Amica di mamma

Scritto da , il 2019-06-05, genere etero

Ciao mi chiamo Enrico, ho 30 e sono futtutamente perso per le donne mature e per le tettone. Volevo raccontarvi non dei fatti che mi sono capitati, ma dei miei sogni, sogni che mi hanno accompagnato in tutti questi anni, usando però persone reali che fanno realmente parte della mia vita ed a cui realmente ho donato maggior parte delle mie seghe.

Avevo 16 anni, sono sempre stato attratto dalla donna matura e dalle tette grandi, per fortuna attorno a me di materiale per fantasticare ne avevo in abbondanza.
Un giorno rientrato da scuola, erano le 14.00, trovo la tavola apparecchiata ma nessuno in cucina, mi sposto in camera da letto e trovo mia madre a letto con la febbre ed ad accudirla la sua più cara amica che chiamerò Maria. Maria è sempre stata il mio pezzo forte, ho perso gli occhi per lei: 45 anni, 1,60 per 65kg, capelli a caschetto castani, bocca con le labbra gonfiate, corporatura normale asciutta ma in più aveva una ottava misura che portava con soddisfazione e provocazione ovunque andasse. Lei mi conosceva da quando ero nato, ha sempre vissuto di fronte a casa dei miei ed è sempre stata legatissima a mia mamma, in più suo figlio è mio coetaneo, quindi eravamo 2 famiglie affiatatissime è sempre assieme. Dal primo ricordo che io ho di lei, mi rotrovo sempre con il mio 19x15 dritto e duro come il marmo.
Quel giorno salutai mia mamma, salutai Maria e andai in cucina a mangiare e guardare la tv. Mentre mangiavo, per mtv inizia a passare il video di Sabrina Salerno, in men che non si dica mi ritrovo con il cazzo in mano sotto la tavola a guardare quello splendore . Di colpo si apre la porta scorrevole, io subito rimetto a posto i pantaloni e alzo le mani sopra al tavolo, giro la testa e mi ritrovo Maria che mi guardava con uno sguardo tra il serio e sospettoso:
Maria “che stai facendo?”
Io “niente mi stavo grattando la pancia. Che cerchi?”
Maria: “no niente ero solo venuta a vedere se ti serviva qualcosa o era tutto apposto.”
Il suo viso però aveva cambiato espressione e quelle labbra gonfiate da pompinara si sono mosse come a creare una piccola O. Non sto a dirvi come mi sono toccato appena si è girata per tornare in camera, momenti vengo solo a sfiorarmi, cmq quel giorno si concluse cosi.
Passarono un paio di mesi ed un pomeriggio ero a casa da solo, sentii suonare il campanello, guardai fuori ed era lei. Feci finta di non essere in casa, per poterla osservare tranquillamente, e come da programma, Maria si apri il cancello, venne davanti al portone di casa ed appoggio lo scatolone a terra. Aveva una vestaglia estiva addosso, non posso non descrivervi quando si chino, avevo il reggiseno di fronte al viso. Il vetro del portone è oscurato quindi non poteva vedermi al di la con il cazzo in mano che andavo a mille guardandola. O almeno credo. Lei dopo essersi alzata, si mise a fissare il portone, io di colpo mi bloccai, pensavo di essere al sicuro, che non potesse vedermi, invece lei era lì che fissava il portone in direzione mia. Li capito un’altra provocazione, con il fare da troia, fece una smorfia in volto e si passo le mani dentro la vestaglia a sistemare la sua ottava dentro al reggiseno, poi con tutte e due le mani prese quelle montagne da sotto e diede un colpo verso l’alto per sistemarlo ancora un po’, il tutto guardando sempre fisso il vetro del portone. Io al di la, morivo, infatti in un attimo feci una sborrata galattica addosso al vetro. Lei in piena tranquillità si giro ed andò a casa.
Maria mi faceva morire, mi provocava, non perdeva occasione per salutarmi ed essendo più bassa di me, ogni abbraccio mi prendeva la testa e la abbassava sopra il suo petto.
