Pausa-sgabuzzino

Scritto da , il 2020-12-20, genere bondage




“Sto solo dicendo che ha più chance così!” Disse Arnaldo aprendo la porta dello sgabuzzino buio. La luce improvvisa fu una tortura inaspettata per il povero Ale, legato su un cavallo di ginnastica usurato da ormai più tempo di quanto ricordasse. Il ragazzo sporco di seme e gonfio di lividi alzò lo sguardo sulla coppia composta da Arnaldo, suo migliore amico, e Gaia, sua ex-ragazza.
“Sai benissimo che io mi rifiuto di fargli prendere quella robaccia!” Disse Gaia entrando a sua volta nello sgabuzzino, chiudendosi la porta alle spalle.
“Robaccia? Guarda che la prendono anche i campioni in carica!” Disse Arnaldo accendendo la luce soffusa della lampada appesa al muro.
“Infatti, quei “campioni”,come li chiami tu ,restano in carica per due anni e poi crollano come sacchi di merda!” Disse Gaia levandosi la maglia, rivelando un reggiseno sportivo nero.
“Oh andiamo sono pochi i campioni che durano più di un anno! C’è sempre qualcuno che si allena il doppio, si impegna il doppio, dà il doppio e così via, la fama dura poco se non rimani costante!” Disse Arnaldo slacciandosi i pantaloni.
“Beh sai benissimo che io sono contraria al doping!” Disse Gaia aprendo l’armadietto dei giocattoli.
“Ma sentila! Approvi i combattimenti illegali, le scommesse illegali, la detenzione e lo schiavismo ma SEI CONTRARIA AL DOPING! Ahaha! Che donna di classe!”
“Hey! Io non intendo restare invischiata in questa roba per tutta la vita! Giacomo è la nostra nave per lasciare questo mare di merda!” Disse Gaia sistemandosi la cintura fallica addosso.
“Gaia rinunciaci! Ormai ci siamo fin troppo dentro a questo mare! E Giacomo sta scendendo al nostro stesso livello giocando queste partite.”
Arnaldo si avvicinò alla faccia di Ale, che dimenò un po’ la faccia a destra e a sinistra inutilmente. Arnaldo gli afferrò la faccia, e con uno schiaffo lo fece rimanere immobile. Una volta strappato il nastro dalla bocca il suo cazzo gli scivolò tra le labbra senza troppi problemi.
“S-sto solo dicendo... ugh! Usa le labbra troietta! Sto solo dicendo che se davvero vomessi uscirne... oh sì... dovresti cambiare nome e stato!” Disse mentre scopava la bocca del suo schiavo, cercando di trattenersi dai gemiti. Ale aveva ricominciato a lacrimare silenziosamente, sapeva che quando lo sentivano piangere si infuriavano.
“Beh in fondo non sarebbe brutto cambiare stato no? Tipo che ne so, andare...andare in... ah! Francia?” Disse Gaia mentre infilava il fallo a due punte sulla cintura. Una punta dentro di lei per farla godere, una più lunga per il culo usurato e pieno di segni di Ale. Gaia si avvicinò, sputò sul suo buco e con facilità spinse il fallo di gomma nel suo ano. Il povero Ale gemette, nonostante ormai fosse piuttosto abituato a prendere cazzi nel culo. “Zitto!” Disse Gaia tirandogli uno schiaffo secco sul culo.
“Francia!? L’unica cosa buona di quel paese del cazzo sono i croissant! Ugh sì!” Gemette Arnaldo aumentando il ritmo con cui il suo cazzo andava dentro e fuori dalla bocca del suo schiavo.
“Ma no! Hummm ci sono anche... anche posti belli!” Disse Gaia mentre pompava il culo di Ale.
“A-ah sì? T-ipoo... ooh, cazzo bravo!” Disse Arnaldo facendo uscire il cazzo dalla bocca salivante di Ale. Se lo masturbò un po’ in faccia al suo amico.
“Tipo... humm oh! Oh! P-Parigi!?” Gemette Gaia.
“S-sopravvalutata! Che c’è di bello al di là di quella grossa antenna satellitare? Eh?” Disse Arnaldo mentre riposizionava il suo membro ritto vicino alle labbra di Ale.
Gaia iniziò a scopare il culo dello schiavo ancora più velocemente, poi rallentò per un secondo per riprendere fiato, solo per poi riandarci sotto con una scarica tremenda di spinte. Ale si trattene dal non mugolare.
“Ci sono dei, dei parchi...oh! Dei parchi belli! Oh si!” Gemette Gaia.
Arnaldo avrebbe voluto replicare ma i gemiti che gli venivano lo stavano distraendo più del dovuto. Alla fine i due si erano persi e continuarono inesorabilmente a scopare lo schiavo. Gaia tirò una sculacciata al ragazzo e gli ordinò di scuotere il culo per lei. Ale eseguì quel poco che poteva, legato com’era. A Gaia non piacque molto la cosa e per punirlo gli uscì dal culo di scatto e andò davanti.
“No dai sono così vicino!” Disse Arnaldo.
“Prendi l’altro lato! Voglio che assaggi il suo culo!” Disse a denti stretti Gaia.
Con un sospiro deluso Arnaldo andò dietro ad Ale e iniziò a scopargli l’ano senza troppa premura. Gaia nel frattempo prese per il capello il suo ex e iniziò a fottergli la bocca.
Arnaldo si eccitò alla vista di una tale grinta, ed iniziò a fottere Ale più velocemente.
“Guardami!” Disse Gaia ad Ale. Ale alzò gli occhi mentre succhiava il cazzo finto. “Ti piace il sapore del culo? Eh, ti piace?” Disse Gaia. Ale mugolò mentre le lacrime gli rigavano il volto. “E rispondi Troia! Ti piace?” Un lungo e disperato “si mi piace” parti soffocato dal fallo. “Certo che ti piace! Troia disgustosa! Oh cielo! Si ci sono! Ci sonooo!” Disse Gaia mentre un orgasmo intenso la raggiungeva. Arnaldo seguì di lì a poco, inondando di sperma il culo di Ale. Anche Ale venne. Dopo essersi riposati un attimo Gaia guardò verso Arnaldo e chiese “Tempo?”.
“25 minuti!” Disse Arnaldo stremato.
“Mettiamoci a lavoro, questa pausa-sgabuzzino è durata troppo.”.
Nel giro di qualche minuto Gaia e Arnaldo erano quasi rivestiti del tutto. Prima di andare lui infilò un buttplug ad Ale, mentre Gaia gli girò del nastro adesivo intorno alla bocca un bel po di volte. “Lui verrebbe sicuramente con me!” Disse Gaia dando un buffetto alla faccia di Ale. “Le zoccolette francesi non sarebbero su tuo gusto?” Disse Arnaldo schiaffeggiando il culo di Ale, che gemette lievemente in risposta.
“Na, questa puttanella è speciale! E poi il suo culetto è così...” e anche Gaia gli diede un bello schiaffo sul culo. “Succoso!” Concluse.
I due uscirono ridendo fallo sgabuzzino, lasciando il povero al buio.

Questo racconto di è stato letto 3 6 2 2 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.