Weekend lovers - Cambiamenti

Scritto da , il 2020-11-27, genere etero

Otto chiamate di Serena e un numero imprecisato di WhatsApp che vanno dal "sei a casa?" al "mi chiami?" al "ma dove cazzo stai?". Me ne accorgo solo perché tiro fuori il telefono per vedere l'ora. Le tre e mezza, cazzo. "Dove sei?", invio il messaggio.

- Da un paio d'ore sotto casa tua - dice appena rispondo alla chiamata - si può sapere che cazzo stai a fà?

- Cinque minuti e arrivo - le rispondo.

Che poi, nonostante l'ora, cinque minuti col cazzo, ce ne vogliono almeno il doppio. Mi sento distrutta, stonata. E adesso anche preoccupata. Chissà come sta.

Arrivo sotto casa e la vedo seduta sul motorino, le faccio cenno di salire in macchina e lei risponde "ti aspetto qui", tornando subito a giocare col telefono. Faccio un giro, non trovo posto, ripasso sotto casa e stavolta le faccio "vienimi dietro". Lei, evidentemente seccata, si infila il casco e mette in moto. Dallo zainetto che ha in spalla capisco che è venuta a dormire da me.

Parcheggio a un chilometro e mezzo almeno lontano da casa. Chiudo la macchina e salgo sul suo motorino. Partiamo, senza dire una parola. Il suo silenzio ostile lo rompe quando siamo in ascensore.

- Ma che cazzo stavi a fà? C'hai 'na faccia... t'avrò chiamata cento volte...

- Non sentivo, lo sai che lo tengo basso... - rispondo.

- Dove stavi?

- Scopavo.

Fa una smorfia, l'ascensore si ferma al piano. La precedo con la chiave già pronta. "Entra".

Le dico "dormiamo nel letto di Martina", aprendo la porta della stanza. E' più grande del mio, una piazza e mezza. Lei lascia cadere lo zainetto e si guarda intorno, come sperduta.

- Con chi cazzo hai scopato? - chiede quasi dal nulla e con un tono impersonale.

- Un tipo - le rispondo facendo spallucce e cominciando a spogliarmi - un barista...

Evito di guardarla bene, non mi va di parlarne. Non c'è un motivo preciso ma non mi pare il momento. E poi sono anche molto stanca, molto sporca. Lei invece guarda me, restando qualche secondo senza parlare.

- La troia dei baristi... - mi fa con lo stesso ghigno che aveva in ascensore.

Forse va anche al di là delle sue intenzioni, ma nella sua voce c'è un disprezzo che mi colpisce. Appallottolo i miei vestiti e esco dalla stanza mormorando "mi lavo e torno".

- Meglio... - risponde acida. E mi ferisce anche più di prima.

Entro in bagno e do un'occhiata. Le tracce di sangue e sperma sulle mie mutandine rosa sono evidenti. E anche i pantaloni si sono sporcati. Bestemmio, io che non bestemmio mai. Ma che ci posso fare, è la seconda volta che mi capita e bestemmiai anche quella. Si vede che il sangue tira la bestemmia, che vi devo dire. Butto ogni cosa nel cesto ma mi dico che domani mattina finisce tutto in lavatrice, dovessero mai cascarci gli occhi di mamma o della colf. Apro la doccia e, mentre attendo che l'acqua si scaldi, mi controllo allo specchio alla ricerca di eventuali grumi di sborra secca tra i capelli. Non dovrebbero esserci, ma non si sa mai. Comunque no, sono pulita, posso anche evitare di lavarmeli. Certo che Serena ha ragione, mi dico, c'ho una faccia...

Mi metto sotto il getto, me lo godo un po' prima di prendere il docciaschiuma. Di solito, in questi momenti, indugio a pensare a ciò che ho appena fatto. E se mi è ancora rimasto qualcosa, lo confesso, qualche volta mi masturbo pure. Stavolta non ce la farei, sono troppo a pezzi. Ma non è per questo motivo che non mi tocco. Il motivo è che penso a Serena. Onestamente, oltre a essere il suo punching ball, non so più che cazzo fare.

