Una madre severa

Scritto da , il 2020-12-18, genere bondage


Questo è un racconto di pura fantasia.

“Sono tornata!” Disse Lisa chiudendosi la porta alle spalle. “Mamma?” Urlò Lisa nell’ingresso. “Qui in cucina!” Disse la madre dalla stanza accanto. Lisa entrò nella larga cucina e la prima cosa che le si parò davanti fu suo fratello maggiore Dario, un ragazzo alto e magro, legato sul lungo tavolo della cucina. Aveva gli occhi e la bocca tappati da molti rotoli di nastro adesivo, si vedevano ancora i segni delle lacrime sul suo volto, e il suo culo ben esposto in fuori era ricoperto di manate rosse. Dai suoi glutei tra l’altro spuntava una carota, rinsaccata in un preservativo. Lisa si avvicinò al culo del fratellone e mosse un po’ avanti e indietro la carota, facendolo gemere e scuotere. “Tranquilla era andata a male!” Disse la madre tagliando un grosso pezzo di bistecca. “Che ha fatto di male stavolta?” Chiese quasi con non curanza Lisa mentre si avvicinava al bancone delle pietanze. “Ha fallito il test di chimica... per la terza volta di fila!” Disse la madre tirando un bel colpo di coltello alla bistecca, Dario sussultò per la paura. “Peccato, sembrava averlo fatto bene stavolta!” Disse Lisa prendendo due more da una ciotola lì vicina. “Avrebbe dovuto impegnarsi di più, invece di passare le giornate al telefono! Ma stai tranquilla stavolta imparerà la lezione. Manca ancora un’ora perché sia pronto... mettigli il guinzaglio e portalo al robospanker.” Disse la madre cambiando bistecca.
“Mmmnnooo! Mem mmaaaammoe! Mmammaaaa!” Mugolò Dario riiniziando a piangere. La madre lasciò andare coltello e bistecca e si diresse verso il figlio, lo afferrò per i capelli facendolo gemere di dolore e gli sfilò di colpo la carota dal culo. “Finché ti comporterai come un bambino ti tratterò come tale!” Disse lei, e tirandogli uno sculaccione ben assestato gli lasciò i capelli. Dario mugolò in sottofondo un patetico piagnisteo soffocato. “Fa come ti ho detto, Lisa. Se si oppone sculaccialo.” Disse la madre con calma e compostezza, e tornò ai suoi doveri. Lisa osservò con un leggero timore la madre rimettersi a lavoro e senza pensarci due volte prese il guinzaglio dal muro. Lo legò attorno al collo del fratello e slegò le corde che lo tenevano ancorato al bancone.
“Andiamo, muoviti!” Disse Lisa dando una leggera sculacciata al culo rosso di Dario. Il ragazzo sussultò e si mise in piedi, tremante. Si avviarono verso la stanza delle punizioni al piano di sopra. Anche da bendato il fratello sapeva benissimo come orientarsi, a suo malgrado, in casa sua, e per tutto il tragitto non fece che gemere e tremare. A Lisa non importava più di tanto, controllava il suo profilo Instagram nel mentre che andavano avanti. A un certo punto un rumore automatico fece bloccare di colpo Lisa. Si girò a guardare verso la fonte del rumore e vide che proveniva dalla seconda stanza delle punizioni. Legò il guinzaglio di Dario a una lampada e gli disse “Non muoverti di qui, faccio veloce” e andò verso la fonte del rumore. Pian piano che si avvicinava oltre al rumore metallico sentiva anche dei chiari gemiti, sia maschili che femminili. Entrò nella stanza e vide sua sorella maggiore Elena e suo fratello maggiore Matteo legati a due spankbench nere, e due fuckmachine in piena funzione che scopavano il culo a entrambi senza pietà. Lisa andò davanti ai due poveri torturati, che appena la videro iniziarono a implorarla con gli occhi, dato che avevano entrambi delle ball gag in bocca. “Sentiamo, voi due che avete fatto?”disse Lisa spegnendo le macchine sfonda-ano dietro ai due, che subito gemettero in pieno sollievo. Lisa abbassò la ball gag di Elena “Lisa grazie a Dio!” Disse subito “Slegaci ti prego, siamo qui da un’ora!” Implorò la sorellona mente I rivoli di saliva le sgorgavano dalle labbra. “Mmmp!” Mugolò Matteo. Lisa si girò e guardò il timer sul muro, segnava “29 minuti”. “Ah ah... spiacente lì dice che vi manca ancora mezz’ora, se mamma se ne accorge sono cazzi amari! Anzi di gomma!” Disse Lisa trattenendosi dal ridere. “Mmmmoooom!” Mugolò Matteo disperato, mentre grossi goccioloni gli si formavano sulle iridi. “Lisa io non mi sento più il culo! Ti prego, parlerò io con mamma!” Disse Elena di nuovo. “Per vedere se ti lascia qui con me per altre due ore!” Disse Lisa. “Lascia stare dai, mezz’ora nemmeno e siete a posto!”.
“Maledetta puttana liberaaa-“ l’imprecazione di Elena fu tagliata dalla ball gag legata di nuovo in faccia alla sorella. “Scusa sorellona, ma credo che non ti convenga insultare chi può decidere l’intensità con cui quel bel cazzo di gomma ti sfonda il culo.” Disse Lisa con un leggero sorriso. Elena spalancò subito gli occhi in preda al panico e centinaia di scuse imbavagliate riecheggiarono per la stanza. Matteo si era ormai arreso e attendeva singhiozzando il ritorno del cazzo di gomma. Lisa andò dietro la sorellona e palpò il suo bel culo, poi diede un’occhiata al dildo di gomma sulla fuckmachine. “Oh ma questo è troppo piccolo per te!” Disse Lisa staccandolo dall’asta. La sorella maggiore si paralizzò per il terrore mentre vide Lisa poggiare al suo posto il vecchio dildo per prenderne uno decisamente più grosso. Si dimenò e mugolò più che potè sperando di impietosirla, ma alla sorella non importava molto. “Ora questo si che é il cazzo giusto per te, dico bene?” Disse Lisa, tirando uno schiaffo sul culo alla sorella.
Accese di nuovo le fuckmachine Lisa si godé un attimo l’orchestra di gemiti imbavagliati e poi si diresse di nuovo da Dario. Prese il guinzaglio del fratello e disse “Andiamo buono a nulla!” E tirò una sculacciata al suo povero culo. Il ragazzo sussultò come a suo solito e fu condotto dalla sorella minore nella stanza del robospanker. “Avanti sali!” Disse Lisa quasi annoiata. Dario si sistemò sulla tavola del robot e mise le mani negli appositi braccioli.
“Lo metterò su intensità media, chiaro?” Disse Lisa al fratello. Dario non diede risposta. “E rispondi quando parlo!” Disse Lisa infastidita tirando un’altra sculacciata al fratellone. Il ragazzo gemette appena. “Ah facciamo il gioco del silenzio, eh?” Disse Lisa. Andò verso il tavolo dei giochi e tirò fuori un buttplug viola di grosse dimensioni. “Vediamo se taci adesso!” Disse la ragazza e infilò senza lubrificante il buttplug nel culo di Dario, il ragazzo mugolò di dolore dietro al bavaglio. Una volta che fu tutto dentro Lisa accese il robospanker che lentamente,ma ferocemente, iniziò a dare colpi su colpi sui poveri glutei del fratello, che non poté fare altro che gemere e mugolare di dolore, tra sculacciate e buttplug.
Lisa guardò il fratello un’ultima volta prima di uscire e disse “Ricorda che è solo colpa tua, imbecille!”. E chiuse la porta. La ragazza si girò per andare giù ma davanti a lei apparve la madre a braccia conserte, ma con un sorriso compiaciuto. “Sarai un ottima madre un giorno... nonché Mistress” aggiunse. Lisa sorrise “Grazie mamma!” Disse la ragazza.
“Tuttavia!” Disse la madre camminando dietro alla figlia e mettendole le mani sulle spalle. “C’è solo una cosa che ti manca per essere perfetta, sai cos’è?” Chiese la madre. “Humm... non lo so, che cosa?” Chiese Lisa innocentemente. La madre le diede qualcosa che aveva in tasca. Lisa guardò l’oggetto che aveva in mano e realizzò che si trattava delle sigarette che aveva comprato quella mattina stessa. “Le ho trovate nel tuo zaino. Cosa avevo detto riguardo al fumo?” Chiese la madre dietro di Lisa.
Lisa non aveva Il coraggio di parlare. Aveva infranto una delle regole più severe della casa. E ora sarebbe stata punita. “Mamma per favooheee-“ le parole di Lisa furono bloccate da una ball gag rossa fin troppo grande per la sua bocca. “Mmmph!” Mugolò Lisa cercando di scappare, ma la salda presa della madre era fin troppo forte per lei.

