La Succhiacazzi della serata

Scritto da , il 2020-12-15, genere dominazione


La lancetta girò, girò e girò per quelle che sembrarono essere ore intere, ma che in realtà non erano altro che semplici secondi, una decina nemmeno. Si fermò sul numero sette.
“Ok signori! Aprite i foglietti!” Disse un enorme uomo muscoloso vicino alla ruota. Nella stanza riecheggiò il rumore di foglietti spiegazzati aprirsi, seguiti sia da sospiri di sollievo che di delusione. Aprii il mio foglietto sperando nel meglio. Ma la fortuna quella sera non era dalla mia, dato che eccolo lì, davanti ai miei occhi, il numero sette. Ero venuto al dungeon quella sera sperando di fare qualcosa a tre con delle stupende ragazze, invece adesso sarei diventato la...“SUCCHIACAZZI TROVATA!” Gridò una ragazza molto più bassa di me con aria sfrizzante. Non feci neanche in tempo a esclamare un’imprecazione che mi ritrovai una folla addosso, di uomini e donne. Una ragazza muscolosa e un ragazzo abbastanza giovane mi reggevano le braccia mentre un terzo bestione di colore mi legava le gambe con del nastro adesivo. La ragazza muscolosa mi tappò la bocca con una mano e nello stesso momento mi diede un morso sul collo. Il ragazzo alla mia sinistra aveva una visibile erezione e ansimava in trepidazione.
“Oh oh signore! Signori! Per favore! Tenete a freno i vostri spiriti! Ora mentre i nostri amici andranno nell’altra stanza a preparare la succhiacazzi della serata, voi tirate fuori lubrificanti e giocattoli, scegliete un letto e... DIVERTITEVI!” Gridò entusiasta il bestione, seguito da un eco di uomini e donne arrapati che subito si sparpagliarono per la stanza alla ricerca del primo letto libero. Nel frattempo i tre che mi stavano tenendo, aiutati da una ragazza di colore, mi trascinavano nell’altra stanza. Una stanza rossa, con solo al centro un palo di legno robusto, alla cui base stava un cuscino. Mi forzarono con la schiena per terra e mi fecero girare per legarmi le mani dietro la schiena. La ragazza muscolosa ne approfittò per dare tre o quattro sculacciate al mio culo esposto. Gli altri la imitarono di lì a poco, condendo tutto con commenti tipo “oh si! Sculacciala per bene questa puttana!” O “ti piace vero troia?!” E così via. Uno schiaffo particolarmente forte mi fece gemere un “cazzo!” E di conseguenza la donna muscolosa mi infilò in bocca un dildo, dicendo che se lo avessi sputato me lo avrebbe lasciato nel culo per tutta la serata. Io mugolai in segno di obbedienza e lei con una risata bramosa e compiaciuta mi diede un bacio e un’altra secca sculacciata. Mi fecero sedere alla base del palo con le gambe ben divaricate e le braccia legate dietro al palo stesso. Mi bloccarono busto e testa in posizione eretta, ben saldi al palo, in modo tale che non potessi muovermi in alcuno modo. Si allontanarono tutti e quattro e guardarono la loro opera. “Beh direi che può andare no?” Disse la ragazza di colore. “Si, può andare!” Disse compiaciuto il bestione, e prese il ring gag da una busta che aveva con se. La donna muscolosa mi levò il dildo di bocca e il bestione mi mise il ring gag, ultimando il suo capolavoro, quella che tutti al corso chiamano “Macchina Succhiacazzi della serata!”