Ennesima dimostrazione si presentò a casa dei miei, mia mamma stava facendo i piatti e Maria a tavola a bere il caffè, io ero chiuso in camera a giocare con la play, non sapevo fosse in casa, infatti quanto andai in cucina a bere un bicchiere d’acqua rimasi di stucco. Lei era li, con una vestaglia che schiacciava le sue tettone perché troppo piccola, andai a salutarla ma i miei occhi erano fissi su quei seni, mia mamma era di spalle e quindi non ha potuto vedere la scena, io mi chinai a darle un bacio, Maria mi strinse come sempre la testa al petto, ma questa folta finii con il naso nell’insenatura delle tette. Avevo gli occhi a pochi cm da quel sogno che da bimbo mi portavo dietro. Quando mi alzai avevo il cazzo in pieno tiro e avendo i pantaloncini corti addosso, tutta la sua sagoma risulto perfettamente visibile. Lei lo vide, lo fisso per alcuni secondi che sembravano interminabili, poi mi guardo negli occhi, mi fece un sorrisino e mosse la testa come a dire”non posso crederci”, si mise a ridere sottovoce e mi fece gesto con la mano di andar via. Corsi subito in camera ed estrassi il cazzo e fantasticando come nelle miglior scene hard, mi sparai una sega sublime.
Una svolta tanto attesa ma mai provocata da me causa la mia timidezza, avvenne il giorno del suo
46esimo compleanno.
La mia famiglia e la sua andammo a casa di altri amici a festeggiare per pranzo il suo compleanno, era estate e i nostri amici in comune erano benestanti, quindi ci aspettava una grigliata nel loro giardino con piscina e prato annesso. Ci saranno stati 40 gradi, quindi eravamo tutti in costume, io già dalle 10 del mattino mi trovavo in seria difficoltà. La padrona di casa, bellissima milf, sfoderava un due pezzi che non lasciava spazio all’immaginazione e la sua quinta misura appariva in tutto il suo splendore. Ma Maria mi fece cadere il mondo addosso. Mentre si spogliava al suo sdraio a bordo piscina sentivo che diceva:
Maria “spero che questo costume mi vada ancora bene, sono passati 4 anni dall’ultima vola che l’ho messo”
Mamma “eh Maria con quei davanzali che ti ritrovi mi sa che farà fatica”
Aveva un costume pezzo unico, le tettone erano schiacciate, sicuramente erano per due taglie in meno, stavo per svenire, il costume non riusciva a contenere il peso e la grandezza delle sue tette.
Maria “che dite?”
Padrona di casa “ Maria ma dove vuoi andare cosi? O lo rombi o ti mancherà il fiato. Sciogli la parte alta, resta il topless tieni solo coperta la farfalla”
Maria “eh penso che sarebbe pero un regalo per gli invitati non per me”
Mamma “dici?”
Maria “credo proprio che molti qui in questo giardino non aspettino altro, rischio di rimanere in cinta di nuovo ma non so di chi”
Cerco di sistemarsi alla buona e scoppiarono a ridere tutte e tre.
Non riuscivo a staccarle gli occhi di dosso, al momento dei regali, le fecero uno scherzo e gli diedero una scatola di preservativi, lei sventolandoli guardo il marito e gli disse:
Maria “Fabio preparati che qui c’è da festeggiare”. Tutti a tavola scoppiarono a ridere, io incrociai il suo sguardo da troia divoratrice di uomini, non resistevo più, mi alzai ed andai in piscina, intanto che la osservavo in piedi che camminava e serviva, mi estrassi il cazzo e comincia a masturbarmi dentro all’acqua quindi coperto da tutto e tutti.
Ero in estasi, quando la voce di mia mamma mi riporto nella realtà, mi diceva di uscire dalla piscina per andare a mangiare il dolce, ma Maria la interruppe e le disse che me lo avrebbe portato lei.
Venne verso di me, con il suo solito sguardo e la bocca socchiusa, era giunonica, io senza accorgermene stavo ancora con la mano a muovere il cazzo, quando fu li mi ricomposi e lei si inginocchio a bordo piscina e per porgermi il dolce mi schiaffo le tette a meno di 10 cm dal viso. Erano li enormi e dato il suo stretto costume riuscivo a vedere la sagoma dei capezzoli e le rotondità che strapordavano da tutti gli spiragli di quel costume.
Maria “tiene Enrico “
Io “grazie Maria”
Lei calo la testa e: “ continua quello che stai facendo, tanto non ti vede nessuno. E poi quando ti ricapita di averle cosi in primo piano?”
Non so che mi è preso, lo estrassi, lo sfiorai due volte e venni, una sborrata che non finiva più
Maria:”ummm bravo piccolo pervertito, e complimenti”
Mi lancio un bacio strizzando l’occhio, si alzo e torno a tavola dagli altri.