“Spero che capirai che tutto questo è per il tuo bene tesoro!” Disse la madre incatenando la ragazza alla spank bench.
“Mmmmph!” Pianse la ragazzina dietro al bavaglio. “Falla finita!” Sbottò la madre, mentre un sonoro schiaffo si abbatteva sul culo già arrossato della ragazzina. “Una vera signora prende con orgoglio i propri castighi. Solo le sgualdrine piangono. E tu non sei una sgualdrina giusto?” Disse la madre tenendo strette le chiappe della figlia. La poveretta non riusciva a trattenere i singhiozzi. “Che delusione...” disse con disprezzo la madre.
Lisa sentì qualcosa di duro toccarle i glutei, proprio nel mezzo. “Continua pure a comportarti da sgualdrina, ti farò sentire cosa vuol dire esserne una!” Disse la madre e dopo un rapido click, un dildo poco più piccolo della media iniziò a scorrere tra i glutei della ragazza, facendola gemente e mugolare.
“Un paio d’ore basteranno!” Disse la madre prima di uscire. Lisa continuò a gemere e a dimenarsi ad ogni ritmica spinta della fuckmachine. L’intrusione anale sembrava andare avanti all’infinito ma nemmeno dieci minuti dopo il dildo si fermò. Lisa alzò la testa temendo che la madre fosse tornata e invece al suo posto vide una figura ancora più terrificante: sua sorella Elena. Lisa sentii il terrore crescerle addosso.
Elena, con un sorriso sadico, tirò fuori un grosso dildo rosso e iniziò a svitare quello piccolo dalla macchina. Lisa gemette, mugolò, si dimenò più che poteva. Si bloccò quando sentii qualcosa di duro e spesso toccarle i glutei. Sua sorella le tirò una sculacciata e disse: “Ora questo si che è il cazzo giusto per te, dico bene?” Le sussurrò la sorellona, prima di premere il pulsante.

Questo racconto di è stato letto 4 5 5 6 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.