussurrato,brava troia,stanotte ti faremo godere come piace a te.

Poi,mentre prendeva posto sulla sua sedia,sorridendo sorniona a mia sorella le aveva detto:"Sei stata brava Mary a farci questa sorpresa,sai...io avrei voluto suggerirtelo ma temevo di offendervi e dunque,sono ancora più felice di questa nostra nascente complicità."

Questo racconto di è stato letto 2 0 8 8 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.