Legato e sculacciato da una puttana

Scritto da , il 2020-12-17, genere dominazione


“Mille e uno...” disse la puttana tirando fuori un’altra banconota da 100 dal mio portafogli.
“Mille e due!” Continuò lei con un sorriso malevolo sul volto.
“MMMPH!” Protestai furioso, divincolandomi sul letto fin troppo scadente di quel maledetto Motel da quattro soldi. Lei ridacchiò alla rabbia, come aveva già fatto almeno altre dieci volte da quando mi aveva legato sul letto.
“Hai detto qualcosa?” Chiese lei con aria sfottente “Scusa è che tutto quel nastro adesivo è difficile capirti, tesoro!” Disse di nuovo lei tirando fuori un’altra banconota.
“E con questa sono mille e... cinque!” Disse lui chiudendo il mio portafoglio vuoto e gettandolo sul mio petto nudo. Io la guardai ostile, nella mia mente pensieri ardenti e una voglia assurda di fargliela pagare.
“Incredibile cosa si riesca a guadagnare con una minigonna e un paio di manette, non trovi?” Disse lei alzandosi in piedi, rivelando mi ancora a mio malgrado la bellissima figura che mi aveva spinto a chiederle un servizio quella sera. Una ragazza dai capelli lunghi e neri, un fisico curvo ma snello, con una terza abbondante coperta solo da quel reggiseno in pizzo nero. I suoi fianchi tondi ma perfetti mi facevano venire voglia di fiondarmi addosso a lei, cosa impossibile data la mia condizione. Tuttavia quei pensieri non tardarono a farmi fluire il sangue dritto al bassoventre esposto, che iniziò, implacabile, a distendersi. Ovviamente la puttana se ne accorse subito. Con espressione sorpresa e il suo solito grugnò malevolo disse “Ma guarda qua che maiale! Addirittura da legato non riesci a smettere di mangiarmi con gli occhi? Sei proprio un porco!”. E con ciò tirò un lieve schiaffo al mio cazzo eretto che oscillò su e giù, provocandomi una scarica di brividi tremenda. Afferrò il mio membro con una mano stretta e scoprì la mia cappella rossa. Guardavo impotente la sua figura piegarsi in avanti, dandomi una visuale perfetta delle sue meravigliose tette e delle sue labbra calde e rosse, sempre più vicine alla punto del mio membro. L’alito caldo e pungente sulla mia cappella mi stava portando all’eiaculazione.
“Mio Dio ahaha! Sei davvero un porco!” Rise lei sguaiatamente e alzandosi di scatto, lasciandomi lì sull’orlo dell’orgasmo.
“Mmmph!” Mugolai sperando che terminasse il lavoro, ma si limitò a girarsi ridacchiando per mettere a posto le sue cose. Io quindi rimasi lì con un desiderio immenso di venire, a guardarla mentre metteva a posto. Mentre prendeva le sue borse notò che stavo guardando meravigliato il suo culo perfetto e in un atto di sadica crudeltà si tirò uno schiaffo sulla natica destra, facendo vedere chiaramente quanto fossero sodi quei glutei perfetti. “Mmmmmuuuuuph!” Gemetti di rabbia dietro al bavaglio. Lei rise di nuovo.
Nel giro di dieci minuti aveva sistemato sia le sue che le mie cose.
“Ok Maialino, la donne delle pulizie passerà domattina come al solito, ci penserà lei a liberarti. Goditi il resto della serata!” Disse lei mettendosi la giacca con un sorriso smagliante. Mi dimenai e mugolai che non mi lasciasse qui, implorai con gli occhi perché non mi facesse subire una tale umiliazione. “Mmph! Mmmmmph!” Continuai imperterrito.
Lei mi lanciò un bacio con la mano e disse “Ciao ciao!” E fece per uscire. Ma proprio in quel momento si accorse di uno zainetto nero sotto al tavolo. Uno zainetto che avevo messo a posta nascosto per tirarlo fuori al momento opportuno. “Oh ma guarda un po’! Stavo per scordarmi un regalo!” Posò tutte le borse e si piegò a raccattarlo. Io sapevo benissimo cosa c’era dentro e iniziai a sudare freddo.
Svuotò il contenuto dello zainetto sul tavolo, e dopo averlo messo via, rimase per due minuti buoni con la bocca aperta a fissare ciò che ora era sparpagliato sul tavolo.
Due paia di manette, una pump gag, un paddle di cuoio nero, un dildo lungo e nero, e metri e metri di corda arrotolata, e una macchina fotografica. “Oh... ma tu allora non sei il solito tipo di pervertito eh?” Disse lei con uno sguardo caldo e sadico. Prese la macchina fotografica e iniziò a guardare le foto salvate: decine e decine di foto di ragazze in varie posizioni, legate, imbavagliate, con quel dildo messo in qualsiasi luogo possibile.
“Oh vedo che ti piace far soffrire le ragazze eh?” Disse lei guardandomi dritto negli occhi. “Sai...mi hai appena dato un’idea fantastica!” Disse lei prendendo in mano il dildo nero. Io iniziai a scuotere la testa e a mugolare, sperando e pregando che non avesse in mente ciò che temevo.

Più o meno venti minuti dopo ero legato a pancia in giù sul letto. Due metri di corda passavano lungo le mie gambe, tra coscia, polpaccio e bacino. Altrettanti attorno al mio busto e alle mia braccia. Ero effettivamente legato come un salame. A tenermi le braccia e le gambe unite in alto e in basso erano le mie stesse manette, e i restanti metri di corda erano serviti a immobilizzarmi sul letto definitivamente. Il dildo nero mi era stato bloccato in bocca con molti giro di nastro isolante e da più di dieci minuti ormai la puttana mi stava riempiendo di sculacciate con il paddle. Colpo su colpo rideva e godeva dei miei gemiti e piagnistei, rendendomi il culo sempre più rosso. Avevamo superato da molto il centinaio di colpi. “Oh si! Chi è la puttana tra i due adesso?!” Disse lei malefica prima di sculacciarmi furiosamente. Ormai avevo le lacrime intorno agli occhi.
“Beh maialino, mi sono divertita un mondo ma adesso devo proprio andare! Ma non preoccuparti, manca ancora una ciliegina a questa torta!” La puttana venne davanti a me, mi strappò via il nastro dalla faccia e mi tolse il dildo di bocca. “Una ciliegina molto lubrificata. “NOOO ASPEEEAHEE-“ le mie suppliche furono tagliate corto dalla pump gag che mi legò attorno alla testa. Fischiettando prese in mano la pompetta e iniziò a premere e premere e premere... finché i miei gemiti non furono che un lieve rumore in sottofondo.
Si alzò e andò dietro di me, la sentii inginocchiarsi vicino al mio culo. Serrai i glutei sperando di opporre un minimo di resistenza e lei per tutta risposta disse “Per esperienza personale: è meglio se ti rilassi!” E iniziò a spingere il dildo dentro. Opposi quanta più resistenza potevo, ma alla fine, centimetro dopo centimetro, entrò tutto. Tutto. Fino in fondo. La sensazione passava dal doloroso al piacevole ogni due secondi. Sentii del nastro adesivo venir strappato, e con due schiaffi mi blocco il dildo dentro. “Buonanotte maialino!” Disse lei di nuovo e accese Il dildo, che iniziò a vibrare dentro di me. Non potei fare altro che gemere e godere, continuamente, mentre lei usciva dalla stanza, soddisfatta.

Questo racconto di è stato letto 2 4 1 5 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.