Estranei parte 2

Scritto da , il 2020-11-30, genere sentimentali

Erano di nuovo lì.
Di nuovo in quella camera d'albergo abbandonata qualche ora prima. La stessa che aveva forse definitivamente sciolto quel piccolo o grande timore che, per entrambi, l'essere fino a quel momento estranei potesse significare.
Era tutto partito da lì e la serata era proseguita esattamente come un'opera musicale in cui si sale, si sale fino a che quel crescendo col passare del tempo ti coinvolge sempre di più.
E appena chiusa la porta il loro stare bene assieme non poteva continuare altrimenti se non in quel modo.
Si tolsero i giubbotti e dopo qualche altro bacio, si misero a letto.
Si spogliarono togliendo una parte per ciascuno all'altro.
Rimasero così.
Maglietta senza reggiseno e mutandine rosa lei, boxer neri e una maglietta lui.
Non resisterono a lungo ognuno nel proprio angolo di letto.
Lui si avvicinò e con molta dolcezza iniziò a baciarla.
Le sue labbra passavano lentamente dalle spalle, al collo fino alla nuca. Lei spostava la testa allungandosi per sentire ancor più quel piacere che a volte le labbra, altre la lingua o la punta del naso le davano passando e sfiorando quelle parti.
Erano baci lunghi. A entrambi piacevano.
Poi scese.
Le alzò la maglietta che scoprì due seni piccoli ma sodi.
Lei inarcando un po' la schiena, lentamente se la sfilò del tutto.
Glielo strinse tra le mani.
I capezzoli, duri e rigidi, gli fecero capire che l'eccitazione era molta non solo per lui e per il suo cazzo che si faceva sempre più grosso e duro dentro ai boxer.
Lo prese da sotto, ci stava perfettamente nella sua mano.
Iniziò a leccarle l'areola con la lingua per intero, poi, concentrandosi sui capezzoli, glieli succhiò dapprima, per poi stimolarli usando solamente la punta della lingua.
Scese ancora.
Era sulla pancia.
Tanti, tanti, tanti bacini. Le piacevano proprio li, in quel punto del ventre appena sotto l'ombelico.
Il naso che strusciandosi e alternandosi alle labbra e alla lingua passavano scivolando sul suo corpo, le regalavano quel godimento che cresceva ogni istante di più.
Lui che fino a quel momento scendendo era rimasto sempre di fianco al corpo di lei si spostò fra le sue gambe.
"Posso?" le chiese prendendo con due dita le estremità delle mutandine di lei.
Un sì timido e ansimato uscì dalla sua bocca accompagnato da un cenno della testa di lei e dal sollevare il sedere per meglio permettergli di sfilargliele.
Le baciò l'interno coscia salendo lentamente fino alla sua vagina.
Era quasi completamente depilata.
Ce l'aveva ora di fronte.
Lei divaricò ancor più le gambe pronta ad accoglierlo.
Le piccole labbra spuntavano appena appena.
Iniziò a stuzzicarle un po', passandole tra le sue.
Poi, con i pollici le spostò, staccandosi e allontanando per un secondo la testa, che però rimise immediatamente, spinto da entrambe le mani di lei che ora più che mai lo volevano dentro di sé.
La lingua era ormai tutta dentro di lei.
La saliva bagnava ancor più la parte interna già completamente umida per l'eccitazione.
Gli piaceva il suo sapore, gli piaceva il suo clitoride che stimolava con dei giochini di lingua e labbra.
Alternava dei passaggi con la lingua intera, a volte in cui dura gliela infilava, ad altre in cui era un succhiare accompagnato dalla punta.
Ogni passaggio della lingua di lui era un brivido di piacere per lei che, ansimando, non disprezzava di farglielo sentire.
Lui la guardava alzando lo sguardo.
Vederla allungarsi, inarcare la schiena, toccarsi i seni giocando con i capezzoli e poi quei gemiti.
Le aveva appena infilato indice e anulare continuando comunque a stimolarle il clitoride con labbra e lingua.
"Fa-fa-mmi veniree, sono tua" gli disse ansimando
La penetrazione si faceva sempre più rapida.
Il ritmo del suo godere ormai seguiva la velocità con cui veniva penetrata e stimolata.
"Ahhhhhh, ahhh, ahhh" urlò.
Era venuta.
Quell'orgasmo, così intenso le aveva tolto quasi tutte le forze.
Sfilò le dita completamente bagnate, ma continuò ancora per un po' a leccarla, mentre lei, passandogli le mani tra i capelli se lo teneva ben stretto con la testa ancora tra le sue cosce.
Amava la barba, la lingua, il naso, le dita di quell'estraneo.
Amava averlo li.

Questo racconto di è stato letto 8 2 9 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.