Col Gorilla nell'Ascensore

Scritto da , il 2020-12-17, genere etero

Col gorilla nell’Ascensore

Oggi è stata davvero una giornata buttata.
Il cliente che mi è toccato è stato una delusione su tutti i fronti: niente servizietti extra, e non un euro oltre i diecimila di base, il che mi aveva già insospettita, ma poi non solo non riesce a farselo tirare oltre un miserabile pompino senza ingoio, ma si rivela anche un miserabile quadro intermedio della Duma, senza nessun vero potere all’interno del Partito delle Regioni del presidente in carica. Il coglione si è bevuto tutti i risparmi per una miserabile fellatio in camera mia, e io non solo non ho fatto un solo passo avanti, ma sono anche rimasta con una voglia tremenda in mezzo alle gambe.
Eva starà via tutto il giorno - ha agganciato un tipo promettente che millanta di lavorare nel governo - e quindi non può soddisfare le mie voglie, e io non ho nessuna intenzione di farmela a mano.
Cazzo.
Scendo alla reception e mi guardo intorno seccata: una passeggiata? No, non mi va... Comincia già a fare freddino, e io sono ancora abbigliata “da lavoro, senza calze o abiti caldi. Facciamo una birretta al bar, che tanto costa la metà che da noi; hanno solo la Beck’s ma ce la faremo piacere.
Mi guardo intorno: c’è parecchia gente in giro. Ci sono anche un paio di “colleghe” locali che mi guardano un po’ storto: escort da albergo... Non sono del tutto sicure che io sia una concorrente, ma il mio abbigliamento indica chiaramente il mio intento da adescatrice quindi in ogni caso rubo loro il lavoro.
Non preoccupatevi ragazze: sono fuori servizio. I vecchiacci con la grana sono tutti vostri.
Per la verità sono piuttosto giovani e carine: quasi quasi... No: stanno lavorando, non è il caso di disturbarle. E poi, con Eva che rientrerà fra qualche ora, non è certo la passera di qualità che mi manca. No, sono più dell’umore di avere un maschio. Ma un maschio decente.
Vediamo un po’... Quattro tizi rampanti che discutono nel salottino: tedeschi, magari anche olandesi o cechi, o anche scandinavi... Ma non mi va di farmene quattro tutti insieme: troppa fatica. C’è il tipo al bancone del bar: l’aria del padre di famiglia in libera uscita; età come piace a me, sui cinquanta, ma un po’ troppo ingrigito per i miei gusti. Due giovanotti del posto che bevono troppo e sono già stati scartati dalle connazionali mie colleghe... La coppia spenta seduta nella hall, dove lei è già ubriaca e lui sembra mezzo rimbambito...
Insomma, non è un gran che.
Poi c’è il personale dell’albergo. La tipa al banco accettazione non è male: occhialuta, aria da segretaria porno, ma abbiamo detto che sono in fase etero quindi la metto in lista per un’altra volta. Il ragazzo dell’ascensore è appunto un moccioso foruncoloso. Il tipo che sembra il responsabile di turno sembra il fratello maggiore sovrappeso di Vittorio, il barman non sarebbe male ma come fai a sedurlo mentre lavora...
Il buttafuori: tracagnotto ma muscoloso; faccia tonda e piatta tipo Asia centrale... Mai stata con un mongolo fiero: potrebbe essere un’esperienza nuova. Lui è al lavoro, ma sono in due: c’è un collega più giovane, slavato e magrolino... Magari posso distrarlo.
Chiedo al barman se quei due rappresentano la sicurezza dell’albergo, e lui conferma. Finisco la mia birra e gli chiedo se posso rivolgermi direttamente a loro per un dubbio sulla sicurezza della cassaforte, e lui scrolla le spalle come per dire di provarci pure se voglio...
Ho capito l’antifona: non avrò a che fare con un piccolo Einstein, ma non è della sua intelligenza che ho bisogno.
Mi controllo nell’ampio specchio del bar per essere sicura di presentarmi al meglio, poi scendo dal trespolo del bancone lasciando la birra vuota con una banconota e approccio il gorillone all’ingresso.
No, il tipo non è un genio, ma non mi serve che lo sia. Si chiama Bogdan (ce l’ha scritto sul petto), non parla una parola di inglese ma capisce qualcosa: mi guarda con occhi porcini, ma intanto flette i muscoli mentre ascolta... Riesco a farmi seguire fino all’ascensore, e quando arriva al pianterreno ed entro lui mi segue dopo una breve esitazione. Premo il bottone per il piano e la porta si richiude...
Non ho il tempo di organizzarmi: Bogdan deve essersi già trovato alle prese con turiste ricche e infoiate e sa perfettamente come comportarsi. Mi schiena contro la parete di fondo a specchio e mi branca come uno scimmione (in fondo è un gorilla, no?): sento le sue manacce che frugano il mio corpo saggiando le curve e gli anfratti più immediatamente accessibili... Faccio in tempo a inspirare, e lui mi caccia la lingua in bocca rovistandomela senza nessuna classe ma con una carica erotica che mi fa rizzare all’istante i capezzoli.
