Romantico tradimento

Scritto da , il 2021-02-22, genere tradimenti

Era la prima volta che lo invitava a casa sua.
Prima di allora, dopo il loro primo incontro a dire il vero un po' casuale, a quella festa, si erano visti solamente qualche altra volta, in quelle prime uscite che servono a entrambi per conoscersi meglio.
E proprio in una di queste le aveva confidato che aveva un fidanzato con il quale stava da un paio d'anni.
Quello che inizialmente poteva suonare come un mettere le mani avanti per lei, oltre che ad un iniziale e inconscio naturale desiderio di farlo desistere, frutto di una sincerità istintiva, stava sempre più scemando lasciando spazio alla curiosità, senza darsi troppe spiegazioni.
Col passare del tempo infatti, i messaggi e le chiacchierate, spesso anche notturne, giorno dopo giorno fecero crescere in entrambi la volontà di non lasciar perdere quell'essere capitati, in modo così inaspettato, uno nella vita dell'altro.
Il desiderio di conoscere quel ragazzo, unito al rapporto con il proprio non così solido e in quel periodo particolarmente complicato, la lasciavano assorta, pochi minuti prima che arrivasse, su quel divano, nei suoi pensieri talvolta così conflittuali.
Li interruppe il suono del campanello che annunciava che, al di là della porta, era arrivato quel ragazzo sconosciuto, misterioso ma forse proprio per questo così tremendamente intrigante e così maledettamente attraente.
Si alzò e aprì la porta.
Era proprio di fronte a sé, sorridente, mentre teneva in una mano un sacchettino con due cornetti ancora caldi.
Era estate.
Lei era vestita con una maglietta e un paio di short, lui polo e jeans corti.
Si salutarono con due baci, e subito notò il profumo di lui.
"Mi piace il tuo profumo, lo sai?"
"Sono contento, rispose con un filo di imbarazzo. Mi abbracci?"
Non se lo fece ripetere due volte e si strinsero in un abbraccio, lasciando dietro di loro la porta chiusa.
Ora erano tutto in quell'abbraccio.
"Dai preparo il caffè così ci mangiamo questi cornetti, che, mm senti che profumo!!"
Fare colazione assieme e parlare fece sciogliere anche l'ultimo filo di tensione che inevitabilmente, in entrambi, fino a quel momento c'era.
Dalla cucina, finito caffè e cornetto decisero di spostarsi sul divano continuando a raccontarsi, ognuno all'altro, con sempre più spensieratezza e naturalezza.
Lui, seduto ma leggermente disteso in avanti, teneva ora sul suo petto la testa di lei coccolandola con carezze sul viso, passandole le dita sugli zigomi, sulle guance, sul naso.
Se le prendeva tutte quelle coccole e, quando arrivò a sfiorarle le labbra, corrispose baciandogli sensualmente le dita.
Poi si alzò e chinatasi leggermente verso di lui, iniziò ora lei a giocare.
Allo stesso modo lo provocava, passando le proprie dita tra le labbra del ragazzo.
Presto però le dita lasciarono spazio alle labbra che si sfiorarono nel dolce e passionale primo bacio tra loro.
Le mani scesero lungo il petto di lui, che, prendendola dalla nuca, passò le sue tra i castani capelli di lei.
Si sedette sopra di lui mentre continuavano a baciarsi.
Le mani di lui dai capelli passarono alla schiena scendendo sotto la maglietta.
Si erano definitivamente liberati di qualsiasi pensiero, pentimento o possibile rimorso.
Lo volevano entrambi sempre di più.
Lei alzò le braccia.
Si fece sfilare la maglietta lasciando comparire il seno, una quarta abbondante, coperto e contenuto a fatica da quel reggiseno bordeaux.
I baci di lui lasciarono le labbra di lei per spostarsi sul collo prima, per scendere poi su quel seno in cui si immerse bramoso.
Salì nuovamente sulle labbra.
Poi via.
La maglietta di lui, il reggiseno di lei.
Si strinsero in un altro abbraccio.
La voglia di entrambi saliva.
Si sfilarono entrambi i pantaloni.
Lei a lui, lui a lei.
Da ancora seduta sopra di lui, scese.
Poi, con entrambe le mani, prendendoli dai lati, gli sfilò i boxer neri, scoprendo un cazzo già così duro.
Lo prese in mano e, da inginocchiata, iniziò ad assaporarne il piacere.
Alternava la bocca alle mani, in un pompino a volte rapido a volte deliziosamente lento, intenso e profondo.
Poi si alzò.
Si fece sfilare le proprie mutandine nere diventate poco a poco umide dall'eccitazione.
Si mise nuovamente sopra di lui e prendendo il cazzo in mano se lo infilò sentendolo entrare centimetro dopo centimetro.
Dalla nuca con le mani se lo tirò a sé facendolo nuovamente immergere nel suo seno, mentre lui le strinse con entrambe il sedere.
Si muoveva su e giù sopra di lui.
Aveva il controllo sulla penetrazione e sul suo piacere e questo la faceva ancor più godere.
La testa e la lingua di lui fra il suo seno, facevano il resto.
Continuarono così per un po'.
Poi lui, deciso, la prese per i fianchi.
La portò con sé sul divano e stando entrambi inginocchiati glielo infilò da dietro in una pecorina che riprese quello che si era solo per qualche secondo interrotto.
Ogni colpo del culo di lei sul ventre di lui suonavano come una melodia perfetta e ritmata dalla sincronia con la quale i due scopavano.
Quella nuova posizione e la maggiore frequenza la fecero venire mentre con la testa fra il cuscino a stento riuscì a trattenere una serie di gemiti di piacere.
Stava per venire pure lui e decisa a dargli un ultimo sussulto prima dell'orgasmo, si girò nuovamente frontale lui.
Glielo prese in bocca mentre guardando il suo amante fisso dal basso iniziò a succhiarglielo.
Ci volle poco prima di sentirsi copiosamente riempire la bocca di caldo e abbondante sperma.
Sfilatasi, ma senza mai staccare lo sguardo dagli occhi di lui, quasi a volerlo provocare fino all'ultimo, ingoiò.
La prese quindi ancora a sé.
Rimasero abbracciati e distesi sul divano lei sopra di lui.
Gli occhi di entrambi mentre continuavano a coccolarsi e sfiorarsi i capelli comunicavano solamente una cosa.
La consapevolezza che da quel giorno il loro rapporto inevitabilmente non sarebbe stato più lo stesso li accompagnò fin sulla porta.
Un ultimo abbraccio.
Si salutarono con un altro bacio prima di scambiarsi un sorridente, complice e spensierato ultimo sguardo lei appoggiata alla porta, lui appena prima di uscire dal cancello alla fine del vialetto.

Questo racconto di è stato letto 3 2 3 7 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.