Il pomeriggio tutti i figli e mio fratello erano a giocare in giardino, io non potevo uscire dalla piscina, lei era di fronte a me che distesa parlava con mia mamma ed io pronto a scrutare ogni sua mossa. Mia mamma ad un certo punto si alzo per andare a prendere da bere, restammo soli, lei giro la testa verso di me e:
Maria “Enrico che c’è? Non vai a giocare con gli altri?”
Io “no Maria non mi va”
Lei tiro su un po’ le ginocchia ed apri spudoratemente le gambe “beh hai di meglio da fare?”
Io rimasi a bocca aperta, non riuscivo a vederle la figa, ma notai il rigonfiamento ed un po’ di peluria nera che usciva dai lati. Non riuscivo a parlare, lei mi fissava con il solito sorrisino. Questa posizione duro una decina di secondi, poi si ricompose accavallando le gambe e mia madre ritorno riprendendo il discorso da dove lo aveva interrotto. Poco dopo gli uomini delle famiglie presero Maria che era ancora distesa sullo sdraio e la lanciarono in acqua. Appena sbatte in acqua mi disse di aiutarla, io da stupido, mi fiondai ma non osai toccare certe zone, la sollevai per le braccia, ma il contatto tra il mio cazzo e il suo culo fu inevitabile, lei allora passo una mano dietro a tastare il corpo estraneo appoggiato alle sue natiche, lo accarezzo in tutta la sua lunghezza da sopra il costume, si giro e mi disse sottovoce:
Maria:”beata gioventù”
Io:”cosa?”
Maria :”grazie tesoro mio” e se ne tornò su.
Non riuscivo più a vivere, volevo scoparmela, volevo farle male per tutto quello che mi stava facendo passare, ma essendo un ragazzo timido, avevo paura a fare il passo, avevo paura di stare io a fraintendere causa tutti i miei sogni su di lei e quindi di creare un casino, quindi me ne stavo li come un palo a guardare lei che mi provocava.
CONTINUA….

LEGGI IL PRIMO RACCONTO “MARIA, LA TETTONA AMICA DI MAMMA

Ma quel giorno arrivò. Avevo quasi 18 anni, ero passato per casa sua per vedere se suo figlio era in casa per chiedergli una cosa, suonai un paio di volte ma non rispose nessuno. Non so spiegare il perché ma in quel preciso instante, mi passo per la testa di fare un giro dietro casa, fui attratto dalla cordicina per appendere i panni ad asciugare, trovai una Santa Monica: perizomi, mutande e soprattutto i reggiseni di Maria. Inizia a guardare e toccare la sua biancheria intima, dovetti mettermi subito una mano dentro alle mutande quando presi con l’altra quel pezzo di stoffa e pizzo con scritto VIII C. Iniziai ad accarezzarmi, incurante di tutto e tutti, ma dopo circa un minuto che fantasticavo mi sentii una mano sulla spalla. Raggelai e sbarrai gli occhi, era lei, vestita con una vestaglia nera legata da una corda in vita che le avvolgevano tipo abbraccio quei monti, la guardai ma non riuscii ad aprir bocca.
Maria:”non ti vergogni? Non ti rendi conto di essere un pervertito? Seguimi e vieni dentro un attimo”
Io la segui, a testa bassa dalla vergogna, ma ancora più eccitato, vedere davanti a me il; suo magnifico culo sculettare con addosso delle scarpe con il tacco forse 10, mi faceva arrapare ancora di più.
Appena entrati lei si diresse in cucina, eravamo soli in casa, inizio come se niente fosse a preparare il caffe, e dopo che lo ebbe messo sul fuoco, si giro e venne verso di me.
Io in tutto quel tempo che saranno stati 5 minuti, non riuscivo a tirar fuori una cazzo di parola, anche solo per scusarmi. Lei venendomi incontro mi disse:
Maria: “cos’è, ti si è seccata la gola? Ti vergogni?”
E con il suo passo a rilento si slaccio la vestaglia. Era di fronte a me in reggiseno e perizoma con la sua solita faccia da porca. Io sbarrai gli occhi, lei mi si parò davanti e mi mise una mano sulla patta, e poi:
Maria:”ti basta vedere un paio di tette per eccitarti subito? Vuoi correre a casa a spararti l’ennesima pippa? Beh altro non sei capace di fare coglione e pervertito come sei. È sprecato un pisello cosi in gamba a te.”