Mentre ero ad Amsterdam lei e Lapo si sono lasciati. Anzi, diciamola meglio: Lapo l'ha mollata. Messo di fronte alla scelta tra lei e Bambi, la sua ragazza danese, ha scelto la sirenetta, è la versione di Serena. Ma io non ci credo. Penso semplicemente che si sia stufato e, approfittando del fatto che la sua innamorata fidanzata si fa i ditalini pensando a lui a milleottocento chilometri di distanza, sia semplicemente passato a chiavarsi qualcun'altra. Come due o tre volte ha chiavato me, del resto. Sinceramente, un bel ricordo. Sia perché è uno dei più bei ragazzi che abbia mai visto, sia per la sua formidabile capacità di essere sempre pronto. Non spesso, eh? Sempre. Instancabile. E porco.

Ma non credo proprio che la disperazione di Serena dipenda da questo. Molto più banalmente, si era innamorata, ne è tutt'ora innamorata. Cazzo. E io non so che fare. Ho gestito Stefania, quando eravamo al liceo e lei, per una delusione, diventava un fiume di lacrime. Io e Trilli la consolavamo per un po' e poi le passava. Ma erano cose così, storie da due-tre giorni al massimo. Non mesi interi come tra Serena e Lapo, invece.

Torno in camera finendo di asciugarmi, lei è già a letto in pigiama. Lascio cadere l'accappatoio e mi infilo a letto.

- Non ho voglia di scopare... - mi fa guardando davanti a sé.

E qui davvero le darei una botta in testa. Se non altro perché, dopo avere dormito tante volte insieme, dovrebbe ricordarselo che, quando posso, a me piace stare a letto nuda. Le dico un po' freddamente "non ti preoccupare" ma devo mordermi la lingua per non dirle "vorrei ricordarti che ho appena fatto il pieno di cazzo". Una volgarità che, in altri momenti, tra me e Serena ci starebbe, farebbe parte del nostro codice di zozzerie cui attingiamo a piene mani quando siamo arrapate e ci fottiamo a vicenda. Una volgarità che non è adesso il caso di dire. Anche perché, a dire il vero, la frase completa, quella che avrei voglia di dirle sul serio, sarebbe "se IO ho appena fatto il pieno di cazzo e TU no un motivo ci sarà". Una cattiveria gratuita, che mi pento subito di avere pensato. Però mi capirete, no? Sei una buona amica se queste cose le pensi e riesci a non dirle, in fondo.

La prendo e la tiro verso di me. Lei è come se crollasse. Nasconde la faccia sulla mia spalla e piagnucola “non volevo stare sola stanotte”. Le sussurro “certo tesoro” e le accarezzo una guancia. Mi sento sfasciata, mi fa male tutto. Quel Samir sapeva come fare l’animale. Non so se mi addormento prima io o lei.

*****

Qualcosa è cambiato, mentre stavo ad Amsterdam. E non solo per Serena. I miei, per esempio, hanno pensato bene di ridurre l’affitto della casa al mare a soli sei mesi l’anno. Gli altri sei mesi, montagna. In un posto chiamato Roccaraso dove penso che metterò piede molto ma molto di rado. Già sciare mi piace poco, figuriamoci lì. E’ pieno di cafoni, le piste sono strette, mi trovo a disagio. E poi mi dispiace non avere più un posto al mare dove andare, anche d’inverno magari. L’ho detto a mia madre, eh? La risposta è stata: “Ma se a momenti non ci vieni nemmeno d’estate...”. Oddio, non è che abbia torto. “Comunque a Roccaraso non ci vengo, grazie. Soprattutto sto fine settimana, che è la prima volta che ci andate e toccherà mettere tutto a posto, già vi ci vedo... Col cazzo che ci vengo, mi dispiace, ho da studiare un sacco, sto preparando un esame... Ecco, bravi, portatevi Martina e Massimo, che tanto andrà a finire che ci andranno loro, voi due dopo le prime volte mi sa che vi stancherete... Ah no, eh? Vedremo”.