. Era toccato a me solo un’altra volta molto tempo prima, e c’erano meno persone. Stasera eravamo al completo. “Allora? Qualcuno vuole fare una prova?” Chiese il ragazzo giovane. “La faccio io!” Disse la donna muscolosa e vidi che si era sistemata il dildo su una cintura fallica. Spalancai gli occhi per la sorpresa quando il grosso fallo di gomma mi passò sopra la lingua e dritto in gola. Iniziai a emettere gemiti soffocati e conati quasi subito, mente in sottofondo sentivo risate e commenti lussuriosi da parte dei miei compagni. La donna muscolosa mi afferrò e strusciò i capelli un paio di volte mentre mi scopava la bocca senza pietà. Aveva uno sguardo sublime e io, mentre cercavo di non vomitare per le spinte e la saliva in bocca, mi perdevo nella sua figura sublime. “Oh Si!” Disse lei tirando via il fallo di gomma dalla mia bocca. “Grazie tesoro andava lubrificato! Forza gente andiamo a divertirci!” Disse infine tirando uno schiaffo sul culo alla ragazza di colore, seguendo gli altri fuori dalla stanza, lasciandomi lì col cazzo durissimo e la bocca salivante. Era veramente una situazione degradante. Volevo assolutamente trovare di nuovo quella donna dopo, avevo bisogno che mi scopasse ancora. A mio malgrado però il primo a rientrare nella stanza non fu lei, ma un ragazzo biondo e magro, con il cazzo tremendamente duro e rosso. Corse verso di me e senza troppa premura me lo spinse nella bocca aperta. Andò su e giù con una forza impressionante, dato che a vederlo non sembrava essere chissà quanto atletico, e alla fine mi riempì di sperma caldo la gola. Rimase nella mia bocca per un bel po dopo essere venuto, ansimando per riprendersi dall’orgasmo. Mi levò il cazzo di bocca e esalò un lieve “grazie” mentre tornava barcollante verso la stanza accanto. Dieci minuti dopo più o meno entrarono nella stanza due ragazze, una rossa alta e snella, dall’aria infastidita, l’altra una mora piuttosto bassa e magra, dall’aria molto timida. La rossa venne vicino a me e mi tolse il ring gag, poi si girò e si mise in posizione da squat, spianandomi in faccia i suoi glutei perfetti, ricoperti di seme bianco e caldo. “Pulisci troia!” Ordinò La Rosa infuriata, e la mia bocca fu spiaccicata tra i suoi glutei e mi ritrovai così a leccare via lo sperma caldo di qualcun altro. “Schifoso bastardo! Gli avevo detto di non venirmi dentro!” Disse la rossa infuriata, agitando e scuotendo i glutei, premendoli sempre di più contro la mia faccia. “Piano che così lo soffochi!” Disse la mora preoccupata. “Macché! Guardagli il cazzo! Questo stronzo sta godendo! Perché è una puttanaccia a cui garba leccare i culi, vero?!” Un colpo violento mi arrivò sul cazzo indurito e gemetti mentre cercavo di leccare quanta più sborra possibile.
“Lo vedi? Gli è diventato più duro! Bastardo che non sei altro!” Disse di nuovo la rossa e mi spinse ancora di più il culo in faccia. Alla fine si staccò e chiese alla sua amica “Ha pulito tutto?” E lei rispose “Si ha fatto davvero un bel lavoro!” Disse la mora intimidita.
“Bene! Ora io vado di là a sfondare il culo di quel pezzo di merda, tu fai una pompa alla succhiacazzi come premio!”.
“COSA?!” Disse la mora sbalordita.
“Oh andiamo lo so che ti piacciono i cazzi grossi, e questo è pure gratis! A giudicare dal gonfiore non ti ci vorrà molto! Datti da fare zoccola!” Ringhiò la rossa di nuovo.
“S-Sì mistress!” Gridò improvvisamente la mora.
Rimanemmo solo noi due nella stanza e lei iniziò, timidamente e arrossendo, ad avvicinarsi a me. Era chiaramente a disagio, anche se voleva sicuramente fare qualcosa. Era talmente in difficoltà che mi venne da chiederle “tutto ok?” E mai feci errore più grande. Le impallidì, poi arrossì di nuovo, sembrava sul punto di avere una crisi. “Oh oh hey calma calma! Non c’è bisogno di fare così!”.
“S-s-scusa è che... non sono abituata a farlo senza la mia mistress...” disse lei sempre con gli occhi lucidi. “Capisco la sensazione tranquilla... forse conosco un trucco che può aiutarti.”
“Si?” Disse la ragazza con gli occhi spalancati.