Si giro per andarsene e tornare al caffe. Era troppo, avevo e stavo soffrendo abbastanza, mi dissi BASTA, con una eccitazione mista rabbia le presi le braccia da dietro e la tirai di lato, facendola mettere a 90 sulla tavola, scostai la vestaglia e quel filo che aveva in mezzo alle chiappe, tirai fuori il cazzo e gli e lo piantai in figa senza alcuna pietà. Lei non disse una parola, ma quando inizia a stantuffarla con cattiveria, inizio a mugolare un piacere misto dolore:
Maria:”AH…..AH…AH…AH….AH….AH..”
Bastarono 10 colpi e le inondai dentro tutto quello che avevo in corpo.
Subito dopo mi resi conto di quello che avevo fatto, estrassi il cazzo e feci 3 passi indietro, avevo timore, non sapevo come potesse reagire. Lei come se niente fosse si rialzo, mi guardò e:
Maria:”beh tutto qui? Ti basta aver svuotato i coglioni e basta? Come fanno ad esistere ragazzi del genere?”
Io:” Maria basta, non ce la faccio più, e una vita che mi umili, mi ecciti per poi lasciarmi li come un coglione”
Maria :”no caro mio, tu sei un coglione. Qualsiasi ragazzo o uomo mi avrebbe già fatto urlare di piacere. Io ti provoco per avere un bel cazzo a disposizione, sicuro che non possa crearmi casini, invece tu sembri imbambolato”.
Io:”sono imbambolato perché sono pazzo di te e non ho mai saputo come tu potessi reagire. Sei il mio sogno da quando sono nato. Mi eccito solo a pensare a te. Sei una dea. Mi sego 5 volte al giorno e sono tutte e solo per te.
Finalmente ero riuscito a dirle ciò che veramente lei era per me. Il mio unico ed immenso sogno erotico.
Lei spalanco gli occhi, venne verso di me
Maria:”tesoro mio lo so, e sono felice che tu sia riuscito ad esprimerti finalmente. Eh dimmi, sei veramente pazzo di me?”
Io:” Maria ti scoperei da mattina a notte”
Maria:”allora pivellino devi allenarti forte perché sono assai difficile da soddisfare. E soprattutto una cosa come prima non deve più accadere, ti dirò io quando devi realmente spingere tutto quel manganello dentro fino in fondo con la cattiveria che avevi prima. Seguimi”
Si diresse in salotto, si giro, fece cadere la vestaglia con un modo di fare degno della più troia delle pornostars, mi abbraccio con un braccio mentre con l’altra mano impugno il mio cazzo, si appoggio a me sussurrandomi all’orecchio:
Maria:”avanti tesoro che la lezione ha inizio, prima pero dobbiamo trasformare questo pesciolino nello proboscide di prima” e mi stampo un bacio con la lingua.
Maria andò giu ed inizio un pompino che mi trasformo. Le misi le mani dietro alla testa e le spinsi dentro tutti i miei 19 cm
Io:”dai maria se lo vuoi come prima lo devi attivare bene”
Maria:”non preoccuparti piccolo e pensa a non venire”
Comincio con impegno a prenderlo tutto, poi si fermava, leccava l’asta, le palle e poi di nuovo tutto in cola piano e poi fino alla meta ma veloce. Estrasse il cazzo, inizio a passare la lingua solo sulla cappella e guardandomi:
Maria:”ti piace tesoro? Eh? Dimmi, i tuoi sogni sono realtà ?”
Io:”maria sei fantastica, non so come si possa resistere a te.”
Maria:”stai calmo e tranquillo che non hai ancora visto nulla.”
Sgancio il reggiseno e quei monti uscirono fuori in tutta la sua maestosità. Erano davvero enormi, con una areola grande e scura con i capezzoli grandi 1cm. Prese il mio cazzo ormai duro come il marmo e lo mise tra le sue tette iniziando una spagnola da urlo
Maria:”ecco piccolo, toh, goditi una vera spagnola con delle tette vere”
Io :”AH…AH…AH…AH……apri la bocca troia”
Gli e lo misi in bocca e scaricai 6 spruzzi di sborra dritto in gola, appena lei fini di pulirlo, disse
Maria:”che buono il tuo latte piccolo mio, hai tutto per far godere una donna, peccato che duri niente”
Io :”capiscimi, è una vita che sogno questi momenti”
Maria :”basta sognare allora. Però tu sei già venuto due volte ed io non sono stata a bocca asciutta ok, ma non sono accora eccitata, quindi datti da fare”
Si alzo e mi schiaffo quelle tette in faccia. Era una vita che le sognavo, mai visto qualcosa di simile, enormi, belle, le leccavo ovunque, le mungevo, schiacciavo, non volevo staccarmi da li
Maria:”bravo tesoro, mungimi…. Di la verità, hai mai visto tette del genere? Una ottava cosi se la sognano in paese. Queste sono tette con la T maiuscola. Continua amore, continua……ah….ah “
Non mi staccai per 10 minuti sicuri, poi lei si distanzio, tolse le mutandine, si sedette a gambe unite verso sinistra, una volta seduta appoggio la schiena e apri oscenamente la gamba destra, mostrandomi la sua figa pelosa
Maria:”guarda che lei è gelosa delle sue sorelle qui sopra”
Mi inginocchiai ed inizia a baciarle la passera, era bellissima, la succhiavo, e mi stupii di come stavo andando
Maria:” AH….AH…AH…AH…AH…, mamma mia come sei bravo, AH…AH…continua, continua non ti fermare…..AH…AH…AH…, sono anni ed anni che non provavo un piacere cosi, continua amore, si…si…si…siiiiiiiiiiiiiiiiiiiii…..”