Ecco, è grazie a questa conversazione con mamma riportata fedelmente (a parte “col cazzo che ci vengo”) che me ne sto qui in cucina a mezzogiorno, completamente nuda, con la tazza di caffellatte in mano a guardare fuori dalla porta finestra. C’è una tenda, eh? Non è che voglio farmi vedere dai vicini.

Serena dorme ancora, io penso sostanzialmente ai cazzi miei. Anzi, per la verità non penso a niente, sono intontita, non riesco ad agganciarmi a un pensiero che sia uno. Quando mi suona il telefono – stavolta lo sento – mi sembra quasi un sollievo.

E’ Fabrizio, ah sì, ieri sera ha detto che mi richiamava.

*****

- Chi era? – domanda Serena comparendo mezza assonnata sulla porta – che è quella faccia?

- Eh? Oh... beh, io... era Fabrizio...

- Ah... che dice?

Credo che me lo domandi tanto per dire, perché lei non lo conosce. Sa che è il mio scopamico ma non l’ha mai visto. Però ci sarebbe da ringraziarla, perché mi scuote, mi fa riordinare i pensieri.

- Ah, nulla... lo sai che si sposa?

- Uh?

- Si sposa – ripeto – con una turca.

- Una turca?

“Una turca? Dove l’hai rimediata una turca?”. Proprio quello che gli ho chiesto io. Una collega. Turca. Yeliz. Sono sotto shock e non mi sono ancora ripresa. Non è che ci sia rimasta male ma... beh, un po’ ci sono rimasta male, sì. L’ho sempre detto: se oltre all’amicizia, alla simpatia e allo scopare che è una bellezza, tra me e Fabrizio ci fosse stato un pochino-pochino di sentimento me lo sarei sposato. No, davvero, l’unico che potrei pensare di sposare. Non dico che mi senta tradita, ma... Beh, certo, gli ho fatto gli auguri. Per me è e resta una persona speciale, ma... Vabbè, non mi sono ancora ripresa, mettiamola così.

- Bella botta? – domanda Serena tra l’ironico e il preoccupato.

- Beh, oddio, chi l’andava a pensare? Vuoi un caffè?

Allungo una tazzona a Serena, che si va a sbracare in salotto, sul divano. La seguo un po’, se non proprio catatonica, perplessa. La vedo che mi osserva. Ha uno sguardo malizioso. Ma non capite male. Mi sembra più che altro che mi dica “le botte in testa le prendiamo tutte, quando meno te l’aspetti”.

- Com’era sto tipo di ieri sera? Come l’hai raccattato? – domanda all’improvviso.

- Eh? Ah, al bar dove qualcuna mi ha dato buca... – rispondo.

- E te lo sei fatto lì?

- Ma no, macché lì... siamo andati da lui.

- Eri lì quando mi hai chiamata? – chiede ancora.

- No... no, ero appena andata via... perché?

- No, nulla, così... com’era?

Per la prima volta mi torna in mente la serata di ieri. Il mio incedere, lui che mi aspettava sul marciapiede davanti casa sua. Io che mi sono tirata un po’ su e ho iniziato a camminare in modo provocante, anche se avevo dei banali stivaletti, mettendo un piede davanti all’altro, come una modella. Passo da troia, sguardo da troia. Eccomi tesoro, la tua scopata di stasera sta arrivando. Non l’ho detto né pensato. Era il mio corpo che parlava per me. La stretta, il bacio, la mano che passa indecente sul suo pacco. “Ci dobbiamo divertire qui sul marciapiede, Samir? Dai, facciamo sta stronzata”.

- Caruccio – le rispondo - potrebbe essere meglio se non si tagliasse i capelli da un tosacani... comunque abbastanza caruccio... pelle un po’ scura, padre egiziano...

- No, no – dice Serena interrompendo il mio elenco – come era a scopare...

- Ahahahahah... perché? – le domando.