“Bendami gli occhi.” Le suggerii io. La ragazza uscì momentaneamente dalla stanza e tornò con un paio di oggetti. Prese una mascherina nera e me la mise sugli occhi adagia, io le chiesi se andasse meglio così. “Si... meglio...” disse lei. Rimasi in silenzio aspettando qualche altra parola e invece sentii il rumore del nastro adesivo venire srotolato, e poco dopo le mie labbra erano sigillate. “S-scusa... mi eccita ehehe...” disse lei. Io mugolai, altrettanto eccitato. Fummo però interrotti dal
Rumore di una porta che si apriva. “Non gliel’hai ancora succhiato!!? E perché lo hai imbavagliato?!” Disse la voce, chiaramente la Rossa di prima. “Sono terribilmente spia-“ provò a dire la mora prima che la sua bocca fosse spinta sul mio cazzo, talmente improvvisamente che gemetti più per la sorpresa che per la dolce sensazione attorno al mio membro. La rossa mi levò la benda e ammirai mentre questa mistress fiammeggiante con una mano teneva la testa della mora sul mio cazzo e con l’altra le dava dei sonori sculaccioni. La rossa mi guardò e mi chiese “Ti sta piacendo non è vero?” Io mugolai e gemetti per il piacere. La rossa tirò su la testa della mora che ansimò per l’aria, e rimasi in estasi col cazzo sul bilico dell’orgasmo, guardando la ragazza con la bocca piena di saliva e gli occhi lucidi. “Tira fuori il cazzo!” Ordinò di soprassalto la Rossa. “Si mistress!” Rantolò la mora, abbassandosi gli slip, rivelando un cazzetto minuscolo. Era un trans, non riuscivo a crederci. La Rossa afferrò con due dita il cazzetto duro e iniziò a masturbarlo. “Vuoi venirgli in bocca o in faccia?” Disse la rossa. La mora mugolò di piacere. “Rispondi zoccola!” E un sonoro schiaffo si abbattè sul culetto stretto della mora. “F-faccia!” Gridò lei prima di venirmi in maniera incontrollata sul viso, macchiandomi occhi, naso e bavaglio. Io avevo disperato bisogno di venire ma mancava proprio quel tocco necessario all’orgasmo. La rossa si alzò e afferrò per i capelli la mora. “Ti ho dato per caso il permesso di venire? Eh!? Zoccola impertinente ora te la faccio vedere io!” E detto ciò prese il nastro che la mora aveva usato per imbavagliarmi e le legò le braccia dietro la schiena, poi la imbavagliò con due o tre giri di nastro. “Andiamo, voglio farti scopare nel culo da quel bestione barbuto!” Gridò la rossa tirando la povera mora per i capelli, tirandole qualche ben assestato schiaffo sul culo nel frattempo. Era uno spettacolo incredibile. La serata passò lenta e molti uomini vennero a farmi assaggiare il loro membro. Alcuni così tanto per fare qualcosa, altri perché volevano proprio che fossi io a succhiarglielo. Uno, un uomo abbastanza maturo, mi imbavagliò e si masturbò sul mio volto due e tre volte, voleva che tenessi gli occhi aperti quando veniva. Dopo di lui vennero anche diverse ragazze, alcune a farsi lubrificare lo strapon, altre a farsela leccare. Una di loro, impietosita, mi limonò mentre me lo masturbava e alla fine, finalmente, venni. E poi tornò lei. La donna Muscolosa. La mia dea. Mi si inturgidì subito a vederla, e lei se ne accorse. “Vieni dalla mamma puttanella!” Disse lei infilandomi il dildo in bocca di nuovo. Mi costrinse a succhiarglielo per un bel po, poi, presa dall’eccitazione, mi strappò via dal palo, una cosa che non bisogna mai fare. Dopo avermi tappato la bocca con del nastro mi fece mettere con la faccia giù e il culo all’insù sul pavimento, e iniziò a riempirmi di sculacciate. Poi mi infilò il dildo dentro. Io ero in pura estasi. Mi scopò il culo per un bel po’, fino a farmi venire. Lei seguì il mio orgasmo quasi subito. Ero talmente preso dal mio orgasmo che non mi resi conto degli uomini entrati in stanza che le si erano avventati addosso. Aveva staccato la succhiacazzi dal palo e quindi doveva essere punita, questa era la regola. E ovviamente la succhiacazzi seguiva il suo stesso fato. Fui sollevato da un paio di uomini e portato in un’altra stanza, più buia e colorata di blu. Al centro della stanza stavano due spank bench su cui sia io che la mia dea infuriata fummo legati. La dea fu immobilizzata con molti giri di nastro, imbavagliata e bendata. Io seguii lo stesso percorso. Poi sentii il rumore crescente di un motore e qualcosa toccarmi l’ano. Di lì a poco sia io che la mia dea avevamo dentro due dildi automatici.
Il presentatore di prima disse “Tienili su velocità media per una mezz’ora. Poi torna qui e aumentala al massimo per il resto della serata!” E così sentii il dildo nel mio culo iniziare a muoversi e sia io che la mia dea scoppiammo in una sinfonia bellissima di gemiti imbavagliati. Una serata indimenticabile.

Questo racconto di è stato letto 4 0 7 2 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.