Estranei parte 4 - finale

Scritto da , il 2021-01-21, genere sentimentali

Si svegliò prima lui la mattina successiva.
La piacevole sensazione di svegliarsi accanto a qualcuno e la presenza di lei resero quel risveglio ancor più dolce.
Si voltò sul proprio fianco sinistro.
La guardava, lì, a pochi centimetri a sé.
Era così bella pensò osservandola, mentre, dalla propria parte di letto ancora addormentata, se ne stava nella sua innocenza.
Il lenzuolo le copriva solamente il seno, scivolando lungo il corpo, che, posato su un fianco, lasciava scoperta la gamba sinistra, che timidamente usciva.
La ammirava così mentre riaffioravano nella sua mente i ricordi di quella passione che, qualche ora prima, li aveva fatti addormentare così piacevolmente sfiniti.
Ogni singolo momento di quel sesso, così intenso quanto alchemico, era stata la perfetta conclusione di una giornata passata assieme dove ogni singolo istante li aveva fatti stare bene assieme.
Le si avvicinò sfiorandole con le dita la guancia.
Quella carezza diede a lei un piccolo brivido che assecondò apprezzando con dei movimenti della testa ancora appoggiata al cuscino.
Continuò ad accarezzarla mentre lei aprì gli occhi.
Dalle guance passò alle labbra, facendo scivolare indice e medio dal labbro superiore al labbro inferiore.
Lei, piacevolmente rispose baciandogli dapprima quelle due dita, per poi iniziare a succhiarle, mentre lui, entrando e uscendo, giocava stuzzicandole la lingua.
La bocca di lui prese presto il posto delle dita.
Iniziarono a baciarsi appassionatamente mentre le dita ancora umide di lui, scendendo lentamente sotto il lenzuolo, arrivarono alla vagina di lei.
Le infilò indice e medio mentre continuavano a baciarsi.
I baci proseguivano mentre il piacere ansimante di lei iniziava a farsi sempre più intenso.
Il risveglio, da dolce e lento, stava piano piano crescendo sempre di più, assieme alla voglia di entrambi.
Lei, con una mano dietro la testa, teneva quel ragazzo a sé passandogliela tra i capelli mentre si baciavano.
L'altra mano che teneva abbracciandolo attorno alle spalle di lì a poco scese lungo il corpo di lui.
Gli prese il polso e lo fermò da quella masturbazione fatta solo di dita.
Gliela spostò.
Poi, scendendo ancora tra le gambe di lui, gli prese il cazzo in mano.
Lo mosse su e giù per poco.
Era già duro.
Se lo infilò.
Un altro sospiro si frappose tra i baci dei due amanti.
Si girarono e iniziarono a scopare lui sopra di lei.
Lo teneva abbracciato a sé con entrambe le mani sulla schiena, mentre, spalancando le gambe per sentirlo ancor più dentro, lui si muoveva sempre più rapidamente.
Scoparono un po' così, poi si spostò lei sopra di lui.
Dopo essere venuta si sfilò, gli passò le mani sul petto e abbassandosi gli prese il cazzo in bocca.
Glielo succhiò fino a farlo venire godendosi dal basso le espressioni di piacere che gli stava dando.
Ingoiò.
Poi risalendo si mise nuovamente sopra di lui che, abbracciandola, la strinse a sé.
Nessuno dei due avrebbe voluto staccarsi da quell’abbraccio, ma cominciava a farsi tardi e la partenza per il ritorno di lei imponeva di doversi alzare.
Si rimisero ognuno dalla propria parte di letto.
Rimasero così separati però solo qualche secondo.
Gli si avvicinò nuovamente e se lo riabbracciò.
Rimasero ancora un po' così prima di scendere dal letto.
Erano entrambi in piedi ora, dopo essersi rimessi slip e maglietta.
“Ci facciamo la doccia assieme. Ti va?” chiese lui con un tono tra l’affermazione e la domanda mentre si diresse verso il bagno.
“Sì, ti raggiungo” rispose lei apprezzando quella proposta.
La aspettò in doccia, l’acqua calda aveva già iniziato a scendere e bagnare il suo corpo.
Entrò pure lei, non prima di aver fatto cadere a terra le mutandine e quella magliettina che aveva utilizzato come pigiama.
Si abbracciarono.
L’acqua calda ora scendeva su entrambi i corpi.
Si baciarono.
Un bacio accompagnato dall’acqua che, passando tra le loro labbra, amplificava ancor più la sensazione dello sfiorarsi di queste.
Chiusero il rubinetto.
Lei a lui, lui a lei si cosparsero i corpi di bagnoschiuma.
Passava le mani sul seno di lei, sulla pancia, sulla schiena e sul sedere.
Lei pure glielo spalmava sul petto, poi dalle spalle fin giù su tutta la schiena.
Si ricoprirono presto di schiuma.
Arrivata al cazzo di lui, lo sentì già duro e iniziò a muoverlo su e giù con una mano mentre, avvicinandosi nuovamente, lo baciò.
Se la tirò a sé.
Il seno sul suo petto.
Il pene completamente eretto le sfiorava esternamente la vagina.
Le mani di lei ora erano sui fianchi di lui.
Aprì nuovamente l’acqua che, schizzando lentamente, fece scivolare via anche l’ultimo attimo di piacere.
Uscirono assieme dalla doccia e, sotto lo stesso asciugamano, lui di fronte a lei, rimasero nuovamente abbracciati un altro po'.
Si rivestirono.
Prepararono le valigie e furono pronti per lasciare quella stanza e l’albergo che li aveva ospitati.
Percorsero nuovamente il corridoio verso la Reception, con sensazioni completamente differenti rispetto al giorno in cui erano arrivati.
Pagarono.
Poi in macchina nuovamente verso il centro per un’ultima passeggiata e il pranzo prima della partenza di lei.
Il tempo in queste ultime ore sembrava correre ancor più in fretta.
Si ritrovarono lì, in stazione.
Di nuovo a quel binario che meglio di qualsiasi altro luogo è metafora di arrivi e partenze, inizi e conclusioni.
Mancavano ancora dieci minuti prima che il treno arrivasse.
Li passarono tutti stando abbracciati.
Poi il treno arrivò.
Un ultimo bacio.
Lungo, intenso, malinconico.
Si salutarono così.
Baciandosi e stretti in un abbraccio ancor più forte.
Salì in treno.
Raggiunse un posto vicino al finestrino.
Pensierosi rimasero a guardarsi fino a che il treno lentamente partì.
Nella mente di ognuno dei due rimanevano ora solo dei ricordi e la consapevolezza di essere tornati nuovamente estranei, ma, dopo quei giorni, di esserlo ora forse un po' meno.

Questo racconto di è stato letto 1 0 4 1 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.