E il sottoscala, il monolocale sfasciato e pulito, quel tavolo tutto sbreccato agli angoli che non ho potuto non pensare a mia madre quando disse che bisognava cambiare il tavolo della cucina perché si era incrinato in un punto minuscolo e, quando io e mia sorella le chiedemmo perché, lei rispose "è rotto". “Ora ti faccio un pompino, tu mettiti comodo”, sussurrato come se qualcuno potesse sentirci. Quella cosa dove si siede e che fatico a chiamare poltrona ma sulla quale, per qualche istante, mi immagino inginocchiata, nuda e presa da dietro. Io che mi spoglio completamente e che gli chiedo, senza parlare ma solo con gli occhi e con i denti che mi accarezzano il labbro inferiore, “ti piace quello che vedi?”.

- Beh, per sapere se almeno tu hai combinato qualcosa di buono – risponde Serena con una piega quasi amara nella voce.

- Ma tu, invece, cosa hai combinato? – le domando – avevo capito che te ne restavi a casa...

- Ci sono rimasta... fino all’una – risponde – poi ho detto a mamma che eri tornata e che venivo da te...

Serena parla ma ascolto le sue parole con un orecchio. All’una... all’una probabilmente ero in ginocchio che gli dicevo con la vocina impostata da oca “mi piace se mi sbatti il cazzo in faccia, sai?”. E quello quasi non ci voleva credere di trovarsi di fronte una così.

- Cazzo, mi dispiace Sere... – le faccio così, un po’ interlocutoria, in automatico.

- Vabbè... – risponde facendo spallucce e restando un po’ in silenzio – dai, parlami di questo cretino...

Cretino... l’ho fatto diventare cretino sul serio a furia di succhiargli il cazzo. Un pompino di almeno dieci minuti, forse quindici. Ogni volta lo portavo sull’orlo dell’abisso e poi lo facevo tornare indietro. Questo gli ho fatto. Ma era perfettamente chiaro, e secondo me era chiaro anche a lui, che ero io a condurre il gioco. Fin quando ha esalato “che bocchinara...”, che è stato un po’ come ammettere la sua resa. E a quel punto è stato il mio momento di arrendermi. Perché adoro quando i ruoli si ribaltano. La testa fottuta con volgarità, il suo "mò te vengo 'n bocca" e il mio mugolio di approvazione. Il cazzo che esplode, bere, mandare giù, fargli vedere quel poco che è rimasto sulla lingua, ripulire. Il risolino da ragazzina metà scema e metà impertinente. La sua faccia stravolta mentre magari si fa l'idea che quelle dei quartieri bene sono più zoccole di quanto pensasse.

- Mica tanto cretino, alla fine... - dico a Serena - grezzo sì, un coatto della madonna... però aveva i suoi momenti... Sai cosa? Ha la mania di avere il cazzo grosso, proprio la fissa! Ripeteva sempre “te piace er cazzo grosso, eh? te piace...”... Ahahahah... ma davvero, in continuazione! A pensarci ora non so come ho fatto a non ridergli in faccia.

- Era grosso? – domanda Serena.

- Ma no! Cioè, per niente male, un bel giocattolo, ma la categoria “cazzo grosso” non la vede proprio...

- Come Lapo? – domanda.

E come domanda, fatevelo dire, è una di quelle che un po’ cambiano la scena. La guardo, metà della mano è infilata sotto i pantaloni del pigiama, metà è fuori. Non so se è un gesto inconsapevole o meno. Non so se la sua insistenza punti proprio a questo.

- Forse un po’ di più... – sussurro – non saprei.

- Mica male allora – risponde guardandomi negli occhi e infilando tutta la mano dentro i pantaloni.

- Sere – le faccio dopo avere deglutito a vuoto – se vuoi...

Non so nemmeno perché glielo dico. Non ci pensavo, non mi va nemmeno particolarmente, non sono eccitata. Sento di avere fatto una cazzata, quasi per pietà. Lei però sembra non farci nemmeno tanto caso. Mentre la guardo, si accavallano le immagini di ieri sera e quelle del primo pompino che feci a Fabrizio nella toilette di un locale.

