Era una sera d'estate del 1986...

Scritto da , il 2020-11-29, genere prime esperienze

Mia madre lavorava in una casa castello di persone nobili ed io avevo ricevuto una stanza all'ultimo piano (il quinto) per quando volevo pernottare lì.
Oltre mia madre lavoravano presso questa famiglia nobile molte altre persone. Una di queste era una giovane donna di trent'anni che si occupava della sala durante i pranzi e le cene. Era divorziata, credo, o forse no, non ricordo, comunque se era sposata faceva di sicuro cornuto il marito con il capo della sicurezza della villa. Quasi tutte le sere dopo le 22.00 quando smontava da servizio la veniva a prendere con la sua automobile, se la fotteva per bene per due/tre ore e poi la riportava al Castello verso 1.00 o anche più tardi.
La sua camera era al quinto piano dov'era anche la mia. Quella sera rimasi a dormire al Castello, cosa che facevo raramente e quando tornò verso 1.30 ero ancora sveglio e la sentii arrivare lungo il corridoio e scendere verso il bagno (che era in comune per il quinto piano) che si trovava proprio di fianco alla mia camera. Sul piano c'eravamo solo noi, anche se le stanze disponibili erano almeno altre sei o sette,tutte vuote. Immaginando che si trattasse di lei, uscii dalla stanza e mi diressi nel bagno, quando entrai era a gambe larghe sul bidé con la figa tutta insaponata; se la stava ripulendo dalle sborrate del suo uomo/amante prima di andare a letto.
Eccitato da quella visione tirai fuori il cazzo bello duro e mi dicessi verso di lei... Quando mi vide inizialmente cercò di respingermi, ma alle mie insistenze alla fine cedette. Gli spinsi tutto il mio cazzo extraduro di sedicenne infoiato giù per la gola mentre era seduta sul bidé con la figa fradicia d'acqua e sapone. Feci un su e giù violento dentro la sua bocca per almeno cinque minuti finché non gli scaricai tutte le mie palle in un fiume di sborra calda giù per la trachea e lei da troia navigata se lo bevve tutto.
La presi per un braccio e la portai in camera mia, distante dal bagno di una sola porta, la sbattei con forza a pecora sulla scrivania le feci allargare bene le gambe e la impalai da dietro, e come godeva la troia... era bella aperta, il suo uomo aveva già fatto la strada prima di me, l'aveva allargata per bene e adesso io gli davo la seconda ripassata, infilavo figa e culo, alternavo i due buchi della troia che gradiva il servizio senza protestare. Le sborrai dentro la figa senza nemmeno chiederle il permesso, per quanto ne sapevo potevo anche averla ingravidata, ma ero talmente infoiato ed eccitato che non me fregava niente delle conseguenze... A sedici anni davanti a una bella figa pelosa di una donna più grande e disponibile non si capisce più un cazzo... Sei come un toro che si può portare al macello, felice e inconsapevole di andarci.
La seconda scopata glielo fatta fare sul mio letto alla missionaria, una scopata lunga con le sue gambe che si accavallavano sulle mie spalle si cingevano sui miei fianchi o stavano belle larghe sul letto ad ospitarmi dentro di lei. La scopavo furiosamente e gli strapazzavo per bene le tette e gli succhiavo forte i capezzoli, facendole anche male, ma non se ne duoleva e si lasciava trattare da troia, le piaceva quel giovane dal cazzo prepotente che la trattava da puttana, perché in fondo era quello che era, e non se ne dispiaceva più di tanto. Anche la seconda scopata terminò con una inseminata copiosa dentro la sua figa... Fu allora che mi chiese con aria provocatoria: "E se mi hai messo incinta che facciamo?" "Vai ad abortire!" gli risposi con una faccia da schiaffi inaudita. "Stronzo!" mi disse, "Puttana!" gli risposi e salii sul suo corpo infilando il cazzo nuovamente duro in mezzo alle sue tette e cominciando un nuovo su e giù là in mezzo mentre con la mano sinistra intanto le facevo un ditalino alla figa che era piena di sborra e umori gocciolanti ovunque, mi aveva imbrattato il letto in un'enorme chiazza. Dalle tette glielo spingevano fin dentro la bocca e andavo su e giù, su e giù, tra tette e bocca finché non scaricai una nuova sborrata tutta sulla sua faccia, imbrattandola ovunque. Dopo quest'ultimo servizio si alzò dal letto raccolse i suoi vestiti e tornò in bagno, stavolta però chiuse la porta a chiave. Tornò dopo un quarto d'ora vestita in camicia da notte con delle lenzuola pulite in mano, aprí le finestre e mi disse:"non vorrai che tua madre domattina capisca tutto... vatti a lavare mentre ti cambio le lenzuola e ti rifaccio il letto e faccio arieggiare la stanza." Feci come mi disse e quando tornai dal bagno era già andata via, era rimasto un bel letto pulito appena rifatto e una finestra ancora aperta, che richiusi più tardi verso l'alba.
Quando la mattina ci incrociammo in cucina mi fece un mezzo sorriso malizioso e mi chiese "cosa ti porto per colazione?" "Il solito latte e caffè con biscotti" gli risposi, e così cominciammo una nuova giornata, lei al lavoro, divisa tra cucina e sala da pranzo ed io che con il mio motorino SI Piaggio mi dirigo al lavoro, all'officina metalmeccanica distante mezz'ora di viaggio dal Castello.

Questo racconto di è stato letto 4 3 8 0 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.