Estranei parte 3

Scritto da , il 2020-12-28, genere sentimentali

L'eccitazione era salita alle stelle.
Lei, ancora sdraiata sulla schiena, sentì percorrere, dalla vagina al collo, le labbra e la lingua di lui percependo perfettamente ogni singolo centimetro del suo corpo che queste, salendo, esploravano sapientemente.
A fatica avrebbe potuto desiderare di meglio.
Dal collo alle labbra.
Si baciarono.
La passione e l'alchimia tra di loro era totale e dimostrata perfettamente da quanto le loro labbra e le loro lingue bramassero ognuno lo stesso dall'altra.
La voglia cresceva.
Lo voleva dentro di sè.
Ora.
Aiutandosi con la mano, gli prese il cazzo già completamente duro e se lo infilò.
Lui non perse un secondo per farle sentire la sua presenza dentro di lei, inserendoglielo fino ad arrivare a toccare, con il proprio, il bacino di lei.
Ce l'aveva ora completamente dentro.
Un brivido le attraversò la schiena accompagnato da un gemito appena appena sussurrato.
Iniziò a muoversi sopra di lei, dapprima lentamente poi aumentando sempre più la frequenza e la velocità della penetrazione.
Le gambe di lei, inizialmente distese, si avvinghiarono attorno al bacino e alla schiena di lui per spostarsi, infine, completamente alzate sul petto e sulle spalle di lui.
Ad ogni nuova posizione seguiva un piacere diverso ma sempre profondo e travolgente.
Scoparono per un po' così.
Poi, prendendola per le cosce la tirò a se.
La girò.
Lei assecondò la volontà di essere penetrata da dietro piegando la schiena e portando il sedere all'indietro.
Lui in ginocchio le prese i fianchi e dopo averla stuzzicata un po' passandole il cazzo tra le natiche e la fine della schiena glielo infilò in vagina.
Sapeva che era la posizione preferita da lei, ma il culo di lei che muovendosi avanti e indietro gli sbatteva sul ventre appagava molto anche lui.
Il piacere saliva.
Ad ogni colpo seguivano dei gemiti che all'unisono fondevano, unendoli, le loro voci e non solamente i loro corpi.
La penetrava da dietro tenendola dai fianchi, aiutando i movimenti del bacino e portandola a se per una penetrazione più profonda.
Lei, con la testa appoggiata sul cuscino e aggrappandosi alle lenzuola, apprezzava.
Dopo essere rimasti per un po' così lei si staccò e girandosi nuovamente si trovò di fronte al ragazzo.
Lo abbracciò.
Gli passò le mani tra i capelli.
Le unghie di lei che gli sfioravano la testa gli diedero un ulteriore brivido.
Rimasero così abbracciati, seduti lei sopra di lui.
I loro corpi erano una cosa unica.
Gli prese il cazzo e spostando leggermente il bacino se lo mise nuovamente dentro.
Iniziò a muoversi su e giù senza mai smettere di rimanere abbracciata a quel ragazzo.
Lui le baciava il collo, ma ad ogni movimento di lei si trovava sempre più immerso in quel seno piccolo ma sodissimo che non disdegnava di succhiare e leccare prendendolo tra le sue mani.
Continuarono così ancora un po'.
Poi, lei, presa dal voler continuare a dominarlo, lo spinse con le mani al petto fino a trovarsi ora lui disteso e lei ancora seduta sopra di lui.
Era questa la posizione preferita di lui e lasciar condurre il gioco a lei, ora, non gli dispiaceva affatto.
La teneva sempre per i fianchi.
Lei si muoveva su e giù inarcando la schiena appoggiata alle cosce di lui e stimolandosi con una mano il clitoride.
Alternava questa posizione a quella in cui, stando appoggiata agli addominali o al petto di lui con entrambe le mani e inclinata leggermene in avanti, si godeva appieno la penetrazione.
Decideva lei quanto profondamente e a che velocità avere il cazzo di lui fra le sue cosce.
Era esattamente quello di cui aveva bisogno per venire.
Si distese completamente sopra di lui.
Pancia con pancia, seno con petto.
Le mani di lui sul culo di lei, le braccia di lei attorno al collo di lui.
Il ragazzo sollevando leggermente il bacino, inserendoglielo da sotto e aumentando sempre più rapidamente la frequenza, riprese il controllo della penetrazione senza che a lei questo dispiacesse.
Quei movimenti da sotto a sopra del bacino di lui glielo facevano sentire in tutta la sua larghezza e durezza.
Venne con una serie di gridolini e sospiri che emise mentre baciava lasciando ormai senza fiato quel ragazzo.
Scese quindi lungo il corpo di lui, staccandosi da quell'orgasmo che la rendeva tuttavia ancora tremante e ansimante.
Scendeva sfiorando il petto prima, l'addome poi, dapprima con la sua lingua seguita dalle sue mani.
Arrivò al cazzo.
Lo prese in bocca passando inizialmente le labbra sulla cappella ormai completamente scoperta per scendere, poi, fino ad accoglierlo tutto.
Si muoveva su e giù usando solamente la bocca e le labbra.
Non ci volle molto.
Il ragazzo venne con una serie di caldi schizzi che lei sentiva riempirle la bocca sempre di più.
Il respiro affannoso di lui dopo l'orgasmo.
Lo sguardo fisso occhi negli occhi dei due.
Non si erano staccati neanche per un attimo.
Lei alzando appena dal basso quello sguardo e sfilandosi ma continuando a tenere occhi negli occhi lui, fissandolo tra la sfida, il provocante e il volergli dare l'ennesimo sussulto di eccitazione, ingoiò il piacere che a quel ragazzo aveva appena dato.
Continuò ancora per un po' a succhiare, passandola tra le sue labbra, la cappella del ragazzo mentre il respiro affannoso di lui, dopo l'orgasmo, stava tornando ad essere di nuovo normale.
Prima di addormentarsi rimasero alcuni minuti a coccolarsi, la testa di lei sul petto di lui.
Le passava la mano tra i capelli, ogni tanto si baciavano.
Finirono per prendere sonno abbracciati, lui dietro di lei.
Dopo quella notte erano un po' meno estranei.

...continua

Questo racconto di è stato letto 5 5 4 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.