- No... – risponde secca – no, continua.

- Che vuoi sapere? - domando anche se so già la risposta. Vuole eccitarsi con le mie porcate

- Tutto.

- Sai una cosa? Era sì un grezzo, ma non è mai stato... Cioè, è uno che ti dice cose tipo “che sorca che sei, che culo che c’hai" e "te riempio de cazzo”, ste cose qui, no? Ma che è pure capace di dirti “che pelle che c’hai, che bei capelli...”.

Ed è anche capace di dirti "ammazza quanto sei bella quando godi", penso tra me e me. E anche di dirti "resta, domattina famo colazione insieme".

- Ma sticazzi - dice Serena - io voglio sapere come ti ha scopata...

Allarga le gambe. Ormai non lo nasconde nemmeno più che si sta sditalinando di fronte a me e che vuole che io l'aiuti con il mio racconto. Non vuole i commenti, vuole l'hardcore.

- Gli ho fatto un pompino... - dico.

- E te pareva, ahahahah... dove ti ha sborrato?

- In bocca... - sospiro.

- Era tanta?

- Sì...

- E poi? Dimmelo...

Mi sento in difficoltà, come forse non sono mai stata con Serena. Non mi va di darle il dettaglio, secondo per secondo, di quello che abbiamo fatto. Ma lei vuole quello. Io invece vorrei dirle della canna che ci siamo fumati a letto, nudi, mentre lui mi raccontava un po' di sé e io gli accarezzavo piano il cazzo e i testicoli. Perché quei cinque minuti di quiete sì che mi hanno fatta sbroccare di brutto.

- Comunque per scopare scopa da dio - le dico improvvisamente e come sovrappensiero - dico sul serio... ah, mi ha inculata...

Serena mi lancia un'occhiata ironica, si toglie la maglietta del pigiama. A vederla, per la prima volta ho un impulso nei suoi confronti: vorrei andare da lei e succhiarle quei capezzoli bruni e duri.

- Dopo Magic ci hai preso gusto, eh? - mi fa un po' ironica, toccandosi.

Magic, il ragazzo che abbiamo conosciuto questa estate in Croazia. E con il quale ci siamo concessi una notte folle insieme al suo amico Stefano. Magic è l'ultimo ragazzo con il quale sono stata, almeno è quanto crede Serena. A lei non ho raccontato nulla di Amsterdam e men che meno di Debbie. Men che meno della notte a quattro con l'olandese e lo spagnolo.

Magic è anche il ragazzo con il quale un po' di sentimento avrei potuto mettercelo, se non fosse che due giorni dopo me lo sono ritrovato in spiaggia con la sua fidanzata. Serena lo sa benissimo, è lei che ha sopportato la mia malinconia dei giorni successivi. Proprio per questo nelle sue parole ci trovo qualcosa di cattivo.

- Ti è piaciuto? - chiede.

- Sì, molto...

- Strano, conoscendoti...

- Si vede che mi hai contagiata... - ribatto cercando, almeno nelle intenzioni, di metterci se non altro un po' di stizza.

- Si vede che ti ha stuprata...

- No, gliel'ho chiesto io...

Che poi, non ho proprio idea del perché gliel'abbia chiesto. Posso solo dire che mi sembrava il momento perfetto. Sarà poco, come spiegazione, ma è tutto qui. Non volevo essere punita. Non volevo nemmeno essere usata come una puttana. Cioè, non più del solito. Mi andava semplicemente di essere posseduta di dietro. Essere dilaniata ma sentire il suo cazzo tantissimo. Punto, non c'è da fare tanta filosofia o tanta psicanalisi. O forse sì, ma non mi va di farla.