- Hmmm... - annaspo mentre il porco mi strapazza una tetta con una manaccia e una chiappa con l’altra.
Istintivamente sollevo anche una gamba, strofinandomi come una cagna in calore contro il suo corpaccione tarchiato e muscoloso. Sono un bel po’ più alta di lui, ma in qualche modo riesce comunque a baciarmi da padrone mentre mi mette le mani addosso un po’ dappertutto... Dento la sua erezione contro la coscia, e mi sembra la proboscide di un elefante: il tipo è ben dotato, bene... Spero lo sappia anche usare oltre che farselo tirare.
- Aah!
Mi ha tirato un capezzolo attraverso la blusa, torcendolo violentemente: si è accorto che non porto il reggi, e chiaramente la cosa lo ingrifa.
L’altra mano smette di impastarmi i glutei e s’insinua fra le cosce nude, sollevandomi la minigonna quanto basta per confermargli che non ho molta dimestichezza con la biancheria intima... Le sue ditacce tozze e dure mi affondano nel pelame bagnato facendomi rabbrividire.
Ora il gorillone ha la conferma di avere a che fare con una cliente in calore e smette di tirare il can per l’aia e passa alle vie di fatto. Preme un qualche bottone per bloccare l’ascensore e nel contempo preme anche il mio bottone in cima alla spacca, facendomi sussultare violentemente.
Grufola qualcosa nella sua lingua (uzbeko?), poi mi infila proditoriamente due dita nella fica ormai sgocciolante e comincia a masturbarmi senza smettere di rovistarmi la bocca con la lingua.
A questo punto la mia voglia di cazzo si è fatta impellente. Ansimo e mi sfrego infoiata contro di lui, pregustando quanto fra poco avverrà nel mio bel lettone... Ma il gorillone ha altre idee.
Si stacca all’improvviso e mi rivolta come una marionetta, spingendomi la faccia contro lo specchio e sollevandomi del tutto la minigonna sulla groppa, scoprendomi i glutei.
Vado molto fiera del mio lato B, che conservo alto, tonico e muscoloso con allenamenti continui, ma non sono convinta che un ascensore d’albergo sia il posto più idoneo ad esibirlo al mio spasimante...
Questi però chiaramente se ne frega che io convenga o meno. Di nuovo mi infila due dita nella fregna sciacquettandole nel pucio, poi le tira fuori e me le caccia proditoriamente nel culo.
- Ahi! - squittisco io come un’oca - Mi fai male...
- Zitta - fa lui, esprimendosi finalmente con una parola in inglese.
Mi aggrappo al corrimano e stringo i denti, rendendomi conto che il gorilla ha in testa idee ancora più brutali delle mie.
- Cazzo, se non vuoi salire in camera almeno chiavami nella fica...
- Io non piace fica - grugnisce quello, appena comprensibile - Io piace solo altro buco...
Merda.
Avverto il calore bruciante della cappella che mi si appoggia all’ano appena inumidito dal mio pucio di fica, e mi rendo conto che sto per essere sodomizzata lì e adesso, nell’ascensore dell’albergo più elegante del centro...
Non faccio in tempo a prepararmi neppure mentalmente: sento le manacce del gorilla artigliarmi i fianchi sulla mini di pelle arrotolata, il glande che preme sullo sfintere, lui che spinge con forza...
- AAARGGHHHH!!!
Caccio un urlo lacerante sentendomi squarciare il culo con una violenza bestiale mentre gli occhi mi si riempiono di lacrime. Per un attimo ritorno con la memoria a quella notte terribile in cui il gigante nigeriano Hamid mi ha violentata e sfondata con il suo cazzone mostruoso da oltre trenta centimetri: da allora il mio buco non è più stato lo stesso, ma nonostante l’abuso che ne ho fatto negli ultimi anni, non ho mai preso niente di così orrendamente sovradimensionato. Bogdan non ce l’ha grosso come Hamid, ma è comunque superdotato e non si è degnato di usare nessun accorgimento a parte la breve lubrificazione con i miei stessi succhi, e il nerbo che mi affonda nel retto mi sembra una torcia fiammeggiante per quanto brucia mentre mi trafigge inchiodandomi allo specchio.
- Aahhh! Fai piano, bestia. Mi stai squartando...
- Tu zitta, puttana. Gente fuori ascensore sentire benissimo tue grida.
Cazzo, non posso nemmeno urlare.
Mi assesto come posso sulle gambe cercando di rilassare lo sfintere meglio che posso mentre il gorilla finisce di sprofondarmi nelle budella fino alle palle.
- Aahhh... - rantolo stremata cercando di non farmi sentire fino alla reception.
Per un attimo rimaniamo entrambi immobili, con lui che si alloga nel mio intestino mentre io cerco di abituarmi alla sua intrusione: rimango lì, aggrappata al corrimano, a gambe larghe e a culo pieno, cercando di riprendere il controllo del mio fato e delle mie membra...