Esplose.
Mi prese subito la testa tra le sue mani e mi alzo iniziando a limonare,
Maria:”dove hai imparato a leccare la farfalla cosi?”
Io:”sono stato bravo?”
Maria:”sono venuta dopo neanche 3 minuti che mi la leccavi, vedi te…..hai una dote oltre al cazzo grande, trovi subito il punto G con quella linguetta….bravo tesoro, ci divertiremo. Ora pero scopami che non resisto più.
Io ovviamente già bello eccitato mi sedetti in divano e lei mi si impalò sopra
Maria:” parte la giostra piccolo porco”
Inizio uno smorzacandela da panico, ad ogni colpo vedevo quelle montagne alzarsi e sbattermi addosso, era fantastico
Maria:”resisterai di più ora che hai già spruzzato 2 volte è piccolo? Si..dai cosi…. Spingi amore spingi…..AHH….AHH.AAHH……AH…AH….AH…AH…”
Io ero in estasi, mi sentivo il cazzo come dentro ad un forno ma non potevo parlare perché ero perso a palpare e leccare le sue tettone.
Andammo avanti 10 minuti cosi, poi si alzo e si mise a 90, io le dissi
Io:”dammi il culo ti prego, ti ho sognato troppe volte per non approfittarne a pieno oggi”
Maria:”cerco piccolo di zia, è tutto tuo, inculami se ci riesci”
Ferito nell’orgoglio gli indirizzai il cazzo nel suo buco e spinsi. Rimasi a bocca aperta pero, entrai senza alcuna fatica, aveva il culo rotto. Lei capii e si mise a ridere
Maria:”ahahahahahaha…..hai capito finalmente che sono una troia malata di cazzo? Dai muoviti e fai il tuo dovere tesoro”
Inizia a montarla con autorità e ritmo
Io:”ti piace il cazzo eh vacca? Mi hair otto i coglioni, ti apro io il culo ora, il mio cazzo ha tanti anni da recuperare con te. Toh vacca….. toh troia…..”
Maria :”oh si…..oh….oh….oh….ah….ah…ah… si più forte, dai….si…si….continua che me lo sento nello stomaco, dai….”
Mi chinai su di lei, le presi le tette con le mani aggrappandomi ad esse ed inizia ad incularla con tutta la forza che avevo.
Comincio ad urlare di piacere, resistetti circa un minuto poi mi tolsi e la feci girare
Maria:”che fai??????”
Io:”voglio riempirti la bocca troia”
Maria :”e dai allora…..”
Io:”ingoia vacca bevi un po’ di questo latte”
Le puntai la cappella a pochi centrimetri dalla bocca per essere sicuro di fare centro e subito dopo iniziai a sborrarle in bocca l’ennesimo bicchiere del mio succo. Lei non disse una parola, impegnata ad accogliere tutto, appena finito mi guardo facendomi vedere la bocca piene di sborra e poi ingoio tutto.
Maria:”buona, buona, buona. Complimenti piccolo. Adesso pero vai che devo lavarmi ed andare via”
Io:”maria sei stata fantastica. Hai esaudito il mio più bel sogno. Dimmi che ce ne saranno altre?”
Maria:”allora non hai capito quanto troia sono? Di sicuro, più cazzi ho nel mio arco meglio è per tutti. Adesso rivestiti e vai a casa. Chiudi la porta quando esci”
Io distrutto in volto ma felice nell’animo tornai a casa
CONTINUA……

Questo racconto di è stato letto 8 1 3 7 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.