In questo momento sono molto più capace di ricollegare gesti, pensieri, parole, più che ricordare le ragioni del mio cervello e le sensazioni della mia carne. Stamattina, per dire, non mi fa nemmeno male. Non sono nemmeno scesa giù dal letto sentendo la fitta che ti fa dire "porco Giuda, quello mi ha inculata". E' tutto molto vago, ovattato, anestetizzato. Forse l'endorfina scatenata dagli orgasmi precedenti, forse l'effetto del Thc, chi lo sa. Ho più memoria del mio urlo di dolore che del dolore in sé. Ho più memoria del mio "sfondami!" che del piacere in sé. Lui che mi ringhiava che il "cazzo grosso" mi piace pure nel sedere e io che gli facevo "sì-sì-sì" me lo ricordo. Lui che diceva "me sa che mò se divertimo proprio", dopo che l'avevo supplicato di incularmi e di togliersi il preservativo, anche quello me lo ricordo. Lo sputo, ricordo, la cappella che lo spalma e lui che entra piano. Ricordo il piacere di fargli vedere che sono così zoccola da aprirmi le chiappe da sola.

- Hai goduto? - domanda Serena.

Me lo chiede con la voce dei primi spasmi affannati. E' evidente che, sotto i pantaloni del pigiama, ha cominciato a fottersi da sola almeno con un paio di dita, mentre con l'altra mano si stringe una tetta. Se mi piegassi un poco probabilmente vedrei la prima macchietta scura sul grigio del cotone lì, in mezzo alle sue gambe aperte. Non so che film si stia facendo ma potrei provare a immaginarlo, l'appassionata del genere anal è lei. Di me sa che il suo Lapo mi ha sodomizzata, e che una volta l'ho offerto a un tipo che avevo incontrato al parco a fare jogging, prima che sua moglie tornasse a casa e mi menasse. Del resto non è che io abbia avuto tutte ste esperienze e che, quelle poche, gliele abbia raccontate. Non so perché, certamente non per ritegno. O forse qualcosa le ho detto, ma non ricordo. E comunque non me ne potrebbe fregare di meno...

- No, in quel senso no... A che stai pensando? - le chiedo.

- Sei una troia.... una maledetta troia - squittisce quasi disperata.

Squittisce e mi chiama troia come quando siamo alla fine delle nostre scopate più furiose. Come quando le mie dita le sciacquano dentro velocissime e io la guardo con l'unica voglia di vederla esplodere. Ma il tono è cattivo, risentito.

- Sere...

- Racconta! Dimmi come te l'ha spaccato! - urla contorcendosi, strizzandosi il seno, puntando le spalle contro lo schienale del divano per sollevare il bacino e penetrarsi meglio. Con la faccia deformata e la bocca costantemente aperta per prendere aria.

Ma per me il racconto è finito. Mi avvicino a lei e mi inginocchio, le tiro giù i pantaloni del pigiama. Lei grida "no!" e fa per allontanarmi la testa. Ma non può, non ci riesce, non ha più la forza per fare nulla se non gemere "lasciami, no, lasciami!". Le allargo le cosce e la lappo. Lei urla "levati!" e le infilo il pollice dentro, piagnucola "troia!" e le spingo un dito nel culo dedicandomi al grilletto con la lingua. Sembra un sassolino spuntato fuori chissà come.

La conosco troppo bene per non sapere che il suo tempo è ormai dieci, quindici secondi al massimo.

Scatta strillando "maledetta troia!" e mi serra la testa tra le cosce. Si tende, si disarticola, scatta ancora. Si ribalta inginocchiandosi sul parquet e poggiando le tette sui cuscini. Ha le braccia serrate al corpo come se volesse difendersi, trema, trema tanto, ansima a loop quasi balbettando "maledetta troia... maledetta troia".

La osservo. Ora sì che mi sono eccitata. Ma non per lei. Penso alla mia fica che stringe il cazzo di Fabrizio dicendogli di non azzardarsi a smettere e a lui che mi ansima all’orecchio “dimmi che sei la mia troia”.

Mi asciugo con il braccio la guazza di Serena sul muso e vado a caricare la lavatrice. Sarà una lunga domenica.



Questo racconto di è stato letto 2 4 3 6 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.