...Poi il gorillone comincia a muoversi di nuovo, e sono dolori. Dapprima estrae la verga durissima con una lentezza quasi gentile, poi però me la pianta nuovamente fino in fondo con un colpo assassino che mi mozza nuovamente il respiro. Estrazione meno delicata, affondo meno brutale... Poco alla volta il bestio prende il ritmo e comincia a stantuffarmi il pistone nel culo ad un ritmo sempre più regolare, che è evidentemente quello che più gli è congeniale: deve essere abituato a farlo spesso.
- Aah... Aah... Aah... - gemo straziata - Aahhh...
Mi tengo disperatamente al mancorrente mentre vengo selvaggiamente inculata dal gorilla in quell’ambiente chiuso e vagamente oscillante, praticamente sotto il naso dei clienti e del personale dell’albergo, e mi ripeto che in fondo me la sono cercata io...
La cosa più terribile, è che in fondo (molto in fondo!) mi piace... Sto godendo come una troia rottainculo, degradata a semplice pezzo di carne in balia di un inculatore ottuso e brutale che sta facendo con me i suoi porci comodi. Alla faccia della donna moderna, indipendente e volitiva che mi vanto di essere.
Pian piano il bruciore si attenua e il piacere comincia a montare... Il gusto della sodomia è sottile, penetrante, e richiede i suoi tempi. Se potessi mi masturberei, ma se lascia il mancorrente anche solo con una mano rischio di sbattere i denti nello specchio; però l’orgasmo comincia lentamente a montarmi nelle viscere mentre il gorilla continua a sodomizzarmi come un martello pneumatico.
Poi, all’improvviso, l’ascensore si risveglia: qualcuno deve averlo richiamato a un piano, e Bogdan è troppo occupato a inchiappettarmi per reagire. Io sono intontita dal dolore e dal piacere, e comunque non riuscirei mai a raggiungere i comandi... È questione di pochi secondi: il piano da cui siamo stati richiamati doveva essere vicino.
L’ascensore si blocca, le porte automatiche sibilano...
Vedo nello specchio davanti a me il varco che si apre sull’androne del piano dove una coppia anziana è in attesa di scendere nella hall: osservo divertita e imbarazzata le loro facce stralunate e gli occhi sgranati nel vedere cosa sta accadendo dentro l’ascensore. La vecchia spalanca la bocca oltraggiata, mentre il tipo rimane imbambolato a guardare l’energumeno che si ingroppa una bionda seminuda con la minigonna arrotolata intorno ai fianchi.
Poi Bogdan picchia infastidito un altro bottone, le porte si richiudono e l’ascensore risale verso l’attico prima di bloccarsi di nuovo.
Nel frattempo però il mio orgasmo è regredito fin quasi al punto di partenza, mentre il gorilla sembra rimasto del tutto indifferente per la nostra involontaria esibizione: continua a incularmi con lo stesso ritmo di prima come se non fosse successo niente.
Poi però lo sento ansimare più velocemente, avverto l’irrigidimento della verga nelle budella, e mi rendo conto che siamo già alla fine. Le manacce del bestio mi si serrano intorno ai fianchi, il cazzo affonda fin quasi allo stomaco prima di bloccarsi e di prendere a pulsare violentemente, e avverto il primo spruzzo più potente dello sperma che mi allaga le viscere. Il calore del seme maschile mi riempie il retto, e la sensazione mi spinge quasi oltre il ciglio del piacere... Quasi.
Il gorillone rimane piantato dentro di me ancora per un minuto o due, rifiatando rumorosamente al termine della monta, poi con un ultimo sospiro soddisfatto estrae il suo ariete dal mio povero buco completamente spanato e si ricompone in fretta.
- Noi finito - mi fa con tono indifferente - Io tornare al lavoro.
Schiaccia un pulsante e l’ascensore comincia a scendere.
Cazzo.
Cerco affannosamente di richiudere le gambe e di riabbassarmi la gonna sui fianchi, ma mi tremano le ginocchia e sento un rivolo di sborra calda che mi scappa dall’ano ancora malamente aperto e slabbrato.
Che cazzo, non poteva aspettare almeno un momento?
La porta si spalanca, ma per fortuna non sulla hall: il gorillone ha avuto la creanza di fermare al primo piano e non al pianterreno così dopo un istante di panico mi calmo nel vedere che fuori non c’è nessuno ad aspettarci.
Bogdan esce tranquillamente senza nemmeno guardarmi e imbocca la tromba delle scale per scendere al suo posto di lavoro, lasciandomi dentro l’ascensore, spompata ma soddisfatta.
Soddisfatta e sgocciolante, cazzo...
Premo affannosamente il pulsante del mio piano per tornarmene nella mia camera; devo assolutamente farmi un bidet caldo prima che tutto il liquame del gorillone mi scoli lungo l’interno delle cosce fin sulla moquette...
Inoltre il mondo mi deve un orgasmo. Provvederò a riscuoterlo da Eva appena torna in albergo.

***

Il cliente di Eva è stato un altro buco nell’acqua; pazienza. La cosa peggiore però è anche che gli tirava punto o poco, e perfino le pillole di Viagra hanno avuto un effetto risibile: Eva pensa che sia a causa dell’abuso evidente che lo sfigato ne ha fatto in precedenza... Pensare che parliamo di un trentenne!
La cosa positiva è che Eva è più affamata di me, e quando le ordino di farmi godere con la lingua si affretta ad obbedire con un entusiasmo encomiabile.
Mi manda in orbita in pochi minuti, e io recupero serenità e buonumore abbastanza da allungare la mano allo strapon nel comodino...

Un’ora circa più tardi, soddisfatti i nostri reciproci appetiti, ci rilassiamo nude e abbracciate nel lettone devastato, raccontandoci i dettagli delle reciproche attività lavorative.
Eva è colpita da un dettaglio del mio racconto a cui non avevo pensato, probabilmente perché troppo coinvolta.
- Ma perché il gorilla non ha aspettato di essere in camera per scoparti con comodo? - mi fa, pensosa - Voglio dire, capisco il suo arrapamento nel vederti in quella dannata minigonna di pelle che ti ostini a indossare ancora alla tua età, ma anche uno scimmione preferisce fare i suoi porci comodi nel modo più confortevole possibile, se ne ha la possibilità.
Sorvolo sul suo accenno impertinente alla mia non più verde età e mi concentro sulla sua osservazione professionale: - Beh, immagino avesse fretta: doveva tornare velocemente al suo posto...
- Sì, ma una sveltina è una sveltina sia in ascensore che in camera, e in più c’è meno rischio di essere colti sul fatto come infatti è accaduto. A meno che...
- Ameno che... - mi blocco mentre lo dico.
Ci guardiamo negli occhi e istintivamente scandagliamo la camera una dietro le spalle dell’altra.
Bogdan lavora per la sicurezza, anche se al gradino più basso: se ci sono microfoni nelle camere degli ospiti, probabilmente ne sa qualcosa.
Accidenti, meglio stare attente a quello che diciamo, anche se abbiamo l’abitudine di parlare più in dialetto che in italiano (il veneto di Eva ormai è migliore del mio)...
Il problema è capire se Bogdan è stato semplicemente prudente sapendo che in genere le camere hanno microfoni, oppure se sa che io in particolare sono sotto sorveglianza da parte dell’SBU, i servizi di sicurezza ucraini.

Questo racconto di è stato letto 3 8 6 0 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.